Denuncia sanitaria

Neonata morta a Boscotrecase: 'sconvolgenti parole dei medici'


CATEGORIE: Denuncia sanitaria

ospedale boscotrecase
Neonata morta a Boscotrecase: 'sconvolgenti parole dei medici'

Nel novembre 2010 la piccola Antonia era morta poco dopo la nascita all'ospedale civile di Boscotrecase, in provincia di Napoli. Il caso aveva portato al fermo del primario del reparto di ginecologia dell'ospedale di Boscotrecase e di un'ostetrica che opera nella stessa struttura. I due operatori hanno ottenuto gli arresti domiciliari. Un terzo indagato, un ginecologo dello stesso ospedale di Boscotrecase, ha ricevuto la misura del divieto di dimora.  L'indagine è nata a seguito della denuncia del padre della piccola, che dopo la morte della neonata aveva “lamentato l'imperizia e la negligenza del personale medico che aveva assistito al parto della moglie”.

Negli ultimi giorni il caso è tornato sotto i riflettori per le parole dei medici emerse da alcune intercettazioni.

“Le parole dei medici registrate nelle intercettazioni relative al caso della morte della piccola Antonia sono sconvolgenti. Sconcertanti”. È quanto ha affermato all'Adnkronos Salute l'avvocato Michele Riggi, che tutela i genitori della piccola.  “Uno dei camici bianchi accusati di omicidio colposo, che al momento della falsificazione e sostituzione della cartella clinica aveva effettuato una registrazione ambientale con il proprio telefonino, ha infatti deciso di consegnare quanto registrato al pubblico ministero”.

Una registrazione, diffusa sul sito del 'Corriere della Sera', sembra mettere con le 'spalle al muro' i medici dell'ospedale. La registrazione finita in mano al pm contiene frasi scioccanti: i medici che avevano partecipato al parto, nel tentativo di "intorbidire" le acque, discutono su come "confezionare" una nuova cartella clinica per scaricarsi delle proprie responsabilità. Nella registrazione i medici si scambiano frasi del tipo: “Vediamo di metterla a posto ora che si può fare, domani potrebbero sequestrarla...”, e utilizzano parole ingiuriose nei confronti della piccola.

L'avvocato Riggi ha spiegato che a questo punto il prossimo passo della vicenda è in programma per giovedì, giorno d'inizio dell'udienza preliminare dinanzi al gup. L'avvocato, che insieme ad Antonio Cirillo tutela i genitori della piccola Antonia, riferisce infine di aver provveduto a citare “per responsabilità civile anche l'Asl 5 di Napoli”.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

L'allattamento esclusivo al seno eviterebbe 820.000 decessi 17 LUG 2019 INFANZIA
Così i social media aumentano la depressione degli adolescenti 17 LUG 2019 DENUNCIA SANITARIA
Cartello sui farmaci: il Consiglio di Stato conferma la condanna a Roche e Novartis 17 LUG 2019 DENUNCIA SANITARIA
Alzheimer: dipende dai geni o dallo stile vita? 15 LUG 2019 SALUTE
Dieci consigli per combattere la stanchezza estiva 15 LUG 2019 SALUTE
Pfas: dirigenti della Miteni rinviati a giudizio per disastro e avvelenamento 12 LUG 2019 DENUNCIA SANITARIA
Il Dna dei centenari può ringiovanire il cuore 12 LUG 2019 MEDICINA PREVENTIVA
Le bevande zuccherate possono aumentare il rischio tumori 12 LUG 2019 ALIMENTAZIONE
Alcuni cibi aumentano il rischio di scottature 10 LUG 2019 ALIMENTAZIONE
Da oggi in Europa solo pesce d'importazione 10 LUG 2019 ALIMENTAZIONE
Infarto? Ogni minuto conta 8 LUG 2019 SALUTE
La musica che amiamo è un antidoto allo stress 8 LUG 2019 MEDICINA PREVENTIVA
L'Austria vieta il glifosato 5 LUG 2019 DENUNCIA SANITARIA
Bimbi sicuri al mare e in piscina: come evitare i rischi 2 LUG 2019 INFANZIA
Perché e come assumere sali minerali in estate 2 LUG 2019 ALIMENTAZIONE
Centinaia di bambini pakistani contraggono l'HIV. Siringhe usate sotto accusa 1 LUG 2019 DENUNCIA SANITARIA
Come prevenire l'orticaria in estate 1 LUG 2019 SALUTE
Ricerca sul cancro: documenti ritoccati. Ma in Italia non è reato 1 LUG 2019 DENUNCIA SANITARIA
Medicinali omeopatici. Commissione UE dice NO a proposta di cambiargli nome da 'farmaci' a 'sostanze' 28 GIU 2019 OMEOPATIA
PFAS: in peggioramento lo stato di qualità di molti fiumi 28 GIU 2019 DENUNCIA SANITARIA
L'Omeopatia ha il patrocinio del principe Carlo 28 GIU 2019 OMEOPATIA
Bambini: gli sport consigliati in caso di asma 28 GIU 2019 INFANZIA
Un batterio killer ha scatenato un'epidemia nel Regno Unito. Già 12 i morti 28 GIU 2019 DENUNCIA SANITARIA
Le polveri sottili riducono la fertilità delle donne 26 GIU 2019 DENUNCIA SANITARIA
Rosso pesticidi: cosa c'è dentro i pomodori che mangiamo? 26 GIU 2019 ALIMENTAZIONE
Omeopatia. Un medico di famiglia su cinque la prescrive 24 GIU 2019 OMEOPATIA
Una persona su tre nel mondo senza acqua potabile sicura 24 GIU 2019 DENUNCIA SANITARIA
Come l'ipermedicalizzazione fa male alla salute 19 GIU 2019 DENUNCIA SANITARIA
Infezioni resistenti: in viaggio le contraggono 500mila italiani! 19 GIU 2019 DENUNCIA SANITARIA
Il cibo contaminato provoca 200 malattie e 420mila morti ogni anno 19 GIU 2019 ALIMENTAZIONE

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione