Alimentazione

Mozzarelle: 7 su 10 contaminate da batteri



mozzarella-blu
Nel giugno 2010 i carabinieri del Nas di Torino hanno sequestrato circa 70mila mozzarelle

Una decina di stabilimenti controllati, oltre un migliaio di analisi eseguite, una percentuale di positività a microrganismi indesiderati che si aggira attorno al 70%. Questo il bilancio dell'inchiesta condotta dalla procura di Torino sul fenomeno delle mozzarelle blu, scandalo alimentare scoppiato la scorsa estate.

Nel giugno 2010 i carabinieri del Nas di Torino hanno sequestrato infatti circa 70mila mozzarelle prodotte in Germania presso un importante deposito della grande distribuzione che rifornisce moltissimi discount del Nord Italia. Il sequestro è avvenuto in seguito alla segnalazione di una signora che aveva ripreso con la videocamera del telefonino la colorazione blu della mozzarella una volta aperta la confezione.

Sul caso, il procuratore di Torino Raffele Guariniello ha aperto un’inchiesta per violazione della legge 263 del 1962 sull’igiene e la tutela dei prodotti alimentari. Oggi, ad otto mesi di distanza da allora, il pm ha tracciato in un rapporto trasmesso al Ministero della Salute il quadro emerso dalle analisi effettuate da un microbiologo e un chimico dell’Università di Torino.

Gli scienziati hanno preso in esame 1027 campionamenti di latticini ed hanno riscontrato che ben il 67 per cento è risultato positivo a contaminazioni di batteri, tra i quali lo pseudomonas fluorensces, responsabile del caso delle mozzarelle blu.
Sulla base di tale relazione, il pm Guariniello ha iscritto nel registro degli indagati i responsabili di una decina di stabilimenti caseari, sparsi sul territorio italiano.

Le indagini hanno rivelato inoltre che le autorità sanitarie competenti spesso non eseguono i controlli nei caseifici dove, di conseguenza, aumentano le infrazioni. Il problema più comune riguarda il fatto che le aziende, al fine di risparmiare, non utilizzano per raffreddare i macchinari in uso l’acqua potabile, ma quella dei pozzi, che può essere però  inquinata da batteri o da diserbanti e pesticidi che filtrano nel terreno.

“L’inchiesta sulle mozzarelle blu è stata importante per mettere in luce una serie di problemi che debbono essere risolti – ha spiegato la Procura di Torino - però, o viene cambiata la legge oppure i controlli devono essere fatti. Quello che stiamo facendo è un lavoro di supplenza per garantire la sicurezza di un prodotto di ampio consumo come le mozzarelle”.



Hai un account google? clicca su:







Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Alessia Ferla

Dal cioccolato alla barbabietola, dalla natura un valido aiuto contro le malattie 9 SET 2015 ALIMENTAZIONE
Kazakistan: il mistero dell'epidemia di sonno a Kalachi 27 FEB 2015 DENUNCIA SANITARIA
Non c'è posto in 3 ospedali di Catania. La neonata Nicole muore in ambulanza 13 FEB 2015 DENUNCIA SANITARIA
Vitamina D: i consigli per fare il pieno in estate 6 GIU 2014 SALUTE
Torino: donna muore dopo aborto con Ru486. Si indaga sulle cause del decesso 11 APR 2014 ATTUALITà
Lazio: perché il parto in casa resta un miraggio? 31 MAR 2014 SALUTE
Sigarette: ecco le 40 malattie provocate dal fumo 24 GEN 2014 SALUTE
Erbe medicinali cinesi, un aiuto naturale contro il diabete 20 GEN 2014 SALUTE
Omeopatia, un valido aiuto contro ansia e disturbi del sonno 13 GEN 2014 OMEOPATIA
Sanità in tempi di crisi: gli italiani rinunciano a cure mediche e dentista 12 DIC 2013 SALUTE
7 Milioni di italiani saltano la colazione. Quali rischi per la salute? 5 DIC 2013 SALUTE
Epatite A: frutti di bosco surgelati sotto accusa 12 NOV 2013 DENUNCIA SANITARIA
Endometriosi e pesticidi, quale legame? 5 NOV 2013 DENUNCIA SANITARIA
Cavie umane in India, verso il blocco dei test sui farmaci 25 OTT 2013 DENUNCIA SANITARIA
Conflitto di interessi e sicurezza alimentare: Efsa sotto accusa 13 SET 2013 DENUNCIA SANITARIA
Ogm: il Senato approva la clausola di salvaguardia 23 MAG 2013 ALIMENTAZIONE
Multinazionali del cacao: Oxfam denuncia sfruttamento e discriminazione delle lavoratrici 5 APR 2013 ATTUALITà
Caro bebè, quanto mi costi? Ecco i modi per risparmiare 14 MAR 2013 INFANZIA
Scandali alimentari: si allarga il caso della carne di cavallo 19 FEB 2013 ALIMENTAZIONE
Romania: bimbi legati ai letti in ospedale pediatrico 6 FEB 2013 INFANZIA
Mare toscano: mercurio nel pesce 23 GEN 2013 DENUNCIA SANITARIA
Energy drink: in aumento i casi di emergenza 21 GEN 2013 DENUNCIA SANITARIA
Ginseng, l'alternativa naturale al Viagra 10 GEN 2013 SALUTE
Aflatossine nel latte: l'analisi di Altroconsumo 10 GEN 2013 SALUTE
Perché le diete falliscono? 8 GEN 2013 ALIMENTAZIONE
Abuso di analgesici: quali rischi? 12 DIC 2012 SALUTE
Sindrome di Quirra: riesumate altre salme 10 DIC 2012 DENUNCIA SANITARIA
Influenza: no all'abuso di antibiotici. Come prevenirla e curarla a tavola 22 NOV 2012 SALUTE
Fitness in piscina, toccasana per il cuore 16 NOV 2012 MEDICINA PREVENTIVA
Fukushima: alti livelli di radioattività nel pesce 13 NOV 2012 DENUNCIA SANITARIA

Tutti gli articoli di Alessia Ferla







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione