Omeopatia

Scozia, Ospedale Omeopatico di Glasgow: l’isola che non c’è… in Italia!

Fonte: Il Granulo


CATEGORIE: Omeopatia

glasgow
L'Ospedale Omeopatico Glasgow è stato costruito nel 2000

Luglio 2007. Dopo pochi minuti di percorso dalla stazione centrale di Glasgow, si esce dalla metropolitana e ci si trova immersi nel verde, si percorre un viottolo costeggiato da piante di lamponi e si arriva ad un piazzale dove un cartello domina sulle macchine posteggiate: "For homeopathic patients only". È la conferma che si è sulla strada giusta.

L'edificio t'appare all'improvviso, appena girato lo sguardo. Sulla facciata campeggiano inconfondibili insegne che lo identificano: siamo proprio al cospetto del Glasgow Homeopathic Hospital, Centre for Integrative Care. Le due scritte indicano la duplice natura dell'ospedale: centro di eccellenza per l'omeopatia, ma anche centro per una integrazione tra le cosiddette medicine complementari e la medicina convenzionale. L'ospedale, infatti, ospita locali per l'agopuntura ed altre medicine complementari utilizzate insieme all'omeopatia ed in modo integrato con la medicina tradizionale all'interno di programmi d'incremento del benessere della persona.

Entrati nel GHH, gli addetti alla reception indirizzano i pazienti negli ambulatori o presso gli ambienti di ricovero. Percorrendo il piano terreno ci si rende conto che l'ambiente è piacevolmente luminoso grazie alla luce filtrante da passaggi lungo le pareti del piano superiore. Anche tutte le pareti esterne delle stanze, sia di ricovero sia ambulatoriali, sono formate da una vetrata che dà su un giardino ben curato. I letti di ricovero sono di legno, così come le infrastrutture.

La realizzazione dell'edificio, costruito nel 2000 in un'area periferica della zona in cui sorge il Gartnavel Hospital di Glasgow, è dovuta alla sensibilità dell'opinione pubblica e a quella dei medici che lavorano nell'ospedale. Indetto un regolare concorso, è stato scelto il progetto architettonico che più degli altri aveva tenuto in massima considerazione l'importanza della luce e del verde. Uno dei concetti fondamentali su cui è stata basata la realizzazione dell'ospedale è che un ambiente destinato alla cura di malattie e a favorire la guarigione deve rispettare criteri di costruzione che perseguano l'armonia e la bellezza, per permettere la crescita e la maggiore consapevolezza di sé del paziente, condizioni necessarie per attivare la forza vitale verso la guarigione.

Saliti al primo piano dell'edificio, si è calamitati verso il paradiso sognato da ogni studente d'omeopatia: una ricca biblioteca che mette a disposizione sia volumi storici, come il testo di Hufeland citato dallo stesso Hahnemann, sia i testi più moderni e le riviste contemporanee. A completare, un ricco catalogo d'audiocassette dei maggiori seminari svolti dai più grandi omeopati negli ultimi decenni. All'ingresso della biblioteca, tra vari altri cimeli, una vetrina espone le foto del vecchio ospedale e d'alcuni illustri omeopati del passato che hanno dato un contributo fondamentale per lo sviluppo dell'omeopatia a Glasgow, come Boyd e Gibson Miller. La biblioteca si apre su un ampio terrazzo, pieno di fiori, parte integrante degli ambienti dedicati allo studio.

II GHH dispone di quindici letti: il ricovero può avvenire sia direttamente sia attraverso il trasferimento da altri reparti dell'ospedale centrale. L'ospedale omeopatico, infatti, è perfettamente integrato con i reparti ospedalieri di medicina convenzionale degli altri edifici del Gartnavel Hospital: esiste una stretta collaborazione tra medici in modo tale che i casi non risolti con le terapie convenzionali possono essere trasferiti nell'ospedale omeopatico e viceversa. È sempre possibile chiedere una consulenza specialistica reciproca.

Inoltre, non c'è un indirizzo omeopatico prevalente sugli altri, ma ogni medico omeopata è libero, secondo il suo percorso di studi personale, di applicare liberamente il tipo di terapia omeopatica verso la quale si sente più portato. Convivono nell'ospedale le differenti correnti dell'omeopatia: ciò può rappresentare un'opportunità in più anche per la crescita e il confronto tra i medici. Da rilevare che gli omeopati del GHH sono molto uniti per il progresso dell'omeopatia rispetto al mondo accademico convenzionale e ciò ha permesso loro di resistere agli immancabili attacchi esterni.

Gli ambulatori sono stati realizzati in modo da eliminare qualsiasi barriera tra medico e paziente e rendere sempre presente un contatto visivo. Infine, l'ospedale ha una fornitissima farmacia omeopatica, dove i pazienti possono direttamente ritirare i rimedi prescritti.

Si può accedere all'ospedale tramite richiesta dei medici di base o per trasferimento dagli altri reparti dell'ospedale principale. Tutte le attività sono convenzionate ed erogate dal Servizio Sanitario. Il 40% dei medici di base scozzesi utilizza l'omeopatia. I corsi d'aggiornamento più frequentati dai medici di base scozzesi sono quelli in omeopatia (non pochi omeopati del GHH hanno iniziato la loro carriera come medici di base): così migliora l'assistenza, come comprovano questionari rivolti ai medici di base da cui risulta in maniera netta che l'approccio olistico al paziente ha migliorato le loro capacità cliniche e la loro soddisfazione professionale, così come indagini effettuate sui pazienti evidenziano il miglioramento del rapporto medico paziente e della reciproca comprensione.

L'utilizzo dell'omeopatia nel Servizio Sanitario Britannico ha comportato risultati clinici e di farmacoeconomia di particolare rilievo, come testimoniano i risultati dell'attività del GHH. Presi in considerazione circa 200 pazienti affetti da malattie croniche dimessi dal GHH, sono stati seguiti per un periodo di 3-6 mesi dalla dimissione: ciò ha permesso di constatare che hanno avuto bisogno del 41% in meno di visite di controllo ambulatoriali, 41% in meno di consumo di farmaci convenzionali, 53% in meno d'ulteriori ricoveri ospedalieri.

In uno studio su 100 pazienti seguiti soltanto ambulatorialmente, cioè senza necessità di ricovero, per i quali le terapie convenzionali avevano fallito nell'81% dei casi, dopo 1 anno di trattamento omeopatico si registrava: nel 61% dei casi una situazione di benessere, nel 37% una riduzione dei farmaci convenzionali. Questi risultati, già molto positivi, migliorano ulteriormente nel secondo e nel terzo anno di trattamento omeopatico. Concludendo in modo ironico, sorge spontanea una domanda: "Dobbiamo indossare il kilt ed imparare a suonare la cornamusa per avere tale tipo d'assistenza (pubblica) in Italia?"


Per saperne di più:


1.Lewith G. Reilly D. Integrating the complementary. NHS Yearbook 1999 pages 46-48 publ medical information. Reproduced from NHS doctor and commisioning GP summer 98:50-52
2.Spence DS .Thompson EA. Barron SJ. Homeopathic treatment for chronic disease:a 6 year university -hospital outpatient observational study. J Altern Complement Med 2005 11; 11:793-798 (risulta disponibile l'intero testo su http:// lieberton-line.com/toc/acm/11/5).



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Nunzio Chiaramida

Il ritorno alla chiarezza di Ruta graveolens 27 GIU 2016 OMEOPATIA
“Prisma”, ciò che non conosciamo delle Materia Medica Omeopatica 18 MAG 2016 OMEOPATIA
Veratrum album in Medicina Omeopatica 4 DIC 2015 OMEOPATIA - CASI CLINICI
Sintomi fisici e mentali in Platinum 24 NOV 2015 OMEOPATIA
Lezioni di Omeopatia Classica (Recensione) 11 NOV 2015 RECENSIONI
Thuja occidentalis in clinica omeopatica 10 NOV 2015 OMEOPATIA
Lo spirito libero di Tubercolinum 2 GIU 2015 OMEOPATIA - CASI CLINICI
Malattia cronica di Ghatak 1 GIU 2015 RECENSIONI
Biblioteca Elettronica di Medicina Naturale 2014 1 GIU 2015 RECENSIONI
L’Omeopatia nel reflusso gastroesofageo in età pediatrica 24 APR 2014 OMEOPATIA
L’amaro calice di Conium maculatum 21 MAR 2014 OMEOPATIA
L'Omeopatia nella cura dei Traumi del Parto 26 FEB 2014 RECENSIONI
Autismo. Oltre la disperazione l'Omeopatia ha la risposta 18 FEB 2014 RECENSIONI
Teucrium marum verum e l’assedio alle secrezioni bloccate 7 GEN 2014 OMEOPATIA
Il distacco dalla realtà di Helleborus niger 27 DIC 2013 OMEOPATIA
La Metodologia di Hahnemann 24 DIC 2013 OMEOPATIA
Omeopatia. Alcune Conferenze di Kent... cent'anni dopo 19 DIC 2013 OMEOPATIA
L’omeopatia nei disturbi del comportamento indotti dai farmaci - Un caso clinico 4 SET 2013 OMEOPATIA - CASI CLINICI
Organon dell'arte del guarire 7 MAG 2013 OMEOPATIA
Materia medica omeopatica di Lathoud 20 MAR 2013 RECENSIONI
Le amare bacche di Laurocerasus 18 MAR 2013 OMEOPATIA
L’omeopatia in oncologia. Accompagnamento e cura del malato oncologico 31 GEN 2013 RECENSIONI
Scritti Minori. L’esperienza clinica di un autorevole Maestro di omeopatia 17 DIC 2012 RECENSIONI
L'omeopatia negli ambulatori degli ospedali spagnoli 27 MAG 2011 OMEOPATIA
L'omeopatia in India, storia di un successo 16 FEB 2011 OMEOPATIA
Granuli sotto esame. La ricerca in Omeopatia nelle pubblicazioni scientifiche 30 DIC 2010 OMEOPATIA
L’importanza della clinica in Omeopatia - Intervista al Dr. Ioannis Konstantos 27 SET 2010 OMEOPATIA
Mister Sulphur e Dr. House 23 SET 2010 OMEOPATIA
Omeopatia Comparata di Gustavo Krichesky 7 GIU 2010 RECENSIONI
Gestione del simillimum omeopatico di Luc De Schepper 7 GIU 2010 RECENSIONI

Tutti gli articoli di Nunzio Chiaramida






Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione