Infanzia

Pannolini lavabili: perché sceglierli?

Fonte: terranauta.it


CATEGORIE: Infanzia

bambini
I pannolini lavabili rappresentano una valida alternativa all’usa e getta

Quotidianamente siamo bombardati dalle pubblicità di pannolini usa e getta che, abilmente, celano le gravi conseguenze ambientali della produzione e lo smaltimento di tali prodotti. Una valida alternativa è rappresentata però dai pannolini lavabili, eco-compatibili e confortevoli per i bambini. Per saperne di più abbiamo intervistato Giorgia Cozza, autrice del libro Bebè a costo zero, nonché mamma di tre bambini.

Giorgia, nel tuo libro, “Bebè a costo zero”, dedichi un intero capitolo ai pannolini. Cosa puoi dirci riguardo i pannolini lavabili?

I pannolini lavabili rappresentano una valida alternativa all’usa e getta, confortevole per il bebè, eco-compatibile ed economica. Ma prima di tutto: non pensate ai ciripà e alle fasce di una volta! I lavabili di oggi non hanno nulla a che fare con i pannolini di stoffa del passato. Sono molto più comodi, pratici da mettere e togliere, garantiscono una buona tenuta e sono anche graziosi! Ne esistono vari modelli, per cui c’è una vasta scelta. Alcuni sono molto simili agli usa e getta, hanno addirittura lo stesso sistema di chiusura con il velcro, con la differenza – sostanziale per il Pianeta e quindi per il nostro futuro e quello dei nostri figli – che una volta usati si buttano in lavatrice anziché in pattumiera.

Ritieni che i pannolini usa e getta debbano essere sostituiti da quelli lavabili? Perché?

Ritengo che valga la pena fermarsi a riflettere su questa possibilità. Dato che ogni bambino è unico al mondo e così ogni famiglia, credo non esistano ricette universali valide per tutti, in nessun ‘settore’, quindi neppure in quello dei pannolini. Ma credo anche che l’informazione sia un diritto ed un dovere di ognuno di noi. Soprattutto quando in ballo ci sono il benessere dei nostri figli e il futuro della nostra Terra.

L’impatto ambientale degli usa e getta è tale che non può più lasciare indifferenti. Alcuni dati nazionali: quotidianamente in Italia vengono utilizzati più di sei milioni di pannolini usa e getta, per produrli vengono abbattuti dodicimila alberi al giorno, consumate risorse preziose, e rilasciate sostanze tossiche che contaminano l’acqua, l’aria, la terra. Ma non finisce qui, anzi non finisce proprio: una volta usato, il pannolino impiega ben 500 anni per decomporsi!

E proprio per fronteggiare il gravoso problema dello smaltimento, sono sempre più numerose le amministrazioni pubbliche ‘virtuose’ che, a livello comunale e provinciale, incentivano la soluzione dei lavabili, offrendo dei buoni sconto per l’acquisto dei pannolini in stoffa o dei kit di prova alle famiglie.

E fin qui abbiamo parlato dell’impatto ambientale, ma il filo conduttore delle riflessioni contenute in “Bebè a costo zero” è, prima di tutto, il benessere del bambino.

Gli usa e getta sono la soluzione migliore per la pelle delicata del bebè? Per dare un giudizio non ci resta che calarci nei panni del bambino, anzi… nel pannolino! Immaginiamoci con indosso un simpatico usa e getta, avvolti nella plastica fino alla pancia, 24 ore su 24, magari in una bella giornata estiva, umida e calda... Chissà se lo troveremmo confortevole! Forse preferiremmo del cotone fresco e leggero a contatto con la pelle? Non credo che le sensazioni dei bambini siano diverse dalle nostre…

Nella società di oggi i genitori sono spesso sommersi dagli impegni lavorativi. Credi che sia possibile per i padri e le madri trovare il tempo per lavare i pannolini?

Come era il detto? Tutto (o quasi) è possibile, basta volerlo… Scherzi a parte, per un genitore, seppur oberato dagli impegni di lavoro e incalzato dai ritmi frenetici della nostra società, i figli sono e restano la priorità: credo che nessuna mamma – se convinta della superiorità dei lavabili per il benessere del suo piccino – si lascerebbe spaventare da una lavatrice in più. Ma scendiamo nel concreto. I lavabili di oggi, abbiamo detto, non hanno nulla a che fare con i vecchi ciripà. Inoltre, il carico di lavoro per una famiglia che sceglie i pannolini in tessuto non è paragonabile a quello che doveva essere sostenuto in passato, dato che oggi i pannolini non vengono lavati a mano, ma in lavatrice. E poi niente più corse al supermercato per comprare i pannolini e meno ‘uscite’ per portare fuori la spazzatura…

Insomma, non resta che provare, valutare, cercare la soluzione più adatta al proprio bimbo e alla propria realtà.

Conosco famiglie che nelle prime settimane immediatamente successive alla nascita hanno preferito utilizzare gli usa e getta. Giusto il tempo per ‘prendere le misure’ con i ritmi, le necessità e il linguaggio del bambino e poi, una volta ben avviato l’allattamento al seno e preso confidenza con il proprio piccino, hanno intrapreso la strada dei lavabili. Altri genitori hanno alternato soluzioni diverse, trovando così la ricetta giusta per loro: usa e getta (preferibilmente ecologici, quelli realizzati in mater-B) fuori casa e lavabili in casa, usa e getta di notte e lavabili di giorno, usa e getta quando il bimbo è con i nonni e/o al nido e lavabili quando ci sono mamma e papà… Ognuno deve trovare il proprio modo, in base alla sua situazione, alle sue esigenze, alle sue possibilità.

C'è anche chi i pannolini non li ha usati del tutto: né monouso, né in stoffa. In “Bebè a costo zero” si parla anche di questo, ovvero di Elimination Communication, comunicazione dell’eliminazione (termine usato da Laurie Boucke nel suo libro “Infant potty training”, pubblicato in italiano lo scorso anno da Edizione AAM Terra Nuova, con il titolo “Senza pannolino”), fenomeno pedagogico di matrice americana (nonché normale consuetudine per numerose culture non occidentali) che vede genitori attenti alle esigenze e ai ritmi del proprio piccino imparare ad interpretarne i ‘segnali’. In pratica, si tratta di genitori che – come capiscono quando il loro bimbo ha fame, sonno, male al pancino – capiscono anche quando deve fare pipì (e cacca).

Tu sei una mamma. Che tipo di pannolini hai scelto per i tuoi bambini? Lavabili o usa e getta?

Bella domanda. Primo figlio, quello per cui mamma e papà, ansiosi genitori alle prime armi, hanno acquistato di tutto e di più (sperimentando di persona l’inutilità di decine di gadget ed accessori che la pubblicità ci propone quali indispensabili ausili per crescere figli felici, dormiglioni, mangioni…): pannolini usa e getta. Rigorosamente della marca più famosa (e costosa!) “perché sennò il sederino si irrita”. Rigorosamente estate e inverno, per due anni, perché prima i bimbi non sono pronti per il vasino…! Povero primo figlio, sempre la cavia in tutto.

Poi è arrivato Nicola e i soliti genitori, un po’ meno alle prime armi, erano un po’ più informati e consapevoli. Con lui abbiamo ‘mixato’ usa e getta e lavabili. Con Maddalena il livello di sicurezza in se stessi di mamma e papà era salito notevolmente e così la consapevolezza e la voglia di trovare soluzioni nuove, adatte a noi e alla nostra bambina. E alla ricetta abbiamo aggiunto un po’ di Elimination Comunication (versione soft, solo di giorno). Fatto sta che alla soglia del primo compleanno, Maddalena ci ha colto di sorpresa, dicendo addio ad ogni pannolino e servendosi allegramente del vasino del fratello. Ma questa è un’altra storia…

Ritieni che i pannolini lavabili comportino anche vantaggi economici? Dove si possono acquistare?

La spesa per i pannolini incide in modo determinante sul bilancio familiare soprattutto se si opta per le marche più note e se si rimanda a un’epoca successiva al secondo compleanno - come sempre più spesso accade - il passaggio al vasino.

Volendo quantificare, il risparmio per chi non utilizza gli usa e getta si aggira intorno a 1.500 euro. A ciò si aggiunge il fatto che i pannolini di stoffa possono essere riutilizzati per ogni figlio (a differenza degli usa e getta) e, infine, regalati ad altre mamme della cerchia famigliare o destinati al bebè di un’amica.

Inoltre, poiché si riduce notevolmente l’incidenza di irritazioni, i genitori possono risparmiare la spesa per l’acquisto di creme a base di ossido di zinco, consigliate per creare uno strato protettivo sulla cute delicata del bambino (non a caso per i bimbi che soffrono di dermatite da pannolino in genere il suggerimento è proprio quello di… non usare il pannolino finché la situazione non migliora).

Per amor di verità dobbiamo anche dire che ad oggi i lavabili - seppur assai più vantaggiosi degli usa e getta -, non sono economicissimi. In base al numero di pezzi che si decide di acquistare, del modello e della ditta che li produce, la spesa totale può variare da 200 a 400 euro. Laddove però i lavabili sono in vendita negli scaffali del supermercato (in alcune città si possono trovare all’Ipercoop) i prezzi calano notevolmente. E, naturalmente, questa spesa si affronta una volta sola e la questione pannolini è risolta definitivamente.

Per chi volesse provare, il consiglio prima di acquistare, è di visitare siti e mailing list dedicate ai lavabili, in cui i genitori che hanno sperimentato questa soluzione si confrontano e scambiano opinioni: in genere è possibile trovare utili suggerimenti in merito ad i modelli e al rapporto qualità-prezzo. Non solo, nei ‘mercatini da mamma a mamma’ si possono anche acquistare lavabili a buon prezzo.

O ancora, perché non cimentarsi con il fai da te? In "Bebè a costo zero" c’è la testimonianza di una mamma che i pannolini lavabili li ha realizzati da sé. Esperienze simili (con tutte le indicazioni pratiche per chi non ha confidenza con ago e filo) si possono trovare anche nei siti a cui accennavo prima.

Consiglieresti a tutti i genitori di optare per i pannolini lavabili?

No. Non c’è nessuna soluzione che consiglierei a tutti i genitori (se non quella di dare tanto amore ai propri bambini!). Però consiglierei a tutti di informarsi, di farsi domande e cercare risposte. Risposte personali, critiche, fuori dai binari del così fan tutti. E scegliere, scegliere sempre.



Hai un account google? clicca su:







Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Alessandra Profilio

#BastaTacere: dai social alla proposta di legge contro la violenza in sala parto 9 MAG 2016 DENUNCIA SANITARIA
Cosa succede se una coppia affronta un rapporto sessuale nelle stesse condizioni in cui una donna affronta il travaglio? 11 DIC 2015 DENUNCIA SANITARIA
Farmaco passa da 13 a 750 dollari. Hillary Clinton contro Big Pharma 23 SET 2015 DENUNCIA SANITARIA
Ebola spaventa il mondo. Cosa sapere dell'epidemia? 15 OTT 2014 SALUTE
Irlanda: bimbi usati come cavie per i vaccini 18 GIU 2014 DENUNCIA SANITARIA
Traffico di virus per il business delle epidemie 7 APR 2014 DENUNCIA SANITARIA
Rifiuti tossici: 'moriranno tutti di tumore'. L'allarme dei pediatri conferma la 'profezia' di Schiavone 22 NOV 2013 DENUNCIA SANITARIA
Germania, 50mila pazienti cavie umane nella Ddr 14 MAG 2013 DENUNCIA SANITARIA
Leggere? Molto più che un piacevole passatempo 29 AGO 2012 SALUTE
Introducing, una dolcissima attesa racchiusa in 90 secondi 15 MAR 2012 INFANZIA
Amianto killer: sentenza storica chiude il maxi-processo 13 FEB 2012 DENUNCIA SANITARIA
Troppi parti cesarei: partono i controlli dei Nas 10 FEB 2012 SALUTE
La vigoressia, o complesso di Adone 22 NOV 2011 SALUTE
Allucinazioni, incubi e rapimenti alieni: all'origine un disturbo del sonno 15 NOV 2011 SALUTE
Inghilterra: lo scandalo dei combattimenti in gabbia tra bambini 22 SET 2011 INFANZIA
Bebè a costo zero 16 SET 2011 INFANZIA
Depressione: donne più a rischio rispetto agli uomini 9 SET 2011 SALUTE
Lazio: acqua all'arsenico per i detenuti nelle carceri 9 SET 2011 DENUNCIA SANITARIA
Batterio killer, germogli di soia nel mirino 6 GIU 2011 DENUNCIA SANITARIA
Batterio killer, ancora ignota l'origine. Fazio: “nessun rischio in Italia” 3 GIU 2011 DENUNCIA SANITARIA
Batterio killer: nessuna prova contro i cetrioli spagnoli. Resta ignota l'origine dell'epidemia 1 GIU 2011 DENUNCIA SANITARIA
Batterio killer: sale il bilancio delle vittime. Dubbi sull'origine dell'epidemia 31 MAG 2011 DENUNCIA SANITARIA
Elettrosensibilità: il caso di una donna inglese allergica all'elettricità 20 MAG 2011 SALUTE
Psicofarmaci ai bambini? Uno spot per Pensare Oltre 17 MAG 2011 INFANZIA
Dormire con gli animali domestici: quali rischi per la salute? 10 MAG 2011 MEDICINA PREVENTIVA
Tutti pazzi per Kate Middleton, ma attenti alla dieta Dukan... 4 MAG 2011 SALUTE
Action for Happiness, le 10 chiavi per vivere più felici 15 APR 2011 SALUTE
Latte umano da animali transgenici? Nascono in Cina le Franken-mucche 6 APR 2011 ALIMENTAZIONE
Fukushima: in mare tassi di iodio radioattivo 3.355 volte sopra il limite 30 MAR 2011 DENUNCIA SANITARIA
Disastro nucleare in Giappone: “difetti strutturali nascosti nella centrale di Fukushima” 29 MAR 2011 DENUNCIA SANITARIA

Tutti gli articoli di Alessandra Profilio







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione