Omeopatia

L'omeopatia negli ambulatori degli ospedali spagnoli

Fonte: Il Granulo


CATEGORIE: Omeopatia

bandiera spagna
L'omeopatia si sta sempre più rapidamente diffondendo

Il nostro fiuto di cercatori della diffusione dell'omeopatia nei diversi paesi ci ha spinto stavolta verso la Spagna, dove essa ha una lunga storia alle spalle. Così come per la Francia grazie al dott. De Guidi l'omeopatia fu introdotta in Spagna nel 1829 da un altro italiano il dott.Cosimo Maria De Horatiis. Un forte impulso alla sua divulgazione venne anche da un commerciante spagnolo Iriarte de Cadiz che, entusiasta dell'omeopatia, si recò a Kothen per conoscere personalmente Hahnemann, il quale lo indirizzò alle cure del sopra menzionato dott. De Guidi a Lione: da questi suoi viaggi ritornò in Spagna con numerosi libri d'omeopatia che regalò ai medici spagnoli.

Nel 1831 un gruppo di medici spagnoli, stimolato dagli stupefacenti successi dell'omeopatia nell'affrontare l'epidemia di colera che imperversava in Europa, si trasferì in Germania per approfondire lo studio del metodo. Il dott. Prudenzio Querol fu il primo spagnolo a praticare l'omeopatia in Spagna nel 1833; il dott. Lopez Pinciano fu il primo a tradurre l'Organon, testo fondamentale di Hahnemann, nel 1835. I primi passi dell'omeopatia in Spagna furono ostacolati dalla guerra civile dei sette anni, terminata nel 1840.


In seguito essa si diffuse in tutta la Spagna grazie all'opera di validi medici come il dott. José Nunez, marchese di Nunez, al quale si deve la scoperta del medicamento omeopatico Tarentula hìspanìca, ottenuto dal ragno appartenente al genere delle tarantole. Il dott. Nunez fondò la Società Homeopatica Madritena alla quale, nel 1850, per ordine reale, fu concessa una cattedra e una clinica per l'insegnamento della metodologia omeopatica. Il dott.Nunez fu anche medico della regina Isabella II e dell'infante Sebastian. Madrid fu dunque il centro principale per la diffusione dell'omeopatia fino al 1890 quando gli omeopati della Catalogna, sotto la guida del dott. Sanllehy,fondarono l'Accademia Omeopatica di Barcellona.


Da allora anche Barcellona divenne un centro omeopatico fondamentale di riferimento. Tre congressi omeopatici si svolsero in Spagna durante il 20° secolo prima della guerra civile spagnola: il Congresso Internazionale di Barcellona nel 1924, il 1° Congresso Nazionale d'omeopatia di Madrid nel 1929 ed il 7° Congresso Internazionale della Liga Medicorum Homoeopatica Internationalis (LMHI) nel 1933, di nuovo a Madrid. La guerra civile determinò una battuta d'arresto dello sviluppo omeopatico spagnolo: in quegli anni bui e violenti l'Ospedale del Bambino Gesù di Barcellona, sorto nel 1892 come ospedale omeopatico, fu preso d'assalto dai rivoluzionari che provocarono enormi danni né si trattennero dal gettare dalla finestra della sala degli ambulatori un busto di Hahnemann.


Anni dopo, a Tiana, nella giurisdizione di Barcellona, in rievocazione e riparazione dell'episodio, sarà eretta una statua commemorativa di Hahnemann. Non si può non menzionare l'Ospedale Omeopatico di San José a Madrid, nato come ospedale omeopatico nel 1878 grazie agli sforzi della Società Homeopatica Madrilena e del dott. Nunez. La nascita dell'Ospedale Omeopatico San José si deve anche alla guarigione della regina Isabella di Castiglia, affetta da una forma di dermatite alla mano sinistra talmente grave da costringerla ad indossare sempre un guanto di colore verde.


A causa di tale persistente patologia la regina era stata visitata e curata da illustri dermatologi non solo in Spagna ma anche a Roma, Parigi, Berlino, Vienna senza ottenere alcun risultato finché una delle sue cameriere le consigliò di consultare un omeopata, proprio il dott. Nunez di Madrid. Nunez, visitata la regina, osservata la sua mano e le caratteristiche secrezioni non ebbe dubbio trattarsi di un caso che poteva essere guarito da un medicamento omeopatico che si ricava dalla mina delle matite: Graphites. Grazie a tale medicamento la regina guarì completamente in circa tre mesi e, per riconoscenza, chiese al dott. Nunez come sdebitarsi. Il dott. Nunez non volle niente per sé ma chiese alla regina di far costruire un ospedale per i bambini poveri di Madrid.


La regina fece costruire l'ospedale omeopatico e regalò a Nunez una cassettina in oro tempestata di diamanti, topazi, rubini contenente delle boccette di vetro per conservare i rimedi omeopatici. Si narra che a chi ammirasse la cassettina il dott. Nunez rispondesse sempre: "Questo non e nulla, i veri diamanti sono i granuli che guariscono e che meritano tutto il nostro rispetto: queste sono le vere pietre preziose!". Al di là di questi graziosi aneddoti, ben più importante è che, in occasione del 125° anniversario dalla posa della prima pietra, l'Ospedale Omeopatico di San José è stato riconosciuto con decreto del 30/01/1997 monumento storico e patrimonio artistico nazionale e sottoposto ad opere di restauro.


Vi è attivo tuttora un ambulatorio omeopatico; anche altre parti sottoposte a restauro saranno utilizzate per attività omeopatiche. L'altro ospedale storico è il già citato Bambino Gesù di Barcellona, nato come ospedale omeopatico nel 1892 per assistere i bambini malati figli di lavoratori poveri: tuttora vi è attivo un dipartimento di omeopatia per l'assistenza omeopatica ambulatoriale.


Questi avvenimenti testimoniano il fermento che ha animato la ripresa della diffusione dell'omeopatia in Spagna negli anni più recenti. Nel 1990 si è tenuto il congresso internazionale della LMHI a Barcellona. Nel 1996 è stata fondata la Sociedad Espanola de Medicina Homeopatica con l'obiettivo di raggiungere il riconoscimento ufficiale dell'omeopatia, scopo condiviso dall'Ordine dei Medici della Catalogna e da altri Ordini dei Medici spagnoli che vogliono rendere ufficiale la pratica dell'omeopatia e garantire che sia svolta solo da medici.


Esiste anche l'Asociation Homeopatica de Homeopatas Unicistas, riconosciuta dall'European Commettee for Homeopathy, sorta per garantire la diffusione dell'omeopatia classica. Attualmente in Spagna operano circa 1000 omeopati. I rimedi omeopatici si vendono solo in farmacia. Le Università di Siviglia, Barcellona, Valladolid, Bilbao e Malaga organizzano master postlaurea in medicina omeopatica.


In conclusione: la rapida modernizzazione del paese realizzatasi negli ultimi venti anni ha, dunque, coinvolto anche l'omeopatia spagnola che, nel solco di un'antica tradizione, si sta sempre più rapidamente diffondendo nel Paese.



Bibliografia
:

Ortega P.S. - Introduzione alla Medicina Omeopatica — IPSA Ed., Palermo
Schmidt P. - Quaderni di Omeopatia. Volume 5 - EDIUM, Milano



Hai un account google? clicca su:







Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Nunzio Chiaramida

Il ritorno alla chiarezza di Ruta graveolens 27 GIU 2016 OMEOPATIA
“Prisma”, ciò che non conosciamo delle Materia Medica Omeopatica 18 MAG 2016 OMEOPATIA
Veratrum album in Medicina Omeopatica 4 DIC 2015 OMEOPATIA - CASI CLINICI
Sintomi fisici e mentali in Platinum 24 NOV 2015 OMEOPATIA
Lezioni di Omeopatia Classica (Recensione) 11 NOV 2015 RECENSIONI
Thuja occidentalis in clinica omeopatica 10 NOV 2015 OMEOPATIA
Lo spirito libero di Tubercolinum 2 GIU 2015 OMEOPATIA - CASI CLINICI
Malattia cronica di Ghatak 1 GIU 2015 RECENSIONI
Biblioteca Elettronica di Medicina Naturale 2014 1 GIU 2015 RECENSIONI
L’Omeopatia nel reflusso gastroesofageo in età pediatrica 24 APR 2014 OMEOPATIA
L’amaro calice di Conium maculatum 21 MAR 2014 OMEOPATIA
L'Omeopatia nella cura dei Traumi del Parto 26 FEB 2014 RECENSIONI
Autismo. Oltre la disperazione l'Omeopatia ha la risposta 18 FEB 2014 RECENSIONI
Teucrium marum verum e l’assedio alle secrezioni bloccate 7 GEN 2014 OMEOPATIA
Il distacco dalla realtà di Helleborus niger 27 DIC 2013 OMEOPATIA
La Metodologia di Hahnemann 24 DIC 2013 OMEOPATIA
Omeopatia. Alcune Conferenze di Kent... cent'anni dopo 19 DIC 2013 OMEOPATIA
L’omeopatia nei disturbi del comportamento indotti dai farmaci - Un caso clinico 4 SET 2013 OMEOPATIA - CASI CLINICI
Organon dell'arte del guarire 7 MAG 2013 OMEOPATIA
Materia medica omeopatica di Lathoud 20 MAR 2013 RECENSIONI
Le amare bacche di Laurocerasus 18 MAR 2013 OMEOPATIA
L’omeopatia in oncologia. Accompagnamento e cura del malato oncologico 31 GEN 2013 RECENSIONI
Scritti Minori. L’esperienza clinica di un autorevole Maestro di omeopatia 17 DIC 2012 RECENSIONI
L'omeopatia in India, storia di un successo 16 FEB 2011 OMEOPATIA
Granuli sotto esame. La ricerca in Omeopatia nelle pubblicazioni scientifiche 30 DIC 2010 OMEOPATIA
Scozia, Ospedale Omeopatico di Glasgow: l’isola che non c’è… in Italia! 15 OTT 2010 OMEOPATIA
L’importanza della clinica in Omeopatia - Intervista al Dr. Ioannis Konstantos 27 SET 2010 OMEOPATIA
Mister Sulphur e Dr. House 23 SET 2010 OMEOPATIA
Omeopatia Comparata di Gustavo Krichesky 7 GIU 2010 RECENSIONI
Gestione del simillimum omeopatico di Luc De Schepper 7 GIU 2010 RECENSIONI

Tutti gli articoli di Nunzio Chiaramida







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione