Alimentazione

Last minute market: il circolo virtuoso dell’ultimo minuto

Fonte: Valori (Rivista)


CATEGORIE: Alimentazione

Angela è una mamma. Non nel senso “tecnico” del termine. Ma è comunque la figura più vicina a un genitore per le decine di bambini ospiti della comunità che gestisce e che le vengono affidati dal Tribunale minorile di Bologna.
Per una realtà come la sua, far quadrare i conti è un problema e il cibo è una voce di spesa ingente. In un anno di adesione al progetto Last Minute Market è riuscita ad abbattere i costi alimentari e destinare alla costruzione di un campo da basket i soldi risparmiati. Alcuni bambini hanno potuto avere l’apparecchio per i denti, altri andare in piscina.

Il cuore dell’iniziativa pensata all’interno dell’Università di Bologna è questo: fare in modo che tutti guadagnino qualcosa. Apparentemente sembra la scoperta dell’acqua calda. Tanto semplice da sembrare banale: recuperare ciò che è ancora utile e donarlo a chi ne può avere bisogno. Un circolo virtuoso in cui tutti vincono: chi dona, perché ha dei vantaggi fiscali e risparmia sui costi di smaltimento; chi riceve (per ovvi motivi); l’ambiente, perché vengono evitate tonnellate di rifiuti. E anche la collettività, perché si costruisce un nuovo modo di pensare al cibo: più rispettoso, meno consumistico, più sobrio.

Un miliardo di possibile risparmio

L’idea alla base di Last Minute Market nasce nel 1998 e dal 2003 diventa una realtà imprenditoriale (tecnicamente si parla di “spin off accademico”) che opera su tutto il territorio nazionale, con oltre 40 progetti di recupero di beni invenduti o non commercializzabili. Il segreto non è gestire direttamente i beni, ma facilitare il contatto tra mercati all’ingrosso, imprese commerciali, enti no profit, amministrazioni locali, Asl di uno stesso territorio. Last Minute Market si occupa degli aspetti organizzativi, logistici e fiscali.

I margini di recupero dei beni alimentari di un simile modello sono sconfinati. Una stima sui dati degli sprechi 2009 indica in 244 mila tonnellate il cibo recuperabile se tutti i punti vendita aderissero al progetto: oltre 580 milioni di pasti all’anno, un risparmio che sfiora il miliardo di euro.
I risultati finora raggiunti confermano tali stime: da un ipermercato vengono salvate fino a 170 tonnellate di alimenti ogni anno, per un controvalore di 650 mila euro. Da un mercato ortofrutticolo 60 tonnellate di frutta e verdura fresca (138 mila euro di controvalore). E poi ci sono i prodotti già cucinati: da otto mense scolastiche si sono recuperati 15 mila pasti all’anno e da una caserma oltre 12 tonnellate di cibi cotti. Altre tre da mense ospedaliere e cinque dai self service.

Cibo, non solo per lo stomaco: anche libri e farmaci

Ma, si sa, “l’appetito vien mangiando”. Il modello è stato quindi allargato ai prodotti lasciati nei campi quando il costo di raccolta supera quello di mercato, aprendo i terreni ad associazioni di beneficienza e privati bisognosi. Si è poi applicato il principio dell’ultimo minuto a libri e farmaci.
Sono così nate Last Minute Book, che coinvolge case editrici, scuole e università, salvando i libri dal macero e destinandoli a biblioteche pubbliche e associazioni italiane all’estero. In cinque anni ne sono stati salvati 80 mila. E Last Minute Pharmacy, che recupera invece i medicinali, ritirati dagli scaffali delle farmacie da un mese a sei mesi prima della scadenza.

Un punto dell’iniziativa non va sottovalutata: la caratteristica dei prodotti alimentari (freschi e spesso rapidamente deperibili) potrebbe rappresentare un limite. I ricercatori dell’università di Bologna l’hanno trasformato in risorsa, mettendo in contatto realtà di uno stesso territorio e rinsaldando il senso di comunità e di collaborazione tra concittadini. “Capitale sociale” lo chiama qualcuno. Forse è solo lungimiranza.



Hai un account google? clicca su:







Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x x  | Votazioni (2)

Articoli di Emanuele Isonio

Glifosato e co., i tanti dubbi sui criteri Efsa 15 APR 2016 DENUNCIA SANITARIA
Sicurezza alimentare in balìa del meteo 8 GEN 2016 ATTUALITà
Cibo: stop allo spreco (ripensando la filiera) 2 DIC 2015 ALIMENTAZIONE
Big Pharma, l'ingordigia rende ciechi 8 OTT 2015 DENUNCIA SANITARIA
Un parco sano è costruito dal basso 15 MAG 2015 ATTUALITà
Pazienti e farmaci: quei quattro miliardi (quasi) sprecati 14 APR 2014 DENUNCIA SANITARIA
L'affaire Donepezil: guadagnare miliardi puntando sul 23 21 GIU 2013 DENUNCIA SANITARIA
Gioco d'azzardo. Il lato oscuro della dea bendata 11 GIU 2013 DENUNCIA SANITARIA
La Repubblica delle Slot Machine 10 MAG 2013 ATTUALITà
Quante ombre tra le luci dell’agricoltura italiana 22 MAR 2013 ATTUALITà
Biogas, attenzione a chiamarla 'energia pulita' 15 FEB 2013 ATTUALITà
Il mais italiano alla guerra della produttività 13 FEB 2013 ALIMENTAZIONE
Politica agricola, s’infiamma la battaglia sul greening 31 GEN 2013 ATTUALITà
Sfida della qualità per i cereali italiani 29 GEN 2013 SALUTE
Agricoltura: un futuro senza speculazioni? 24 GEN 2013 ATTUALITà
I vantaggi (palesi e occulti) di investire in efficienza 9 GEN 2013 ATTUALITà
Rinnovabili: si spostano a Oriente i 70 miliardi di investimenti dei Top 50 4 GEN 2013 ATTUALITà
I gusti che non ti aspetti a spasso per il Lingotto 3 GEN 2013 ALIMENTAZIONE
Lobby delle sementi, colpo gobbo a Bruxelles 14 DIC 2012 ALIMENTAZIONE
Il dilemma di Milano: meglio il cibo sano o una nuova autostrada? 11 DIC 2012 ATTUALITà
Fagioli: da carne dei poveri a cibo da ricchi 11 DIC 2012 ALIMENTAZIONE
La riscoperta dei fagioli (grazie alla crisi) 26 OTT 2012 ALIMENTAZIONE
L’alleanza 'win-win' tra coltivatori e cioccolatieri 27 GIU 2012 ALIMENTAZIONE
Km zero vs Bio: il 'dilemma' della galassia gasista 24 APR 2012 ALIMENTAZIONE
Unità, biologico, filiera corta: ecco la ricetta anti-crisi 20 APR 2012 ALIMENTAZIONE
'Informateci sui conflitti d'interesse' - I futuri medici si ribellano alle lobby 30 MAR 2012 SALUTE
Quel 'fattore culturale' che affonda gli agrumi italiani 27 MAR 2012 ALIMENTAZIONE
L’approccio 'slow' fa breccia in medicina 6 MAR 2012 SALUTE
Medicinali: il consumo cresce ma non aiuta la salute 1 MAR 2012 DENUNCIA SANITARIA
La vita sana non abita più in Italia (ma nessuno ne parla) 23 FEB 2012 SALUTE

Tutti gli articoli di Emanuele Isonio







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione