Salute

Nube radioattiva: dobbiamo usare lo iodio?


CATEGORIE: Salute , Infanzia

fukushima
Centrale nucleare di Fukushima, Giappone

Come ho scritto in un mio recente articolo (Ripercussioni sanitarie in caso di disastro nucleare), anche se dicono che la nube radioattiva giapponese è giunta oggi (23 marzo 2011) sopra il nostro Paese, non credo che ci siano dei reali pericoli per noi e, in modo particolare, per i nostri figli.
Nel suddetto articolo, infatti, avevo spiegato che i bambini, specie quelli molto piccoli, sono particolarmente a rischio di danni tiroidei quando nell’ambiente (aria, acqua e/o cibo) sono presenti in concentrazione eccessiva dei composti radioattivi di un isotopo dello iodio (mi riferisco specificatamente allo iodio-131).

Riflettendo comunque su questa nostra società sempre più inquinata e squilibrata sotto tutti i punti di vista (non mi riferisco solo all’ambiente in cui viviamo e cioè agli squilibri esterni a noi, ma mi riferisco pure agli squilibri interni a noi che coinvolgono tutto il nostro sistema psiconeuroendocrinoimmunologico [PNEI] e, purtroppo, paiono interessare anche i nostri figli più piccoli), ho pensato che non si può escludere che anche basse concentrazioni di sostanze radioattive alterino degli equilibri endocrini già instabili o debolmente stabili dando il via a reazioni patologiche in alcuni particolari soggetti (anche se considero questa evenienza molto rara).

Ho pensato allora di scrivere questo secondo articolo per fornire dei consigli pratici aggiuntivi e più specifici di quelli inseriti nell’articolo precedente.

Per iniziare, dividerei le persone teoricamente fruitrici di questi consigli in 3 gruppi:
1) Persone a basso rischio di essere danneggiate dalle sostanze radioattive.
2) Persone a medio rischio di essere danneggiate dallo iodio radioattivo.
3) Persone ad alto rischio di essere danneggiate dallo iodio e da altre sostanze radioattive.


Come si può vedere da questo tipo di raggruppamento, ho differenziato il rischio di danno da iodio radioattivo da quello fornito dall’associazione tra iodio e anche altri isotopi radioattivi (mi riferisco in particolare al cesio e altri composti meno frequenti ma a molto più lunga emivita).
È palese che tutti questi consigli sono generici e che vanno sempre sottoposti al vaglio del medico che segue la persona. In particolare, chi può essere seguito da un medico omeopata, deve chiedere il suo permesso prima di assumere i sottostanti rimedi omeopatici, affinché questi ultimi non contrastino con un’eventuale terapia omeopatica in atto. Ricordo infine che, per quanto riguarda l’omeopatia, la terapia più importante non è quella sottostante (che non può essere ovviamente personalizzata), ma è rappresentata dall’assunzione del “simillimum”.
A parte questo distunguo, per tutti gli altri casi possono essere utili i sottostanti consigli.

GRUPPO 1 - Persone a basso rischio di essere danneggiate dalle sostanze radioattive
Questo gruppo, che a mio avviso ingloba la quasi totalità delle persone del nostro Paese, è formato essenzialmente dai seguenti soggetti:
- persone verosimilmente sane;
- persone che in passato non hanno mai avuto disturbi alla tiroide;
- persone che seguono un’alimentazione sana e una sana igiene di vita (cfr tre miei libri: Verso una nuova Medicina e; L’Uomo, la Malattia e il suo Trattamento - Vol. III e L’Uomo, la Malattia e il suo Trattamento - Vol. IV);
- persone che non si recheranno a breve termine in Giappone o nei Paesi limitrofi.
A questi soggetti non consiglio alcun trattamento specifico di prevenzione dei danni da sostanze radioattive relative al disastro nucleare giapponese, perché quest’ultimo è considerato alcune migliaia di volte meno pericoloso per la nostra salute del disastro di Chernobyl (molto più potente e territorialmente vicino a noi).
Se proprio qualcuno desidera a tutti i costi assumere qualcosa, consiglierei un trattamento omeopatico di questo tipo:
- se il soggetto è una persona calorosa, vigorosa e piena di energia: Sulphur jodatum 9ch – 5 gocce a giorni alterni, a stomaco vuoto, dopo aver agitato bene il flacone, per circa 15 giorni;
- se il soggetto è invece più debole, stanco e specialmente se ha talvolta qualche dolore osteoarticolare e beneficia del calore esterno: Radium bromatum 9ch – 5 gocce a giorni alterni, a stomaco vuoto, dopo aver agitato bene il flacone, per circa 15-20 giorni.

GRUPPO 2 - Persone a medio rischio di essere danneggiate dallo iodio radioattivo
A questo gruppo appartengono essenzialmente:
- persone affette da patologie croniche, specialmente a carico della tiroide, dell’ipofisi o comunque patologie di tipo endocrinologico;
- bambini piccoli, specialmente sotto i 6 anni di età e in modo particolare se sono deboli e presentano frequenti patologie infettive o che coinvolgono anche gli altri rami del sistema immunitario (patologie allergiche e/o autoimunitarie);
- bambini ritenuti sani ma che hanno una costituzione fisica debole, mangiano poco e presentano linfonodi del collo, adenoidi e/o tonsille ingrossate;
- persone che hanno un’alimentazione poco sana e una non buona igiene di vita.

A tali soggetti consiglio:
- Bambini di 0-3 anni: Ioduro di Potassio in soluzione acquosa 50% - 1 goccia/die per soli 4 giorni e Radium bromatum 9ch – 3 gocce lunedì e giovedì, a stomaco vuoto (dopo aver agitato bene il flacone), per 4 settimane.
- Bambini di 4-7 anni: Ioduro di Potassio in soluzione acquosa 50% - 2 gocce/die per soli 4 giorni e Radium bromatum 9ch – 3 gocce lunedì e giovedì, a stomaco vuoto (dopo aver agitato bene il flacone), per 4 settimane.
- Bambini di 8-12 anni: Ioduro di Potassio in soluzione acquosa 50% - 2 gocce mattina e sera per soli 4 giorni e Radium bromatum 9ch – 4 gocce lunedì e giovedì, a stomaco vuoto (dopo aver agitato bene il flacone), per 4 settimane.
- Ragazzi di 13-18 anni: Ioduro di Potassio in soluzione acquosa 50% - 3 gocce mattina e sera per soli 4 giorni e Radium bromatum 9ch – 4 gocce lunedì, mercoledì e venerdì, a stomaco vuoto (dopo aver agitato bene il flacone), per 4 settimane.

- Adulti: Soluzione di Lugol Forte (al 5%) - 5 gocce 3 volte al giorno per soli 4 giorni e Radium bromatum 9ch – 5 gocce lunedì, mercoledì e venerdì, a stomaco vuoto (dopo aver agitato bene il flacone), per 4 settimane.



GRUPPO 3 - Persone ad alto rischio di essere danneggiate dallo iodio e da altre sostanze radioattive
A questo gruppo appartengono tutte le persone (ma specialmente quelle del Gruppo 2) ma che hanno l’aggravante di doversi recare in Giappone o nei Paesi limitrofi per un breve periodo o di trovarsi in quelle zone oppure di trovarsi in condizioni di essere contaminate dallo iodio-131 (in tutti questi casi, comunque, raccomando che il trattamento sottostante venga associato ad una adeguata visita medica, meglio se di tipo omeopatico).

A tali soggetti consiglio:
- Bambini di 0-3 anni: Ioduro di Potassio in soluzione acquosa 50% - 1 goccia/die per 4 giorni (da ripetere dopo una pausa di 15 giorni), con Radium bromatum 9ch – 3 gocce lunedì e giovedì, a stomaco vuoto (dopo aver agitato bene il flacone), per 4 settimane e con X-ray 30ch – 3 gocce il sabato, a stomaco vuoto (dopo aver agitato bene il flacone), per circa 8 settimane.
- Bambini di 4-7 anni: Ioduro di Potassio in soluzione acquosa 50% - 2 gocce/die per 4 giorni (da ripetere dopo una pausa di 15 giorni), con Radium bromatum 9ch – 3 gocce lunedì e giovedì, a stomaco vuoto (dopo aver agitato bene il flacone), per 4 settimane e con X-ray 30ch – 3 gocce il sabato, a stomaco vuoto (dopo aver agitato bene il flacone), per circa 8 settimane.
- Bambini di 8-12 anni: Ioduro di Potassio in soluzione acquosa 50% - 2 gocce mattina e sera per 4 giorni (da ripetere dopo una pausa di 10 giorni), con Radium bromatum 9ch – 4 gocce lunedì e giovedì, a stomaco vuoto (dopo aver agitato bene il flacone), per 4 settimane e con X-ray 30ch – 4 gocce il sabato, a stomaco vuoto (dopo aver agitato bene il flacone), per circa 8 settimane.
- Ragazzi di 13-18 anni: Ioduro di Potassio in soluzione acquosa 50% - 3 gocce mattina e sera per 4 giorni (da ripetere dopo una pausa di 10 giorni), con Radium bromatum 9ch – 4 gocce lunedì, mercoledì e venerdì, a stomaco vuoto (dopo aver agitato bene il flacone), per 4 settimane e con X-ray 30ch – 4 gocce il sabato, a stomaco vuoto (dopo aver agitato bene il flacone), per circa 8 settimane.
- Adulti: Soluzione di Lugol Forte (al 5%) - 5 gocce 3 volte al giorno per 4 giorni (da ripetere dopo una pausa di 10 giorni), con Radium bromatum 9ch – 5 gocce lunedì, mercoledì e venerdì, a stomaco vuoto (dopo aver agitato bene il flacone), per 4 settimane e con X-ray 30ch – 5 gocce il sabato, a stomaco vuoto (dopo aver agitato bene il flacone), per circa 8 settimane.




Ai bambini ho preferito sostituire la Soluzione di Lugol Forte al 5% con la soluzione acquosa al 50% di Ioduro di Potassio, perché quest’ultima è più diluita e quindi più facilmente dosabile.



Bibliografia:
- Gava R. L’Uomo, la Malattia e il suo Trattamento - Vol. III - Terapie ad azione sul corpo: Igiene di Vita Parte B: Nozioni generali di dietetica, Elementi nutritivi, Lavorazione degli alimenti, Tossicologia alimentare. Edizioni Salus Infirmorum, Padova, 1999
- Gava R. L’Uomo, la Malattia e il suo Trattamento - Vol. IV - Terapie ad azione sul corpo: Igiene di Vita Parte C: Caratteristiche nutrizionali degli alimenti, Consigli pratici. Edizioni Salus Infirmorum, Padova, 1999
- Gava R. Verso una nuova Medicina. Edizioni Salus Infirmorum, Padova, 3a ed., 2009.
- Vermeulen F. Materia Medica Sinottica - 1° vol. Edizioni Salus Infirmorum, Padova, 2007
- Vermeulen F. Materia Medica Sinottica - 2° vol. Edizioni Salus Infirmorum, Padova, 2007



Hai un account google? clicca su:







Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  o o o o o  | Votazioni (1)

Articoli di Roberto Gava

Come sospettare e correggere una debolezza immunitaria dei nostri figli 24 MAG 2016 INFANZIA
Obesità e cancro: le conseguenze della cattiva alimentazione 16 FEB 2016 ALIMENTAZIONE
Mangiare la carne fa bene o male alla salute? 12 FEB 2016 ALIMENTAZIONE
Educazione alimentare per una corretta Igiene di Vita 8 FEB 2016 ALIMENTAZIONE
SOS Alimentazione Pediatrica: dobbiamo cambiare l’alimentazione dei nostri bambini 11 DIC 2015 ALIMENTAZIONE
La verità sugli studi sul vaccino antinfluenzale 26 NOV 2015 VACCINAZIONI
Le falsità sull'AIDS: un altro inganno della nostra "Scienza Moderna"? 4 NOV 2015 DENUNCIA SANITARIA
Vaccinazioni Pediatriche: Lettera aperta al Presidente dell'Istituto Superiore di Sanità 20 OTT 2015 VACCINAZIONI
Raccomandazioni per la Somministrazione di Diete Vegetali e Integrali nella Ristorazione Scolastica e Ospedaliera 17 OTT 2015 ALIMENTAZIONE
Perché voglio ammalarmi? 2 OTT 2015 MEDICINA PREVENTIVA
Importante riconoscimento alla Dr.ssa Patrizia Gentilini, oncologa e studiosa dei danni dell’inquinamento ambientale 30 SET 2015 SALUTE
Il vaccino Morbillo Parotite Rosolia in una ragazza di 30 anni 16 SET 2015 VACCINAZIONI
Solo la prevenzione può aiutarci contro le malattie cardiache e il cancro 11 SET 2015 SALUTE
Conoscere e prevenire le patologie cardiovascolari e il cancro: una proposta di cammino insieme 29 LUG 2015 SALUTE
Vaccini, non c'è una verità 10 LUG 2015 VACCINAZIONI
Vaccino anti-papillomavirus: lanciato un appello per la sospensione 8 GIU 2015 VACCINAZIONI
Il vaccino contro il morbillo: ecco in cosa dissento dal Prof. Garattini 3 GIU 2015 VACCINAZIONI
Vuoi aiutarci a valutare l'efficacia della vaccinazione antinfluenzale? 2 MAG 2015 VACCINAZIONI
Ecco come la malattia ci insegna a vincere lo stress che l’aveva causata 30 MAR 2015 SALUTE
Prevenzione e terapia dello stress 25 MAR 2015 SALUTE
Prevenzione delle patologie pediatriche (parte seconda): importanza dell'ambiente per la maturazione del sistema immunitario infantile 18 FEB 2015 INFANZIA
Prevenzione delle patologie pediatriche (parte prima): permettiamo al sistema immunitario del neonato di maturare 16 FEB 2015 INFANZIA
Un augurio per l'anno nuovo: ridurre gli psicofarmaci pediatrici 1 GEN 2015 DENUNCIA SANITARIA
Alcune riflessioni sull'influenza, sul vaccino e sulla loro mortalità 7 DIC 2014 VACCINAZIONI
L'Alimentazione che può prevenire e curare le tue malattie 15 OTT 2014 ALIMENTAZIONE
Vaccini pediatrici e autismo, le ricerche di Singh 14 LUG 2014 VACCINAZIONI
Siamo noi stessi la causa delle nostre patologie? 2 MAG 2014 SALUTE
Deve cambiare il paziente, ma anche la nostra medicina moderna 24 MAR 2014 SALUTE
La storia d’Italia nella mortalità infantile 10 FEB 2014 SALUTE
Come personalizzare la terapia omeopatica dell'influenza 3 FEB 2014 SALUTE

Tutti gli articoli di Roberto Gava







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione