Vaccinazioni

Ma non è da paese civile lo stigma ai non vaccinati

Fonte: Repubblica.it


CATEGORIE: Vaccinazioni , Infanzia

emarginazione sociale

Chi legge questo blog conosce la mia posizione sui vaccini, che ribadisco: è importante farli. E ai genitori esitanti, timorosi, perplessi, consiglio sempre di usare il buon senso, magari ricorrendo al gioco della bilancia, che sicuramente va a favore della vaccinazione. A prescindere dall’obbligo. Che in questi giorni assume però maggior rilievo mediatico perché alcune centinaia di bambini non in regola con i vaccini saranno esclusi dalle materne, in base alla scadenza - 10 marzo - fissata per decreto dall’ex ministra Lorenzin e ribadita da Giulia Grillo.

 

Mettiamo che sia giusto che i bimbi non vaccinati vengano allontanati dai banchi (che tuttavia hanno frequentato per 7 mesi senza provocare problemi drammatici, tranne i rarissimi casi dove sono erano presenti bambini immunodepressi, gli unici che rischiano gravi conseguenze in caso di infezione), è evidente che le colpe dei padri e delle madri ricadono sui figli. Perché sono questi ultimi ad essere puniti per primi se sono cacciati dell’asilo. Ma chiedo - alla ministra e a scendere a chi ha responsabilità e competenza su questo argomento di salute pubblica - per quale motivo la punizione deve essere associata allo stigma, al discredito sociale, al biasimo della collettività, alla derisione dei compagni di banco?

 

Su Repubblica di oggi, a pagina 19, viene pubblicata una intervista di Valeria Strambi alla madre di una bimba che sarà allontanata dell’asilo che ha frequentatoto per mesi. La signora ad un certo punto, riferendosi al fatto che non ha mai parlato con la figlia Elisa di vaccini, dice: “...peccato che ci abbiano pensato gli altri bambini. È capitato più volte che le intonassero in coro, facendola piangere: ‘Non entri a scuola perché non hai i vaccini’. Questo significa che ne hanno sentito parlare a casa, che gli altri genitori sapevano della nostra situazione sanitaria, in barba a ogni garanzia di privacy data dalla scuola. È un pò come se lo avessimo scritto in fronte”.

 

Ecco: questo è lo stigma nei confronti di una bambina di 5 anni, sulla quale ricadono senza dubbio le responsabilità dei genitori che sbagliano a non vaccinarla, ma anche quelle della società che la indica al pubblico ludibrio. Perché se le cose stanno così come le racconta la madre, è evidente che i dirigenti e le maestre dell’asilo frequentato da Elisa non hanno messo in atto le necessarie cautele per evitare che la bimba venisse presa in giro. Fatto è che su di lei ora pesa un “marchio” del quale difficilmente potrà liberarsi.

 

Ma c’è poi un paradosso, intrinseco alla stessa legge sui vaccini, che lascia molto perplessi. Perché Elisa il prossimo anno potrà frequentare la prima elementare anche da non vaccinata: sarà sufficiente pagare una multa. Anche di 500 euro. Questo significa che i soldi, per chi può sostenere la contravvenzione, “equivalgono” al vaccino. Già: con 500 euro l’immunità di gruppo (o di gregge), e le epidemie (vere o presunte), scompaiono come d’incanto. L’unica cosa che resterà sarà lo stigma che Elisa “indossa” adesso. E forse a settembre si ritroverà con compagne e compagni di classe che continueranno a prenderla in giro perché non vaccinata.

 

Da persona che difende le vaccinazioni e non sopporta l’odio sociale (dei no-vaxx come anche dei pro-vaxx), sostengo che le autorità pubbliche non devono, non possono permettere che i bambini restino puniti più volte per le colpe dei loro genitori. E mi sorprende il fatto che la ministra della Salute non spenda una parola per difendere i piccoli non vaccinati dalla emarginazione sociale.

 





Prodotto Consigliato
Le Vaccinazioni Pediatriche  Roberto Gava   Salus Infirmorum

Le Vaccinazioni Pediatriche

Un farmacologo tossicologo, descrivendo e commentando più di 2.200 studi scientifici fa il punto sulle conoscenze scientifiche in campo vaccinale

Roberto Gava

Un farmacologo tossicologo, descrivendo e commentando più di 2.200 studi scientifici, fa il punto sulle conoscenze scientifiche in campo vaccinale, sull'utilizzo personalizzato dei vaccini e sul loro rapporto rischio/beneficio alla luce delle attuali condizioni socio-sanitarie e ambientali   Le vaccinazioni pediatriche, da… Continua »
Pagine: 1056, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Salus Infirmorum
33,92 € 39,90 € (-15%)
 




Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Guglielmo Pepe

Le clientele nella Sanità si fermano con il merito 17 APR 2019 DENUNCIA SANITARIA
Ma l’obbligo vaccinale non può essere un dogma 8 MAR 2019 VACCINAZIONI
Lunghe attese? Più soldi più personale più strutture 5 DIC 2018 DENUNCIA SANITARIA
La corruzione è un cancro che uccide la nostra salute 26 NOV 2018 DENUNCIA SANITARIA
Sugar Tax sulle bibite? È solo un altro balzello 21 NOV 2018 ALIMENTAZIONE
Tra redditi, pensioni, tasse la Sanità resta Cenerentola 21 SET 2018 DENUNCIA SANITARIA
Torna la guerra sui vaccini ma ora è anche nel M5S 6 AGO 2018 VACCINAZIONI
Il Paese dei Gattopardi e l'Istituto di Sanità 8 GIU 2018 OMEOPATIA
La 180 ci ha insegnato a rispettare la diversità 16 MAG 2018 SALUTE
La crociata anti-omeopati tra faziosità e pregiudizi 9 MAG 2018 OMEOPATIA
Le Cassandre della Sanità avevano previsto tutto 23 APR 2018 DENUNCIA SANITARIA
La violenza contro i medici non migliora la Sanità 18 APR 2018 DENUNCIA SANITARIA
I medici non si vaccinano e sono contro l’obbligo 23 MAR 2018 VACCINAZIONI
Cacciare i bimbi dall’asilo è un atto solo punitivo 9 MAR 2018 VACCINAZIONI
Dai dottori ai giornalisti la medicina a senso unico 7 MAR 2018 DENUNCIA SANITARIA
Quando la piazza rivendica la 'libertà vaccinale' 26 FEB 2018 VACCINAZIONI
Ai malati serve coraggio ma prima l’accesso alle cure 14 FEB 2018 DENUNCIA SANITARIA
Ecco come il Pd ha votato la mozione M5S sui vaccini 5 FEB 2018 VACCINAZIONI
Nella campagna elettorale non c'è tempo per la salute 2 FEB 2018 DENUNCIA SANITARIA
Lorenzin pensava ai vaccini mentre la Sanità affondava 24 GEN 2018 VACCINAZIONI
Sui vaccini sarà possibile andare oltre l'obbligo? 18 DIC 2017 VACCINAZIONI
Superticket, il tassello di un sistema in crisi 4 DIC 2017 DENUNCIA SANITARIA
Verso i vaccini obbligatori in tutti i paesi europei? 29 NOV 2017 VACCINAZIONI
Ma la legge sui vaccini è piena di contraddizioni 24 NOV 2017 VACCINAZIONI
Sul business di Big Pharma interessi e disinteresse 22 NOV 2017 VACCINAZIONI
Tra obbligo vaccinale e adesione consapevole 15 NOV 2017 VACCINAZIONI
Togliere la patria potestà, una violenta provocazione 8 NOV 2017 VACCINAZIONI
Nella guerra sui vaccini il disprezzo tra Pd e M5S 3 NOV 2017 VACCINAZIONI
Criminali, caccia agli untori e reato di "leso vaccinismo" 19 OTT 2017 VACCINAZIONI
Solo ora si rendono conto che esiste un "caso Sanità" 6 OTT 2017 DENUNCIA SANITARIA

Tutti gli articoli di Guglielmo Pepe







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione