Denuncia sanitaria

I LED fanno male?

Fonte: National Geographic


CATEGORIE: Denuncia sanitaria

lampade led
Lampade a LED: quali rischi per la salute?

Nel suo tentativo di uscire dalla crisi energetica, l'umanità tende a fare dell'efficienza e del risparmio i due cardini di qualsiasi strategia di qualsiasi paese, a prescindere dalle risorse di combustibili geologici effettivamente presenti sul proprio territorio. E chi ha meno risorse fa, giustamente, maggiormente appello a questi due comandamenti.

Qualche volta però dietro quelle strategie si annida un nemico nascosto e insidioso, protetto dal tempo troppo breve di sperimentazione delle nuove tecnologie. Il caso dell'amianto valga per tutti: ci sono voluti quarant'anni e un sensibile miglioramento tecnologico per scoprire che quella sostanza, ritenuta all'origine la soluzione di tutti i problemi di isolamento degli edifici e prevenzione dagli incendi, era in realtà gravemente cancerogena.

Se non sai se qualcosa fa male oppure no, astieniti dall'usarla su larga scala fino a che non sei sicuro che sia innocua, recita una delle tante formulazioni del cosidetto principio di precauzione (un principio non fisico o matematico, ma semplicemente di buon senso, cui anche gli scienziati più sensibili ormai si attengono).

"Le lampade con LED a luce rossa di bassa intensità, liberate dal loro involucro, contengono fino a otto volte più piombo di quanto la legge consenta", sostiene un recente studio di Seong-Rin Lim dell'Universitè della California a Davis e altri autori; "quelle a luce bianca contengono troppo nichel, per non parlare dell'arsenico e di dozzine di altre sostanze tossiche".

Queste sostanze presentano un rischio gravissimo per la salute degli uomini e dei viventi in genere, dai tumori all'ipertensione, a danni a carico del sistema nervoso o della pelle. Anche se ciò non significa contrarre un cancro ogni volta che si rompe una lampada a LED, il fatto di essere già esposti a decine di altri inquinanti in ogni azione della vita quotidiana nelle aree metropolitane o industriali può amplificarne le conseguenze.

Per ridurre comunque il rischio di avvelenamento si dovrebbe evitare le lampade a diodi eventualmente rotte e anche di inspirare nelle vicinanze. E così un'altra preoccupazione si annida dietro una tecnologia che sembrava aver contribuito a risolvere un problema annoso. Forse non sbaglia chi sostiene che il problema dell'antropocene (l'epoca in cui viviamo, segnata dall'intervento dell'uomo sul pianeta) è culturale piuttosto che tecnologico, essendo le tecnologie rivolte perlopiù a risolvere i problemi scaturiti dalle tecnologie applicate in precedenza.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x x  | Votazioni (2)







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione