Omeopatia per Animali

Leiomioma vaginale in una cagna trattato omeopaticamente

Fonte: Il Medico Omeopata



Leiomioma vaginale in una cagna trattato omeopaticamente
L'omeopatia è una valida risorsa nel trattamento del leiomioma vaginale, soprattutto quanto la terapia convenzionale fallisce e l'intervento chirurgico non sia un'opzione attuabile

Le neoplasie del sistema genitale femminile nelle cagne sono rare (1) e si verificano principalmente in animali anziani (2,3); è difficile un loro riscontro precoce poiché, nella maggior parte dei casi, coesistenti malattie croniche mascherano i segni iniziali della neoplasia (4-6). I tipi principali di tumore implicati sono i leiomiomi e i fibromi, che possono svilupparsi in sede extraluminale e, pertanto, compromettere le funzioni degli organi vicini (7).

L'asportazione chirurgica rappresenta la prima scelta terapeutica qualora sia possibile l'ablazione totale (8) a cui è possibile associare la castrazione (9). Sono state anche impiegate la radio e la chemioterapia, da sole o in associazione alla chirurgia, ma con basse percentuali di successo terapeutico (10-13). In tali casi, il periodo di sopravvivenza e la durata della remissione presentano indici sfavorevoli in animali anziani (14).

La terapia omeopatica è stata utilizzata per far regredire gli effetti avversi della chemio e della radioterapia (15-17), per migliorare la qualità della vita (18,19) e come trattamento specifico di alcuni tumori, per esempio condrosarcoma (20), neoplasie cutanee (21), l'istiocitoma maligno (22).

Casi clinici di tumori dell'apparato genitale femminile umano trattati omeopaticamente evidenziano risultati positivi nel trattamento di fibromi uterini, con riduzione del dolore e dell'emorragia endometriale (23), e di leiomiosarcomi (24).

Si presenta il caso clinico di leiomioma vaginale in una cagna anziana sottoposta a trattamento omeopatico.

 

STORIA CLINICA

Doberman femmina di 9 anni con leiomioma vaginale, seguita dal Marzo al Dicembre 2005. L'approccio omeopatico è stato del tipo descritto da Pinto (25). La prescrizione omeopatica si basò sulla correlazione tra la diagnosi clinica omeopatica e il quadro clinico, repertoriale, patogenetico, presentato dalla paziente.

Il disturbo principale era costituito dal sanguinamento vaginale. L'animale aveva presentato un episodio iniziale di profusa colporragia nell'Aprile 2004 con riscontro di una massa tumorale sul pavimento vaginale.

L'esame ecografico documentò la presenza di una massa eterogenea nel canale vaginale, dalle dimensioni di cm. 15 x 4,5, estesa dal fornice vaginale al vestibolo.

A partire da quella data, la paziente aveva presentato ripetuti episodi di colporragia, che non erano migliorati né con terapie convenzionali né con terapia omeopatica (Arnica montana 6CH; Cactus grandiflores 1CH, Phosphorus 100CH). Fu condotta presso la nostra clinica nel Marzo 2005, in presenza di nuovi episodi di colporragia. Il proprietario riferì che tali episodi tendevano a verificarsi più di frequente di sera ed erano preceduti da uno stato d'irrequietezza fisica e seguiti da uno stato di prostrazione. L'animale, inoltre, era sensibile ai cambiamenti delle condizioni climatiche; la minzione e l'evacuazione intestinale richiedevano uno sforzo intenso.

All'anamnesi fisiologica si rilevò che la paziente era primipara, il pre-estro caratterizzato da emorragia intensa e l'estro da notevole tumefazione della vulva. L'animale era stato sottoposto alle procedure di profilassi medica standard, compreso l'uso trimestrale di vermicidi e vaccinazioni (rabbia, cinomosi, epatite, leptospirosi, coronavirus canino, parvovirus canino, influenza, tetano, tracheobronchite canina contagiosa). L'anamnesi patologica remota includeva giardiasi con enterorragia (nel 1996), ehrlichiosi, sublussazione cervico-caudale – sindrome di Wobbler (nel 2001), piometrite con castrazione (nel 2002).

Tra gli antecedenti familiari, degno di nota che la madre dell'animale era morta all'età di 11 anni per insufficienza cardiaca congestizia e aveva sofferto anche di neoplasia mammaria. Il padre era stato soppresso all'età di 9 anni a causa d'ipotiroidismo, piodermite generalizzata e setticemia. La nostra paziente aveva coabitato con altri cani della stessa razza e aveva ricevuto regolari cure veterinarie.

All'esame obiettivo si rilevò un animale molto aggressivo, di caratteristica biotipologia razziale, tronco rotondeggiante con ossa e muscoli ben sviluppati; ossa degli arti esili e con atteggiamento in iperestensione; l'angolo costo-sternale inferiore a 90°. L'animale presentava pallore della lingua e delle mucose orali e oculari. Presenza di profusa colporragia di sangue scuro con coaguli, preceduta da intense contrazioni addominali con gemiti.

All'esame con lo speculum si rivelò la presenza di una massa tumorale aggettante nel canale vaginale.

Su queste basi, si formularono le seguenti diagnosi:

Clinica: tumore vaginale e sindrome di Wobbler; Prognosi clinica dinamica: lesione grave /incurabile;

Elementi biopatografici: precedenti patologie, isterectomia e vaccinazioni;

Biotipologica: costituzione mista fosforico-carbonica; Temperamentale: atrabiliare;

Diatesica: sicosi.

 

Fu data priorità terapeutica all'emorragia genitale.

LaTabella 1 illustra i sintomi selezionati e analizzati; laTabella 2 presenta i rimedi risultanti dalla repertorizzazione. La Tabella 3 riporta la gestione clinica e l'evoluzione del caso.

DISCUSSIONE

La diagnosi clinica di leiomioma vaginale basata sull'esame obiettivo ed ecografico fu confermata dall'esame istologico (26).

Lo sviluppo del leiomioma nelle femmine è influenzato dagli ormoni sessuali (27): ciò può rendere ragione della relativamente bassa frequenza di neoplasie vaginali in cagne castrate (1,28).

Nel caso in esame, comunque, sebbene la cagna fosse stata castrata, una massa tumorale si era sviluppata causando interferenze meccaniche sugli organi adiacenti, che determinavano ritenzione urinaria e stipsi, che sono fenomeni rari (7).

Non fu possibile procedere all'intervento chirurgico a causa delle dimensioni e della sede del tumore, che rendevano impossibile un'escissione completa, e considerato che l'età e le condizioni cliniche della paziente costituivano ulteriori fattori di rischio (7,29-31). Da un punto di vista strettamente omeopatico, alcune considerazioni vanno evidenziate. Innanzi tutto, la condizione temperamentale atrabiliare della paziente – determinata sulla base di mancanza di plasticità e tonicità – inerente all'età e alla patologia in atto (32) contribuì a decidere per un trattamento omeopatico in questo caso, anche se un precedente approccio omeopatico, differente dal nostro, si era concluso con un fallimento.

In secondo luogo, sebbene lo stadio attuale della malattia così come la sua localizzazione, l'età della paziente e il suo stato clinico deponessero per una prognosi infausta (lesione grave/incurabile da un punto di vista dinamico), il trattamento omeopatico si risolse in completa remissione, contro ogni nostra iniziale aspettativa.

In terzo luogo, i dati biopatografici evidenziavano antecedenti sifilitici (giardiasi, erhlichiosi) e sicotici (piometrite, leiomioma) (25). La sindrome di Wobbler non ha ricevuto ancora una classificazione diatesica. Questa paziente, dunque, aveva sofferto in passato di una interazione sifilitico-sicotica, il leiomioma, in quanto patologia in atto indicava una prevalenza funzionale di natura sicotica: ciò fu di aiuto nel selezionare i rimedi omeopatici adatti (25). La costituzione mista fosforico-carbonica era in rapporto alla razza piuttosto che essere di tipo adattativo. Questo fatto può indicare incompatibilità strutturali tra modelli di reattività diatesica.Tale opinione rinforza la necessità di affrontare condizioni cliniche come quella che abbiamo davanti ricorrendo a rimedi omeopatici antisicotici (33).

Il medicamento principale selezionato tra quelli risultanti dalla repertorizzazione era Thlaspis bursa pastoris. Tale rimedio era compatibile sia con la patologia principale sia con la diatesi della paziente, in quanto risulta indicato in emorragie genitali associate a presenza di tumori (25,34). L'alternanza di Thlaspis bursa pastoris con Euphorbia tirucalli (NdT) e con Myoma potrebbe essere responsabile della guarigione clinica della paziente in quanto il primo è utilizzato nel trattamento del cancro e delle sue complicazioni cliniche (36,37), mentre, per quanto riguarda il secondo, un bioterapico, lo si può usare, in genere, come una sorta di immunomodulatore (37,38).

Dopo 7 mesi d'utilizzo di questi rimedi, s'introdusse Nitric acidum in quanto rimedio diretto contro la sicosi. Ciò, però, indusse un peggioramento dello stato emorragico e dello stato generale; per tale motivo, dopo 13 giorni di somministrazione, fu interrotto e si tornò all'iniziale schema terapeutico utilizzato.

La guarigione clinica completa si verificò 6 giorni dopo la sospensione di Nitric acidum e l'eliminazione spontanea della massa tumorale. Questo andamento cronologico fornisce marcato sostegno al sospetto che sia stato proprio questo stesso rimedio ad aver favorito l'evento definitivo, sospetto rinforzato dalla considerazione che Nitric acidum possiede una particolare azione sulle neoplasie genitali sanguinanti al minimo contatto (35) e che ci sono descrizioni della sua efficacia nel trattamento di tumori genitali (23,38). In letteratura non ci sono documentazioni di eliminazione terapeutica di leiomioma in cagne.

 

CONCLUSIONI

L'esito positivo di questo caso indica che l'omeopatia può essere una valida risorsa nel trattamento di tumori vaginali nella cagne. Ciò acquista un maggiore significato qualora il trattamento convenzionale sia fallito e l'intervento chirurgico non sia un' opzione attuabile.

D'altra parte, questo caso costituisce un'ulteriore prova della validità del nostro protocollo terapeutico se si confronta il successo terapeutico ottenuto grazie ad esso con il fallimento di precedenti trattamenti omeopatici fondati su altri presupposti.

 

Note dell'Autore

1) EUPHORBIA TIRUCALLI

L' Euphorbia tirucalli (Avelós) è stata utilizzata presso gli Ambulatori dell'IHB (www.ihb.org.br) per oltre 10 anni come medicamento complementare in pazienti immunodepressi o affetti da cancro. I benefici principali che derivano dal suo uso consistono nella riduzione del dolore, nell'aumento dell'appetito e del peso.

Per ulteriori informazioni consultare i seguenti articoli:

Varricchio MCBN, Pinto LF,Andrade EM, Pellagio SS. Employment of Dynamized Aveloz (Euphorbia tirucalli) in CancerTreatment. Braz.Homeopathic J. 2000; 6(1): 64-67.

Aquino CL, Barbosa GM, Barbosa GM,Varricchio MCBA,Veiga VF, Kuster R, Zancan P, Sola- Penna M, Quaresma CH. High dilutions of Euphorbia tirucalli L. (AVELOZ) modify the viability and glycolytic metabolism of cell lines. Int J High Dilution Res [serial on the WWW]. 2008 [citedYYYY Month DD]; 7(24): 132-139.

Varricchio MCBN, Pereira C, Sales F, Gomes T, Daudt E, Aquino CL, Barbosa GM, Gomes N, Pyrrho AS, Hobaica PEM, Branco MC, Kuster R, Holandino C. Chronic toxicological effects of high diluted solutions of Aveloz (Euphorbia tirucalli L.) on healthy mice: a preliminary study. Int J High Dilution Res [serial on the WWW]. 2008

2) Ulteriori informazioni sul protocollo diagnostico utilizzato nell'articolo citato in bibliografia al n. 25: Pinto LF. Homeopathic veterinary clinical protocol. In: Bonamin LV, editor. Signals and images II: contributions and contradictions about high dilution research. NewYork: Springer; 2008.

 

Bibliografia

[1] Soderberg SF. Vaginal disorders.Veterinary Clinics of North America: Small Animal Practice 1986; 16(3):543-559.

[2] Dorn CR, Priester WA. Epidemiology. In: Theilen GH & Madewell BR. Veterinary Cancer Medicine. 2nd ed. Philadelphia: JB Lippincott; 1987.

[3] Silverberg E, Lubera JA. Cancer statistics. Cancer 1988; 38:11-23.

[4] Morrison WB. Diagnosis and treatment of cancer in aged animals.Veterinary Clinics of North America: Small Animal Practice 1989; 19:137-154.

[5] Robie PW. Cancer screening in the elderly. Journal of the American Geriatrics Society 1989; 37:888-893.

[6] Kitchell BE. Cancer therapy for geriatric dogs and cats. Journal of American Animal Hospital Association 1993; 29:41-48.

[7] Grooters AM. Ovariopatias e uteropatias. In: Birchard SJ & Sherding RG. Manual Saunders: Clínica de pequenos animais. São Paulo: Roca 1998.

[8] Salomon JF, Deneuche A,Viguier E. Vaginectomy and urethroplasty as a treatment for non-pedunculated vaginal tumours in four bitches. Journal of Small Animal Practice 200445(3):157-161.

[9] Thacher C, Bradley RL. Vulvar and vaginal tumors in the dog: a retrospective study. Journal of American Veterinary Medical Association 1983; 183(6):690-692.

[10] Begg CB, Carbone PP. Clinical trials on drug toxicity in the elderly. Cancer 1983 52:1986-1992.

[11] Aucoin DP. Drug therapy in the geriatric animal: The effect of aging on drug disposition.Veterinary Clinics of North America: Small Animal Practice 1989; 19:41-48.

[12] Phister JE, Jue SG. Cusack, B.J. Problems in the use of anticancer drugs in the elderly. Drugs 1989; 37:551-565.

[13] Balducci L, Mowrey K, Parker M. Pharmacology of antineoplastic agents in older patients. In: Balducci L, Lyman GH, Ershler WB. Geriatric Oncology.

Philadelphia: JB Lippincott; 1992.

[14] Holmes FF. Clinical evidence for change in tumor aggressiveness with age. In: Balducci L, Lyman GH, Ershler WB. Geriatric Oncology. Philadelphia: JB Lippincott; 1992.

[15] Thompson EA. Using homeopathy to offer supportive cancer care, in a National Health Service outpatient setting. Complementary Therapies in Nursing and Midwifery 1999; 5(2):37-41.

[16] Balzarini A, Felisi E, Martini A, De Conno F. Efficacy of homeopathic treatment of skin reactions during radiotherapy for breast cancer: a randomized, double-blind clinical trial. British homoeopathic journal 2000; 89 (1):8-12.

[17] Mark P. Carcinoma of breast and panic attacks. British Homeopathic Journal. 2000, 89(1):35-36.

[18] Bradley GW, Clover A. Apparent response of small cell lung cancer to an extract of mistletoe and homeopathic treatment. Thorax 1989; 44 (12):1047-1048.

[19] Spence DS, Thompson EA, Barron SJ. Homeopathic treatment for chronic disease: a 6-year, university-hospital outpatient observational study. Journal of Alternative Complementary Medicine 2005; 11:793-798.

[20] Phillips WG, Grant J, Calonje JE. Chondrosarcoma of the finger. J Pathol 1996; 178 (suppl): 56A.

[21] Metzger H, Kurtz B, Ahlemann L. Osteolytic bone manifestations in mycosis fungoides. Rofo. Fortschr Geb Roentgenstr. Neuen. Bildgeb.Verfahr. 1980; 133(3):331-333.

[22] Jesus MH, Costa LR, Cardoso ES. Conium maculatum in the treatment of histiocytoma in canis familiaris. Revista do IHB 1992; 1,(1):41-44.

[23] Popov AV. Homoeopathy in treatment of patients with fibromyoma of the uterus. British Homeopathic Journal 1992; 81(4):164-167.

[24] Montfort, H. A new homeopathic approach to neoplastic diseases: from cell destruction to carcinogen induced apoptosis. British Homeopathic Journal 2000; 89(2):78-83.

[25] Pinto LF. Homeopathic veterinary clinical protocol. In: Bonamin LV, editor. Signals and images II: contributions and contradictions about high dilution research. NewYork: Springer; 2008.

[26] Cain JL, Davidson AP. Sistema reprodutivo e próstata. In: Goldston RT & Hoskins JD. Geriatria e gerontologia cão e gato. São Paulo: Roca; 1999.

[27] Miettinen M, Fetsch JF. Evaluation of biological potential of smooth muscle tumors: Review. Histopathology 2006; 48(1):97.

[28] González Cruz G, Sánchez Buitrago CA, Vélez Hernández ME, Buen Nade. Neoplasias en aparato reproductor en perras: estudio restrospectivo a 6 años / Neoplasias in the reproductive system in female dogs: retrospective study of 6 years.Veterinária México 1997; 28(1):31-34.

[29] Harvey HJ. Surgery. In: Theilen GH & Made-well BR. Veterinary Cancer Medicine. 2nd ed. Philadelphia: JB Lippincott; 1987.

[30] Withrow SJ. Surgical oncology. In: Withrow SJ & Macewen EG. ClinicalVeterinary Oncology. Philadelphia: JB Lippincott; 1989.

[31] Tanaka R, Hoshi K,YamaneY. Partial bladder resection in a bitch with urinary retention following surgical excision of a vaginal leiomyoma. Journal of Small Animal Practice 2001; 42(6):301-303.

[32] Kossak-Romanach A. Homeopatia em 1000 conceitos. 3rd ed. São Paulo: Elcid; 2003.

[33] Carillo Junior, R. Homeopatia, medicina interna e terapêutica. São Paulo: Livraria Editora Santos; 2000.

[34] Kuroda K, Akao M, Kanisawa M, Miyaki K. Inhibitory effect of Capsella bursa-pastoris extract on growth of Ehrlich solid tumor in mice. Cancer Research 1976; 36:1900-1903.

[35] Vannier L, Poirier J. Tratado de matéria médica homeopática. 9th ed. São Paulo: Andrei; 1987.. [36] Varricchio MCBN, Pinto LF, Andrade EM, Pellagio SS. Emprego do Avelós (Euphorbia tirucalli) dinamizado no tratamento do câncer. Homeopatia brasileira 2000; 6(1):64-67.

[37] Pinto, LF. Bioterápicos. Rio de Janeiro: Instituto Hahnemaniano do Brasil, 2007.

[38] Buchi DF, Del Vecchio M. Qualidade de vida para pacientes com câncer e Aids. Mita´y 2002; 1:33-38.

[39] Favilla JP. SIHORE: Sistema de Homeopatia Repertorial Versão 2004. CD-Rom. Support:



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione