Denuncia sanitaria

Lunghe attese? Più soldi più personale più strutture

Fonte: Repubblica.it


CATEGORIE: Denuncia sanitaria

medico

Dopo che un po' tutti gli addetti ai lavori e gli "osservatori" - compreso chi scrive - avevano fatto presente che 50 milioni di euro l'anno (fino al 2021) per contrastare le vergognose, incivili, lunghissime liste di attesa, erano una miseria, il governo ha corretto il tiro: saranno 150 milioni per il 2019 e altri duecento per i due anni successivi. In totale 350 milioni di euro: più del doppio preventivato.

 

Un emendamento alla legge di Bilancio, approvato due giorni fa, prevede dunque un intervento economicamente massiccio. Ottimo. Eppure è solo un pannicello più caldo, che non può essere risolutivo. Come sappiamo da sempre. Perché gli inaccettabili ritardi che si registrano negli ospedali d'Italia (dal Nord al Sud, chi più chi meno), per andare incontro alle esigenze diagnostiche e terapeutiche dei cittadini (che se non possono pagare i servizi di tasca propria, vengono condannati ad una fine prematura), hanno soprattutto altre cause: organizzative e di carenza di personale nella sanità.

 

In passato pensavo che ad incidere sulle lungaggini delle liste di attesa fosse principalmente l'intramoenia, cioè l'attività privatistica del medici tra le mura dell'ospedale. Gli studi e le ricerche condotte nel corso del tempo hanno permesso di analizzare meglio il problema. Perché, fermo restando un giudizio negativo sull'intramoenia (misura introdotta quando la Sanità era guidata da Rosy Bindi), si è capito che il problema di fondo è più ampio. E riguarda la diminuzione del numero delle strutture sanitarie, degli ambulatori pubblici, le apparecchiature obsolete e quindi poco utilizzabili. E poi il numero troppo alto di prescrizioni, che ingolfano di lavoro gli ambulatori. Come anche, se non in primo luogo, lo scarso turn-over tra il personale medico-sanitario, insufficiente per fronteggiare una domanda assistenziale in costante crescita "grazie" all'invecchiamento della popolazione.

 

Ed è proprio su questi aspetti che si dovrebbe intervenire per ridurre i tempi delle attese. Assumendo medici, meglio se specialisti, e infermieri. Perché senza personale sufficiente il servizio pubblico funziona male, favorendo di conseguenza la sanità privata (per chi se la può permettere). Verificando ospedale per ospedale qual è il rapporto tra liste di attesa e lavoro intramoenia. Intervenendo a sostegno delle strutture e del personale che dimostrano comportamenti virtuosi. E invitando anche i medici di famiglia ad essere più "sobri" nelle prescrizioni.

 

Pensare che i soldi siano l'arma migliore per garantire - a tutti - il diritto alla salute, è legittimo. In realtà però serve una politica sanitaria a 360 gradi. E le liste di attesa sono paradigmatiche per comprendere se il governo e la ministra della Salute, Giulia Grillo, hanno davvero intenzione non solo di difendere ma di rilanciare il nostro Servizio sanitario nazionale. Che dopo 40 anni di esistenza appare molto affaticato, se non proprio malato, viste le difficoltà che incontrano milioni di italiani che vogliono - e devono - curarsi nei modi e nei tempi giusti.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Guglielmo Pepe

La corruzione è un cancro che uccide la nostra salute 26 NOV 2018 DENUNCIA SANITARIA
Sugar Tax sulle bibite? È solo un altro balzello 21 NOV 2018 ALIMENTAZIONE
Tra redditi, pensioni, tasse la Sanità resta Cenerentola 21 SET 2018 DENUNCIA SANITARIA
Torna la guerra sui vaccini ma ora è anche nel M5S 6 AGO 2018 VACCINAZIONI
Il Paese dei Gattopardi e l'Istituto di Sanità 8 GIU 2018 OMEOPATIA
La 180 ci ha insegnato a rispettare la diversità 16 MAG 2018 SALUTE
La crociata anti-omeopati tra faziosità e pregiudizi 9 MAG 2018 OMEOPATIA
Le Cassandre della Sanità avevano previsto tutto 23 APR 2018 DENUNCIA SANITARIA
La violenza contro i medici non migliora la Sanità 18 APR 2018 DENUNCIA SANITARIA
I medici non si vaccinano e sono contro l’obbligo 23 MAR 2018 VACCINAZIONI
Cacciare i bimbi dall’asilo è un atto solo punitivo 9 MAR 2018 VACCINAZIONI
Dai dottori ai giornalisti la medicina a senso unico 7 MAR 2018 DENUNCIA SANITARIA
Quando la piazza rivendica la 'libertà vaccinale' 26 FEB 2018 VACCINAZIONI
Ai malati serve coraggio ma prima l’accesso alle cure 14 FEB 2018 DENUNCIA SANITARIA
Ecco come il Pd ha votato la mozione M5S sui vaccini 5 FEB 2018 VACCINAZIONI
Nella campagna elettorale non c'è tempo per la salute 2 FEB 2018 DENUNCIA SANITARIA
Lorenzin pensava ai vaccini mentre la Sanità affondava 24 GEN 2018 VACCINAZIONI
Sui vaccini sarà possibile andare oltre l'obbligo? 18 DIC 2017 VACCINAZIONI
Superticket, il tassello di un sistema in crisi 4 DIC 2017 DENUNCIA SANITARIA
Verso i vaccini obbligatori in tutti i paesi europei? 29 NOV 2017 VACCINAZIONI
Ma la legge sui vaccini è piena di contraddizioni 24 NOV 2017 VACCINAZIONI
Sul business di Big Pharma interessi e disinteresse 22 NOV 2017 VACCINAZIONI
Tra obbligo vaccinale e adesione consapevole 15 NOV 2017 VACCINAZIONI
Togliere la patria potestà, una violenta provocazione 8 NOV 2017 VACCINAZIONI
Nella guerra sui vaccini il disprezzo tra Pd e M5S 3 NOV 2017 VACCINAZIONI
Criminali, caccia agli untori e reato di "leso vaccinismo" 19 OTT 2017 VACCINAZIONI
Solo ora si rendono conto che esiste un "caso Sanità" 6 OTT 2017 DENUNCIA SANITARIA
Quelle voci della scienza che nessuno ha ascoltato 3 OTT 2017 VACCINAZIONI
La Federazione dei medici e il silenzio degli struzzi 18 SET 2017 DENUNCIA SANITARIA
La scienza non democratica e il popolo "ignorante" 9 SET 2017 VACCINAZIONI

Tutti gli articoli di Guglielmo Pepe







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione