Omeopatia

Omeopatia veterinaria a Teramo

Fonte: FNOVI


CATEGORIE: Omeopatia , Animali

cane gatto
L'omeopatia veterinaria può contribuire a contenere gli effetti secondari derivanti dalle cure farmacologiche degli animali domestici

Il 21 e 22 febbraio si è svolto presso la Facoltà di Medicina Veterinaria dell'Università di Teramo il Convegno sul Medicinale Omeopatico e Omeopatia Veterinaria.

L'evento aperto ai veterinari, medici, farmacisti e agli studenti della Facoltà ha inteso analizzare la situazione attuale e le relative problematiche rispetto alla legislazione sanitaria, alla ricerca scientifica e alla formazione professionale di questo particolare contesto della professione veterinaria.

L'iniziativa che si è svolta nel contesto della Scuola di Specializzazione in Sanità Animale, Allevamento e Produzioni Animali, è stata resa possibile grazie alla Dr.ssa Maria Majer e al Prof. Michele Amorena, responsabili della Ricerca in Scienza degli Alimenti per quanto attiene le Medicine Alternative e Complementari negli allevamenti Biologici presso l'Ateneo di Teramo.

I lavori sono stati aperti dalla Dr.ssa D'Angelo quale responsabile dell'area veterinaria della Ce.M.O.N, illustrando le caratteristiche fondamentali del medicinale omeopatico necessarie alla comprensione del loro utilizzo e del ruolo che svolgono nel contesto della sanità animale.

Gli Interventi della Dr.ssa Majer e della Dr.ssa Callieri, coordinatrice del dipartimento farmaceutico della F.I.A.M.O (Federazione Italiana Associazioni e Medici Omeopati), hanno affrontato le problematiche inerenti la ricerca scientifica per quanto attiene all'omeopatia, mentre il Gruppo di Lavoro del Farmaco F.N.O.V.I, rappresentato dal Dott. A. Battigelli, ha esaminato la situazione legislativa attuale in ambito veterinario del medicinale omeopatico.

Sono così emerse le problematiche connesse a una ricerca scientifica carente e inadeguata al paradigma da valutare, così come la regolamentazione normativa che non tiene conto delle reali caratteristiche dei prodotti omeopatici, delle implicazioni rispetto alla sicurezza, alla farmacovigilanza, alle reali prospettive di sviluppo e sostenibilità di un settore produttivo e professionale che risente fortemente della crisi economica e delle esigenze sanitarie emergenti. La farmacoresistenza, i residui di farmaci nei prodotti di origine animale e l'impatto ambientale sono problematiche sanitarie che coinvolgono anche l'omeopatia veterinaria la quale può contribuire, nel contesto generale, a contenere gli effetti secondari derivanti dalle cure farmacologiche degli animali domestici. Per questo sono necessari un sostegno e una regolamentazione coerente alle reali esigenze della professione e di tutto l'indotto produttivo.

La zootecnia biologica è un settore in crescita che richiede competenze specifiche le quali trovano la loro naturale identità nella professione veterinaria. Come sottolineato dal Dott. P.Venezia, tecnico FederBio e responsabile del Dipartimento di Zootecnia Biologica della S.I.O.V (Società Italiana di Omeopatia Veterinaria), uno dei problemi è proprio la carenza di competenze specifiche nell'ambito delle medicine alternative. Queste sono indicate dai regolamenti per le produzioni biologiche quali cure preferenziali ma in realtà la loro applicazione è resa problematica e poco valorizzata per la carenza di omeopati esperti in un settore emergente che vede coinvolta la professionalità veterinaria. La stessa regolamentazione delle produzioni zootecniche biologiche prevede un largo utilizzo delle deroghe e di farmaci residuali se pur con tempi di attesa raddoppiati.

Il ruolo dell'omeopatia nella relazione tra uomo e animale nel contesto della salute e i problemi relativi alla formazione sono stati i temi affrontati dal Dott. Cascioli, in collaborazione con la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università di Chieti e Pescara, e dal Dott. Bettio in qualità di vice presidente S.I.O.V, che hanno delineato le esigenze e le motivazioni di un percorso formativo serio e rigoroso per l' integrazione plausibile dei saperi in medicina veterinaria e coerente alle attuali esigenze deontologiche della professione.

Nell'ambito della seconda giornata sono stati descritti gli approcci metodologici dell'omeopatia unicista e dell'omotossicologia attraverso le esperienze della pratica clinica dei relatori nell'ambito delle rispettive competenze: omeopatia nella patologia dei piccoli animali (Dott. Bettio), omeopatia in ippiatria (Dott. Battigelli), omeopatia nell'allevamento zootecnico (Dott. Venezia), omotossicologia veterinaria e omoagopuntura (Dott. Cascioli).

L'evento ha permesso di fornire informazioni in riferimento ai ruoli di sanità pubblica con particolare attenzione alla farmacovigilanza, sicurezza alimentare, impatto ambientale e al benessere animale , non che alle potenzialità professionali per gli studenti e professionisti interessati a integrare le proprie conoscenze in settori ancora poco esplorati ma con prospettive di sviluppo sia nella clinica applicata che nella ricerca scientifica.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione

Moige: "coercitivo e discriminante l'obbligo di vaccinazione in Emilia Romagna" 25 NOV 2016 VACCINAZIONI
Codacons: mobilitazione per ottenere solo i 4 vaccini obbligatori 25 NOV 2016 VACCINAZIONI
Codacons: "incostituzionale l'obbligo di vaccinazione in Emilia Romagna" 23 NOV 2016 VACCINAZIONI
Resistenza agli antibiotici, cosa sta facendo il Governo? 22 NOV 2016 DENUNCIA SANITARIA
Veneto, PFAS e altri PFC mettono a rischio la salute 16 NOV 2016 DENUNCIA SANITARIA
Bimbo rimase sordo dopo un vaccino inefficace. Maxi risarcimento alla famiglia 27 OTT 2016 VACCINAZIONI
Vaccini: codacons avvia class action per famiglie che segnalano danni da vaccino 25 OTT 2016 VACCINAZIONI
Seminario “La relazione di aiuto – Nuove frontiere in Floriterapia” 12 OTT 2016 CONVEGNI
Vaccini, "censura inaccettabile": Codacons denuncia il Senato 3 OTT 2016 VACCINAZIONI
Conflitti di interesse in oncologia: ecco i numeri 12 SET 2016 DENUNCIA SANITARIA
Terremoto: anche l'omeopatia in aiuto alle persone colpite 31 AGO 2016 OMEOPATIA
Rimedi omeopatici per il mal di pancia nei bambini 3 AGO 2016 OMEOPATIA
Il test anticorpale: la scelta alternativa alle vaccinazioni per gli animali 28 LUG 2016 ANIMALI
Elogio dell'Omeopatia 16 MAG 2016 OMEOPATIA
Omeopatia: "maggiore attenzione da parte delle istituzioni" 13 APR 2016 OMEOPATIA
Rimedi omeopatici per i dolori causati dal cancro 1 MAR 2016 OMEOPATIA
Pesticidi: associazioni chiedono la messa la bando del glifosato 29 FEB 2016 DENUNCIA SANITARIA
Medicina omeopatica: confermato il significativo ruolo sociale nella Salute Pubblica 25 FEB 2016 OMEOPATIA
Abbigliamento outdoor: “troppe sostanze chimiche” 25 GEN 2016 DENUNCIA SANITARIA
Assis: non partecipiamo alla battaglia dei vaccini, preferiamo ragionare 13 GEN 2016 VACCINAZIONI
Omeopatia per la cura del cancro 11 GEN 2016 OMEOPATIA
Cemon: "Da Unda campagna denigratoria contro di noi" 14 DIC 2015 OMEOPATIA
I veleni dell'Ilva 2 NOV 2015 DENUNCIA SANITARIA
Recanati: "bambina di sei anni sviene dopo il vaccino" 29 OTT 2015 VACCINAZIONI
Psicofarmaco per bambini inefficace e pericoloso: “la GlaxoSmithKline ha alterato i dati” 28 OTT 2015 INFANZIA
“Vaccinazioni rischiose, l’ho provato con mio figlio” 23 OTT 2015 VACCINAZIONI
California: vaccini contenenti mercurio a bambini e donne in gravidanza? 12 OTT 2015 VACCINAZIONI
Lettera di una mamma con figlio – presunto – autistico 10 SET 2015 AUTISMO
Adulti iperattivi: “una nuova operazione di marketing farmaceutico” 19 GIU 2015 DENUNCIA SANITARIA
Vaccini, Antitrust avvia un’indagine conoscitiva. 'Prezzi sono in aumento' 27 MAG 2015 VACCINAZIONI

Tutti gli articoli di Redazione







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione