Vaccinazioni

“Le dichiarazioni del Ministro Lorenzin sono un megaspot all'industria dei vaccini”



beatrice-lorenzin
Il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin

“Nessuna paura, i vaccini sono sicuri! È andato tutto benissimo, hanno pianto trenta secondi. Ho vaccinato i miei bambini. Penso che nessuno più di me abbia dati, la casistica degli effetti collaterali, sia informata da tutti i punti di vista”. Con le dichiarazioni fatte ieri in occasione della vaccinazione cui sono stati sottoposti i suoi figli,  il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha realizzato “un megaspot gratuito in favore dell’industria farmaceutica”. È quanto denuncia il Codacons che considera grave l'omissione da parte del Ministro dei rischi del vaccino e sui maggiori costi per i cittadini prodotti dall'esavalente.

“Riteniamo gravissimo quanto avvenuto oggi, e altrettanto gravi le affermazioni della Lorenzin – spiega il Presidente del Codacons Carlo Rienzi – Un ministro della Repubblica non dovrebbe mai sbilanciarsi a favore degli interessi economici di soggetti privati, in questo caso le case farmaceutiche, facendo pubblicità ai loro prodotti. Se come madre la Lorenzin ha il pieno diritto di fare le scelte che ritiene più giuste per i propri figli, come Ministro ha il dovere di fornire una informazione corretta ai cittadini e tutelare gli interessi della collettività”.

In particolare il Codacons contesta le dichiarazioni in favore della vaccinazione di massa, considerata esente da qualsiasi rischio. “Peccato – scrive il Codacons - il Ministro non abbia specificato che il Servizio sanitario nazionale inietta ai nostri bambini un vaccino esavalente, nonostante la legge riconosca solo 4 vaccini obbligatori, pratica che può comportare danni da sovraccarico e choc del sistema immunitario nei bambini, mentre sul fronte economico la procedura comporta uno spreco di soldi pubblici a carico del Ssn, e quindi della collettività, pari a 114 milioni di euro all' anno, a tutto vantaggio delle multinazionali dei farmaci”.

Anche ASSIS (Associazione di studi e informazione sulla salute) è intervenuto in merito alle dichiarazioni del Ministro della Salute: “Sono dichiarazioni francamente inaccettabili da parte di un ministro che dovrebbe rappresentare tutti i cittadini, compresi quelli che hanno subito reazioni avverse gravi, gravissime a causa dei vaccini. Che hanno visto morire un figlio per la vaccinazione. Banalizzare il tutto con l’affermazione sui 30 secondi di pianto, è una grave mancanza di rispetto a chi non ha più lacrime da versare per la perdita del proprio bambino”.

La Presidente del CONDAV, il Coordinamento Nazionale dei Danneggiati dalle Vaccinazioni, Nadia Gatti ha dichiarato:

“Gent.mo Ministro Lorenzin, pur conoscendo la sua posizione nettamente favorevole a tutte le vaccinazioni, siano esse obbligatorie che facoltative, devo dire che ho letto con incredulità e un po’ di preoccupazioni le sue ultime dichiarazioni. Infatti, se è lecito dichiarare di aver scelto di portare i propri figli a fare le vaccinazioni, non lo è altrettanto dichiarare che lei sa tutto degli effetti collaterali, sia informata da tutti i punti di vista. Se veramente avesse i dati, la casistica degli effetti collaterali e fosse realmente informata, allora non potrebbe rilasciare dichiarazioni di questo tipo.

Potrebbe dire che dal suo punto di vista è corretto vaccinare, che dal suo punto di vista è meglio correre i rischio di subire un effetto avverso che ammalarsi, che dal suo punto di vista lei ha ritenuto sicuro vaccinare, ma NON che NON esistono effetti avversi e che NON bisogna avere paura perché, Signor Ministro, questa è informazione SCORRETTA: ogni farmaco ha effetti avversi, gli stessi bugiardini li dichiarano, noi e la nostra storia siamo la prova evidente dell’esistenza dei danni da vaccino.. La prego, non cerchi ancora di nascondere questa verità al fine di contrastare il calo della copertura vaccinale ed un ipotetico ritorno delle malattie”.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

Vaccini obbligatori in Francia: dov’è finita la “libertè”? 22 GEN 2018 VACCINAZIONI
Vaccini, Travaglio: “Che ho detto di scandaloso?” 22 GEN 2018 VACCINAZIONI
Etichette alimentari e allergeni: le nuove direttive Ue 19 GEN 2018 ALIMENTAZIONE
Disturbi del sonno? Un “trucco” per addormentarsi 17 GEN 2018 SALUTE
Bisfenolo A: Ue impone limiti più stringenti 15 GEN 2018 SALUTE
Sospeso bambino non vaccinato: il Tar lo riporta a scuola 15 GEN 2018 VACCINAZIONI
Ansia e depressione: rischio maggiore per chi dorme male 11 GEN 2018 SALUTE
L'ibuprofene può compromettere la fertilità maschile 10 GEN 2018 DENUNCIA SANITARIA
L'abilità che tuo figlio deve imparare per avere successo nella vita 8 GEN 2018 INFANZIA
Francia: scatta l'obbligo di 11 vaccini 8 GEN 2018 VACCINAZIONI
Obesità infantile: diminuisce in Europa, ma l'Italia è tra i peggiori 8 GEN 2018 INFANZIA
Colesterolo e glicemia: una mela al giorno abbassa il rischio 5 GEN 2018 ALIMENTAZIONE
Bambini: ecco perché è importante mangiare in famiglia 5 GEN 2018 INFANZIA
Le proprietà curative del miele 5 GEN 2018 ALIMENTAZIONE
Inquinamento acustico: un quarto della popolazione europea soffre per il rumore 5 GEN 2018 SALUTE
Dimagrire dopo le feste: come farlo nel modo giusto? 3 GEN 2018 SALUTE
Lo yoga allevia i sintomi della menopausa 3 GEN 2018 SALUTE
Tristi e poco autonomi: così sono gli adolescenti figli dello smartphone 3 GEN 2018 DENUNCIA SANITARIA
Smettere di fumare: ecco come riuscirci 3 GEN 2018 SALUTE
Muore dopo il vaccino antinfluenzale. Familiari presentano esposto alla procura di Venezia 22 DIC 2017 VACCINAZIONI
Linfoma: lo sport allunga la vita 20 DIC 2017 SALUTE
Tumori testa e collo: anziani più a rischio 20 DIC 2017 SALUTE
Bambini: troppe bevande zuccherate aumentano il rischio di asma 20 DIC 2017 INFANZIA
Il tè fa bene anche alla vista 18 DIC 2017 ALIMENTAZIONE
Cibi scaduti: quali si possono mangiare? 18 DIC 2017 ALIMENTAZIONE
Paracetamolo a rilascio prolungato: prodotti sospesi dal mercato dal europeo 18 DIC 2017 DENUNCIA SANITARIA
Glifosato: la Commissione Ue respinge le richieste dei cittadini 15 DIC 2017 DENUNCIA SANITARIA
Demenza: l'obesità aumenta il rischio 15 DIC 2017 MEDICINA PREVENTIVA
Corte Costituzionale: risarcimento danni anche per vaccini non obbligatori 15 DIC 2017 VACCINAZIONI
L'inquinamento influenza la fertilità maschile 13 DIC 2017 SALUTE

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione