Salute

La musica come terapia. È questione di gusti!

Fonte: terranauta.it


CATEGORIE: Salute

musica
La musica è l’unica terapia che, autoprescritta, non ha controindicazioni per la salute

Chi può, meglio di noi, conoscere quale armonia di suoni è più efficace per il nostro benessere psicofisico?
Il tema della musicoterapia non è nuovo: già nel diciassettesimo secolo si parlava di Musicoterapia e dei suoi effetti sulle cellule dell’organismo umano.

Gli effetti terapeutici della musica sono in grado di modificare l’attività del sistema nervoso vegetativo; una bella canzone è in grado di modulare complesse attività nervose. Più in generale, è corretto dire che la musica possiede effetti calmanti sulla mente umana e risveglia lo spirito nascosto.

È la voce dell’anima, in grado di diminuire lo stress accumulato durante il giorno, provocato dalla frenesia delle nostre azioni, dagli orari da rispettare, dal traffico e dall’inquinamento acustico: la strategia che ci propone, per rilassarci, è quella antagonista al caos sonoro. Talvolta il frastuono che ci assorda non è fuori di noi, è dentro e la musica può essere un antidoto al rumore dell’anima.

Viene spontaneo chiedersi quale sia la musica ideale per ottenere benefici all’organismo. Sembra scontato indicare la musica new age o la musica classica, insieme a tutta la musica melodica; in realtà la risposta che si può dare è duplice. Se da un lato è preferibile scegliere la musica che neutralizzi la soglia del rumore e armonizzi le nostre naturali vibrazioni interne con lo stato alterato dell’uomo causato dall’ambiente, dall’altro si può optare per brani pur sempre melodici come il jazz, il pop o il blues, purchè rispettino, il più possibile, i parametri di tempo e ritmo: 60 bpm.

Il battito cardiaco dell’uomo, in normali condizioni di rilassamento, è infatti di circa 60 battiti al minuto: raggiungerlo significa sentirsi bene fisicamente e mentalmente. Durante questa fase accrescono le capacità creative dell’individuo, amplificate con significativi benefici, che consentono il recupero di quell’energia vitale esaurita a causa dell’elevato tasso di stress. Il nostro corpo tenterà, in modo naturale, di adeguarsi al ritmo imposto dalla melodia, dal battito istintivo del piede al movimento della mano, delle dita o di tutto il corpo, influendo sul battito cardiaco. È stato accertato che il cuore può anche determinare le preferenze musicali di ciascuno di noi.

Sembrerebbe ovvio affermare che soltanto la musica che rispetti i 60bpm sia rilassante. Alcuni studi scientifici hanno riscontrato che non esiste in assoluto una relaxing music. Ogni individuo ha una certa formazione e cultura musicale che porta a considerare sgradevoli alcuni generi, relativizzando in questo modo il concetto di relax.

Il rilassamento si ottiene liberando la mente, muovendo il corpo, battendo mani e piedi, sprigionando quell’energia che distende i muscoli e i nervi, influendo anche sullo stato umorale.

E la new age è la soluzione per un relax totale? Forse quando negli anni 80 si è affermata ed è diventata fenomeno di massa aveva un senso. Gli yuppies non avevano tempo per l’esperienza diretta della natura e preferivano l’ascolto di registrazioni dello sciabordio delle onde, dei suoni della Savana africana e del vento di montagna.

Ma negli ultimi vent’anni l’uomo è profondamente cambiato: sente il bisogno di vivere la natura che lo circonda, riconoscendone anche il valore terapeutico. L’uomo oggi cerca il benessere fisico emozionandosi davanti a un tramonto in riva al mare, sentendo e vivendo l’ambiente in cui quei suoni sono prodotti.

Quale emozione potrebbe dare lo stesso suono riprodotto nel soggiorno della propria casa? E siamo proprio certi che a tutti piaccia sentire, alle cinque del mattino, il cinguettio di uno stormo di merli? Sono i suoni della natura così rilassanti?

Il vero relax dell’uomo moderno consiste nel trovare il tempo per ascoltare qualsiasi forma di musica, sia essa ritmata o meno, purché sia gradita in quel preciso istante e capace di entrare in risonanza con la parte più profonda di noi. L’invito è rivolto a tutti gli amanti della musica e non solo: impariamo a ricercare il benessere assecondando i nostri gusti. Diventiamo medici di noi stessi, ascoltiamo le musiche di cui sentiamo il bisogno. E speriamo che la scelta della musica non risulti stressante!



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x x  | Votazioni (1)







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione