Salute

Come scegliere il miglior medicinale a base di erbe in commercio

Fonte: Unisinforma


CATEGORIE: Salute

medicinali erbe
In che modo orientarsi dunque nella scelta e nell’utilizzo dei prodotti fitoterapici?

Un italiano su cinque afferma di far uso di medicinali non convenzionali, secondo i dati Eurispes del Rapporto Italia 2017. In più, il confronto con il 2012 mette in evidenza un notevole aumento nel numero delle persone che scelgono di affidarsi alla medicina alternativa, passato in cinque anni dal 14,5% al 21,2%. In particolare, l’utilizzo di prodotti vegetali per la cura e la prevenzione delle malattie oggi nel nostro Paese riguarda il 58,7% della popolazione, con una vera e propria impennata nei consumi.

Questi numeri devono tener conto del fatto che in Italia la fitoterapia, cioè il ricorso per le cure a preparati che hanno come principio attivo estratti di piante medicinali, è considerata medicina non convenzionale, a differenza di quasi tutto il resto del mondo dove è parte integrante della medicina classica.

Nell’articolato mercato italiano dei prodotti a base di erbe bisogna inoltre tener presente che, accanto ai farmaci vegetali propriamente detti, quelli cioè ufficialmente riportati nelle diverse Farmacopee mondiali o nei testi di riferimento, buona parte dei prodotti che riempiono gli scaffali di supermercati, parafarmacie e farmacie non rientrano nella categoria dei medicinali ma in quelle degli integratori alimentari, dei cosmetici, degli alimenti o dei dispositivi medici, ciascuno con caratteristiche distinte e disciplinati da normative differenti.

In che modo orientarsi dunque nella scelta e nell’utilizzo dei prodotti fitoterapici?

Di questo scenario complesso, e del panorama normativo dei prodotti a base di erbe in Italia, si è occupato in una recente pubblicazione scientifica* Marco Biagi, ricercatore dell’Università di Siena e responsabile delSifitLab, laboratorio di ricerca, consulenza e analisi della Società Italiana di Fitoterapia. Lo studio mette in evidenza i contorni sfocati di indicazioni sulla salute, autorizzazioni all’immissione in commercio e controlli di qualità tra erbe medicinali e prodotti non farmaceutici, come gli integratori alimentari e i cosmetici.

“In Italia – spiega Biagi – c’è un gap normativo che rende sottili i confini in questa categoria di prodotti. Il termine fitoterapico fino a 20 anni fa indicava strettamente un farmaco derivato dall’estrazione o da altri procedimenti chimici o fisici applicati alle piante medicinali. Efficacia e sicurezza erano garantite dallo status di medicinale ed erano estremamente chiari i controlli e i  requisiti di qualità che i prodotti dovevano possedere. Dalla fine degli anni ’90, tuttavia, tantissimi prodotti vegetali, complessivamente definiti correttamente in ambito europeo come botanicals, hanno iniziato a debordare dall’esigente mondo del medicinale e, con valenze decisamente più basse ma sempre più sfumate, hanno iniziato a inserirsi nel mondo dell’integrazione nutrizionale e della cosmetica”.

Secondo i dati FederSalus, il mercato italiano è il più fiorente nel panorama europeo per gli integratori alimentari (oltre 2,5 miliardi di euro nel periodo maggio 2015 – maggio 2016) e per gli integratori alimentari a base di erbe (poco meno di 1 miliardo di euro nello stesso periodo). Il  mercato degli integratori alimentari vegetali vale oltre il 4% del fatturato globale prodotto dal canale farmaceutico.

“Nel nostro Paese – continua Biagi – è possibile associare al botanical ingrediente di integratori alimentari claim salutistici che ne riconoscono una funzione biologica, dal  mantenimento delle difese immunitarie alla normalizzazione dei livelli di colesterolo. Si capisce quindi come diventi difficile tracciare una demarcazione netta tra fitoterapia e integrazione salutistica, così come, almeno dal  punto di vista biologico, tra medicinali e non medicinali”.

Qual’è dunque la posizione degli esperti e di chi fa ricerca in questo settore? C’è un modo per garantire maggiore chiarezza sia per il consumatore sia per chi produce prodotti di ambito fitoterapico, qualunque sia la loro collocazione sul mercato?

Sicurezza ed efficacia spiega Biagi – possono essere accuratamente gestite solo dando la massima importanza alla qualità. Sono necessarie dunque indicazioni precise su tutta la filiera del fitoterapico, dalla materia prima all’analisi chimica, biologica e tossicologica. L’EFSA, autorità europea di riferimento per gli integratori alimentari, nel 2012 ha elaborato una nuova edizione delle linee  guida per la sicurezza dei prodotti vegetali destinati al mercato degli in integratori, innalzando le richieste specifiche che le aziende devono soddisfare. Certamente l’indicazione del medico e del farmacista rimane un punto di riferimento per il paziente e il consumatore.

Occorre inoltre puntare con convinzione sulla formazione di professionisti: a Siena abbiamo attivato con successo due master e tre corsi di perfezionamento con forti connessioni con le aziende che operano nel settore. Il nostro laboratorio offre un servizio di consulenza e analisi rivolto agli operatori e a tutti i consumatori, con l’obiettivo di promuovere la conoscenza e la qualità dei prodotti fitoterapici presenti sul mercato italiano”.

Informazione, attenzione e professionalità dunque le parole chiave, da non perdere di vista.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione

Vaccini: il Codacons sta per svelare i documenti segreti dell'AIFA sulle reazioni avverse 29 MAG 2017 VACCINAZIONI
AIFA: antidepressivi per minori inefficaci e pericolosi 24 MAG 2017 DENUNCIA SANITARIA
Obbligo vaccini a scuola. Codacons: "ricorso a Corte Europea dei diritti dell'uomo" 12 MAG 2017 VACCINAZIONI
Vaccini, le famiglie a Rossi: "Chiarezza e libertà per i bambini altrimenti rinunceremo agli asili" 1 MAR 2017 VACCINAZIONI
Marzo e aprile 2017 - Seminari “Prevenzione e Cura delle patologie primaverili con: omeopatia, oligoterapia, fitoembrioterapia” 24 FEB 2017 CONVEGNI
22 Marzo 2017 – Convegno “Homeopathy in cancer treatment” 22 FEB 2017 CONVEGNI
La medicina non convenzionale fa risparmiare la Toscana 17 FEB 2017 OMEOPATIA
Bimbo con meningite in Toscana, la prova del caos vaccini? 19 DIC 2016 VACCINAZIONI
Moige: "coercitivo e discriminante l'obbligo di vaccinazione in Emilia Romagna" 25 NOV 2016 VACCINAZIONI
Codacons: mobilitazione per ottenere solo i 4 vaccini obbligatori 25 NOV 2016 VACCINAZIONI
Codacons: "incostituzionale l'obbligo di vaccinazione in Emilia Romagna" 23 NOV 2016 VACCINAZIONI
Resistenza agli antibiotici, cosa sta facendo il Governo? 22 NOV 2016 DENUNCIA SANITARIA
Veneto, PFAS e altri PFC mettono a rischio la salute 16 NOV 2016 DENUNCIA SANITARIA
Bimbo rimase sordo dopo un vaccino inefficace. Maxi risarcimento alla famiglia 27 OTT 2016 VACCINAZIONI
Vaccini: codacons avvia class action per famiglie che segnalano danni da vaccino 25 OTT 2016 VACCINAZIONI
Seminario “La relazione di aiuto – Nuove frontiere in Floriterapia” 12 OTT 2016 CONVEGNI
Vaccini, "censura inaccettabile": Codacons denuncia il Senato 3 OTT 2016 VACCINAZIONI
Conflitti di interesse in oncologia: ecco i numeri 12 SET 2016 DENUNCIA SANITARIA
Terremoto: anche l'omeopatia in aiuto alle persone colpite 31 AGO 2016 OMEOPATIA
Rimedi omeopatici per il mal di pancia nei bambini 3 AGO 2016 OMEOPATIA
Il test anticorpale: la scelta alternativa alle vaccinazioni per gli animali 28 LUG 2016 ANIMALI
Elogio dell'Omeopatia 16 MAG 2016 OMEOPATIA
Omeopatia: "maggiore attenzione da parte delle istituzioni" 13 APR 2016 OMEOPATIA
Rimedi omeopatici per i dolori causati dal cancro 1 MAR 2016 OMEOPATIA
Pesticidi: associazioni chiedono la messa la bando del glifosato 29 FEB 2016 DENUNCIA SANITARIA
Medicina omeopatica: confermato il significativo ruolo sociale nella Salute Pubblica 25 FEB 2016 OMEOPATIA
Abbigliamento outdoor: “troppe sostanze chimiche” 25 GEN 2016 DENUNCIA SANITARIA
Assis: non partecipiamo alla battaglia dei vaccini, preferiamo ragionare 13 GEN 2016 VACCINAZIONI
Omeopatia per la cura del cancro 11 GEN 2016 OMEOPATIA
Cemon: "Da Unda campagna denigratoria contro di noi" 14 DIC 2015 OMEOPATIA

Tutti gli articoli di Redazione







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione