Omeopatia - Casi Clinici

Opium crudum contro torpore, passività, depressione

Fonte: Il Medico Omeopata



depressione

È questo il caso di un Paziente di 37 anni, visitato alcuni anni fa in una condizione psichica notevolmente compromessa, sfociante verso una depressione. Il Paziente soffre di diabete giovanile dall’età di 13 anni, pesa 99 Kg ed è di media statura. Mi racconta di sgradevoli e traumatici episodi del passato che dice di non aver mai superato. Ha acquistato e perduto peso molte volte in vita sua e più recentemente, dopo un violento litigio con il padre che mi ha sempre picchiato, sin da piccolo, se n’è andato di casa, ha anche esagerato con l’alcool e dice di essere aumentato di 15 Kg in tre mesi. Fuma dalle 20 alle 40 sigarette al giorno.

 

Mi racconta: Dottore, è come se mi fossi perso… Ero un atleta, pieno di iniziative, di interessi… le donne… ora non più. Da 8-10 anni soffro d’insonnia, mi vengono i pensieri… sesso… Sento come se i muscoli si stessero atrofizzando. Ho difficoltà a leggere un libro, mi addormento… mi annoio… Sono arrabbiato per ingiustizie, il litigio con mio padre… sono uno che spacca gli oggetti se si arrabbia, ora non faccio più nemmeno quello. Mangio, anche se non posso, mangio anche di notte. Soffro il caldo.

 

Osservando il Paziente e poi visitandolo si evidenziano: confusione, torpore, rallentamento, ipotono dei tessuti, addome disteso e completamente atonico. È una condizione di deterioramento fisico e psichico che mi preoccupa. Penso a Nux vomica per il livello di tossici e per l’eccesso di cibo del Paziente, ma il rimedio si addice più a soggetti che sono ipertonici, cioè proprio l’opposto del mio Paziente; penso ad Aurum metallicum, di cui intravedo le caratteristiche, ma poi lo osservo, vedo il suo sguardo confuso, smarrito e decido di prescrivere: OPIUM CRUDUM 200K

 

SECONDA VISITA – DUE MESI DOPO

Dottore, si è sbloccata una situazione di stasi. All’inizio è stato molto forte… ho ancora una certa nausea per il fumo, non vado oltre le 10-15. Ho ricominciato a dormire, è scomparso quel senso continuo di fame. In effetti il Paziente è più vivace, più presente, ma è anche meno esteso in volume. Poi scopro che il peso è proprio lo stesso della volta precedente, allora probabilmente ha riacquistato tono e concentrato un po’ il suo corpo, che stava espandendosi passivamente sino quasi a diventare informe.

 

Continua il Paziente:

Dopo 2-3 giorni ho avuto un’angoscia fortissima, durata giorni interi, vedevo tutto negativo, pensavo sempre al suicidio.

Poi si riprende, fa un’espressione più decisa e mi dice: Ho subito passivamente la volontà altrui, è una cosa antica. In quei giorni ero schiacciato, deluso, avevo rabbia… ma ora non transigo… ora ogni giorno è d’oro! Voglio uscire fuori dall’incapacità… voglio essere allegro, gioviale… ho perso tutti gli amici. (…) Spesso sono angosciato… A volte, di fronte alle persone mi viene da pensare: “O mi suicido o lo uccido!”.

 

Evidentemente il Paziente non è certo guarito; dopo la visita, di cui trascrivo solo una parte, prescrivo Aurum metallicum.

 

L’azione di Opium è stata preziosa, potrei definirla una ventata di energia, un risveglio del corpo e delle emozioni, in particolare quelle a lungo represse. Un aiuto insostituibile in casi in cui l’inerzia ha preso il sopravvento su tutto il resto.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Gustavo Dominici

Omeopatia clinica: un caso di depressione euforica 22 MAG 2019 OMEOPATIA - CASI CLINICI
Appunti di Omeopatia clinica: insonnia, stipsi, astenia 20 MAG 2019 OMEOPATIA - CASI CLINICI
L'Omeopatia in caso di insonnia, disturbi della coscienza, allucinazioni 15 MAG 2019 OMEOPATIA - CASI CLINICI
Sull'uso delle dosi e delle potenze omeopatiche (Recensione) 13 MAG 2019 OMEOPATIA
Omeopatia clinica. Un antidoto agli oppiacei 13 MAG 2019 OMEOPATIA - CASI CLINICI
Casistica di Opium crudum in clinica omeopatica. Malattie ricorrenti nei bambini 10 MAG 2019 OMEOPATIA - CASI CLINICI
Omeopatia clinica. Un caso di ottundimento, sonno profondo, formicolio 8 MAG 2019 OMEOPATIA - CASI CLINICI
Due casi clinici omeopatici di Croton tiglium 4 MAR 2019 OMEOPATIA - CASI CLINICI
Il libro della dottrina omeopatica. L'Omeopatia insegnata da P. S. Ortega 30 GEN 2019 OMEOPATIA
Il nosode omeopatico Pyrogenium: descrizione e clinica 18 GEN 2019 OMEOPATIA - CASI CLINICI
La via del Simillimum omeopatico. Un caso clinico di Causticum 14 SET 2018 OMEOPATIA - CASI CLINICI
Il trattamento omeopatico dell'impetigine nei bambini. Tre casi clinici 29 AGO 2018 OMEOPATIA - CASI CLINICI
Conium maculatum e la tosse in gravidanza 6 AGO 2018 OMEOPATIA - CASI CLINICI
I nosodi omeopatici: dal peggio il meglio 9 NOV 2016 OMEOPATIA
La ricerca del Simillimum in Omeopatia 19 OTT 2016 OMEOPATIA
Il Proving in Omeopatia da Hahnemann ad oggi: evoluzione o perdita? 19 NOV 2015 OMEOPATIA
I fondamenti dell'omeopatia classica - Intervista a Renzo Galassi 21 OTT 2015 OMEOPATIA
Psoriasi, rinite e asma allergici - La guarigione omeopatica 19 OTT 2015 OMEOPATIA - CASI CLINICI
Kalium carbonicum in Omeopatia classica 13 OTT 2015 OMEOPATIA - CASI CLINICI
Si può affermare che la Medicina Omeopatica Classica ha uno spazio enorme da occupare 1 GIU 2015 OMEOPATIA
Carcinosinum. Storia, sintomatologia e casistica 20 DIC 2013 OMEOPATIA
Io mi curo con l’Omeopatia! Terza parte: La cura omeopatica 15 GIU 2010 OMEOPATIA
Io mi curo con l’Omeopatia! Seconda parte: Il farmaco omeopatico 10 GIU 2010 OMEOPATIA
Io mi curo con l’Omeopatia! Prima parte: La visita omeopatica 6 GIU 2010 OMEOPATIA
Elogio della leggerezza. Il mio ricordo di Antonio Negro 5 GIU 2010 OMEOPATIA






Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione