Vaccinazioni

11/09/2015

“Le dichiarazioni del Ministro Lorenzin sono un megaspot all'industria dei vaccini”

di Redazione InformaSalus.it



beatrice-lorenzin
Il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin

“Nessuna paura, i vaccini sono sicuri! È andato tutto benissimo, hanno pianto trenta secondi. Ho vaccinato i miei bambini. Penso che nessuno più di me abbia dati, la casistica degli effetti collaterali, sia informata da tutti i punti di vista”. Con le dichiarazioni fatte ieri in occasione della vaccinazione cui sono stati sottoposti i suoi figli,  il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha realizzato “un megaspot gratuito in favore dell’industria farmaceutica”. È quanto denuncia il Codacons che considera grave l'omissione da parte del Ministro dei rischi del vaccino e sui maggiori costi per i cittadini prodotti dall'esavalente.

“Riteniamo gravissimo quanto avvenuto oggi, e altrettanto gravi le affermazioni della Lorenzin – spiega il Presidente del Codacons Carlo Rienzi – Un ministro della Repubblica non dovrebbe mai sbilanciarsi a favore degli interessi economici di soggetti privati, in questo caso le case farmaceutiche, facendo pubblicità ai loro prodotti. Se come madre la Lorenzin ha il pieno diritto di fare le scelte che ritiene più giuste per i propri figli, come Ministro ha il dovere di fornire una informazione corretta ai cittadini e tutelare gli interessi della collettività”.

In particolare il Codacons contesta le dichiarazioni in favore della vaccinazione di massa, considerata esente da qualsiasi rischio. “Peccato – scrive il Codacons - il Ministro non abbia specificato che il Servizio sanitario nazionale inietta ai nostri bambini un vaccino esavalente, nonostante la legge riconosca solo 4 vaccini obbligatori, pratica che può comportare danni da sovraccarico e choc del sistema immunitario nei bambini, mentre sul fronte economico la procedura comporta uno spreco di soldi pubblici a carico del Ssn, e quindi della collettività, pari a 114 milioni di euro all' anno, a tutto vantaggio delle multinazionali dei farmaci”.

Anche ASSIS (Associazione di studi e informazione sulla salute) è intervenuto in merito alle dichiarazioni del Ministro della Salute: “Sono dichiarazioni francamente inaccettabili da parte di un ministro che dovrebbe rappresentare tutti i cittadini, compresi quelli che hanno subito reazioni avverse gravi, gravissime a causa dei vaccini. Che hanno visto morire un figlio per la vaccinazione. Banalizzare il tutto con l’affermazione sui 30 secondi di pianto, è una grave mancanza di rispetto a chi non ha più lacrime da versare per la perdita del proprio bambino”.

La Presidente del CONDAV, il Coordinamento Nazionale dei Danneggiati dalle Vaccinazioni, Nadia Gatti ha dichiarato:

“Gent.mo Ministro Lorenzin, pur conoscendo la sua posizione nettamente favorevole a tutte le vaccinazioni, siano esse obbligatorie che facoltative, devo dire che ho letto con incredulità e un po’ di preoccupazioni le sue ultime dichiarazioni. Infatti, se è lecito dichiarare di aver scelto di portare i propri figli a fare le vaccinazioni, non lo è altrettanto dichiarare che lei sa tutto degli effetti collaterali, sia informata da tutti i punti di vista. Se veramente avesse i dati, la casistica degli effetti collaterali e fosse realmente informata, allora non potrebbe rilasciare dichiarazioni di questo tipo.

Potrebbe dire che dal suo punto di vista è corretto vaccinare, che dal suo punto di vista è meglio correre i rischio di subire un effetto avverso che ammalarsi, che dal suo punto di vista lei ha ritenuto sicuro vaccinare, ma NON che NON esistono effetti avversi e che NON bisogna avere paura perché, Signor Ministro, questa è informazione SCORRETTA: ogni farmaco ha effetti avversi, gli stessi bugiardini li dichiarano, noi e la nostra storia siamo la prova evidente dell’esistenza dei danni da vaccino.. La prego, non cerchi ancora di nascondere questa verità al fine di contrastare il calo della copertura vaccinale ed un ipotetico ritorno delle malattie”.








Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

Covid-19 - La sfida dell'immunità individuale 14 OTT 2020 ATTUALITà
“Il cellulare ha causato il tumore al cervello”: sentenza storica della Corte d'Appello di Torino 15 GEN 2020 DENUNCIA SANITARIA
Farmaci usati in combinazione aumentano l'antibiotico-resistenza 13 GEN 2020 DENUNCIA SANITARIA
Sindrome premestruale? I rimedi omeopatici alleviano i sintomi 10 GEN 2020 OMEOPATIA
Il fumo danneggia anche la salute mentale. I rischi per i giovani 10 GEN 2020 DENUNCIA SANITARIA
Catania: ex primario che impiantava stent con farmaci scaduti nel cuore dei pazienti 3 GEN 2020 DENUNCIA SANITARIA
I cellulari sono come droga per i giovanissimi 2 DIC 2019 DENUNCIA SANITARIA
L'uso eccessivo di antibiotici può aumentare il rischio di Parkinson 29 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
I medici che ricevono regali dalle aziende farmaceutiche prescrivono di più e meno bene 27 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Il Brasile sospende l’autorizzazione per 63 pesticidi tossici 25 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Dieci consigli per una spesa amica del clima e del pianeta 22 NOV 2019 ALIMENTAZIONE
I farmaci in Italia hanno prezzi più alti del 90% rispetto alla media 22 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
L'Italia è la prima in Europa per morti da antibiotico-resistenza 20 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Lo zafferano frena una grave malattia degenerativa della vista 18 NOV 2019 MEDICINA PREVENTIVA
Insufficienza renale acuta in gravidanza: aumentano i ricoveri 18 NOV 2019 SALUTE
Caso Avastin-Lucentis: danno da 200 milioni al Servizio sanitario nazionale 15 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Diabete: la prevenzione inizia a tavola 13 NOV 2019 ALIMENTAZIONE
L'arte fa bene anche alla salute 11 NOV 2019 SALUTE
“Ridurre la prescrizione di antibiotici”: l'appello Ocse all'Italia 8 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Psicofarmaci a bambini e adolescenti: cresce il ricorso a farmaci antidepressivi 6 NOV 2019 INFANZIA
La Toscana sarà la prima regione libera dal glifosato 4 NOV 2019 ATTUALITà
Perché le donne in menopausa non dovrebbero bere troppe bibite 4 NOV 2019 SALUTE
Galline maltrattate e potenziali rischi per la salute umana: sequestrate 9 aziende e 32.000 uova irregolari 30 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Troppo sale può favorire l'Alzheimer 28 OTT 2019 ALIMENTAZIONE
Acne: una cattiva alimentazione nuoce anche alla pelle 25 OTT 2019 ALIMENTAZIONE
Camminata lenta? È segno di invecchiamento precoce e rischio demenza 23 OTT 2019 MEDICINA PREVENTIVA
Pesticidi in Veneto: “Viviamo oppressi da sostanze tossiche” 23 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Cellulari e cancro: “Il rapporto dell'Istituto Superiore di Sanità non garantisce la salute pubblica” 21 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Stress: ecco la risposta delle donne e quella degli uomini 18 OTT 2019 SALUTE
Decine di migliaia di medici corrotti: tre ex manager rivelano la 'strategia' Novartis 18 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione