Salute

La Papaia (Carica papaya L.)


CATEGORIE: Salute , Alimentazione

Proprietà nutritive della papaia
La papaia è un un ottimo frutto, molto ricco di zuccheri, vitamine e sali minerali

Se avete mai avuto la possibilità di fare una ricerca in internet per vedere quante e quali proprietà possiede la papaia, scoprirete come (nella maggior parte dei casi) venga reclamizzata come “l’elisir dell’eterna giovinezza”, o “il rimedio contro l’invecchiamento”. Sembra che agisca a livello dell’intestino, che sia antiossidante, immunostimolante, coadiuvante della terapia antiparkinsoniana, un tonico ricco di vitamine, sali minerali ed enzimi. Cerchiamo quindi di fare un po’ di chiarezza tra tutte queste informazioni.

Conoscere la pianta
La papaia è originaria dell’America centrale, ed è diffusamente coltivata in tutta la fascia tropicale, dall’America, all’Asia, all’Africa, in quanto per crescere richiede un clima caldo, soleggiato e con abbondanza d’acqua. Necessità altresì di terreni ben drenanti, in quanto teme molto i ristagni idrici; altro fattore limitante per lo sviluppo e la sopravvivenza della pianta sono le basse temperature. Per questi motivi una possibile coltivazione della papaia nelle nostre zone è molto difficile da realizzare.
La pianta ricorda vagamente l’aspetto di una palma, con grandi foglie all’apice lungamente picciolate; può facilmente essere confusa con un albero, anche se in realtà è una pianta erbacea perenne. È in grado di raggiungere anche i 7-8 metri di altezza, anche se normalmente si ferma a 3-4. Il tronco è cilindrico, semilegnoso, molto spugnoso e fibroso, coperto da lunghe cicatrici causate dalla perdita annuale di fiori e foglie.
Il frutto ha una forma arrotondata che ricorda molto un melone, con un diametro di 20-30 cm ed un peso che può arrivare fino ai 9 Kg. La buccia è verde, cerosa e sottile, ma allo stesso tempo molto resistente; a frutto immaturo è poi possibile raccogliere il lattice mediante incisioni sulla superficie. Con la maturazione il colore vira a giallo, e la spessa parete si ammorbidisce diventando più aromatica (colore e aroma variano comunque a seconda della specie in esame). All’interno del frutto si sviluppano numerosi piccoli semi, di colore nero e dal gusto pepato/piccante.
Della papaia si consuma prevalentemente il frutto maturo, sbucciato e poi tagliato a pezzi; localmente se ne fa un molteplice uso anche come succo, macedonia o dolce. Come accompagnamento si potrebbero consumare anche i semi, sebbene ne sia sconsigliato un uso eccessivo. Il frutto verde immaturo non dovrebbe essere assunto (a causa del suo alto contenuto in lattice), anche se nella cucina vietnamita e thailandese è riportato un suo utilizzo (previa bollitura) come verdura.
Oltre al frutto vengono utilizzate anche le foglie, usate tradizionalmente nelle Indie Orientali come i nostri spinaci. Anche queste devono subire dei cicli di bollitura (di solito 2 o 3) così da eliminare i principi attivi amari (alcaloidi) che le caratterizzano. [1]

Proprietà della pianta
Analizzando il contenuto fitochimico e nutrizionale della papaia, è stato scoperto come il tipo e la quantità di molecole presenti cambi significativamente a seconda dello stadio di maturazione del frutto e della parte di pianta utilizzata.

- Epicarpo del frutto
La maggior parte delle pubblicazioni scientifiche prendono in considerazione proprio le proprietà dell’epicarpo del frutto (il rivestimento più esterno), distinguendo tra frutto maturo e acerbo.
Entrambi gli estratti aumentano la capacità di rigenerazione dei tessuti in seguito a ferite o lesioni; la sequenza di eventi che il nostro corpo mette in atto durante il processo ripartivo si può sommariamente dividere in tre fasi: infiammatoria, proliferativa e di maturazione. L’applicazione topica di estratti di papaia va ad agire proprio nelle ultime due fasi, promuovendo la desquamazione, la proliferazione del tessuto e la sua guarigione, oltre a ridurre l’odore nelle ulcere cutanee croniche.
Negli studi considerati l’estratto di papaia verde è risultato più efficace (in termini di tempo di guarigione delle ferite) rispetto a quello del frutto maturo. Questo perché quando è ancora acerbo contiene una maggiore concentrazione di enzimi proteolitici, quali chimopapaina e papaina, [2] molecole dotate di attività digestiva ma anche antimicrobica e antiossidante. Sono proprio quest’ultime caratteristiche che forniscono il maggior contributo al processo di cicatrizzazione, in quanto diminuiscono il rischio di danni ossidativi ai tessuti.
La papaina possiede inoltre molte altre applicazioni pratiche. È utilizzata per schiarire la birra, nel trattamento di lana e seta prima della tintura, ed è usata anche in dentifrici, cosmetici, detergenti, nonché in preparati farmaceutici per aiutare la digestione. È stata impiegata tradizionalmente anche per il trattamento di ulcere e per ridurre gonfiore, febbre e aderenze dopo un intervento chirurgico. La sua capacità nella digestione delle proteine fa sì che il frutto non maturo venga consumato (dalle popolazioni locali) subito dopo un pasto a base di carne o pesce, così da accelerare l’azione proteolitica dell’organismo. Lo stesso principio vale anche per le foglie, che vengono arrotolate attorno alla carne cruda per renderla più tenera.
La maggior parte di questi costituenti attivi della papaia sono contenuti nel lattice, che rappresenta quindi (da un punto di vista farmaceutico) quella che viene definita la droga. Viene estratto mediante delle incisioni effettuate la mattina sul frutto acerbo, e raccolto la sera; successivamente viene essiccato e purificato per essere commercializzato. Il motivo per cui è presente in quantità maggiori nel frutto acerbo è probabilmente da imputare al fatto che, con il processo di maturazione, le cellule laticifere cessino la loro funzione o si rompano con l’età. Per costituzione e funzione è possibile ritrovarlo anche in altre piante, ad esempio il fico e l’ananas. Nella papaia la quantità è maggiore anche perché, non avendo un rivestimento protettivo come quello dell’ananas, è una delle difese messe in atto dalla pianta per proteggersi.

- Polpa frutto
L’uso più comune che viene fatto della papaia è come frutto fresco, in quanto rappresenta una buona fonte di vitamine e sali minerali. I principali componenti nutritivi, con le concentrazioni massime e minime, sono riportanti nella tabella sottostante. Le analisi sono state effettuate su 100 grammi di polpa del frutto:



Il contenuto di carotenoidi varia (non solo quantitativamente ma anche qualitativamente) in base alla specie di papaia considerata: nel frutto giallo si fermano a 3,2mg/100g, mentre in quello rosso a 4,2mg/100g.
La tabella sottostante riporta un interessante confronto tra il contenuto di acido ascorbico nei principali frutti tropicali.



La papaia è una fonte ricchissima di vitamina C, superiore ad alcuni frutti a noi più comuni come il limone, l’arancia e il kiwi. È importante però notare come la differenza di concentrazione tra frutto fresco e maturato artificialmente sia abbastanza elevata, soprattutto in relazione al fatto che cresce tipicamente nelle aree tropicali. Non bisogna dimenticare poi che, come la maggior parte delle vitamine, è fotosensibile, quindi una parte verrà comunque persa o durante i processi estrattivi o di preparazione del succo fermentato.

- Semi
Non hanno un vero e proprio utilizzo terapeutico, anche se è stato scoperto da alcuni autori come siano una ricca fonte di isotiocianato [3] biologicamente attivo. Tradizionalmente vengono usati anche come emmenagogo, [4] dissetanti, carminativi o per morsi e punture di insetti velenosi. Alcuni autori riportano invece un’attività immunostimolante e antiinfiammatoria del loro estratto.

- Radici
In letteratura non si trovano molte informazioni sull’uso delle radici; l’estratto può essere utilizzato come diuretico, mentre il decotto viene tradizionalmente usato dalla comunità Kadazan Dusun in Malesia come mezzo per il controllo delle nascite, delle mestruazioni, e per prevenire le contrazioni uterine dopo il parto.

- Foglie
Molteplici sono invece gli utilizzi delle foglie da parte delle popolazioni locali dove viene coltivata la pianta. Possono venire arrotolate attorno alla carne (in genere per la durate di una notte) per ammorbidirla. Se essiccate possono venire fumate per alleviare leggere forme di asma, o usate come sostitutivo del tabacco. In alternativa possono venire macinate grossolanamente, e in seguito utilizzate per la preparazione di the o tisane. Viene riportato anche un loro impiego nel trattamento di problemi gastrici, febbre, dissenteria, come vermifugo o come rudimentale sapone per la biancheria.
Da un punto di vista terapeutico hanno dimostrato di possedere effetti diversi a seconda del tipo di estratto analizzato. Quello metanolico è dotato di proprietà antiossidanti e vasodilatatorie, entrambe implicate nella riduzione del rischio di contrarre patologie cardiovascolari; quello acquoso invece dimostra effetti benefici nella riduzione del tempo di cicatrizzazione. Le molecole responsabili di tale azione sono tutti composti fenolici, anche se attualmente ne sono stati identificati solo otto. Ulteriori studi sono però necessari per identificare altri principi attivi presenti, e dimostrare la loro attività biologica.

Usi e Tossicologia
Il motivo principale per cui si è iniziato a commercializzare la papaia è stato per il suo notevole contenuto in molecole dotate di attività antiossidante. Queste sono molto importanti per il nostro organismo, perché ci aiutano a prevenire le sviluppo di malattie cronico-degenerative associate a stress ossidativi come cancro, infarto, diabete, Alzheimer e molte altre. Questi “stress” possono essere generati da una sovrapproduzione di specie reattive dell’ossigeno (radicali), che possono alterare molte bio-molecole tra cui lipidi, proteine e acidi nucleici (DNA), cambiandone struttura e funzione.
Le difese che il nostro organismo schiera sono di due tipi:
•    Enzimatiche, comprendenti numerosi enzimi (come superossido dismutasi e catalasi);
•    Non-enzimatiche, comprendenti le vitamine, l’acido urico e alcune proteine plasmatiche presenti nel sangue.

I rinforzi che la papaia ci fornisce sono sotto forma di vitamine (in particolare C, E e B1), ß-carotene, flavonoidi, papaina e niacina, presenti in maggiori quantità nel frutto fresco. Diverso è invece il contenuto nutrizionale del succo di papaia fermentata (chiamato anche FPP – Fermented Papaya Preparation), che contiene 196mg di amminoacidi essenziali, una piccola quantità di oligosaccaridi, 17mg di vitamina B6 e piccole quantità di ß-carotene.
Studi effettuati su FPP indicano come l’azione antiossidante sia maggiore a livello cerebrale, precisamente all’altezza di corteccia e ippocampo; questa proprietà può dare un fondamento e una giustificazione ad un suo utilizzo nella prevenzione (e in parte nella cura) di patologie neuro-degenerative come l’Alzheimer e il Parkinson. Bisogna fare però due precisazioni: l’utilizzo di papaia nel trattamento di una patologia di questo genere è da considerarsi come coadiuvante, ovvero come un mezzo in più che forniamo al nostro organismo per riportarsi in una condizione di equilibrio. Non dobbiamo dimenticare che la papaia (da un punto di vista sia terapeutico che nutrizionale) è pur sempre un integratore.
La seconda precisazione bisogna farla in merito al suo contenuto in antiossidanti: senza dubbio questo frutto ne rappresenta una buona fonte, ma non dimentichiamo molti altri cibi (anche nostrani) che magari ne contengono quantità minori ma che possiamo consumare in maggiore misura; in questo modo il quantitativo di molecole antiossidanti disponibile per il nostro organismo sarà uguale se non superiore. Tra gli alimenti molto ricchi di questi componenti ricordiamo il the verde, il succo d’uva, gli agrumi, i frutti di bosco, i pomodori, e in generale tutta la frutta e la verdura.
Gli effetti avversi attribuiti alla papaia interessano principalmente il lattice e in particolare il suo contenuto proteico, che si ritiene essere abortivo. Un consumo di grandi quantità di papaina e chimopapaina, o la diretta applicazione del lattice, provocherebbe delle contrazioni uterine incontrollate che porterebbero all’aborto. La combinazione di enzimi, alcaloidi e altre sostanze presenti nella papaia (invece che la sola papaina pura) altererebbero oltre tutto anche i livelli di estrogeni in circolo.
Si pensa infatti che i costituenti fitochimici della papaia possano sopprimere gli effetti del progesterone (ormone prodotto dalla donna durante il ciclo mestruale), che gioca un ruolo importante nello sviluppo del feto. Durante la gravidanza il corpo luteo continua a secernere progesterone per il primo trimestre, dopo di che è la placenta stessa che produce sia estrogeni che progesterone. Questo ormone previene ulteriori ovulazioni e rilassa la muscolatura uterina per evitare che l’ovulo fecondato venga sradicato. In assenza di gravidanza si verifica un calo dei livelli di progesterone, che provoca il distaccamento della parte superiore dell’endometrio dell’utero e le mestruazioni. La soppressione del progesterone andrà quindi ad inibire il rilassamento dell’utero, provocando contrazioni continue e incontrollate che portano di conseguenza all’aborto.
Sono riportate anche alcune interazioni che la papaia dimostra avere con alcuni farmaci, in particolare con il Warfarin® (farmaco anticoagulante), andando ad aumentare l’anti-aggregazione piastrinica con rischi di sanguinamento.
Altri studi hanno dimostrato come la DL50 [5] della papaia sia molto alta, quindi le possibilità di tossicità derivanti da somministrazione di grandi quantità di frutto o del suo estratto sono praticamente nulle. È altresì possibile l’innescarsi di reazioni avverse (soprattutto verso il lattice) e casi di ipersensibilità, anche con concentrazioni molto piccole.

Conclusioni
La papaia è senza dubbio un ottimo frutto, molto ricco di zuccheri, vitamine e sali minerali, che può ben integrarsi nella nostra dieta molte volte scarsa di questi costituenti essenziali per garantire una corretta funzione al nostro organismo. Se viene consumato il frutto fresco, è consigliabile assumerlo in uno stadio di maturazione completa; in questo modo si limita la possibilità di reazioni avverse legate alle molecole presenti nel lattice. Di scarso interesse per noi è l’azione cicatrizzante, proprietà di sicuro più utilizzata dalle popolazioni locali che hanno maggiore disponibilità di frutto fresco.
Molto interessanti possono essere anche i preparati a base di papaia e papaia fermentata, molte volte abbinati ad altri estratti vegetali (come the verde, melograno, uva, olivo) dotati della medesima attività antiossidante e immunostimolante. Possono infatti rivelarsi un utile alleato per la prevenzione di malattie neuro-degenerative, e un ottimo aiuto da affiancare alla terapia prescritta dal medico, vista la scarsa predisposizione a interagire con altri farmaci.
La regola d’oro per vivere bene rimane sempre quella di mantenere una dieta variegata, ricca di frutta e verdura. L’impegno di papaia come integratore può quindi essere di beneficio per il nostro corpo, prestando però attenzione a non eccedere nel periodo di somministrazione. In genere infatti un integratore non dovrebbe mai essere assunto per periodi superiori alle 2-3 settimane.


Bibliografia
Abdulazeez, Mansurah A., Ameh, Ahmadu D., Ibrahim, Sani1, Ayo, Joseph O. and Ambali, Suleiman F., Effect of fermented seed extract of Carica papaya on litters of female wistar rats (Rattus norvegicus), (2009) African Journal of Biotechnology Vol. 8 (5), pp. 854-857
Amer J., Goldfarb A., Rachmilewitz E.A. and Fibach E., Fermented Papaya Preparation as Redox Regulator in Blood Cells of ?-Thalassemic Miceand Patients, (2008) Phytother. Res. 22, 820–828
Anuar N.S., Zahari S.S., Taib I.A., Rahman M.T., Effect of green and ripe Carica papaya epicarp extracts on wound healing and during pregnancy, (2008) Food and Chemical Toxicology 46 2384–2389
Aruoma O.I. et all, Molecular effects of fermented papaya preparation on oxidative damage, MAP Kinase activation and modulation of the benzo[a]pyrene mediated genotoxicity, (2006) BIOFACTORS 26 (2): 147-159
Canini A., Alesiani D., D’Arcangelo G., Tagliatesta P., Gas chromatography–mass spectrometry analysis of phenolic compounds from Carica papaya L. leaf, (2007) Elsenvier 584–590
Capasso F., Grandolini G., Izzo A.A., Fitoterapia - Impiego razionale delle droghe vegetali, (2006) Springer
Collard E., Roy S., Improved function of diabetic wound-site macrophages and accelerated wound closure in response to oral supplementation of a fermented papaya preparation, (2010) Antioxid Redox Signal
Fontanari V., Delucca C., Il grande libro della papaya, (2005) Zuccari
Hiramoto K., Imao M., Sato E.F., Inoue M. and Mori A., Effect of fermented papaya preparation on dermal and intestinal mucosal immunity and allergic inflammations, (2008) Journal of the Science of Food and Agriculture 88:1151–1157
Katsuki I., KomatsuM., Wang H., Hiramatsu M., Inhibitory effect of fermented papaya preparation on oxidative DNA damage and tissue injury in the brain formed during iron-induced epileptogenesis in rats, (1999) Journal of Brain Science. 25(1-2):71-77
Maugini E., Malecini Bini L., Mariotti Lippi M., Manuale di botanica farmaceutica VIII Edizione, (2006) Piccin
Mehdipour S., Yasa N., Dehghan G., Khorasani R., Mohammadirad A., Rahimi R. and Abdollahi M., Antioxidant Potentials of Iranian Carica papaya juice in vitro and in vivo are Comparable to ?-Tocopherol, (2006) Phytother. Res. 20, 591–594
Roberts M., Minott D.A., Tennant P.F. and Jackson J.C., Assessment of compositional changes during ripening of transgenic papaya modified for protection against papaya ringspot virus, (2008) Journal of the Science of Food and Agriculture 88:1911–1920
Vinci G., Botrè F., Mele g., Ruggieri G., Ascorbic acid in exotic fruits: a liquid chromatographic investigation, (1995) Food Chemistry 53 211-214
Wang H., Imao K., Komatsu M., Hiramatsu M., Antioxidant property of fermented papaya preparation, (2000) Research Communications in Biochemistry & Cell & Molecular Biology. 4(1-2):141-147
Zhang J., Mori A., Chen Q. AND Zhao B., Fermented papaya preparation attenuates ?-Amyloid precursor protein: ?-Amyloid-mediated copper neurotoxicity in ?-Amyloid precursor protein and ?-Amyloid precursor protein swedish mutation overexpressing SH-SY5Y cells, (2006) Neuroscience 143 63–72
http://www.hort.purdue.edu/newcrop/morton/papaya_ars.html
http://www.immunage.it/immunage/pages/papaya-fermentata-e-non.php
http://www.my-personaltrainer.it/nutrizione/alimenti-antiossidanti.html


NOTE:
[1] Il ragionamento è comunque applicabile alla maggior parte delle piante officinali e non.
[2] Papaina: enzima proteolitico, è la molecola rappresentativa del lattice di papaia, presente in minori quantità rispetto alla chimopapaina ma circa due volte più potente. È presente in tutto il tronco (fino alle radici), nelle foglie e nei frutti immaturi.
[3] Isotiocianato: molecola presente anche nella senape o nel rafano, responsabile del sapore piccante
[4] Emmenagogo: in grado di aumentare il flusso di sangue nell’area pelvica e nell’utero, favorendo quindi le mestruazioni.
[5] DL50: la concentrazione (dose) di sostanza per la quale il 50% del campione in esame muore.



Hai un account google? clicca su:


Prodotti Consigliati
La papaia e gli altri antinfiammatori naturali  Michaela Döll   Tecniche Nuove

La papaia e gli altri antinfiammatori naturali

Una dieta antinfiammatoria, preventiva e curativa

Michaela Döll

INDICE: PrefazioneInfiammazione: fattore di rischio: Che cos'è un'infiammazione? – Le infiammazioni “latenti” non sono visibili, ma pericolose. Infarto cardiaco, ictus, cancro e morbo di Alzheimer sono connessi alle infiammazioni – Rivelatori d'incendio: le infiammazioni latenti sono misurabili nel sangue – È lo… Continua »
Pagine: 144, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Tecniche Nuove
16,90 €
 
Papaia  Bruno Brigo   Tecniche Nuove

Papaia

Albero d’oro dell’eterna giovinezza

Bruno Brigo

Di tutto ciò che Colombo portò in Europa dal Paradiso terrestre del Nuovo Mondo appena scoperto, uno dei doni più preziosi per l’uomo d’oggi è la papaia, chiamata in maniera assai appropriata “frutto degli angeli”, proprio dalla gente dei Caraibi che ogni giorno continua ad attingere vitalità e giovinezza da questo… Continua »
Pagine: 96, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Tecniche Nuove
3,60 €
 




Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  o o x x x  | Votazioni (4)

Articoli di Michele Toffolon

Pubblicato uno studio scientifico che dimostra l'efficacia del rimedio omeopatico Arnica 16 NOV 2016 OMEOPATIA
Conflitti di interesse e comunicazione: quando l’abbondanza di informazioni aiuta 14 SET 2016 DENUNCIA SANITARIA
Vaccino MPR e varicella: somministrati insieme aumenta il rischio di convulsioni? 13 LUG 2016 VACCINAZIONI
Profilassi omeopatica della rosolia 10 FEB 2016 OMEOPATIA
Efficacia dell'Omeoprofilassi 3 FEB 2016 OMEOPATIA
Cos'è l'Omeoprofilassi 27 GEN 2016 OMEOPATIA
Come aumentare le difese immunitarie dei bambini 24 DIC 2015 SALUTE
Cosa sono i farmaci generici o equivalenti? 23 DIC 2015 SALUTE
Bambini paralizzati in Ucraina in seguito a poliomielite 4 SET 2015 DENUNCIA SANITARIA
Scabbia, emergenza realistica o infondata? 27 LUG 2015 SALUTE
Tisana per l’influenza 29 APR 2015 RICETTE
Studi scientifici...o quasi! 15 APR 2015 DENUNCIA SANITARIA
Scoperti nuovi geni implicati nel Disturbo Post-Traumatico da Stress 29 AGO 2014 SALUTE
Arnica: precauzioni sull'uso 14 MAR 2014 SALUTE
Ilex paraguariensis – Matè 7 FEB 2013 SALUTE
I semi aromatici 9 NOV 2012 ALIMENTAZIONE
I semi oleosi 22 OTT 2012 ALIMENTAZIONE
I semi della salute 8 OTT 2012 SALUTE
Functional Food, ovvero i 'Cibi Funzionalizzati' 24 LUG 2012 ALIMENTAZIONE
Genziana (Gentiana lutea L.) 21 FEB 2012 SALUTE
Anice stellato (Illicium verum) 27 DIC 2011 SALUTE
Impieghi terapeutici dell'Aloe vera nella dieta, nella cosmesi e nelle terapie antitumorali 6 OTT 2011 SALUTE
Strategie nell’utilizzo dell’ossigeno 29 MAR 2011 SALUTE
Spiraea ulmaria L. (Filipendula ulmaria L.) 24 MAR 2011 SALUTE
Le proprietà della Rosa canina 16 MAR 2011 SALUTE
Propoli, l'antibatterico naturale a portata di mano 8 NOV 2010 SALUTE
Oli Essenziali – Curiosità e conoscenze di base per un corretto utilizzo 14 LUG 2010 SALUTE
Il Gelso (Morus spp. L.) 21 APR 2010 SALUTE
La Lavanda (Lavandula officinalis Miller) 25 FEB 2010 SALUTE






Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione