Infanzia

Fondo Nasko: in Lombardia un contributo alle donne per evitare l’aborto


CATEGORIE: Infanzia , Salute

“Nessuna donna dovrà più essere costretta ad abortire in Lombardia a causa dei problemi economici”. Con queste parole Roberto Formigoni, il presidente della Regione, ha accolto il ‘nuovo arrivato’ in Lombardia. Si tratta del fondo Nasko, una dotazione di 5 milioni di euro, con i quali si garantirà a ciascuna donna un contributo complessivo fino a 4.500 euro distribuiti nell’arco di 18 mesi (prima del parto e dopo la nascita del bambino).

Il progetto prevede che il contributo di 250 euro al mese venga integrato da una serie di interventi o servizi, erogati anche da altri soggetti pubblici o privati coinvolti.
“Si potrà pensare ad aumentare i posti letto e allargare le case famiglia dove la donna esce dalla sua solitudine. Che è il primo fattore per cui si abortisce”, spiega Paola Bonzi, direttrice del primo Centro di aiuto alla vita italiano.

A gestire il fondo sarà direttamente la Regione mediante una piattaforma web ad accesso riservato ai consultori e ai centri di aiuto alla vita iscritti negli elenchi regionali, i quali indicheranno i nominativi delle donne beneficiarie del sostegno economico.

Le future mamme che accetteranno e seguiranno un “progetto personalizzato” di aiuto realizzato tramite i Consultori familiari e i Centri di Aiuto alla Vita, entro pochi giorni, riceveranno gratuitamente una carta prepagata su cui, mese per mese, verrà caricato l’importo del contributo che le madri potranno spendere secondo le necessità concordate con il Consultorio o il Cav.

“Si tratta di un provvedimento importante – commenta Formigoni - che conferma la nostra politica di tutela e promozione della maternità, della natalità e della famiglia. Ed è tanto più significativo, perché cade in un momento in cui la crisi economica e la conseguente instabilità sociale potrebbero ripercuotersi sulla scelta delle donne riguardo la maternità”.

Intanto a Roma, Fabio Mosca, docente di Neonatologia all'Università di Milano, intervenuto ad un convegno organizzato dall’Associazione medici cattolici italiani (Amci) sul tema dell'aborto e della legge 194, ha diffuso alcuni dati sulle interruzioni di gravidanza nel nostro Paese.

“Nel 2009, a fronte di 565 mila nascite, abbiamo avuto 116 mila aborti”, spiega Mosca. 
In Italia, dunque, c’è un aborto ogni cinque bambini nati. La media è di circa 200 aborti ogni mille bambini nati.
Secondo il neonatologo si tratta di dati preoccupanti ma che comunque attestano una diminuzione rispetto ad alcuni decenni fa quando c'erano più nascite e anche più interruzioni di gravidanza.
“Dal 1982 al 2009 gli aborti sono scesi da 230 mila a 116 mila”.








Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

Caso Avastin-Lucentis: danno da 200 milioni al Servizio sanitario nazionale 15 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Diabete: la prevenzione inizia a tavola 13 NOV 2019 ALIMENTAZIONE
L'arte fa bene anche alla salute 11 NOV 2019 SALUTE
“Ridurre la prescrizione di antibiotici”: l'appello Ocse all'Italia 8 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Psicofarmaci a bambini e adolescenti: cresce il ricorso a farmaci antidepressivi 6 NOV 2019 INFANZIA
La Toscana sarà la prima regione libera dal glifosato 4 NOV 2019 ATTUALITà
Perché le donne in menopausa non dovrebbero bere troppe bibite 4 NOV 2019 SALUTE
Galline maltrattate e potenziali rischi per la salute umana: sequestrate 9 aziende e 32.000 uova irregolari 30 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Troppo sale può favorire l'Alzheimer 28 OTT 2019 ALIMENTAZIONE
Acne: una cattiva alimentazione nuoce anche alla pelle 25 OTT 2019 ALIMENTAZIONE
Camminata lenta? È segno di invecchiamento precoce e rischio demenza 23 OTT 2019 MEDICINA PREVENTIVA
Pesticidi in Veneto: “Viviamo oppressi da sostanze tossiche” 23 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Cellulari e cancro: “Il rapporto dell'Istituto Superiore di Sanità non garantisce la salute pubblica” 21 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Stress: ecco la risposta delle donne e quella degli uomini 18 OTT 2019 SALUTE
Decine di migliaia di medici corrotti: tre ex manager rivelano la 'strategia' Novartis 18 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Fame, obesità e diete improprie: la malnutrizione affligge i bambini 16 OTT 2019 ALIMENTAZIONE
I dieci cibi più pericolosi venduti in Italia 14 OTT 2019 ALIMENTAZIONE
I PFAS interferiscono con la vitamina D e causano l'osteoporosi 11 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
“Farmaco antipsicotico fa crescere il seno agli uomini”: condanna record per Johnson & Johnson 9 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Bambini e sport: sfatiamo i falsi miti! 7 OTT 2019 INFANZIA
Gli adolescenti italiani tra poco sport, troppo alcol e social media 4 OTT 2019 SALUTE
Dieta mediterranea: il rimedio vincente per la cura del fegato grasso 25 SET 2019 ALIMENTAZIONE
Yoga della Risata: perché imparare a ridere è la chiave di tutto 23 SET 2019 SALUTE
La Germania dice “sì” alla rimborsabilità dei farmaci omeopatici 20 SET 2019 OMEOPATIA
Così l'insonnia danneggia l'intestino 20 SET 2019 SALUTE
Diabete: alcuni lavori triplicano il rischio 19 SET 2019 SALUTE
Dalla gravidanza alla terza età: così lo Shiatsu allunga la vita 19 SET 2019 SALUTE
Qualità del sonno: un parametro ignorato nei colloqui con il medico 19 SET 2019 SALUTE
Il tè difende il cervello dal declino 16 SET 2019 MEDICINA PREVENTIVA
Cinque morti al minuto per errori terapeutici 16 SET 2019 DENUNCIA SANITARIA

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione