Medicina preventiva
english version

La sfera ormonale femminile



La sfera ormonale della donna, così complessa e sofisticata, viene spesso trattata in modo semplicistico e frettoloso. Lavorando con molte donne, mi capita spesso di sentire i loro racconti che testimoniano un approccio da parte dei medici sempre più standardizzato e che raramente tiene conto delle caratteristiche ormonali individuali.
Le misurazioni ormonali sono poco frequenti, troppo spesso incomplete e quasi sempre ormai si usa la pillola anti-concezionale per risolvere ogni problema legato al ciclo mestruale. Per illustrare la complessità dell'azione ormonale nella donna, ci concentriamo sugli effetti sull'umore che la variazione ciclica degli ormoni causa. Possiamo distinguere in particolare due momenti del ciclo in cui il variare degli ormoni provoca effetti importanti sulla sfera dell'umore: l'ovulazione e i giorni prima delle mestruazioni.
Al di là di innegabili caratteristiche psicologiche individuali, le variazioni dell'umore durante il ciclo sono la risposta diretta all'azione di estrogeni e progesterone sul cervello. Questi ormoni infatti si legano a specifici recettori cerebrali molto presenti in zone deputate al controllo delle emozioni, come il sistema limbico. Gli estrogeni aumentano la velocità e l'intensità della trasmissione di informazione nel cervello, permettono di utilizzare meglio lo zucchero e l'ossigeno e aumentano il flusso sanguigno cerebrale. Sono quindi ormoni che attivano, che innalzano l'umore ma anche capaci di generare irritabilità, ansia e insonnia. Il progesterone ha un effetto opposto: è calmante, rilassante, aiuta il sonno e ha perfino proprietà anestetiche.
La sindrome premestruale, che colpisce così tante donne, è causata proprio da un calo del progesterone (dopo 2 settimane di livelli elevati nella seconda metà del ciclo) che anticipa di qualche giorno il calo degli estrogeni. In quei giorni di squilibrio la donna vive una condizione di dominanza estrogenica con sintomi che includono irritabilità, tensione del seno, sbalzi di umore e ritenzione. Una situazione simile di dominanza estrogenica può esserci all'ovulazione quando c'è un momentaneo forte aumento degli estrogeni che è in genere seguito dall'incremento riequilibrante del progesterone caratteristico della seconda metà del ciclo.
In alcune donne però la produzione di progesterone è scarsa (spesso questo accade dopo i 35-40 anni e rimane così fino alla menopausa). Questi 14 giorni di elevati estrogeni e scarso progesterone rendono la secondà metà del ciclo molto fastidiosa e spesso il sanguinamento successivo molto abbondante e doloroso. Esami di laboratorio specifici e una valutazione anamnestica e clinica completa aiutano il medico a comprendere lo specifico andamento ormonale di ciascuna paziente. Gli interventi non devono essere necessariamente la pillola anti-concezionale ma anche l'uso di sostanze naturali e di ormoni bioidentici, farmaci cioè con formula chimica analoga a quella dell'ormone carente. Spesso questi interventi associati ad una corretta nutrizione e ad un piano di esercizio fisico contribuiscono ad una soluzione completa dello squilibrio ormonale. Va inoltre tenuto presente che una condizione non trattata di dominanza estrogenica aumenta il rischio di tumori estrogeno dipendenti, tra cui quello della mammella.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Filippo Ongaro

La miglior difesa è l'alimentazione. Micronutrienti e fitonutrienti alleati della prevenzione 11 MAR 2015 ALIMENTAZIONE
Le connessioni tra cibo e cervello 10 OTT 2014 ALIMENTAZIONE
Il vero valore dei carboidrati, fonte imprescindibile di energia per il nostro organismo 11 LUG 2014 ALIMENTAZIONE
10 Regole per un'alimentazione salutare 12 FEB 2014 MEDICINA PREVENTIVA
'Mangia che dimagrisci', introduzione al libro di Filippo Ongaro 18 GIU 2013 RECENSIONI
Fitness della mente per prevenire la demenza 22 GEN 2013 MEDICINA PREVENTIVA
Qualche trucco per mangiare di meno 14 NOV 2011 ALIMENTAZIONE
Scegliete prodotti locali 11 NOV 2011 ALIMENTAZIONE
Rilassati per abbassare la pressione arteriosa 2 NOV 2011 MEDICINA PREVENTIVA
Omega 3 e tumore prostatico 30 OTT 2011 MEDICINA PREVENTIVA
Quando finirà la discussione sulle vitamine? 15 SET 2011 ALIMENTAZIONE
Qualche chiarimento sulla soia 24 AGO 2011 ALIMENTAZIONE
Vitamina D, sole e prevenzione oncologica 18 LUG 2011 MEDICINA PREVENTIVA
Ma gli integratori funzionano o no? 9 GIU 2011 MEDICINA PREVENTIVA
Invecchiamento e telomeri 6 GIU 2011 MEDICINA PREVENTIVA
Le calorie non sono tutte uguali 5 MAG 2011 ALIMENTAZIONE
Mangia che ti passa, uno sguardo rivoluzionario sul cibo per vivere più sani e più a lungo 3 MAG 2011 RECENSIONI
Italiani sempre più pigri e grassi 29 MAR 2011 ALIMENTAZIONE
Salute e benessere all'aria aperta 24 FEB 2011 MEDICINA PREVENTIVA
La meditazione cambia la struttura del cervello e migliora la condizione psicologica 7 FEB 2011 SALUTE
Stress ossidativo e cancro: la prevenzione in un melograno 2 GEN 2011 MEDICINA PREVENTIVA
Sorridi per invecchiare bene 21 DIC 2010 MEDICINA PREVENTIVA
L'aspirina può ridurre i decessi per tumore 19 DIC 2010 MEDICINA PREVENTIVA
Stress? Una malattia da non sottovalutare 15 DIC 2010 MEDICINA PREVENTIVA
Bassi livelli di vitamina D e depressione 15 DIC 2010 MEDICINA PREVENTIVA
Vitamina B, un alleato contro l'Alzheimer 2 NOV 2010 SALUTE
La prevenzione di base del tumore al seno 13 OTT 2010 MEDICINA PREVENTIVA
I probiotici possono contribuire ad evitare il comune raffreddore 12 OTT 2010 MEDICINA PREVENTIVA
Incredibile studio pubblicato sul numero di agosto dell’American Journal of Cardiology 14 SET 2010 DENUNCIA SANITARIA
Gli adolescenti in sovrappeso sono più inclini alle malattie croniche della vecchiaia 6 SET 2010 MEDICINA PREVENTIVA

Tutti gli articoli di Filippo Ongaro







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione