Recensioni

Multidisciplinarietà in Medicina


CATEGORIE: Recensioni , Salute

Multidisciplinarietà in Medicina
Multidisciplinarietà in Medicina

Sto leggendo Multidisciplinarietà in Medicina, il nuovissimo libro della Dr.ssa Lucia Gasparini, endocrinologa romana, appena pubblicato dalle Edizioni Salus Infirmorum, e ne sono entusiasta: è il più bel libro di Medicina che abbia mai letto.
Sono passati trent'anni da quando mi sono laureato in Medicina e, come tutti i medici che cercano di restare aggiornati a causa del vertiginoso sviluppo delle conoscenze mediche, ho letto centinaia di libri e ne ho più di 2000 nella mia biblioteca, ma nessuno uguaglia questo meraviglioso volume.
La Dr.ssa Gasparini ha lavorato molti anni per riuscire a fare questa sintesi multidisciplinare che non è solo una rigorosa proposta di aggiornamento professionale su branche della Medicina che in questi ultimi decenni sono state totalmente rivoluzionate e su nuovi filoni della Medicina che prima neppure esistevano, ma è molto, molto di più.

Multidisciplinarietà in Medicina fornisce anche una chiave di lettura che riesce a proporre l'utilizzo concreto nella pratica professionale quotidiana di conoscenze ultraspecialistiche e rende possibile questo utilizzo non solo allo specialista, ma pure al medico di base, perché il linguaggio usato è molto semplice e alla portata di tutti.
Anzi, mi spingo addirittura a consigliare questo libro anche ad alcuni non medici che sono innamorati della Medicina, che sono interessati a leggere argomenti di questo tipo e che desiderano approfondire e aggiornare alcuni aspetti delle loro conoscenze. Mi verrebbe quasi da consigliarlo a tutti, perché arriva a trattare i concetti più complessi con la semplicità di colui che possiede perfettamente la materia che sta spiegando e lo fa facendo fare un cammino graduale al Lettore che alla fine giunge ad apprendere concetti che prima sarebbero stati totalmente incomprensibili.

Ma Multidisciplinarietà in Medicina è ancora di più, perché insegna a collegare le varie discipline tra loro. L'uomo è un tutt'uno, lo sappiamo bene, ma nella pratica clinica viene frammentato in tante parti e quasi sempre i vari specialisti gestiscono il malato senza chiedersi (ma tante volte anche senza sapere) se il trattamento specialistico di un distretto corporeo o di una funzione comprometta o meno gli altri distretti e/o le altre funzioni. Ad esempio, quante volte noi cardiologi insistiamo all'esasperazione nel ridurre la colesterolemia ritenendolo un pilastro essenziale nella prevenzione primaria e secondaria della malattia ischemica coronarica e periferica, senza sapere che tutti gli ormoni steroidei (in primis estrogeni, progesterone e testosterone) vengono sintetizzati a partire dal colesterolo e che senza un'adeguata sintesi di tali sostanze l'individuo invecchia precocemente e presenterà sia una ridotta vitalità sia una ridotta capacità di adattamento biologico agli stati fisiologici, parafisiologici e anche patologici della senilità. Dobbiamo cioè capire e adattare ad ogni paziente il consiglio terapeutico più appropriato, ma come possiamo agire in questo modo se ognuno di noi conosce più o meno bene solo una piccola parte più o meno specialistica della complessità della persona umana? Quante volte invece di dare un farmaco ipocolesterolemizzante basterebbe consigliare un'alimentazione a basso indice glicemico? (cfr Ongaro F. Le 10 chiavi della Salute. Ed. Salus Infirmorum, 2010, pag. 129). Quanti medici sanno che il pregnenolone, precursore principale di tutti gli ormoni steroidei e derivato direttamente dal colesterolo, cala con l'invecchiamento ma anche con l'uso delle statine provocando così una carenza di tutti gli ormoni steroidei che derivano da esso con conseguente perdita della funzione di stimolo sul sistema nervoso centrale e mancata protezione delle varie forme di deficienza cognitiva tipiche dell'età senile?

Multidisciplinarietà in Medicina è ricchissimo di spunti di questo tipo e, se letto attentamente e cogliendo gli innumerevoli collegamenti tra le sue parti e cioè tra le varie discipline trattate, ci illumina su molti aspetti della Medicina a cui non avevamo mai pensato e ci apre la mente a nuovi approcci terapeutici e a nuove indagini diagnostiche che saranno sicuramente di estremo aiuto non solo per lo specialista ma essenzialmente per il medico di base.

Ma Multidisciplinarietà in Medicina è ancora di più, perché insegna la metodologia della Medicina, perché ci aiuta a coniugare la Filosofia della Scienza con la Scienza Medica di tutti i giorni, la Medicina quantistica con la Medicina meccanica, cioè la Medicina del futuro con quella dei nostri ambulatori del territorio dove si cura con conoscenze che sono ferme a circa 30-40 anni fa. Si dice infatti che c'è un gap di circa 30 anni tra quello che si sa oggi in Medicina e quello che si fa oggi sul malato che giunge in ambulatorio.
Ebbene, questa imponente opera della Dr.ssa Gasparini ci offre la possibilità di colmare questo gap di conoscenze: ora dipende da ognuno di noi se impegnarci o meno in questa lettura/studio che è propedeutica ad un buon servizio al Malato come persona che, quando siamo stati abilitati alla professione medica, ci eravamo moralmente impegnati a rispettare e salvaguardare.

Ma Multidisciplinarietà in Medicina è stata arricchita con un'altra sorpresa: nonostante le sue qualità specialistiche, ha nel contempo un taglio olistico che, nonostante possa scandalizzare qualcuno, anticipa il futuro e unisce saldamente e indissolubilmente la Medicina Moderna alla Moderna Omeopatia.
È ora di smetterla di perseguire acriticamente e irrazionalmente "pre-giudizi" che non hanno nulla a che vedere con la vera metodologia di indagine scientifica, mentre sono giustificati esclusivamente da interessi personali di economia e di potere, quando non sono la conseguenza di pura e miope ignoranza.
Giustamente, la Dr.ssa Gasparini inserisce l'Omeopatia tra le Scienze Biomediche e dimostra che l'Omeopatia da una parte viene spiegata proprio dalle scoperte scientifiche biomediche di questi ultimi decenni e dall'altra integra meravigliosamente e addirittura contribuisce a spiegare con una nuova chiave di lettura proprio le scoperte suddette. L'Autrice, quindi, mette a confronto il sapere scientifico più recente della Medicina Moderna con le basi teoriche delle conoscenze omeopatiche, basi teoriche però, non dimentichiamolo, che sono avvalorate e dimostrate da 2 secoli di esperienza clinica con milioni di casi clinici guariti in tutto il mondo. Solo l'interesse personale, il pregiudizio e/o l'ignoranza può non valorizzare tutto questo.

Che si voglia o meno, alla luce delle più moderne acquisizioni scientifiche inerenti le scienze biomediche, la Medicina Omeopatica va considerata parte specialistica integrante della Medicina del Futuro e, come spiega abbondantemente la Dr.ssa Gasparini, dovrebbe essere sempre usata come primo approccio terapeutico, grazie alla sua efficacia e innocuità, nella pratica medica ambulatoriale e ospedaliera.
Sono certo che questo connubio caratterizzerà la vera Medicina del Futuro, anche se sono cosciente che ci sono ancora alcuni scogli da superare e che, molto probabilmente, potrebbero venir superati secondo le previsioni fatte cent'anni fa dal fisico tedesco Max Planck, premio Nobel nel 1918. Interpellandosi sulle previsioni inerenti l'utilizzo futuro della fisica quantistica, che ai suoi anni era molto osteggiata dai fisici tradizionalisti, nel suo libro La Filosofia della Fisica egli ha scritto: "Nelle Scienze, una verità nuova non arriva mai a trionfare convincendo gli avversari e portandoli a vedere la luce, ma piuttosto perché alla fine quegli avversari muoiono e matura una nuova generazione a cui quella verità è familiare".

In fin dei conti, ora che ci penso, non escluderei la possibilità che la lettura di Multidisciplinarietà in Medicina possa avere anche quest'ultimo auspicabile pregio: acculturare gli "avversari" affinché non muoiano, ma entrino a pieno titolo nella "nuova generazione" dei Medici del Futuro.

 



Hai un account google? clicca su:


Prodotto Consigliato
Multidisciplinarietà in Medicina  Lucia Gasparini   Salus Infirmorum

Multidisciplinarietà in Medicina

Metodologia - Scienze biomediche - Posizione dell’Omeopatia in ambito scientifico

Lucia Gasparini

La ricerca scientifica è tesa ad un'incessante soluzione di problemi e la conoscenza scientifica cresce e opera nel continuo dissenso, ma sempre orientata verso la teoria vincente. Il metodo scientifico, mediante il percorso delle congetture e delle confutazioni e quindi della falsificabilità fattuale delle teorie, è la… Continua »
Pagine: 832, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Salus Infirmorum
63,67 € 74,90 € (-15%)
 




Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  o o x x x  | Votazioni (2)

Articoli di Roberto Gava

Alcune cose che forse non sapevi sulle allergie 14 OTT 2016 INFANZIA
Quanto è importante il sonno per la salute di tuo figlio? 10 OTT 2016 SALUTE
Acido folico: la vitamina che devi assumere in gravidanza 4 OTT 2016 INFANZIA
Vaccini pediatrici: la Federazione Nazionale dei Medici dimentica i bambini danneggiati 30 LUG 2016 VACCINAZIONI
Raccomandazioni per migliorare le vaccinazioni pediatriche. La storia di Manuel 26 LUG 2016 VACCINAZIONI
Ipertensione arteriosa: come prevenirla e affrontarla? 17 GIU 2016 SALUTE
Come sospettare e correggere una debolezza immunitaria dei nostri figli 24 MAG 2016 INFANZIA
Obesità e cancro: le conseguenze della cattiva alimentazione 16 FEB 2016 ALIMENTAZIONE
Mangiare la carne fa bene o male alla salute? 12 FEB 2016 ALIMENTAZIONE
Educazione alimentare per una corretta Igiene di Vita 8 FEB 2016 ALIMENTAZIONE
SOS Alimentazione Pediatrica: dobbiamo cambiare l’alimentazione dei nostri bambini 11 DIC 2015 ALIMENTAZIONE
La verità sugli studi sul vaccino antinfluenzale 26 NOV 2015 VACCINAZIONI
Le falsità sull'AIDS: un altro inganno della nostra "Scienza Moderna"? 4 NOV 2015 DENUNCIA SANITARIA
Vaccinazioni Pediatriche: Lettera aperta al Presidente dell'Istituto Superiore di Sanità 20 OTT 2015 VACCINAZIONI
Raccomandazioni per la Somministrazione di Diete Vegetali e Integrali nella Ristorazione Scolastica e Ospedaliera 17 OTT 2015 ALIMENTAZIONE
Perché voglio ammalarmi? 2 OTT 2015 MEDICINA PREVENTIVA
Importante riconoscimento alla Dr.ssa Patrizia Gentilini, oncologa e studiosa dei danni dell’inquinamento ambientale 30 SET 2015 SALUTE
Il vaccino Morbillo Parotite Rosolia in una ragazza di 30 anni 16 SET 2015 VACCINAZIONI
Solo la prevenzione può aiutarci contro le malattie cardiache e il cancro 11 SET 2015 SALUTE
Conoscere e prevenire le patologie cardiovascolari e il cancro: una proposta di cammino insieme 29 LUG 2015 SALUTE
Vaccini, non c'è una verità 10 LUG 2015 VACCINAZIONI
Vaccino anti-papillomavirus: lanciato un appello per la sospensione 8 GIU 2015 VACCINAZIONI
Il vaccino contro il morbillo: ecco in cosa dissento dal Prof. Garattini 3 GIU 2015 VACCINAZIONI
Ecco come la malattia ci insegna a vincere lo stress che l’aveva causata 30 MAR 2015 SALUTE
Prevenzione e terapia dello stress 25 MAR 2015 SALUTE
Prevenzione delle patologie pediatriche (parte seconda): importanza dell'ambiente per la maturazione del sistema immunitario infantile 18 FEB 2015 INFANZIA
Prevenzione delle patologie pediatriche (parte prima): permettiamo al sistema immunitario del neonato di maturare 16 FEB 2015 INFANZIA
Un augurio per l'anno nuovo: ridurre gli psicofarmaci pediatrici 1 GEN 2015 DENUNCIA SANITARIA
Alcune riflessioni sull'influenza, sul vaccino e sulla loro mortalità 7 DIC 2014 VACCINAZIONI
L'Alimentazione che può prevenire e curare le tue malattie 15 OTT 2014 ALIMENTAZIONE

Tutti gli articoli di Roberto Gava







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione