Denuncia sanitaria

No agli allevamenti intensivi: benessere animale e non solo

Fonte: Valori (Rivista)


CATEGORIE: Denuncia sanitaria

allevamenti intensivi
Gli allevamenti intensivi impongono l’uso smodato di antibiotici che potrebbero incentivare i super-batteri. Cambiare strada è anche un’esigenza sanitaria

Si teme «un ritorno agli anni bui della medicina». Durissimo il commento del premier inglese David Cameron sul rapporto del Dipartimento per le emergenze nazionali sui batteri resistenti agli antibiotici. Le cifre lasciano poco spazio all'ottimismo. Oltremanica un'epidemia di infezioni da super- batteri potrebbe produrre 200mila contagi e 80mila decessi. Negli Usa, stando ai Centers for Disease Control and Prevention, si aggirano su due milioni di infezioni e 23mila decessi l'anno.

 

I motivi son presto detti: usiamo troppi antibiotici. In medicina, veterinaria, zootecnia, agricoltura. Così i batteri mutano.

 

In Europa dal 2006 non si possono usare antibiotici per stimolare la crescita di pollo, manzo o maiale. Ma si somministrano al primo segno di infezione, per evitare contagi nei sovraffollati allevamenti industriali. Su 250 petti di pollo italiani analizzati da Altroconsumo, 195 contenevano super-batteri. Di fronte alla bufera mediatica, anche McDonald's Usa ha promesso di affidarsi solo a fornitori che si limitano agli ionofori (non usati per l'uomo).

 

ALLEVAMENTI-MONSTRE

Il dito è puntato contro allevamenti intensivi come La ferme des mille vaches, la mega-stalla con mille mucche e un impianto da biogas da 1,3 MW costruita a Drucat, nella Somme. Per non parlare di quelli dei broilers, i polli più diffusi . Per soddisfare la domanda sempre più vorace – raccontavamo su Valori di aprile – non bastano più polli "normali" (il loro peso medio è quintuplicato in cinquant'anni) né allevamenti "normali" (in Cina nel 1998 le aziende con meno di 2mila capi coprivano il 62% della produzione, oggi il 30%). Lo scenario- tipo è quello di capannoni lunghi 100 metri e larghi almeno 12, con una densità minima di 15 animali per metro quadro.

 

Non va meglio ai maiali, spiega l'Economist. In una Cina che ne produce e consuma 500 milioni l'anno, le fattorie con meno di cinque capi, che negli anni Ottanta coprivano il 95% della produzione, hanno ceduto il passo ai mega-siti industriali che sfornano 100mila suini l'anno, facendoli vivere su letti di metallo.

 

E I NOSTRI ALLEVATORI?

Così, come la bottega abbassa le serrande di fronte ai megastore, i piccoli allevatori accusano il colpo. Coldiretti svela che in Italia con la crisi ha chiuso una stalla su cinque, perdendo 32mila posti di lavoro. Dal 1° aprile, inoltre, le quote latte sono in pensione. «I produttori lituani, polacchi, irlandesi, olandesi possono quindi raddoppiare la produzione dall'oggi al domani.

 

E noi, con una produzione casearia unica al mondo, fermi a guardare», denuncia Giorgio Apostoli, responsabile Zootecnia di Coldiretti. Se i 20mila piccoli allevamenti nelle zone montane e isolate soffrono, ci perdiamo tutti. In termini di occupazione, biodiversità («Pensiamo alla cinta senese, al nero di Caserta o dei Nebrodi, alla vacca frisona o bianca nera»), tutela del territorio: «Il calpestio di una vacca marchigiana o chianina preserva il suolo da erosioni e smottamenti».

 

Che fare? «Nel libero mercato non si possono limitare le importazioni. Ma il consumatore dev'essere informato», dichiara Apostoli. Che ipotizza "un'etichetta di eticità": «Chi vuole comprare carne o latte da un mega-allevamento estero è libero di farlo. Ma è libero anche di sapere se ciò che mangia è etico».



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Valentina Neri

Per salvare la campagna riscopriamo la città 3 APR 2015 ATTUALITà
Malati di gioco 2 MAG 2013 ATTUALITà
Sulla strada di un tessile green 28 MAR 2013 ATTUALITà
Incentivi all’energia, carbone e petrolio battono le rinnovabili 19 MAR 2013 ATTUALITà
Ghiacciai in ritirata 25 GEN 2013 ATTUALITà
Quando sole e vento possono bastare 20 DIC 2012 ATTUALITà
Beni culturali: la miopia del Belpaese 18 DIC 2012 ATTUALITà
L’altra economia trova casa a Mestre 26 LUG 2012 ATTUALITà
Numeri Expo-nenziali e terreni che valgono oro 30 MAR 2012 ATTUALITà
Expo al bivio, tra verde e cemento 30 MAR 2012 ATTUALITà






Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione