Omeopatia

Le malattie dei capelli e i rimedi omeopatici indicati per il loro trattamento

Fonte: Hpathy


CATEGORIE: Omeopatia

calvizie

I Medici indiani Dr. Chirag Mishra, Rajshree Jangid e Ankita Upadhyay rivolgono un breve sguardo alle patologie dei capelli e ai rimedi spesso indicati.

 

Riassunto

I capelli non svolgono alcuna funzione vitale nell'uomo, tuttavia le loro funzioni psicologiche sono estremamente importanti. I capelli crescono in una fase di crescita attiva chiamata Anagen, quindi entrano in fase di riposo (Telogen) e cadono in una fase chiamata Talogen effluvium.  In questo articolo si cerca di comprendere le cause ed il trattamento dei disturbi dei capelli attraverso medicinali omeopatici.

 

Introduzione

La perdita di capelli giornaliera media è di 25-100 fibre e qualsiasi alterazione del ciclo di crescita dei capelli provoca un aumento della caduta degli stessi.

 

Tipi di disordini dei capelli

 

Alopecia

Condizione caratterizzata da perdita di capelli frammentaria o completa, clinicamente presentata come perdita di capelli a chiazze, parziale o come completa calvizie. In questi casi vi è una perdita permanente del follicolo pilifero (condizione irreversibile). Può verificarsi a causa di condizioni infettive e infiammatorie con casi di trauma fisico o chimico. Per quanto riguarda la perdita permanente dei capelli, non esiste un trattamento terapeutico efficace e si suggerisce il trapianto. In condizioni reversibili non cicatriziali, i follicoli piliferi sono aperti e visibili. Questo disturbo si suddivide ulteriormente in alopecia localizzata e generalizzata.

 

Irsutismo

Condizione clinica caratterizzata da una distribuzione anomala di peli di tipo terminale (cioè spessi e scuri) nelle donne simile agli uomini. Si verifica a causa dell'eccessiva secrezione di androgeni dalle ovaie o dalle ghiandole surrenali. Le cause ovariche comprendono la sindrome dell'ovaio policistico e tumori ovarici che possono essere benigni o maligni. Le cause surrenaliche dell'irsutismo sono l'iperplasia surrenalica congenita e i tumori surrenali. Le cause ipofisarie sono la malattia di Cushing, l'acromegalia e la proliferazione di adenomi secernenti. Un'altra causa di irsutismo è l'ipotiroidismo.

 

Ipertricosi

L'ipertricosi è un'eccessiva crescita dei peli che non dipende dai livelli di androgeni. Può essere congenita o acquisita. I casi congeniti sono dovuti a un carattere dominante legato al cromosoma X, mentre gli acquisiti sono causati da tumori maligni interni o come conseguenza alla somministrazione di determinati farmaci. I siti di crescita dei peli sono: fronte, collo, parte bassa della schiena.

 

Cause comuni dei disturbi dei capelli sono fattori genetici, anomalie nutrizionali, endocrine, malattie sistemiche, stress mentale, assunzione di farmaci, anomalie del fusto del capello (1), cause cosmetiche come trazione prolungata, uso vigoroso delle spazzole, uso di pettini caldi e pressione prolungata sul cuoio capelluto (nel caso dei pazienti a letto o dei neonati). Alcuni di questi fattori vengono discussi di seguito:

 

1. Fattori genetici: esiste un gene autosomico responsabile della caduta dei capelli. L'ereditarietà dominante o recessiva si trova in alcune persone.

2. Fattori nutrizionali: Principalmente, gli alimenti che favoriscono la salute dei capelli sono proteine, ferro e zinco; la carenza di questi elementi provoca sintomi come capelli fini, secchi, senza lucentezza e fragili che si rompono facilmente. Succede anche per alcuni disturbi sistemici.

3. Cause cosmetiche: i capelli si indeboliscono in seguito ad una costante esposizione a sostanze chimiche e diverse acconciature come trecce e coda di cavallo (3). La qualità dei capelli diventa scarsa per attrito e per la pettinatura.

4. Cause endocrinali (3): si verifica in alcuni casi di ipotiroidismo, ipertiroidismo, ipoparatiroidismo, diabete mellito e consumo di contraccettivi orali.

 

I disturbi comuni dei capelli sono l'alopecia (alopecia androgenetica, alopecia areata, tinea capitis, alopecia universale e displasia ectodermica) (3), irsutismo (eccessiva crescita dei capelli terminali nelle donne simili a maschi dipendente dagli androgeni) (3) e ipertricosi (peli terminali eccessivi in qualsiasi parte del corpo che non dipende dagli androgeni) (3) e ingrigimento pre-maturo dei capelli.

 

I farmaci omeopatici comunemente usati in caso di disturbi dei capelli sono:


Anantherum muricatum (7): È uno dei rimedi più adatti per la caduta dei peli della barba e delle sopracciglia, oltre che per unghie deformate, bolle e ulcere.

 

Carbo vegetabilis (7): L'indicazione principale del rimedio è la caduta dei capelli in seguito a una grave malattia o un abuso di mercurio, con grande sensibilità del cuoio capelluto alla pressione nella parte posteriore della testa, che peggiora la sera, la notte, all'aria aperta, con il freddo, con cibi grassi, burro, caffè, latte, vino e con il clima caldo-umido. Migliorato dall'eruttazione, dall'abbronzatura e dal freddo.

 

Cantharis vesicatoria (7): il rimedio è indicato soprattutto per la caduta dei capelli quando vengono pettinati, in particolare durante il parto e l'allattamento. Peggiorato dal tatto o dall'avvicinamento, urinando, bevendo acqua fredda o caffè. Migliora strofinandosi.

 

Graphites (7): Indicato per la caduta della barba e delle sopracciglia; peggiora con il calore, di notte, durante e dopo le mestruazioni. Migliora al buio, avvolgendosi.

 

Kalium carbonicum (7): è uno dei migliori rimedi per la secchezza e la caduta dei capelli. Il paziente peggiora dopo il coito, con il tempo freddo, assumendo zuppa e caffè, in mattinata verso le tre, sdraiato sul lato sinistro e quello doloroso. Migliora con il tempo caldo, anche se umido; durante il giorno, mentre si sposta.

 

Lycopodium clavatum (7): Indicato quando i capelli diventano grigi precocemente e nei casi di calvizie prematura. Peggiora sul lato destro, da destra a sinistra, dall'alto verso il basso, dalle 16 alle 20; con il calore o a causa della stanza calda, dell'aria calda, del letto; peggiorato dalle applicazioni calde, ad eccezione della gola e dello stomaco che sono migliorati dalle bevande calde. Migliorato dal movimento, dopo mezzanotte, da cibi e bevande caldi, dal raffreddore, dall'essere scoperti.

 

Mancinella (7): È un rimedio indicato in caso di perdita di capelli in seguito a gravi malattie acute.

 

Natrium muriaticum (7): I capelli cadono se toccati, principalmente nella parte anteriore di testa, tempie e barba. Peggiora con il rumore, la musica, in una stanza calda, sdraiato verso le 10 am; peggiora in riva al mare, per lo sforzo mentale, con la consolazione, il calore, la conversazione. Migliora con l'aria aperta, bagni freddi, senza pasti regolari, sdraiato sul lato destro, con una pressione contro la schiena, indumenti stretti.

 

Nitricum acidum (7): Il rimedio più adatto per la caduta abbondante dei capelli, in particolare dalla sommità con eruzioni. Anche per debilità ed emaciazione. Peggiora la sera e di notte, con il clima freddo e caldo. Migliora mentre guida.

 

Phosphoricum acidum (7): È un rimedio ben indicato per i capelli che diventano grigi nelle prime fasi della vita e cadono. Migliora al caldo. Peggiora con lo sforzo, quando parla, con la perdita di fluidi vitali, con eccessi sessuali. Peggiorato da tutto ciò che impedisce la circolazione provocando l'aggravamento dei sintomi.

 

Phosphorus (7) Il cuoio capelluto si presenta a macchie rotonde sulla fronte e sui lati sopra le orecchie, completamente prive di peli, con copiosa forfora. Peggiora al tocco; sforzo fisico o mentale; al crepuscolo; con cibi o bevande caldi; cambio di tempo, bagnandosi nella stagione calda; la sera; sdraiato sul lato sinistro o doloroso; durante un temporale; scale ascendenti. Migliora al buio, sdraiato sul lato destro, con il cibo freddo; al freddo; all'aria aperta; lavandosi con acqua fredda; dormendo.

 

Selenium metallicum (7): I capelli cadono quando si pettinano e si ha una perdita di peli da sopracciglia, baffi, barba e genitali. Peggiora dopo il sonno, quando fa caldo, con l'aria, il coito.

 

Sepia officinalis (7): Perdita di capelli dopo mal di testa cronico e forfora. Peggiora la mattina e la sera; lavandosi, facendo il bucato, con l'umidità, sul lato sinistro, dopo aver sudato; con l'aria fredda, prima del temporale. Migliora con l'esercizio fisico, la pressione, il calore del letto, le applicazioni calde, l'allenamento degli arti, il bagno freddo, dopo il sonno.

 

Sphingurus martini (7): Caduta di peli soprattutto da barba e baffi.

 

Sulphur (7): Il paziente peggiora lavandosi. Peggiora a riposo, in piedi, con il calore a letto, facendo il bagno, al mattino, alle 11am, la notte, bevendo alcolici, periodicamente. Migliora con il tempo secco, caldo, sdraiato sul lato destro, allungando gli arti malati.

 

Thuja occidentalis (7): Quando c'è forfora bianca squamosa, i capelli sono asciutti e cadono. Peggiora di notte, con il calore del letto; alle 3 e alle 15; con l'aria fredda e umida; dopo la prima colazione; cibi grassi, caffè; vaccinazioni. Migliora sul lato sinistro; mentre allunga un arto.

 

Conclusioni

 

La terapia omeopatica risulta efficace anche nel trattamento dei disturbi legati ai capelli. I medicinali prescritti sulla base della totalità dei sintomi e dell'analisi miasmatica hanno prodotto risultati efficaci. Ci sono numerose cause relatie alla perdita di capelli, che includono carenze nutrizionali, fattori genetici, fattori endocrini e fattori autoimmuni.

 

Bibliografia

1. Mirmirani P1, Huang KP, Price VH. ‘A practical, algorithmic approach to diagnosing hair shaft disorders’, International Journal of Dermatology, (2011 Jan) Vol 50(1),. [cited on 2019 February 17].

2. Master F.J. Skin Homoeopathic Approach to Dermatology, 2nd revised edn. New Delhi : B. JainPublishers (P) Ltd; 2012

3. Khanna N Illustrated Synopsis of Dermatology and Sexually Transmitted Disease, 5th , New Delhi: Reed Elsevier India Pvt.Ltd;2016

4. Kent JT, Kent CL. Repertory of the homoeopathic materia medica. Noida: B. Jain Publishers (P) Ltd.; 2016.

5. Knerr C B. Repertory of Hering’s Guiding Symptoms of Our Materia Medica. New Delhi: B. Jain Publishers (P) Ltd; 2017.

6. RADAR(Computer Program). Version 10.0.Belgium: Archives;2009

7. Boericke W. Boericke’s New Manual of Homoeopathic Materia Medica with Repertory.New Delhi:B.Jain Publisher;2000








Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione