Omeopatia

L'Omeopatia nel Mondo


CATEGORIE: Omeopatia

L’omeopatia è oggi utlizzata in oltre ottanta paesi nel mondo, principalmente in Europa. È anche presente in Sud America (Brasile, Argentina), India e Pakistan. Ancora poco diffusa nel Nord America, registra comunque una crescita regolare.?Nel corso degli ultimi trent’anni, l’omeopatia si è anche sviluppata o è apparsa in Sud Africa, Tunisia, Marocco, Venezuela, Israele, Australia, ecc.
In numerosi paesi l’omeopatia è inserita nell’ambito del sistema sanitario (India, Messico, Brasile) mentre, in altri paesi, la sua pratica è autorizzata ma non legalizzata (Argentina). In numerosi casi (Francia, Italia, Spagna, ecc.), la prescrizione dei medicinali omeopatici, come quella di tutti i medicinali, spetta esclusivamente ai medici – sia generici sia specialisti (numerosi pediatri in Italia e in Brasile) – e ad alcuni professionisti del settore sanitario (chirurghi-dentisti, ostetriche, ecc.).
Altrove alcuni operatori sanitari, non medici ma qualificati sia da un punto di vista medico che ufficiale nel loro paese (osteopati, naturopati, chiropratici), hanno anche la possibilità di prescrivere medicinali e in particolare medicinali omeopatici (Germania, Regno Unito, Stati Uniti, Canada, ecc.).?Con più di 300 milioni di pazienti che si affidano all’omeopatia, abbiamo il dovere di migliorare ancora e favorire l’integrazione dell’omeopatia nell’ambito della medicina moderna, aperta e diversificata.

Realtà medica dell’omeopatia: Panorama

AMERICA :

• Argentina
1.200 medici omeopati su 88.000 medici.
• Brasile 9 milioni di persone utilizzano l’omeopatia in Brasile. L’omeopatia è una specialità medica riconosciuta dal 1980 dal Conselho Federal de Medicina. Tra i 15.000 medici brasiliani che praticano l’omeopatia (su 282.000 medici) ci sono numerosi pediatri.

• Stati Unti
I medicinali omeopatici sono stati ufficializzati dal 1938 (Federal Food, Drug and Cosmetic Act).
Le condizioni della loro messa sul mercato sono state precisate dalla FDA (Food and Drug Administration) nella Compliance Policy Guide del 1988.
L’Associazione medica americana (American Medical Association) non è favorevole all’omeopatia. I medici omeopati sono solo alcune centinaia su un totale di 615.000 medici. In 11 Stati su 50, un certo numero di operatori sanitari non medici, essenzialmente naturopati, sono legalmente autorizzati a prescrivere medicinali omeopatici.

• Messico
L’omeopatia è riconosciuta ufficialmente.
4.000 medici omeopati su 92.000 medici.

ASIA

AMERICA :

• Argentina 1.200 medici omeopati sur 88.000 medici.
• Brasile 9 milioni di persone utilizzano l’omeopatia in Brasile*. L’omeopatia è una specialità medica riconosciuta dal 1980 dal Conselho Federal de Medicina. Tra i 15.000 medici brasiliani che praticano l’omeopatia (su 282.000 medici) ci sono numerosi pediatri.
• Stati Unti I medicinali omeopatici sono stati ufficializzati dal 1938 (Federal Food, Drug and Cosmetic Act).?Le condizioni della loro messa sul mercato sono state precisate dalla FDA (Food and Drug Administration) nella Compliance Policy Guide del 1988.?L’Associazione medica americana (American Medical Association) non è favorevole all’omeopatia. I medici omeopati sono solo alcune centinaia su un totale di 615.000 medici. In 11 Stati su 50, un certo numero di operatori sanitari non medici, essenzialmente naturopati, sono legalmente autorizzati a prescrivere medicinali omeopatici.
• Messico L’omeopatia è riconosciuta ufficialmente.?4.000 medici omeopati su 92.000 medici

EUROPA :

• Germania 3.500 medici* su 258.000 prescrivono regolarmente prodotti omeopatici oltre ai 10.000 Heilpraktiker (naturopati riconosciuti con l’autorizzazione di praticare la medicina ad eccezione di alcune atti medicali).
• Belgio Circa 1.000 medici utilizzano l’omeopatia. Questa situazione si spiega con una forte domanda da parte dei pazienti. Le spese sanitarie per omeopatia sono parzialmente sostenute dagli organismi complementari (fino al 20%). In Belgio esiste una commissione per i medicinali che si occupa in modo specifico di omeopatia.
• Spagna 1.200 medici su 176.000 prescrivono regolarmente prodotti omeopatici.?La metà dei nuovi medici che seguono una formazione in omeopatia sono specialisti con una pratica ospedaliera-universitaria.
• Francia La Francia si classifica al 1° posto fra i paesi che utilizzano medicinali omeopatici. Sono sempre più numerosi i francesi che scelgono questi medicinali, sono infatti passati dal 22% nel 1984 al 40% nel 2002*. Contemporaneamente, il 74% dei pazienti si dichiara «incline a curarsi con l’omeopatia se il suo medico lo prescrivesse»*. Solo i medici e alcuni professionisti della salute (chirurghi-dentisti, ostetriche, ecc.) possono dispensare trattamenti omeopatici. 5.000 medici generici fanno ricorso regolarmente all’omeopatia e 25.000 occasionalmente, su un totale di 110.000 medici che esercitano la professione liberale. Il 69% della classe medica ritiene che l’omeopatia sia una terapia efficace*.?Il rapporto Lebatard-Sartre, richiesto dal Consiglio dell’Ordine dei Medici Francese e pubblicato nel 1997, riconosce l’omeopatia come pratica medica.
• Italia L’8,2 % degli Italiani utilizza medicinali omeopatici, disponibili in quasi una farmacia su due. 7.000 medici su 360.000 prescrivono regolarmente o occasionalmente un trattamento omeopatico.
• Paesi dell’Europa Centrale e dell’Est?L’omeopatia conosce uno sviluppo notevole da una decina d’anni in Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Ungheria, Romania e in Bulgaria. Oggi oltre 4.000 medici utilizzano medicinali omeopatici in questi paesi.
• Regno Unito Il 10 % della popolazione britannica consulta un medico omeopata.?Il 22 % prende o intende prendere medicinali omeopatici.?600 medici praticano regolarmente l’omeopatia su 1.300 membri diplomati della Facoltà d’Omeopatia di Londra che esercitano in tutto il mondo.?Un rapporto ufficiale del 1994 indica che il 45% dei medici britannici non esita a inviare i loro pazienti da un collega omeopata*.
• Russia 10.000 medici russi su 565.000 prescrivono trattamenti omeopatici.
• Svizzera 470 medici su 14.000 sono omeopati. La maggioranza di loro sono membri della SSMH (Società Svizzera dei Medici Omeopati), che riunisce medici, veterinari, dentisti e farmacisti.

AFRICA :
• Il Senegal, la Costa d’Avorio, la Nigeria et e il Kenya sono i principali paesi africani che utilizzano l’omeopatia, consentita ai soli medici. Medici omeopati sono anche presenti nei dispensari o nelle missioni religiose.
• Paesi del Magreb Dopo essere praticamente scomparsa, l’omeopatia è riapparsa da una quindicina d’anni in Marocco e in Tunisia. La utilizzano alcune centinaia di medici.
• Il Sud Africa, che propone un corso d studi in omeopatia, conta un centinaio di medici competenti in questa disciplina.

• India
Oltre 250.000 medici omeopati (con status specifico in India) e 75.000 ausiliari medici prescrivono trattamenti omeopatici.
Circa il 10% della popolazione (attorno a 100 milioni di persone) fanno ricorso all’omeopatia. Quest’ultima fa parte del sistema sanitario nazionale indiano accanto alla medicina occidentale e ai due sistemi di medicina indiana, Ayurveda e Unani. I medici che desiderano prescrivere medicinali omeopatici devono seguire un piano di studi speciale stabilito dal Consiglio Centrale per l’Omeopatia (Centra Council of Homœopathy) che dipende direttamente dal ministero della Salute.

• Israele 300 medici che prescrivono trattamenti omeopatici e 1.000 naturopati.
• Giappone A metà degli anni Novanta è stata creata un’associazione medica omeopatica, la Società Giapponese per l’Omeopatia, che oggi conta 70 medici.
• Pakistan Su 10.000 medici autorizzati in Pakistan, 4.000 o 5.000 prescrivono trattamenti omeopatici con regolarità.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  o o o o o  | Votazioni (1)







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione