Denuncia sanitaria

Quanti sono i morti per la malasanità? Migliaia, ma non fanno notizia se non c'entra l'Omeopatia



omeopatia

Perché le migliaia e migliaia di morti della malasanità non fanno notizia mentre un caso di malpractice da parte di un Medico Omeopata riempie le pagine dei giornali?

La sentenza che ha condannato a tre mesi i genitori del bimbo morto due anni fa per le complicanze di un'otite ha riacceso gli attacchi all'Omeopatia, piuttosto che, come avrebbe dovuto essere, all'operato di un singolo medico che non sembrerebbe aver saputo riconoscere i limiti di una condotta terapeutica. Il bambino era seguito da un medico che ha scelto in quella situazione clinica di utilizzare la terapia omeopatica. Sappiamo che l'otite è una delle patologie infantili più comuni, generalmente ha una causa virale ed è risaputo che porta spesso a un abuso di antibiotici, che non vanno usati quasi mai in prima istanza, ma che vanno usati se la terapia antiinfiammatoria instaurata non ha avuto successo.

 

In questa finestra temporale una terapia omeopatica corretta può essere in genere in grado di risolvere la situazione, e questo è quanto anche emerge dalla letteratura disponibile, tra cui uno studio indiano che ha comparato casi trattati omeopaticamente con casi trattati in modo convenzionale.[1] Non è un caso che il 30% dei pediatri in Italia usi la medicina omeopatica nella propria pratica clinica, riuscendo così a limitare l'impiego di farmaci più impegnativi. Nel caso in esame il problema è nato dal non aver preso atto dell'insuccesso della terapia proposta e dal rifiuto di un trattamento che avrebbe messo in sicurezza il bambino. L'Omeopatia è uno strumento nelle mani del medico, che lo integra nella sua pratica secondo le evidenze che vengono dalla letteratura e dalla sua esperienza. Permette spesso di evitare il ricorso a trattamenti più aggressivi, laddove questo è possibile.

 

Si è fatto di un errore medico, perché di questo evidentemente si tratta, l'occasione per criminalizzare un intero approccio, come se nella medicina in generale non esistesse il problema degli errori medici.

 

Negli Stati Uniti qualche anno fa Martin Makary e Michael Daniel della Johns Hopkins University hanno pubblicato su British Medical Journal un articolo (Medical error - the third leading cause of death in the US) sul tema degli errori medici letali. Makary e Daniel avevano utilizzato i dati di quattro studi diversi (e tra questi uno studio dell'U.S. Department of Health) per calcolare il tasso medio di decessi dovuti a errori medici negli ospedali americani. L'hanno quindi applicato ai trentacinque milioni di ingressi ospedalieri avvenuti nel 2013 e da qui ne hanno tratto la cifra spaventosa che fa dell'errore medico la terza causa di morte negli Stati Uniti.

 

I ricercatori avevano anche sottolineato che si poteva trattare di una stima al ribasso perché non erano stati in grado di conteggiare le morti avvenute fuori dalle strutture ospedaliere.

 

E in Italia?

In assenza di numeri ufficiali precisi si può basarsi su quanto riportato dalle compagnie assicurative. Secondo l'Associazione nazionale fra imprese assicuratrici (Ania) tra il 1996 e il 2006 si è passati da 17mila segnalazioni di casi di malpractice, non necessariamente letali, a 28mila nel 2006. Nell'ultimo decennio inoltre il numero di pazienti italiani che si sono rivolti alla giustizia per ottenere risarcimenti contro gli errori medici è in forte aumento. Il rapporto annuale della compagna di assicurazione Marsh su Medical Malpractice in Italia dice che nel periodo 2004-2014 tra gli errori più comuni vi sono quelli chirurgici (31%), gli errori diagnostici (16%), terapeutici (10%), infezioni (3,6%) ed errori da parto/cesareo (3,16%).

 

Perché le migliaia e migliaia di morti della malasanità non fanno notizia mentre un caso di malpractice da parte di un Medico Omeopata riempie le pagine dei giornali? Forse la risposta alla domanda iniziale è: perché sono vittime di un sistema che troppi interessi forti sono complici nel voler conservare così com'è.

AMIOT, il Presidente Dott. Marco Del Prete

FIAMO, la Presidente Dott.ssa Antonella Ronchi

SIOMI, la Presidente Dott.ssa Simonetta Bernardini

 

Note:

[1] Sinha MN, Siddiqui VA, Nayak C, Singh V, Dixit R, Dewan D, Mishra A. Randomized controlled pilot study to compare Homeopathy and Conventional therapy in Acute Otitis Media. Homeopathy. 2012 Jan;101(1):5-12. doi: 10.1016/j.homp.2011.08.003.

 



Scarica allegato



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

Omeopatia. Un medico di famiglia su cinque la prescrive 24 GIU 2019 OMEOPATIA
Una persona su tre nel mondo senza acqua potabile sicura 24 GIU 2019 DENUNCIA SANITARIA
Come l'ipermedicalizzazione fa male alla salute 19 GIU 2019 DENUNCIA SANITARIA
Infezioni resistenti: in viaggio le contraggono 500mila italiani! 19 GIU 2019 DENUNCIA SANITARIA
Il cibo contaminato provoca 200 malattie e 420mila morti ogni anno 19 GIU 2019 ALIMENTAZIONE
Esame di maturità: cosa mangiare per affrontarlo al meglio 17 GIU 2019 ALIMENTAZIONE
Vent'anni di condanne a GlaxoSmithKline negli Usa 17 GIU 2019 DENUNCIA SANITARIA
Fosfati negli alimenti: EFSA fissa dei limiti per tutelare i giovani 17 GIU 2019 ALIMENTAZIONE
Cibi scaduti e scarsa igiene: la metà dei ristoranti etnici è irregolare 14 GIU 2019 ALIMENTAZIONE
La strategia per ridurre il consumo di bevande zuccherate 14 GIU 2019 ALIMENTAZIONE
Il nostro Servizio Sanitario Nazionale cade a pezzi 12 GIU 2019 DENUNCIA SANITARIA
Aumentano le morti correlate agli oppioidi. Aziende di farmaci nel mirino 12 GIU 2019 DENUNCIA SANITARIA
I bimbi prematuri sono più a rischio di malattie cardiache 10 GIU 2019 INFANZIA
È lecito ed etico che le aziende del tabacco siano sponsor e relatori nei congressi medici? 10 GIU 2019 DENUNCIA SANITARIA
Pesticidi in frutta e verdura: dalla Francia un report allarmante 10 GIU 2019 DENUNCIA SANITARIA
Gli oli essenziali: la menta piperita 7 GIU 2019 SALUTE
Colesterolo: c'è differenza tra carne rossa e bianca? 7 GIU 2019 ALIMENTAZIONE
Un milione e mezzo di bambini esposti a sostanze tossiche 7 GIU 2019 INFANZIA
Respiri e ingerisci oltre 50.000 particelle di plastica all'anno senza accorgerti 6 GIU 2019 DENUNCIA SANITARIA
Una dieta con pochi grassi combatte il cancro al seno 6 GIU 2019 ALIMENTAZIONE
Chi sono i medici in conflitto di interesse? Corvelva pubblica i dati di tutte le province venete 3 GIU 2019 DENUNCIA SANITARIA
Amianto nelle scuole: a rischio la salute di alunni e docenti 3 GIU 2019 DENUNCIA SANITARIA
Taranto, ex Ilva: 600 bimbi sono nati malformati 3 GIU 2019 DENUNCIA SANITARIA
Studiare fa bene al cuore: riduce rischio di infarto e ictus 31 MAG 2019 MEDICINA PREVENTIVA
Cuore: la prevenzione parte dall'infanzia 31 MAG 2019 INFANZIA
Abuso di farmaci oppioidi: Johnson & Johnson accusata per epidemia di morti 31 MAG 2019 DENUNCIA SANITARIA
La dipendenza da videogiochi è ufficialmente una malattia 29 MAG 2019 DENUNCIA SANITARIA
Martin Gore: il famoso scienziato è morto per una reazione avversa al vaccino 29 MAG 2019 VACCINAZIONI
Ecco gli esami diagnostici più richiesti al mondo 27 MAG 2019 SALUTE
Frutta e verdura migliorano la fertilità maschile 27 MAG 2019 ALIMENTAZIONE

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione