Medicina preventiva

Dalle meduse alle zanzare. I rimedi contro i nemici dell'estate



medusa
Dalle meduse alle zanzare. I rimedi contro i nemici dell'estate

Meduse, zanzare, vespe e vipere. Per affrontare i principali nemici dell'estate il Moige, Movimento Italiano Genitori, in collaborazione con il Centro Antiveleni dell’Ospedale Niguarda Cà Granda di Milano, ha stilato un vademecum con semplici rimedi e regole da seguire.

Per le punture di zanzare si consiglia di ricorrere, dopo la disinfezione locale, all'uso di ghiaccio o ad una pomata antistaminica previo consiglio del medico. Mai grattare la zona, anche se si avverte un forte prurito. A scopo preventivo sono utili i repellenti o la vitamina B.

Nel caso di punture di api, calabroni e vespe, se ancora è presente il pungiglione, è necessario asportarlo facendo attenzione che non rimangano residui. Per lenire il dolore e diminuire l'infiammazione applicare localmente del ghiaccio. Se si scopre un alveare, stare ben attenti a non disturbare le api che per reazione potrebbero assalire e causare numerose punture.

In caso di contatto con i pesci (tracina, pesce ragno, scorfano) bisogna fare attenzione alla tossina che il pesce inocula attraverso le spine dorsali. In questo caso è necessario immergere la zona che è stata punta in acqua calda e mantenerla per almeno 1 ora. In assenza di acqua calda, utilizzare la sabbia calda. Disinfettare e, se sono presenti spine, asportarle. Contrariamente a quanto si crede, in questo caso, non va utilizzato ghiaccio, sostanze refrigeranti o ammoniaca.

La malmignatta è considerato il più pericoloso ragno della nostra penisola, presente soprattutto nel Centro - Sud Italia e nelle isole nelle zone di campagna disabitate o incolte, sotto i sassi ma anche in box e cantine. In caso di contatto è necessaro lavare bene la cute e disinfettare la zona colpita, ma soprattutto rivolgersi immediatamente ad un Pronto Soccorso se compaiono sintomi come tremori, vertigini, contrazioni muscolari. Nessun allarme invece gli scorpioni: quelli italiani, infatti, sono innocui. Il pericolo è reale quando ci si reca nei paesi africani, dove gli scorpioni sono velenosi e il morso può essere addirittura fatale.

In caso di contatto con le meduse, nemiche principali dei bagnanti, si consiglia di non perdere la calma, di rimanere in acqua il più possibile cercando di allontanare, con la mano a piatto, le vescicole che contengono le sostanze urticanti. Applicare in seguito ghiaccio o pomate a base di cloruro di alluminio. Non sciacquare con acqua dolce e mai applicare ammoniaca sulla zona colpita, come invece avviene molto comunemente.

Se si viene morsi da una vipera, unico serpente velenoso presente in Italia, il rischio  è proporzionato al tipo di morsicatura: è la vipera, in altre parole, che decide se inoculare il veleno o meno. In questi casi è indispensabile tranquillizzare l'infortunato, non perdere la calma, immobilizzare l'arto come se fratturato e recarsi o trasportare in ospedale. Mai incidere, succhiare il punto di inoculo, applicare ghiaccio, assumere alcolici, somministrare medicinali fuori dall'ospedale.

Con le zecche, presenti negli animali domestici o tra l'erba e i cespugli, l'asportazione dalla cute dell'animale o dell'uomo risulta difficile. Non strapparle e, se trovate addosso alla nostra pelle,  è preferibile rivolgersi al medico. Nel caso in cui si venga morsi da un cane, ad esempio, i pericoli possono derivare da virus e batteri inoculati attraverso la saliva. È consigliato dunque lavare abbondantemente la ferita con acqua e disinfettare con acqua ossigenata. A scopo preventivo è bene non infastidire l'animale ed evitare di avvicinare il viso o mettere le mani nella sua bocca. Il medesimo comportamento va seguito con il gatto che non ama essere infastidito ed essere guardato negli occhi.

Il pericolo in questo caso e' rappresentato da virus e batteri inoculabili attraverso il graffio. Infine è sempre molto importante come sottolinea il Centro Antiveleni dell'Ospedale Niguarda, qualora si presentino sintomi inconsueti o particolarmente gravi (ripetuti episodi di vomito e diarrea, dolori addominali, perdita di coscienza, difficolta' respiratorie, ecc.) non improvvisare rimedi ma rivolgersi immediatamente alle strutture competenti o agli esperti del Centro Antiveleni che e' possibile contattare ogni giorno dell'anno 24 ore su 24 al numero di telefono 02 66.10.10.29.



Hai un account google? clicca su:







Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x x  | Votazioni (1)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

Vaccini: per il 20% degli italiani non sono sicuri 17 FEB 2017 VACCINAZIONI
Omeopatia. Antonella Ronchi (Presidente Fiamo) risponde a Ricciardi 16 FEB 2017 OMEOPATIA
Omeopatia: dal sen. Romani proposta raccolta di firme per legge ad hoc 15 FEB 2017 OMEOPATIA
Obbligo vaccinale "atto illegittimo": il Codacons diffida la Regione Lazio 15 FEB 2017 VACCINAZIONI
Cereali integrali: sai perché aiutano a dimagrire? 13 FEB 2017 ALIMENTAZIONE
Arriva la mutua per cani e gatti 13 FEB 2017 ANIMALI
4 Marzo 2017 – Convegno “La gemmoterapia nelle patologie primaverili” 13 FEB 2017 CONVEGNI
Meningite: la Procura della Repubblica apre un'indagine per procurato allarme 13 FEB 2017 VACCINAZIONI
Il Consiglio di Stato francese obbliga il Ministero della Salute a rendere disponibili entro 6 mesi i 3 vaccini obbligatori 10 FEB 2017 VACCINAZIONI
A Roma la presentazione del calendario Cemon 2017 10 FEB 2017 OMEOPATIA
Medicine non convenzionali: la scelta di quasi 13 milioni di italiani 10 FEB 2017 OMEOPATIA
Aspirina: ritirati dal mercato alcuni lotti 10 FEB 2017 DENUNCIA SANITARIA
Spreco alimentare: ecco come puoi evitarlo 8 FEB 2017 ALIMENTAZIONE
Lo smog espone i bambini a danni neurologici 8 FEB 2017 INFANZIA
Vino e olio: ecco come conservarli al meglio 6 FEB 2017 ALIMENTAZIONE
Colazione, sai perché non devi saltarla? 3 FEB 2017 ALIMENTAZIONE
Mal di schiena? I farmaci antinfiammatori non aiutano 3 FEB 2017 SALUTE
Come prevenire la metà dei tumori 3 FEB 2017 MEDICINA PREVENTIVA
Disabile dopo il vaccino: Cassazione conferma risarcimento 3 FEB 2017 AUTISMO
Piercing e tatuaggi: cosa devi sapere per evitare i pericoli 1 FEB 2017 MEDICINA PREVENTIVA
Cancro al seno: lo smog aumenta il rischio di mortalità 1 FEB 2017 DENUNCIA SANITARIA
Infezioni in ospedale? Uccidono più degli incidenti stradali 1 FEB 2017 SALUTE
Cellulari pericolosi? Ecco cosa dobbiamo sapere 30 GEN 2017 DENUNCIA SANITARIA
Resistere all'obbligo vaccinale: a Livorno un comitato per la libera scelta! 30 GEN 2017 INFANZIA
Inquinamento: la Pianura padana è prima in Europa 30 GEN 2017 DENUNCIA SANITARIA
Pubblicato studio del Dr.Montanari: sono presenti inquinanti tossici nei vaccini 27 GEN 2017 VACCINAZIONI
Una legge nazionale per l'obbligo vaccinale? Codacons annuncia battaglia 27 GEN 2017 VACCINAZIONI
I vaccini causano l'autismo? I dubbi di Trump e Kennedy 27 GEN 2017 AUTISMO
Il segreto della felicità? Fare attività fisica 27 GEN 2017 SALUTE
Glifosato: parte la raccolta firme per la messa al bando 25 GEN 2017 DENUNCIA SANITARIA

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione