Recensioni

Mangia che ti passa, uno sguardo rivoluzionario sul cibo per vivere più sani e più a lungo



mangia che ti passa
La copertina di 'Mangia che ti passa. Uno sguardo rivoluzionario sul cibo per vivere più sani e più a lungo'

Il cibo ci parla. E ci manda messaggi di salute o malattia. In una vita di 80 anni una persona ingerisce in media dalle 30 alle 60 tonnellate di cibo. È poco prudente quindi sottostimare l’effetto della nutrizione sulla nostra salute. Di fatto però questo è ciò che è accaduto con il progredire della civilizzazione. Rispetto a una volta, la nostra dieta si è terribilmente impoverita di nutrienti ed è rimasta ricca di una sola cosa: le calorie. Mettereste un carburante inquinato nella vostra macchina? Probabilmente no. Ma questo è ciò che la maggior parte di noi fa quotidianamente con il proprio organismo in modo più o meno consapevole.

Ovviamente oggi questo non dipende solo da scelte individuali ma dalla massiccia industrializzazione della produzione alimentare e dal consolidarsi di abitudini di vita assurde e dannose. Comunque è sotto gli occhi di tutti come la qualità della nostra alimentazione sia diventata sempre peggiore con una netta predominanza di cibi raffinati, ricchi di zuccheri e grassi idrogenati e poveri di fibra, vitamine e fitonutrienti.

Ma sul piano scientifico, nelle ultime decadi sono emersi con certezza non solo gli effetti dannosi dell’alimentazione moderna ma anche quelli preventivi e perfino curativi dei cibi naturali. Tra le novità scientifiche più interessanti c’è la comprensione di come le sostanze contenute nei cibi siano in grado di interagire con i nostri geni fino a modulare le risposte cellulari.

Questa è la nutrigenomica, una disciplina che sta rivoluzionando il modo di vedere il cibo. Non si pensa più solo a calorie ed energia ma a informazione molecolare che entra nel sistema digerente, penetra nell’organismo e regola i processi metabolici in ogni sua cellula. Se questa informazione non viene riconosciuta dalle cellule, come succede con molti dei cibi che consumiamo, si avvia un lento ma progressivo processo di disequilibrio molecolare. Un po’ come se il cibo moderno ultra-raffinato e iper-calorico parlasse una lingua sconosciuta che il corpo non comprende. Non è solo una questione di quantità e quindi di diete più o meno caloriche. Si tratta piuttosto di un problema di compatibilità tra ciò che introduciamo e quello di cui il nostro organismo ha davvero bisogno.

La nutrigenomica è la scienza che studia gli effetti del cibo sull’espressione genica, cioè sul modo in cui l’informazione contenuta nel dna viene trasformata in proteine, molecole che esercitano un’azione biologica nelle nostre cellule. Il cibo è infatti in grado di modulare come il nostro dna si “esprime”, come cioè attiva alcuni geni e ne sopprime altri, come si auto-ripara e come influenza la genesi delle patologie. La nutrigenomica ci offre pertanto le conoscenze per utilizzare il cibo e i nutrienti al fine di “riparare” il nostro terreno biologico, sul quale possono attecchire le malattie oppure può fiorire la salute.

Oggi stiamo vivendo un momento decisivo nella storia della medicina, in cui scienziati e medici iniziano a comprendere l’organismo in un modo nuovo e rivoluzionario. Le antiche barriere tra mente e corpo si stanno dissolvendo, così come la distanza e la separazione tra i vari organi si va riducendo. La scoperta del mondo cellulare, nonostante la sua complessità, sta facendo emergere i processi comuni, le reti di interazioni molecolari che accomunano patologie fino a poco fa considerate distanti tra loro, come per esempio il diabete e l’alzheimer.

Il modello di cura attuale, adatto alle malattie acute e fondato su una relazione lineare tra causa ed effetto, sta lasciando il posto alla biologia dei sistemi, che accetta e tenta di comprendere la complessità delle malattie croniche multi-fattoriali. Dalla cura di una diagnosi e di un sintomo stiamo passando alla cura di una persona malata. Dall’uso standardizzato del protocollo farmacologico “previsto” per una specifica diagnosi (e quindi indistintamente per tutte le persone a cui viene fatta la medesima diagnosi) stiamo passando a interventi terapeutici altamente personalizzati e basati sull’individualità biochimica e genomica di ciascun individuo. il risultato di questo cambio di paradigma è l’abbandono della cura dei sintomi e l’adozione di nuovi strumenti che vanno alla radice della malattia non solo come processo patologico generico e teorico ma come fenomeno individuale.

La nutrigenomica mette a disposizione di ognuno di noi il mezzo più importante per mantenere la salute e migliorare le condizioni croniche: il cibo corretto, elemento fondamentale per ottimizzare il “terreno biologico” da cui emergono salute o malattia. È solo il primo passo verso una medicina nuova ma è un passo gigantesco che le persone possono affrontare in modo semplice e autonomo.  La maggior parte delle malattie croniche, tra cui diabete, tumori, malattie cardiovascolari e alzheimer, può essere prevenuta e la nutrigenomica offre gli strumenti più semplici ma allo stesso tempo più efficaci per farlo. Non esiste tecnologia, farmaco, organo artificiale o terapia genica che abbia la potenza del cibo nel modulare e correggere i processi metabolici e cellulari.

La nutrigenomica ha un ruolo centrale nel plasmare la transizione da un’era pre-genomica a quella post-genomica, ossia da una pratica clinica ancorata a organi e tessuti a una medicina che studia e cura i processi metabolici. I limiti della medicina di oggi sono sotto gli occhi di tutti. Essa estende la vita ma spesso a scapito della sua qualità. Utilizza molti, troppi farmaci. Impiega la quasi totalità della spesa sanitaria per interventi terapeutici che riescono a prolungare la nostra esistenza, ma che spesso non ci rendono né sani né felici.

Alcuni ricercatori sostengono che, senza una vera prevenzione basata sulla correzione delle abitudini di vita, potremmo correre il rischio di vedere, nelle prossime decadi, addirittura una riduzione della durata della vita media. sarebbe la prima volta nella storia dell’umanità.

Fortunatamente, tuttavia, questa trasformazione della medicina è già in atto e riguarda una vasta e profonda rivoluzione nell’approccio diagnostico e terapeutico, di cui la nutrigenomica è un elemento centrale. tutto ciò non vuol dire che la medicina di oggi sia sbagliata, ma che è semplicemente superata. È nata per curare le malattie infettive del passato e adotta come unica strategia l’intervento farmacologico inteso a “uccidere” la causa della malattia. Oggi siamo pronti a fare un passo avanti. La parola d’ordine non può più essere solo “uccidere” ma “ri-equilibrare”. lo scopo non è più semplicemente fare diagnosi per prescrivere un farmaco ma ricercare le molteplici possibili ragioni, fisiche e psicologiche, alla base del disequilibrio e correggerle a una a una.

Da una fase di guerra feroce in cui le armi (senza dubbio a volte necessarie ma sempre micidiali) erano chemioterapia, chirurgia, dosi massicce di farmaci, stiamo entrando in un’era di discussione diplomatica con la malattia e l’organismo. Una fase in cui le forze si riequilibrano e l’intervento esterno viene ridimensionato rispetto alla capacità dell’organismo di auto-curarsi se nutrito e gestito nel modo corretto. Il risultato sarà l’associazione tra aumentata longevità e mantenuta qualità della vita.

Per tutti questi motivi è necessario andare oltre il concetto di dieta e parlare di una vera e propria rivoluzione nella nostra cultura del cibo.  Sarà un grande passo avanti permesso dalla scienza e in particolare dalla nutrigenomica. ma sarà anche un grande passo indietro, in quanto una ritrovata cultura del cibo ci spiegherà come riappropriarci di antiche abitudini alla luce di nuove scoperte.

Lo scopo principale di questo libro è proprio quello di aiutarvi a cambiare abitudini alimentari. Ma non tanto e non solo perché possiate essere più snelli, più belli e più soddisfatti di voi. Tutto questo sarà un’inevitabile e gradita conseguenza del vostro nuovo modo di alimentarvi. Ma ciò che maggiormente apprezzerete sarà il fatto di disporre di una nuova visione, più attenta e consapevole, della vostra salute e del vostro benessere.


>> "Mangia che ti passa. Uno sguardo rivoluzionario sul cibo per vivere più sani e più a lungo" di Filippo Ongaro (leggi il libro)



Hai un account google? clicca su:


Prodotto Consigliato
Mangia che ti passa  Filippo Ongaro   Piemme

Mangia che ti passa

Uno sguardo rivoluzionario sul cibo per vivere più sani e più a lungo

Filippo Ongaro

Nessun farmaco, nessuna terapia, nessun intervento è più potente ed efficace dell'alimentazione quotidiana per prevenire le malattie e mantenerci in salute Mettereste della sabbia nel serbatoio della vostra automobile? Certamente no. Eppure molti di noi fanno inconsapevolmente qualcosa di simile, ogni giorno, con una macchina… Continua »
Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Piemme
9,90 €
 




Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x x  | Votazioni (1)

Articoli di Filippo Ongaro

La miglior difesa è l'alimentazione. Micronutrienti e fitonutrienti alleati della prevenzione 11 MAR 2015 ALIMENTAZIONE
Le connessioni tra cibo e cervello 10 OTT 2014 ALIMENTAZIONE
Il vero valore dei carboidrati, fonte imprescindibile di energia per il nostro organismo 11 LUG 2014 ALIMENTAZIONE
10 Regole per un'alimentazione salutare 12 FEB 2014 MEDICINA PREVENTIVA
'Mangia che dimagrisci', introduzione al libro di Filippo Ongaro 18 GIU 2013 RECENSIONI
Fitness della mente per prevenire la demenza 22 GEN 2013 MEDICINA PREVENTIVA
Qualche trucco per mangiare di meno 14 NOV 2011 ALIMENTAZIONE
Scegliete prodotti locali 11 NOV 2011 ALIMENTAZIONE
Rilassati per abbassare la pressione arteriosa 2 NOV 2011 MEDICINA PREVENTIVA
Omega 3 e tumore prostatico 30 OTT 2011 MEDICINA PREVENTIVA
Quando finirà la discussione sulle vitamine? 15 SET 2011 ALIMENTAZIONE
Qualche chiarimento sulla soia 24 AGO 2011 ALIMENTAZIONE
Vitamina D, sole e prevenzione oncologica 18 LUG 2011 MEDICINA PREVENTIVA
Ma gli integratori funzionano o no? 9 GIU 2011 MEDICINA PREVENTIVA
Invecchiamento e telomeri 6 GIU 2011 MEDICINA PREVENTIVA
Le calorie non sono tutte uguali 5 MAG 2011 ALIMENTAZIONE
Italiani sempre più pigri e grassi 29 MAR 2011 ALIMENTAZIONE
Salute e benessere all'aria aperta 24 FEB 2011 MEDICINA PREVENTIVA
La meditazione cambia la struttura del cervello e migliora la condizione psicologica 7 FEB 2011 SALUTE
Stress ossidativo e cancro: la prevenzione in un melograno 2 GEN 2011 MEDICINA PREVENTIVA
Sorridi per invecchiare bene 21 DIC 2010 MEDICINA PREVENTIVA
L'aspirina può ridurre i decessi per tumore 19 DIC 2010 MEDICINA PREVENTIVA
Stress? Una malattia da non sottovalutare 15 DIC 2010 MEDICINA PREVENTIVA
Bassi livelli di vitamina D e depressione 15 DIC 2010 MEDICINA PREVENTIVA
Vitamina B, un alleato contro l'Alzheimer 2 NOV 2010 SALUTE
La prevenzione di base del tumore al seno 13 OTT 2010 MEDICINA PREVENTIVA
I probiotici possono contribuire ad evitare il comune raffreddore 12 OTT 2010 MEDICINA PREVENTIVA
Incredibile studio pubblicato sul numero di agosto dell’American Journal of Cardiology 14 SET 2010 DENUNCIA SANITARIA
Gli adolescenti in sovrappeso sono più inclini alle malattie croniche della vecchiaia 6 SET 2010 MEDICINA PREVENTIVA
L’esercizio fisico aiuta ad evitare la demenza 4 AGO 2010 MEDICINA PREVENTIVA

Tutti gli articoli di Filippo Ongaro







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione