Omeopatia

Omeopatia: le risposte alle domande più frequenti

Fonte: Il Granulo


CATEGORIE: Omeopatia

omeopatia

Domande frequenti – risponde Il Granulo

Che significano quelle strane sigle che si leggono sulle etichette dei medicinali omeopatici dopo il nome del farmaco: per esempio Arnica montana 30CH, 200K; 6LM?
I medicinali omeopatici si preparano in tre modi:
- secondo il primo metodo ideato da Hahnemann, diluizioni centesimali = CH
- secondo il metodo ideato dal russo Korsakov, sempre con diluizioni centesimali = K
- secondo il metodo ideato da Hahnemann negli ultimi anni della sua vita professionale, detto delle diluizioni cinquanta millesimali = LM, indicate talora anche con la lettera Q

Evitando di scendere in dettagli tecnici, restiamo sul semplice.
Quando si preparano le centesimali – CH e K – ad ogni passaggio di diluizione la sostanza sarà 100 volte più diluita della precedente: la 1CH è 100 volte più diluita, per esempio della tintura madre di partenza di Arnica; la 2CH è 100 volte più diluita della 1CH e diecimila volte più diluita della tintura; la 3CH, è 100 volte più diluita della 2CH, diecimila della 3CH e un milione di volte rispetto alla tintura e così via. Da non dimenticare che a ogni passaggio di diluizione il flaconcino viene “agitato”, cioè succusso e dinamizzato, con forza.

Lo stesso vale per la 1K, 2K, 3K ecc ecc. Le K sono diverse dalle CH per il metodo utilizzato. Le CH sono definite “del flacone multiplo”; le K sono definite “del flacone unico”. In pratica, per le CH bisogna avere a disposizione tanti flaconcini corrispondenti alla diluizione che si vuole raggiungere: 6 flaconi per la 6CH, 30 flaconi per la 30CH e così via. Per le K, si usa sempre lo stesso flacone che, dopo essere stato scosso 100 volte, è svuotato facendo in modo che resti una sola goccia (o un millilitro) a cui si aggiungono altre 99 gocce di acqua e alcol. Procedure meccanizzate consentono di far restare proprio una sola goccia dopo lo svuotamento. Il metodo è più rapido delle CH e più economico in quanto si usa un minor numero di flaconcini.
Per quanto riguarda la LM, ad ogni successivo passaggio di diluizione, anziché uno a 100, la sostanza si trova più diluita addirittura 1 a cinquantamila!
Il perché e il come scegliere e prescrivere una CH, una K o una LM è compito del medico: tutte queste preparazioni sono efficaci.

Chi può esercitare l’omeopatia e prescrivere medicinali omeopatici? L’omeopata deve essere medico?
Sì, obbligatoriamente. Per la legge italiana solo un medico laureato e abilitato (cioè che ha superato l’esame di Stato per l’abilitazione) e iscritto all’Ordine dei Medici può prescrivere medicinali omeopatici. Chiunque altro, non medico, prescriva medicinali omeopatici commette un reato di esercizio abusivo della professione medica (Sentenza del 6 settembre 2007, n. 34200, Suprema Corte di Cassazione – Sezione VI Penale).

Ovviamente è molto meglio che il medico – laureato, abilitato e iscritto all’Ordine – abbia frequentato una Scuola di Omeopatia accreditata. Chi lo ha fatto e possiede il relativo attestato può iscriversi agli appositi Registri dei Medici Omeopati presso gli Ordini dei Medici delle singole province italiane. Questi Registri sono consultabili online da ogni cittadino. Inoltre, collegandosi al sito della FIAMO www.fiamo.it, si può trovare un elenco di medici omeopati, soci della Federazione.

È vero che gli omeopati non studiano la “medicina moderna”, non si aggiornano, non visitano i pazienti, non prescrivono esami di laboratorio, ecografie, TAC, Risonanza magnetica, ecc?

Giriamo la domanda a due illustri medicichirurghi omeopati (da P. Schmidt – Quaderni di Omeopatia – vol.5, pag. 108 – Società Omeopatica Edizioni, Perugia 1994)

Elizabeth Wright-Hubbard (1896- 1967) – “Essere medico omeopata comporta due precisi doveri: 1) per prima cosa che egli abbia completato i suoi studi universitari, seguendo l’insegnamento e la disciplina della Medicina moderna più rigorosa, in modo da avere le carte in regola per divenire un ottimo medico; 2) deve aggiungere a tutte le conoscenze mediche già in precedenza acquisite, uno studio approfondito della Medicina omeopatica, che comprenda la terapeutica secondo la legge dei simili, il concetto d’individualizzazione, lo studio delle sperimentazioni dei medicamenti omeopatici, la prescrizione di un solo medicamento, la conoscenza del metodo di somministrazione dei medicamenti omeopatici, la somministrazione della dose minima utile, la conoscenza profonda delle malattie croniche (nel lessico omeopatico indicate con il termine miasmi – NdR), la prevenzione delle malattie con il loro trattamento nello stadio funzionale, il rifiuto di qualsiasi soppressione, la ricerca di una profilassi per migliorare la salute pubblica, la necessità di rimuovere tutto ciò che possa ostacolare una guarigione effettiva”.

Pierre Schmidt (1894-1987) – “Abbiamo il dovere di essere medici allopatici più che preparati, se è possibile in possesso di una specializzazione in campo medico tradizionale. Solo quando si conosce profondamente l’allopatia, le sue possibilità, i suoi limiti, quando lo spirito critico del medico si è evoluto e affinato, solo allora si è pronti ad intraprendere seriamente lo studio dell’omeopatia”.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x x  | Votazioni (1)

Articoli di Redazione

Moige: "coercitivo e discriminante l'obbligo di vaccinazione in Emilia Romagna" 25 NOV 2016 VACCINAZIONI
Codacons: mobilitazione per ottenere solo i 4 vaccini obbligatori 25 NOV 2016 VACCINAZIONI
Codacons: "incostituzionale l'obbligo di vaccinazione in Emilia Romagna" 23 NOV 2016 VACCINAZIONI
Resistenza agli antibiotici, cosa sta facendo il Governo? 22 NOV 2016 DENUNCIA SANITARIA
Veneto, PFAS e altri PFC mettono a rischio la salute 16 NOV 2016 DENUNCIA SANITARIA
Bimbo rimase sordo dopo un vaccino inefficace. Maxi risarcimento alla famiglia 27 OTT 2016 VACCINAZIONI
Vaccini: codacons avvia class action per famiglie che segnalano danni da vaccino 25 OTT 2016 VACCINAZIONI
Seminario “La relazione di aiuto – Nuove frontiere in Floriterapia” 12 OTT 2016 CONVEGNI
Vaccini, "censura inaccettabile": Codacons denuncia il Senato 3 OTT 2016 VACCINAZIONI
Conflitti di interesse in oncologia: ecco i numeri 12 SET 2016 DENUNCIA SANITARIA
Terremoto: anche l'omeopatia in aiuto alle persone colpite 31 AGO 2016 OMEOPATIA
Rimedi omeopatici per il mal di pancia nei bambini 3 AGO 2016 OMEOPATIA
Il test anticorpale: la scelta alternativa alle vaccinazioni per gli animali 28 LUG 2016 ANIMALI
Elogio dell'Omeopatia 16 MAG 2016 OMEOPATIA
Omeopatia: "maggiore attenzione da parte delle istituzioni" 13 APR 2016 OMEOPATIA
Rimedi omeopatici per i dolori causati dal cancro 1 MAR 2016 OMEOPATIA
Pesticidi: associazioni chiedono la messa la bando del glifosato 29 FEB 2016 DENUNCIA SANITARIA
Medicina omeopatica: confermato il significativo ruolo sociale nella Salute Pubblica 25 FEB 2016 OMEOPATIA
Abbigliamento outdoor: “troppe sostanze chimiche” 25 GEN 2016 DENUNCIA SANITARIA
Assis: non partecipiamo alla battaglia dei vaccini, preferiamo ragionare 13 GEN 2016 VACCINAZIONI
Omeopatia per la cura del cancro 11 GEN 2016 OMEOPATIA
Cemon: "Da Unda campagna denigratoria contro di noi" 14 DIC 2015 OMEOPATIA
I veleni dell'Ilva 2 NOV 2015 DENUNCIA SANITARIA
Recanati: "bambina di sei anni sviene dopo il vaccino" 29 OTT 2015 VACCINAZIONI
Psicofarmaco per bambini inefficace e pericoloso: “la GlaxoSmithKline ha alterato i dati” 28 OTT 2015 INFANZIA
“Vaccinazioni rischiose, l’ho provato con mio figlio” 23 OTT 2015 VACCINAZIONI
California: vaccini contenenti mercurio a bambini e donne in gravidanza? 12 OTT 2015 VACCINAZIONI
Lettera di una mamma con figlio – presunto – autistico 10 SET 2015 AUTISMO
Adulti iperattivi: “una nuova operazione di marketing farmaceutico” 19 GIU 2015 DENUNCIA SANITARIA
Vaccini, Antitrust avvia un’indagine conoscitiva. 'Prezzi sono in aumento' 27 MAG 2015 VACCINAZIONI

Tutti gli articoli di Redazione







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione