Omeopatia

Omeopatia: un importante progetto europeo a tutela dei cittadini

Fonte: Il Granulo


CATEGORIE: Omeopatia

omeopatia
Omeopatia: un importante progetto europeo a tutela dei cittadini

È quotidiana la constatazione che c’è grandissima confusione riguardo cosa sia l’omeopatia, che cosa caratterizzi il medico omeopata, cosa si deve aspettare un paziente che chiede di essere curato da un medico omeopata. Molte volte il paziente non sa a che tipo di visita andrà incontro: difficilmente si aspetta una visita caratterizzata da un colloquio lungo e approfondito, pensa spesso di dover essere sottoposto a indagini strumentali particolari, non sa se la visita medica classica debba rientrare nelle prestazioni che il medico omeopata gli fornirà, se deve portare con sé analisi o test che fanno parte della sua storia clinica. Tra le tante domande che si fa chi decide di consultare un medico omeopata, due sono quelle più ricorrenti: fa parte del necessario bagaglio dell’omeopata una posizione sempre e comunque contraria alle vaccinazioni? Ma è vero che se si fa una cura omeopatica non si possono prendere altri farmaci?

Queste confusioni e incertezze non si verificano solo in Italia, ma anche nel resto d’Europa, tanto che l’Associazione Europea che raggruppa i medici omeopati, l’ECH, ha sentito la necessità di promuovere un processo di standardizzazione dal titolo European Standard for Service Provisions of Medical Doctors with additional Qualification in Homeopathy. Il CEN, Comité Europèen de Normalization, uno dei tre organismi di standar- dizzazione riconosciuti a livello europeo (un altro è l’ISO, che tutti certamente avete sentito nominare) ha avviato un progetto che porti nel giro di tre anni alla stesura di un documento condiviso che definisca le caratteristiche delle prestazioni offerte da un medico con una qualificazione in omeopatia.

In diversi paesi europei praticano legalmente omeopati che non sono medici; a seconda delle diverse regolamentazioni, devono frequentare determinati corsi e possono avere limitazioni nella loro attività, perchè non hanno le competenze per prendere in carico dei malati.
In Italia non abbiamo questo problema: l’omeopatia è praticabile solo da parte dei medici, già dal 2002 la Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici e degli Odontoiatri, la FNOMCeO, ha sancito che l’omeopatia è un atto medico, e comunque il progetto di standardizzazione si occupa solo delle caratteristiche che deve presentare l’attivita del MEDICO omeopata.

Proprio perchè medico, l’omeopata si preoccuperà in primo luogo che il paziente riceva una precisa diagnosi. Ci sono patologie che per sè stesse richiedono approcci terapeutici diversi, chirurgici o di medicina convenzionale; ad esempio, di fronte a una diagnosi di diabete insulinodipendente la terapia insulinica sarà inevitabile, come di fronte a certi traumi sarà assolutamente indicato un trattamento chirurgico specifico.

Di fatto, molto spesso il paziente arriva dal medico omeopata dopo essere stato già visitato da specialisti, aver fatto accertamenti di vario genere e aver affrontato altre terapie. In questi casi l’omeopata potrà tagliare tutta quella parte di visita, dando per scontato quanto già fatto e da qui può nascere la convinzione che l’omeopata non si interessi dei dati strumentali e clinici, cosa assolutamente non vera. Questo si riferisce a pazienti che chiedono una visita omeopatica per una problematica cronica, e questo rappresenta la maggior parte del lavoro dell’omeopata. Ci sono anche situazioni acute, che insorgono in pazienti già in trattamento o che sono esse stesse motivo di consultazione. In questi casi l’andamento clinico, i dati strumentali diagnostici, Rx, TAC RMN, esami di laboratorio, ecc saranno fondamentali per valutare l’andamento della cura e stabilire se al trattamento omeopatico si dovrà affiancare anche qualche altro provvedimento.

Il medico omeopata non è „contro“ la medicina convenzionale, non è „contro“ gli antibiotici o altre terapie. Il suo approccio tende a risolvere i problemi del paziente con una visione diversa della salute e della malattia e con uno strumento, il medicinale omeopatico, meno tossico e più fisiologico; proprio perchè medico, l’omeopata farà ricorso a tutto quello che sarà necessario per il bene del suo paziente.

Un grande omeopata svizzero del secolo scorso, il dott. Pierre Schmidt soleva dire che, quando andava a visitare alla sera un paziente con tonsillite e gli prescriveva un rimedio omeopatico, al mattino successivo, quando riapriva la farmacia, dell’antibiotico che sarebbe stato prescritto da un medico “convenzionale” di solito non c’era più bisogno. Sicuramente il medico omeopata si pone molto più domande sull’impatto che certe cure, e tra queste possiamo anche annoverare molti vaccini, possono avere sulla salute degli individui, per cui cercherà di limitarne l’uso alle situazioni di vera necessità. Ma è esperienza quotidiana quella di avere in trattamento pazienti che assumono farmaci convenzionali e medicinali omeopatici. Ogni situazione va vagliata attentamente, non ci sono automatismi, mai, perché il cardine di una efficace cura omeopatica è l’individualizzazione della cura.

Tutto questo, e molto altro, sarà oggetto del documento prodotto dall’ECH che, proprio per le modalità di trasparenza e consenso con cui è realizzato, costituirà un importante riferimento prima di tutto per i pazienti, per i colleghi medici, che poco conoscono dell’omeopatia e delle sue caratteristiche, e per i politici, che dovrebbero dare norme su questi temi.

Emergenza farmaci omeopatici: a che punto siamo?

Mentre scrivo queste note è in corso una continua evoluzione e quando leggerete questo articolo le notizie potrebbero essere superate dai fatti. Due i fatti importanti. Il Parlamento ha approvato un ordine del giorno che, come tale, impegna il governo riguardo all’adozione di procedure e costi di registrazione che assicurino il mantenimento dei medicinali omeopatici sul mercato. Ci aspettiamo quindi che, a breve, venga emanato da parte del Ministero della Salute un provvedimento al riguardo, evitando la necessità di ricorrere allo strumento della proroga, cui purtroppo in Italia finiamo troppo spesso per affidare la soluzione dei problemi. La seconda notizia, recentissima, è che il TAR del Lazio ha accolto il ricorso presentato da Omeoimprese riguardo all’aumento dei prezzi previsto da AIFA: bisognerà adesso vedere che cosa questa vittoria comporterà concretamente, ma si vede finalmente uno spiraglio in una situazione che sta rendendo difficile per i medici prescrivere medicinali omeopatici e per i pazienti trovarli senza eccessive difficoltà.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Antonella Ronchi

Fiamo segnala: 'insegnamento dell'omeopatia a personale non medico' 1 FEB 2016 OMEOPATIA
Vaccinazioni e comunicazione: la dichiarazione degli omeopati italiani 23 NOV 2015 VACCINAZIONI
Le bufale di Garattini sull’omeopatia. Smentiamo e vi diciamo perché 4 NOV 2015 OMEOPATIA
Vaccini e Omeopatia: se viene negato il pluralismo nella medicina 23 OTT 2015 VACCINAZIONI
L'Omeopatia e le sue prime battaglie. Saperne di più per una scelta responsabile 3 GEN 2014 OMEOPATIA
Il Treno Sbagliato 18 AGO 2013 OMEOPATIA
Omeopatia: conoscersi, curarsi, guarire 7 GEN 2013 OMEOPATIA
Il tradimento di Ippocrate. La medicina degli affari 7 DIC 2012 RECENSIONI
Il decreto Balduzzi ed i medicinali omeopatici 27 SET 2012 OMEOPATIA
Omeopatia: conoscersi, curarsi, guarirsi 27 GEN 2012 RECENSIONI
Comunicato in relazione alla tragica vicenda del bimbo deceduto a Tricase 24 OTT 2011 OMEOPATIA
Influenza e Omeopatia - Lettera al Ministro Fazio 9 GEN 2011 OMEOPATIA
Le medicine omeopatiche? Sicure ed affidabili 16 DIC 2010 OMEOPATIA
Omeopatia e pregiudizio, la parola al presidente della FIAMO 8 NOV 2010 OMEOPATIA
Celiachia ed omeopatia: connubio possibile, anzi auspicabile! 27 SET 2010 SALUTE
Solo medici laureati ed abilitati possono esercitare l’omeopatia 15 SET 2010 OMEOPATIA
Influenza e Omeopatia di Vincenzo Mengano 7 GIU 2010 RECENSIONI
Boiron vs Garattini - Omeopatia o medicina tradizionale? 26 MAG 2010 OMEOPATIA
Svizzera: referendum popolare (67% di sì) fa entrare l’Omeopatia nella Costituzione 24 MAG 2010 OMEOPATIA
Stregoni alla riscossa 18 MAG 2010 OMEOPATIA
Scienza ed informazione: l’enigma della Medicina Omeopatica. Quell’“acqua fresca” dalle strane proprietà 18 MAR 2010 OMEOPATIA






Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione