Vaccinazioni

Lesioni da vaccino, famiglia Brindisina scrive a Presidente Fini


CATEGORIE: Vaccinazioni

FIRENZE - ''Abbiamo chiesto un risarcimento al Capo dello Stato e ci ha promesso una medaglia di conforto, amaro premio di consolazione mai arrivato. Lo Stato, il risarcimento, lo ha dato ai deceduti per danni da emotrasfusione ma non a mio figlio Ciro, morto per una lesione cerebrale dovuta ad un vaccino”.

Lo scrive in una lettera indirizzata al presidente della Camera dei deputati Gianfranco Fini, Salvatore Mariella, originario di Brindisi, il cui figlio Ciro morì nel 1999 a 33 anni, dopo aver subito per ben trenta anni le conseguenze di una lesione cerebrale dovuta ad una vaccinazione antipolio sbagliata.

La causa della lesione fu scoperta dai genitori di Ciro solo nel 2002 quando vennero a conoscenza delle indagini genetiche fatte sul corpo del figlio dopo la morte, essendo stato deciso di donare gli organi (cuore, polmoni e fegato).

Oggi il caso, come altri avvenuti in Italia, è assistito dall’Amev, l’Associazione dei malati da emotrasfusioni e vaccini con sede a Firenze, che ha presentato un ricorso straordinario al presidente della Repubblica contro il decreto emesso dal sottosegretario alla Salute nel luglio scorso, che esclude da benefici i familiari di chi è morto in seguito a vaccinazioni sbagliate.

“L'udienza per la sospensiva del decreto è fissata al prossimo 29 ottobre – scrive Mariella a proposito del ricorso amministrativo – e io attenderò umilmente il parere del Consiglio di Stato in piazza della Spada a Roma con una foto di mio figlio in mano”. Il padre spiega anche di aver scritto a Fini poichè la Camera è stata interessata della questione da un’interrogazione parlamentare.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione