Salute

Lino (Linum usitatissimum)


CATEGORIE: Salute

Lino (Linum usitatissimum)
Lino (Linum usitatissimum)

Famiglia: Linacee

Habitat: E' originario dell'India ed è stato coltivato fin da tempi aintichissimi in Mesopotamia (5.200-4.000 a.C.).

Etimologia: Da greco "linon": filo

Parti usate: Semi e olio


Possibilità di impiego:
Prof. Pier Paolo Mussa - Università di Torino
"Ippocrate (650 a.C.) lo descrive come idoneo a curare i disturbi intestinali nell'uomo. In antichità è stato variamente utilizzato dagli Egizi, dai Greci e dai Romani.
Il Lino comune è una delle più antiche piante della storia del mondo. Dall'era preistorica i giorni nostri, il Lino è sempre stato utilizzato come alimento, come fonte di fibre tessili, di olio e per preparazioni fitoterapiche.
In Canada, ad esempio, risulta essere una delle piante più utilizzate dai veterinari che si occupano di animali da affezione".


Ai corretti dosaggi, il Lino può essere utilizzato:

Miglioramento delle condizioni scadenti della cute e del pelo (studi nel cane)
La somministrazione orale per 10 settimane di olio di lino (200 mg/kg/die) ha migliorato i sintomi della dermatite atopica del cane. Un altro lavoro ha dimostrato che la sommistrazione di semi di lino, facendo aumentare la concentrazione di acidi grassi polinsaturi nel siero, contribuisce a migliorare le condizioni della cute e del pelo dei cani.

Regolarizzazione delle funzioni intestinali (studi nel cane)

La regolarizzazione delle funzioni intestinali, dovuta alla presenza di fibra, per circa un terzo solubile, che influenza favorevolmente le fermentazioni intestinali e per circa due terzi insolubile, che regolarizza il transito.
Uno studio sull'influenza dell'introduzione crescente di lino sulla digeribilità della dieta ha dimostrato che essa non risulta sensibilmente intaccata se la percentuale di introduzione non supera il 4%; con l'aumentare della dose aumenta il volume delle feci.
L'azione lassativa dei semi di lino dipende da alcuni suoi componenti, quali le mucillagini e i pentosani, ma è fortemente condizionata dalla dose.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di L'Erborista di Informasalus.it

Mirtillo (Mirtillo rosso vaccinium macrocarpon, Mirtillo blu vaccinium angustifolium) 22 AGO 2013 SALUTE
Acero 17 DIC 2012 SALUTE
Abete 6 DIC 2012 SALUTE
Psillio (Plantago psyllium o Plantago ovata) 9 DIC 2011 SALUTE
Ginseng (Panax ginseng) 31 LUG 2011 SALUTE
Ginko Biloba 14 APR 2011 SALUTE
La Garcinia 1 APR 2011 SALUTE
Le proprietà della Boswellia (Boswellia serrata) 8 MAR 2011 SALUTE
Bardana (Arctium lappa) 1 MAR 2011 SALUTE
Cos'è Belladonna? 10 MAG 2010 OMEOPATIA






Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione