Natale, Federalberghi: 24 mln di italiani non partono per motivi economici

Fonte: Help Consumatori



Natale, Federalberghi: 24 mln di italiani non partono per motivi economici
24 mln di italiani non partono per motivi economici

24 milioni di italiani non potranno andare in vacanza durante le feste per motivi economici. A partire saranno poco più di 14 milioni di italiani, mentre i rimanenti 46 milioni rimarranno a casa. Sono dati complessivamente in equilibrio rispetto a quelli del 2010, con l’eccezione rappresentata dall’aumento (erano 19 milioni l’anno scorso) di persone che non potrà partire perché non ci sono soldi, motivo addotto dal 51,9% di chi non parte.

Aumenta dunque il numero di persone giunte alla soglia di “povertà turistica”.Il dato emerge da un’indagine previsionale sulle vacanze di Natale e Capodanno realizzata da Federalberghi con il supporto tecnico dell’istituto ACS Marketing Solutions.

Spiega il presidente Federalberghi Bernabò Bocca: “Le ormai imminenti vacanze natalizie saranno caratterizzate dalla difficile congiuntura, al punto che il 75% della popolazione dichiara che l’attuale situazione politico-economica condizionerà i consumi turistici non solo delle festività ma anche dei prossimi mesi.

Complessivamente 14,3 milioni di italiani effettueranno una vacanza a Natale e/o a Capodanno, – prosegue Bocca – dato che eguagliando il risultato del 2010  rappresenta un segnale di stagnazione che evidenzia come il settore si trovi a vivere un passaggio delicatissimo della propria storia. Ciò vuol dire che i restanti 46 milioni di italiani non si sposteranno da casa durante le festività e di essi addirittura 24 milioni (rispetto ai 19 milioni del 2010) non lo potranno fare per motivi economici”.

A partire, fra Natale e Capodanno, sarà quasi il 24% della popolazione. Il giro d’affari determinato da questo movimento turistico assommerà a circa 8 miliardi di euro (+3% rispetto al 2010), incremento che, spiega Federalberghi, “assorbe a mala pena il tasso di inflazione”.

Natale partiranno in 7,3 milioni dalla propria città: sono persone che fondamentalmente rimarranno in Italia (86% del campione) e che, in vacanza, prediligono la montagna (43,5%). Sommando la destinazione, emerge però che solo il 29,8% alloggerà in albergo: l’alloggio preferito sarà infatti la casa di parenti o amici per il 31,7% degli italiani, e la casa di proprietà per il 21,9%. La spesa media procapite di chi sarà in vacanza a Natale è di610 euro, in particolare di poco meno di 500 euro se si rimane in Italia e di 1457 euro per chi invece va all’estero.

Capodanno si sposteranno circa 7 milioni di italiani, con una flessione del 4,8% rispetto allo scorso anno. In gran parte rimarranno in Italia (89%) e la vacanza preferita sarà ancora in montagna (48,8%) seguita da una città diversa da quella di residenza (19,8%). In albergo si recherà il 31,9% degli italiani, mentre circa il 40% si recherà in una casa – di parenti o amici o di proprietà. La spesa media procapite di Capodanno sarà di 508 euro e, in particolare, di 451 euro se si rimane in Italia e di 957 euro per chi va all’estero.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione

Moige: "coercitivo e discriminante l'obbligo di vaccinazione in Emilia Romagna" 25 NOV 2016 VACCINAZIONI
Codacons: mobilitazione per ottenere solo i 4 vaccini obbligatori 25 NOV 2016 VACCINAZIONI
Codacons: "incostituzionale l'obbligo di vaccinazione in Emilia Romagna" 23 NOV 2016 VACCINAZIONI
Resistenza agli antibiotici, cosa sta facendo il Governo? 22 NOV 2016 DENUNCIA SANITARIA
Veneto, PFAS e altri PFC mettono a rischio la salute 16 NOV 2016 DENUNCIA SANITARIA
Bimbo rimase sordo dopo un vaccino inefficace. Maxi risarcimento alla famiglia 27 OTT 2016 VACCINAZIONI
Vaccini: codacons avvia class action per famiglie che segnalano danni da vaccino 25 OTT 2016 VACCINAZIONI
Seminario “La relazione di aiuto – Nuove frontiere in Floriterapia” 12 OTT 2016 CONVEGNI
Vaccini, "censura inaccettabile": Codacons denuncia il Senato 3 OTT 2016 VACCINAZIONI
Conflitti di interesse in oncologia: ecco i numeri 12 SET 2016 DENUNCIA SANITARIA
Terremoto: anche l'omeopatia in aiuto alle persone colpite 31 AGO 2016 OMEOPATIA
Rimedi omeopatici per il mal di pancia nei bambini 3 AGO 2016 OMEOPATIA
Il test anticorpale: la scelta alternativa alle vaccinazioni per gli animali 28 LUG 2016 ANIMALI
Elogio dell'Omeopatia 16 MAG 2016 OMEOPATIA
Omeopatia: "maggiore attenzione da parte delle istituzioni" 13 APR 2016 OMEOPATIA
Rimedi omeopatici per i dolori causati dal cancro 1 MAR 2016 OMEOPATIA
Pesticidi: associazioni chiedono la messa la bando del glifosato 29 FEB 2016 DENUNCIA SANITARIA
Medicina omeopatica: confermato il significativo ruolo sociale nella Salute Pubblica 25 FEB 2016 OMEOPATIA
Abbigliamento outdoor: “troppe sostanze chimiche” 25 GEN 2016 DENUNCIA SANITARIA
Assis: non partecipiamo alla battaglia dei vaccini, preferiamo ragionare 13 GEN 2016 VACCINAZIONI
Omeopatia per la cura del cancro 11 GEN 2016 OMEOPATIA
Cemon: "Da Unda campagna denigratoria contro di noi" 14 DIC 2015 OMEOPATIA
I veleni dell'Ilva 2 NOV 2015 DENUNCIA SANITARIA
Recanati: "bambina di sei anni sviene dopo il vaccino" 29 OTT 2015 VACCINAZIONI
Psicofarmaco per bambini inefficace e pericoloso: “la GlaxoSmithKline ha alterato i dati” 28 OTT 2015 INFANZIA
“Vaccinazioni rischiose, l’ho provato con mio figlio” 23 OTT 2015 VACCINAZIONI
California: vaccini contenenti mercurio a bambini e donne in gravidanza? 12 OTT 2015 VACCINAZIONI
Lettera di una mamma con figlio – presunto – autistico 10 SET 2015 AUTISMO
Adulti iperattivi: “una nuova operazione di marketing farmaceutico” 19 GIU 2015 DENUNCIA SANITARIA
Vaccini, Antitrust avvia un’indagine conoscitiva. 'Prezzi sono in aumento' 27 MAG 2015 VACCINAZIONI

Tutti gli articoli di Redazione







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione