Alimentazione

Mozzarelle: 7 su 10 contaminate da batteri



mozzarella-blu
Nel giugno 2010 i carabinieri del Nas di Torino hanno sequestrato circa 70mila mozzarelle

Una decina di stabilimenti controllati, oltre un migliaio di analisi eseguite, una percentuale di positività a microrganismi indesiderati che si aggira attorno al 70%. Questo il bilancio dell'inchiesta condotta dalla procura di Torino sul fenomeno delle mozzarelle blu, scandalo alimentare scoppiato la scorsa estate.

Nel giugno 2010 i carabinieri del Nas di Torino hanno sequestrato infatti circa 70mila mozzarelle prodotte in Germania presso un importante deposito della grande distribuzione che rifornisce moltissimi discount del Nord Italia. Il sequestro è avvenuto in seguito alla segnalazione di una signora che aveva ripreso con la videocamera del telefonino la colorazione blu della mozzarella una volta aperta la confezione.

Sul caso, il procuratore di Torino Raffele Guariniello ha aperto un’inchiesta per violazione della legge 263 del 1962 sull’igiene e la tutela dei prodotti alimentari. Oggi, ad otto mesi di distanza da allora, il pm ha tracciato in un rapporto trasmesso al Ministero della Salute il quadro emerso dalle analisi effettuate da un microbiologo e un chimico dell’Università di Torino.

Gli scienziati hanno preso in esame 1027 campionamenti di latticini ed hanno riscontrato che ben il 67 per cento è risultato positivo a contaminazioni di batteri, tra i quali lo pseudomonas fluorensces, responsabile del caso delle mozzarelle blu.
Sulla base di tale relazione, il pm Guariniello ha iscritto nel registro degli indagati i responsabili di una decina di stabilimenti caseari, sparsi sul territorio italiano.

Le indagini hanno rivelato inoltre che le autorità sanitarie competenti spesso non eseguono i controlli nei caseifici dove, di conseguenza, aumentano le infrazioni. Il problema più comune riguarda il fatto che le aziende, al fine di risparmiare, non utilizzano per raffreddare i macchinari in uso l’acqua potabile, ma quella dei pozzi, che può essere però  inquinata da batteri o da diserbanti e pesticidi che filtrano nel terreno.

“L’inchiesta sulle mozzarelle blu è stata importante per mettere in luce una serie di problemi che debbono essere risolti – ha spiegato la Procura di Torino - però, o viene cambiata la legge oppure i controlli devono essere fatti. Quello che stiamo facendo è un lavoro di supplenza per garantire la sicurezza di un prodotto di ampio consumo come le mozzarelle”.










Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x x  | Votazioni (1)

Articoli di Alessia Ferla

India: scelta l'Omeopatia contro il Coronavirus 31 GEN 2020 OMEOPATIA
Gli Usa vietano le sigarette elettroniche (con alcune eccezioni) 3 GEN 2020 DENUNCIA SANITARIA
Le sigarette elettroniche aumentano il rischio di malattie respiratorie 20 DIC 2019 SALUTE
I benefici del peperoncino per la salute di cuore e cervello 20 DIC 2019 ALIMENTAZIONE
Fegato: i problemi possono essere causati dai farmaci 11 DIC 2019 MEDICINA PREVENTIVA
A Milano il primo ospedale dedicato alla salute delle donne 4 DIC 2019 SALUTE
Sugar e plastic tax: cosa ne pensano gli italiani? 2 DIC 2019 ATTUALITà
Il Messico nega l'ingresso di mille tonnellate di glifosato nel Paese 29 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Gravidanza e prima infanzia: buone pratiche più diffuse ma si può migliorare 27 NOV 2019 INFANZIA
Gli adolescenti di tutto il mondo sono troppo sedentari 25 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Le aree verdi in città allungano la vita 22 NOV 2019 SALUTE
Gli animali domestici allontanano ansia e depressione 20 NOV 2019 ANIMALI
I cambiamenti climatici colpiranno la salute dei bambini che nascono oggi 18 NOV 2019 INFANZIA
I contraccettivi ormonali aumentano il rischio di ansia e depressione 18 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Leggere e scrivere protegge dalla demenza e rafforza il cervello 15 NOV 2019 MEDICINA PREVENTIVA
Correre allunga la vita e riduce il rischio di morte 13 NOV 2019 SALUTE
I Pfas alterano anche la fertilità femminile 11 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Il sonno purifica il cervello eliminando le tossine 8 NOV 2019 MEDICINA PREVENTIVA
Dieci buoni motivi per praticare lo yoga ogni giorno 8 NOV 2019 SALUTE
Smartphone e tablet modificano il cervello dei bambini 6 NOV 2019 INFANZIA
Salute e conflitti di interesse: studenti di Medicina corteggiati dalle aziende 4 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Lo sport protegge il cuore dei pazienti oncologici 30 OTT 2019 SALUTE
Cellulari e salute: la Francia sceglie la strada della precauzione 28 OTT 2019 SALUTE
Vitamina D: boom di carenza tra gli adolescenti italiani 25 OTT 2019 SALUTE
Talco cancerogeno: la Johnson&Johnson ritira 33mila confezioni con amianto 21 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Come combattere la depressione con una dieta sana 18 OTT 2019 ALIMENTAZIONE
In Italia record di decessi prematuri per inquinamento. Padova prima in Europa per PM10 18 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Migliaia di microplastiche nei tappi delle bottiglie di acqua minerale 16 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Cancro, una lettera aperta agli oncologi: “Non si sottovaluti l'inquinamento ambientale” 14 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Tatuaggi: sostanze tossiche o cancerogene nel 20% degli inchiostri 11 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA

Tutti gli articoli di Alessia Ferla







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione