Salute

Il Premio Nobel Montagnier e la memoria dell'acqua

Fonte: ilsussidiario.net


CATEGORIE: Salute

L’acqua conserva le informazioni biologiche e, sotto opportune condizioni, può trasmetterle, con enormi implicazioni a livello diagnostico e forse terapeutico. È un tema difficile e delicato, che fa subito pensare alla tanto discussa “memoria dell’acqua”, diventata negli anni ‘80 uno scandalo scientifico e rimasta in seguito come un tabù impronunciabile. Ma se a sostenere la tesi è un premio Nobel del calibro di Luc Montagnier, merita almeno di essere accostato con attenzione.

Il biologo francese non sembra di quelli che sai lasciano andare a conclusioni avventate: «Mi interessa essere razionale - ci ha detto  - e sono convinto che serva una base razionale alla medicina. La mia non è una presa di posizione a priori ma si basa su dati e riscontri sperimentali. Pensi che nel nostro laboratorio, pur essendo un piccolo gruppo, abbiamo nuovi risultati quasi ogni settimana».

Un assaggio di questi dati l’ha fornito nei giorni scorsi durante la Conferenza Regionale su Ricerca e Innovazione a Cagliari. Lì l’abbiamo incontrato e abbiamo raccolto il suo appello per una nuova medicina, che punti sulla ricerca di base, che sappia unire le competenze di biologia e di fisica e che sia orientata decisamente alla prevenzione.

Quello della collaborazione tra biologi e fisici è un suo cavallo di battaglia ed è la via che sta percorrendo da almeno cinque anni (non aveva ancora vinto il Nobel, conquistato nel 2008 per l’individuazione del virus dell’HIV), quando ha iniziato le ricerche sulle proprietà fisiche del DNA. «Mi sono trovato a interessarmi, per ragioni diverse, agli stessi argomenti di Jacques Benveniste, che avevo conosciuto quando aveva proposto la tesi della memoria dell’acqua. Lui era un immunologo io un virologo ma i nostri studi hanno un punto di convergenza proprio nel comportamento singolare dell’acqua».

Montagnier è arrivato a quel punto dopo aver osservato la ricomparsa di micoplasmi in una sospensione sottoposta ad altissima filtrazione precedentemente posta a contatto per due o tre settimane con linfociti T umani. La sua interpretazione è che nel filtrato esistano delle nanostrutture contenenti frammenti dell'informazione genetica che viene poi ricostruita. Responsabile di questo fenomeno è la generazione di onde elettromagnetiche a bassa frequenza da parte di sequenze del DNA di specie batteriche e di virus in diluizioni acquose appropriate.

Gli esperimenti del team di Montagnier sono documentati nell’articolo “Electromagnetic Signals Are Produced by Aqueous Nanostructures Derived from Bacterial DNA Sequences”, pubblicato nel 2009 sulla rivista Interdisciplinary Science; viene descritto un apparato sperimentale piuttosto semplice per la cattura dei segnali elettromagnetici: una bobina con all’interno una provetta con la soluzione da analizzare, un amplificatore e un PC.

L’emissione di onde viene interpretata come un fenomeno di risonanza, innescato dal fondo elettromagnetico presente nell’ambiente che agisce sulla struttura orientata e coerente delle molecole d’acqua. «Alcuni fisici teorici hanno studiato il fenomeno e hanno proposto dei modelli: molto interessanti sono ad esempio quelli proposti dall’italiano Emilio del Giudice, avviati a suo tempo con il compianto Giuliano Preparata. Ma sono in contatto anche con altri gruppi, specialmente in Usa».

Certo, c’è ancora molto da studiare: ad esempio bisogna capire come si mantiene stabile la coerenza delle molecole di acqua. Ma la situazione è ben diversa da quella che si è verificata con Benveniste: «Lui è stato accusato, a mio avviso ingiustamente, di aver falsificato e manipolato gli esperimenti. Io ho ripetuto quegli esperimenti: una possibilità che lui non aveva. Il mio vantaggio è proprio quello di avere a disposizione strumenti e tecniche che consentono di riprodurre più volte tutti i test; e, si sa, la riproducibilità è una condizione fondamentale per sostenere la scientificità di una teoria».

Montagnier è convinto di aver aperto una strada interessante e si sta impegnando per «convincere i colleghi». Anche perché le potenzialità sono notevoli: «Potremmo scoprire il ruolo ancor più fondamentale dell’acqua nei viventi. Ci potrebbero essere nell’acqua i segnali di agenti patogeni, questo non solo per patologie infettive ma anche per altre dove non si conosce agente: pensi ad esempio alla sclerosi multipla. E naturalmente alla cura dell’AIDS».

Ma sono soprattutto le potenziali applicazioni diagnostiche che attirano gli sforzi del premio Nobel. Che nota una certa chiusura di molta medicina attuale nei confronti delle tecniche di prevenzione, ad esempio nel caso delle malattie neurodegenerative e nel problema dell’invecchiamento in genere. La possibilità di individuare in anticipo, tramite opportuni test clinici, la presenza di certi agenti patogeni diventa in molti casi una grande opportunità.

Montagnier è consapevole di aver imboccato una strada difficile: «sono argomenti che eccitano gli animi e hanno implicazioni spesso indesiderate»; ma è anche abituato alle controversie. La più accesa è stata quella combattuta con Robert Gallo per la priorità della scoperta del virus dell’HIV, scoppiata nel 1984 e riattizzata due anni fa quando al francese è stato conferito il Nobel e all’americano no.

Ma ormai anche questa vicenda sembra superata e in questi giorni molti giornali hanno riportato le immagini della cordiale stretta di mano tra i due scienziati a Venezia durante il convegno della Fondazione Veronesi. Anche a Cagliari Montagnier ha terminato la sua conferenza mostrando una foto che lo ritrae insieme all’antico rivale.

(a cura di Mario Gargantini)



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione

Moige: "coercitivo e discriminante l'obbligo di vaccinazione in Emilia Romagna" 25 NOV 2016 VACCINAZIONI
Codacons: mobilitazione per ottenere solo i 4 vaccini obbligatori 25 NOV 2016 VACCINAZIONI
Codacons: "incostituzionale l'obbligo di vaccinazione in Emilia Romagna" 23 NOV 2016 VACCINAZIONI
Resistenza agli antibiotici, cosa sta facendo il Governo? 22 NOV 2016 DENUNCIA SANITARIA
Veneto, PFAS e altri PFC mettono a rischio la salute 16 NOV 2016 DENUNCIA SANITARIA
Bimbo rimase sordo dopo un vaccino inefficace. Maxi risarcimento alla famiglia 27 OTT 2016 VACCINAZIONI
Vaccini: codacons avvia class action per famiglie che segnalano danni da vaccino 25 OTT 2016 VACCINAZIONI
Seminario “La relazione di aiuto – Nuove frontiere in Floriterapia” 12 OTT 2016 CONVEGNI
Vaccini, "censura inaccettabile": Codacons denuncia il Senato 3 OTT 2016 VACCINAZIONI
Conflitti di interesse in oncologia: ecco i numeri 12 SET 2016 DENUNCIA SANITARIA
Terremoto: anche l'omeopatia in aiuto alle persone colpite 31 AGO 2016 OMEOPATIA
Rimedi omeopatici per il mal di pancia nei bambini 3 AGO 2016 OMEOPATIA
Il test anticorpale: la scelta alternativa alle vaccinazioni per gli animali 28 LUG 2016 ANIMALI
Elogio dell'Omeopatia 16 MAG 2016 OMEOPATIA
Omeopatia: "maggiore attenzione da parte delle istituzioni" 13 APR 2016 OMEOPATIA
Rimedi omeopatici per i dolori causati dal cancro 1 MAR 2016 OMEOPATIA
Pesticidi: associazioni chiedono la messa la bando del glifosato 29 FEB 2016 DENUNCIA SANITARIA
Medicina omeopatica: confermato il significativo ruolo sociale nella Salute Pubblica 25 FEB 2016 OMEOPATIA
Abbigliamento outdoor: “troppe sostanze chimiche” 25 GEN 2016 DENUNCIA SANITARIA
Assis: non partecipiamo alla battaglia dei vaccini, preferiamo ragionare 13 GEN 2016 VACCINAZIONI
Omeopatia per la cura del cancro 11 GEN 2016 OMEOPATIA
Cemon: "Da Unda campagna denigratoria contro di noi" 14 DIC 2015 OMEOPATIA
I veleni dell'Ilva 2 NOV 2015 DENUNCIA SANITARIA
Recanati: "bambina di sei anni sviene dopo il vaccino" 29 OTT 2015 VACCINAZIONI
Psicofarmaco per bambini inefficace e pericoloso: “la GlaxoSmithKline ha alterato i dati” 28 OTT 2015 INFANZIA
“Vaccinazioni rischiose, l’ho provato con mio figlio” 23 OTT 2015 VACCINAZIONI
California: vaccini contenenti mercurio a bambini e donne in gravidanza? 12 OTT 2015 VACCINAZIONI
Lettera di una mamma con figlio – presunto – autistico 10 SET 2015 AUTISMO
Adulti iperattivi: “una nuova operazione di marketing farmaceutico” 19 GIU 2015 DENUNCIA SANITARIA
Vaccini, Antitrust avvia un’indagine conoscitiva. 'Prezzi sono in aumento' 27 MAG 2015 VACCINAZIONI

Tutti gli articoli di Redazione







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione