Vaccinazioni

04/02/2019

“Caro ministro, i danneggiati da vaccino esistono. Ecco chi sono”

di Redazione InformaSalus.it


CATEGORIE: Vaccinazioni

vaccini

“Caro ministro, i danneggiati da vaccino esistono ed ecco i nomi”. E' quanto Nadia Gatti, presidente del Condav, scrive nella lettera che ha indirizzato al ministro della Salute Giulia Grillo in merito alle sue recenti dichiarazioni pubbliche. Nadia Gatti è presidente del Coordinamento Nazionale Danneggiati da Vaccino, che da quasi vent'anni sostiene e tutela le famiglie dei danneggiati da vaccino, e madre lei stessa di una ragazza che da piccola ha riportato un danno permanente da vaccino antipolio.

 

Ecco di seguito il testo della lettera:

 

“Gentile Ministro della Salute, Giulia Grillo, le scrivo in qualità di presidente del Condav - Coordinamento Nazionale Danneggiati da Vaccino - in merito alla risposta da Lei data ad una giovane mamma il 30 gennaio scorso a Chieti, che passo a trascriverLe integralmente.

 

Lei le ha detto questo: «Io signora conosco bambini morti per il morbillo, bambini morti con il vaccino non li conosco. Lei ne conosce? No. Allora non fate questa disinformazione perché la gente muore per il morbillo, la gente muore per la meningite, non muore per il vaccino, su questa cosa non transigo». Queste le sue parole. Pur comprendendo la Sua posizione di Ministro della Salute del nostro Paese, nonché di medico, sono qui a rappresentarLe con forza che, purtroppo, i «danneggiati e, in particolare, i deceduti a causa di vaccinazioni» esistono e, pur costituendo una realtà limitata nel panorama vaccinale, rappresentano una «dolorosa ma reale e concreta parte umana della nostra società», la cui esistenza non può e non deve essere smentita o relegata nell'oblio.

 

Il Condav non ha mai assunto una posizione netta e contraria alle vaccinazioni ma, nel contempo, pretende ed esige rispetto per questa categoria di persone e per le loro famiglie, per cui negare la loro esistenza è per noi inaccettabile.

 

Ogni anno il Condav celebra la Giornata Nazionale in Ricordo delle Persone decedute o rese disabili dai vaccini: si tratta di un elenco di bambini, ragazzi e adulti che, dopo lunghe sofferenze, hanno lasciato i loro cari e a questo elenco, ogni anno si aggiunge un nuovo nome.

 

Ecco la nuova lista:
M. T.  - 6 anni - Veneto

A. T. – fratello di M. 4 anni – Veneto;

D. D. P. - 9 anni – Abruzzo;

E. N. - 7 anni - Abruzzo

E. N - fratello di E. 3 anni - Abruzzo

M. S. - 22 mesi – Veneto;

F. Z. - 9 mesi – Veneto;

I. R. - 7 mesi – Sicilia;

C. M. - 33 anni – Puglia;

M. C. - 11 anni – Emilia Romagna;

E. R. - 16 mesi - Veneto;

P. G. - 37 anni - Lombardia;

V. M. - 14 anni - Lazio;

C. C. - 35 anni - Abruzzo;

C. I. - 36 anni - Veneto;

S. M. - 34 anni – Abruzzo;

G.D.P. - 36 anni – Toscana;

G. V. - 11 anni – Emilia Romagna;

V. D.P. - 6 anni – Campania;

M. O. - 38 anni – Toscana;

G. A. - 35 anni – Lombardia;

A. D. - 37 anni – Lombardia.

 

Nei confronti di queste persone e delle loro famiglie è d'obbligo essere corretti e rispettosi evitando di continuare a parlare di «inesistenza», sia perché è lo Stato stesso a prevedere in astratto le ipotesi che possano verificarsi gravi danni da vaccino (compreso il decesso), attraverso le normative a Lei note, sia perché in tutti i casi sopra citati, i danni sono stati riconosciuti in seguito ad un rigoroso iter medico-legale e sulla scorta di certificazioni rilasciate da strutture sanitarie pubbliche che hanno attestato caso per caso la correlazione tra vaccino e decesso e laddove si è fatto ricorso a giudizi, questi si sono conclusi con sentenze passate in giudicato. Dunque, parliamo di persone riconosciute e indennizzate dallo Stato italiano.

 

Torno a ripeterLe, On.le Ministro, che comprendo la Sua posizione ma, nel contempo, Le chiedo formalmente un colloquio urgente in primis per il piacere di incontrarLa e, nell'occasione, per testimoniarLe come Presidente Condav alcune esperienze dei nostri danneggiati riconosciuti. Nella certezza di un positivo riscontro, porgo i più ossequiosi e distinti saluti.





Prodotto Consigliato
Le Vaccinazioni Pediatriche  Roberto Gava   Salus Infirmorum

Le Vaccinazioni Pediatriche

Un farmacologo tossicologo, descrivendo e commentando più di 2.400 studi scientifici fa il punto sulle conoscenze scientifiche in campo vaccinale

Roberto Gava

Un farmacologo tossicologo, descrivendo e commentando più di 2.200 studi scientifici, fa il punto sulle conoscenze scientifiche in campo vaccinale, sull'utilizzo personalizzato dei vaccini e sul loro rapporto rischio/beneficio alla luce delle attuali condizioni socio-sanitarie e ambientali   Le vaccinazioni pediatriche, da… Continua »
Pagine: 1056, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Salus Infirmorum
37,91 € 39,90 € (-5%)
 




Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

Covid-19 - La sfida dell'immunità individuale 14 OTT 2020 ATTUALITà
“Il cellulare ha causato il tumore al cervello”: sentenza storica della Corte d'Appello di Torino 15 GEN 2020 DENUNCIA SANITARIA
Farmaci usati in combinazione aumentano l'antibiotico-resistenza 13 GEN 2020 DENUNCIA SANITARIA
Sindrome premestruale? I rimedi omeopatici alleviano i sintomi 10 GEN 2020 OMEOPATIA
Il fumo danneggia anche la salute mentale. I rischi per i giovani 10 GEN 2020 DENUNCIA SANITARIA
Catania: ex primario che impiantava stent con farmaci scaduti nel cuore dei pazienti 3 GEN 2020 DENUNCIA SANITARIA
I cellulari sono come droga per i giovanissimi 2 DIC 2019 DENUNCIA SANITARIA
L'uso eccessivo di antibiotici può aumentare il rischio di Parkinson 29 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
I medici che ricevono regali dalle aziende farmaceutiche prescrivono di più e meno bene 27 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Il Brasile sospende l’autorizzazione per 63 pesticidi tossici 25 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Dieci consigli per una spesa amica del clima e del pianeta 22 NOV 2019 ALIMENTAZIONE
I farmaci in Italia hanno prezzi più alti del 90% rispetto alla media 22 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
L'Italia è la prima in Europa per morti da antibiotico-resistenza 20 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Lo zafferano frena una grave malattia degenerativa della vista 18 NOV 2019 MEDICINA PREVENTIVA
Insufficienza renale acuta in gravidanza: aumentano i ricoveri 18 NOV 2019 SALUTE
Caso Avastin-Lucentis: danno da 200 milioni al Servizio sanitario nazionale 15 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Diabete: la prevenzione inizia a tavola 13 NOV 2019 ALIMENTAZIONE
L'arte fa bene anche alla salute 11 NOV 2019 SALUTE
“Ridurre la prescrizione di antibiotici”: l'appello Ocse all'Italia 8 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Psicofarmaci a bambini e adolescenti: cresce il ricorso a farmaci antidepressivi 6 NOV 2019 INFANZIA
La Toscana sarà la prima regione libera dal glifosato 4 NOV 2019 ATTUALITà
Perché le donne in menopausa non dovrebbero bere troppe bibite 4 NOV 2019 SALUTE
Galline maltrattate e potenziali rischi per la salute umana: sequestrate 9 aziende e 32.000 uova irregolari 30 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Troppo sale può favorire l'Alzheimer 28 OTT 2019 ALIMENTAZIONE
Acne: una cattiva alimentazione nuoce anche alla pelle 25 OTT 2019 ALIMENTAZIONE
Camminata lenta? È segno di invecchiamento precoce e rischio demenza 23 OTT 2019 MEDICINA PREVENTIVA
Pesticidi in Veneto: “Viviamo oppressi da sostanze tossiche” 23 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Cellulari e cancro: “Il rapporto dell'Istituto Superiore di Sanità non garantisce la salute pubblica” 21 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Stress: ecco la risposta delle donne e quella degli uomini 18 OTT 2019 SALUTE
Decine di migliaia di medici corrotti: tre ex manager rivelano la 'strategia' Novartis 18 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione