Alimentazione

Km zero vs Bio: il 'dilemma' della galassia gasista

Fonte: Valori (Rivista)


CATEGORIE: Alimentazione

biologico
Le alleanze tra consumatori e produttori di uno stesso territorio possono essere un freno contro il rischio cementificazione

Meglio investire per costruire filiere agricole locali oppure acquistare prodotti di qualità indipendentemente dalla zona di provenienza? Attorno a questa domanda si sta confrontando quella galassia multiforme che riunisce le centinaia di Gruppi d’acquisto solidale italiani. La questione era già stata sollevata l’estate scorsa alla riunione dei Gas a L’Aquila. E il tema animerà nei prossimi mesi gli incontri dei gruppi di lavoro territoriali.

Filiere locali contro il cemento
Dal punto di vista della lotta per salvare l’Italia dal giogo del cemento, la costruzione di alleanze virtuose tra consumatori e produttori agricoli di uno stesso territorio è cruciale: la condivisione di una stessa area geografica aiuta, infatti, a fare fronte comune contro le fortissime pressioni della speculazione edilizia.

Ma quanto è sentito il tema del km 0 tra i gasisti? E quanti di loro sono disposti a “sacrificare” la (legittima) aspirazione ad acquistare fin da subito prodotti biologici certificati per accompagnare le imprese agricole locali nella conversione delle proprie colture? Una sensibilità, questa, che produrrebbe almeno due risultati fondamentali: ridurrebbe l’impatto ambientale degli acquisti alimentari e toglierebbe molti terreni agricoli dalle braccia dei palazzinari. Quando si pone questa domanda a chi il mondo dei Gas lo conosce da vicino, emerge uno scenario di luci e ombre.

Luci ce ne sono. Eccome. «Il tema del km zero tra i gasisti è già molto sentito e la sensibilità sta crescendo sempre di più», spiega Magda Morazzoni, della cooperativa Corto Circuito, che, grazie a un’alleanza tra una ventina di produttori locali comaschi, provvede a rifornire 30 Gas cittadini di prodotti agricoli. «Da giugno a ottobre, quando i prodotti freschi sono coltivati dai nostri produttori, il rifornimento di alimenti locali raggiunge il 100%. E la voglia di usare prodotti del nostro territorio supera anche l’esigenza di acquistare cibo biologico certificato».

Quando consumatori e produttori si conoscono e costruiscono rapporti di reciproca fiducia, la presenza della certificazione passa in secondo piano. «Per allargare il numero dei produttori – prosegue la Morazzoni – abbiamo aperto una scuola di agricoltura biologica per sostenere chi vuole convertirsi al bio. Crediamo che possa aumentare il valore delle loro produzioni e i margini di guadagno, ponendo così un argine al rischio cementificazione».

In effetti bastano un paio di dati per capire quanto la conversione agricola possa salvare pezzi importanti di territorio: in dieci anni – precisamente tra il 1996 e il 2006 – i prezzi immobiliari sono cresciuti nelle grandi città del 55% (la media nazionale, comunque, si attesta a +35%). Nello stesso arco temporale, il prezzo della terra, se sterilizziamo l’inflazione, è rimasto stabile. Gli unici casi in cui l’abbraccio del cemento non è il migliore degli investimenti sono quelli in cui la terra è usata per colture pregiate.

Ed ecco che i mille euro pagati in media per un ettaro di terreno agricolo in Calabria lievitano di 500 volte fra le vigne della Valdobbiadene. Ma discorsi analoghi si possono  fare ovunque si crei un’alternativa all’agricoltura convenzionale: «Il biologico tutela il territorio perché preserva i terreni da elementi dannosi e allontana il rischio della speculazione edilizia perché gli agricoltori hanno margini di guadagno più interessanti», osserva Sergio Venezia del Des della Brianza, provincia europea con la maggiore percentuale di territorio cementificato (più del 50%). «Nella lotta contro l’ulteriore consumo di suolo, Km 0 e biologico vanno viste come ricette strettamente interconnesse».

Dove acquistare il biologico?
Ma qui iniziano le ombre. Descritte da un paradosso: in Lombardia, regione con il maggior numero di Gas e primo acquirente di prodotti bio, le superfici agricole coltivate a biologico non arrivano al 2%. Molti Gas si riforniscono quindi da produttori di altre regioni. Con buona pace dei propositi di filiera corta. Significativa in tal senso è la testimonianza di Aequos, cooperativa formata da oltre trenta Gas e coop sociali di Varese, Milano, Monza, Como e Novara, 5 tonnellate di prodotti acquistati ogni settimana, 500 mila euro di fatturato previsto nel 2011: «Noi compriamo solo prodotti biologici. Di questi solo il 36% proviene dalla Lombardia (vedi )» rivela il presidente di Aequos, Franco Ferrario. «Noi ovviamente teniamo all’idea di filiera locale, ma non siamo disposti ad acquistare prodotti di minore qualità solo perché fatti più vicino a casa nostra».

Senza una decisa scelta per spingere gli agricoltori verso la riconversione delle proprie colture, biologico e km zero rischiano di essere fattori contrapposti. Tra l’altro, c’è un altro fattore da considerare, spesso poco percepito, ma di cruciale importanza: la logistica. «In Aequos – spiega Ferrario – diamo ai produttori l’80% del prezzo finale di vendita di frutta e verdura (nella distribuzione tradizionale non si supera il 20%). Eppure riusciamo a offrire prezzi molto popolari (tra il 40 e il 50% in meno rispetto ai negozi). Se non usassimo produttori in grado di assicurarci una logistica efficiente, non potremmo fare quei prezzi, il numero di consumatori calerebbe e non raggiungeremmo mai la massa critica necessaria per spingere i produttori ad accettare la riconversione biologica».

I timori dei contadini del Mezzogiorno
A questo si aggiunge un'altra questione, sollevata in particolare dai produttori biologici del Sud Italia. Se i maggiori consumatori del biologico sono al Nord, il Meridione è al top per superfici agricole bio: Basilicata (20,7%), Calabria (17,7%) e Sicilia (16,5%) guidano la classifica. Comprensibile che gli agricoltori meridionali vedano con un po’ di apprensione lo sviluppo di filiere corte biologiche al Nord Italia. «Il nostro produttore lucano ci dice spesso “se non comprate voi i miei prodotti, a chi li vendo?”», racconta Ferrario. Ma, a voler essere ottimisti, il problema non è insormontabile. E su un punto sono tutti d’accordo: gli acquisti a grande distanza hanno senso solo per quei prodotti che non si trovano nelle campagne vicino casa.

«La parola d’ordine del gruppo di Lavoro “Nuova Agricoltura” al convegno Gas-Des de L’Aquila a giugno è stata di puntare su progetti di sovranità alimentare locale», spiega Davide Biolghini, del Desr Parco Sud Milano. «Non è pensabile che i crescenti Gas del Sud non trovino prodotti agricoli bio per soddisfare la loro domanda perché le vendite vanno al Nord». «Né è pensabile – aggiunge Sergio Venezia – che i consumatori settentrionali acquistino dai produttori bio del Sud mentre i siciliani continuano ad acquistare frutta e verdura proveniente dall’Emilia Romagna». Da qui un obiettivo che trova concordi molti gasisti: «Dobbiamo lavorare per costruire mercati endogeni», suggerisce Venezia, mutuando Vandana Shiva: «Lavorare perché le comunità locali ridiventino sovrane sui propri territori».



Hai un account google? clicca su:







Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x x  | Votazioni (1)

Articoli di Emanuele Isonio

Glifosato e co., i tanti dubbi sui criteri Efsa 15 APR 2016 DENUNCIA SANITARIA
Sicurezza alimentare in balìa del meteo 8 GEN 2016 ATTUALITà
Cibo: stop allo spreco (ripensando la filiera) 2 DIC 2015 ALIMENTAZIONE
Big Pharma, l'ingordigia rende ciechi 8 OTT 2015 DENUNCIA SANITARIA
Un parco sano è costruito dal basso 15 MAG 2015 ATTUALITà
Pazienti e farmaci: quei quattro miliardi (quasi) sprecati 14 APR 2014 DENUNCIA SANITARIA
L'affaire Donepezil: guadagnare miliardi puntando sul 23 21 GIU 2013 DENUNCIA SANITARIA
Gioco d'azzardo. Il lato oscuro della dea bendata 11 GIU 2013 DENUNCIA SANITARIA
La Repubblica delle Slot Machine 10 MAG 2013 ATTUALITà
Quante ombre tra le luci dell’agricoltura italiana 22 MAR 2013 ATTUALITà
Biogas, attenzione a chiamarla 'energia pulita' 15 FEB 2013 ATTUALITà
Il mais italiano alla guerra della produttività 13 FEB 2013 ALIMENTAZIONE
Politica agricola, s’infiamma la battaglia sul greening 31 GEN 2013 ATTUALITà
Sfida della qualità per i cereali italiani 29 GEN 2013 SALUTE
Agricoltura: un futuro senza speculazioni? 24 GEN 2013 ATTUALITà
I vantaggi (palesi e occulti) di investire in efficienza 9 GEN 2013 ATTUALITà
Rinnovabili: si spostano a Oriente i 70 miliardi di investimenti dei Top 50 4 GEN 2013 ATTUALITà
I gusti che non ti aspetti a spasso per il Lingotto 3 GEN 2013 ALIMENTAZIONE
Lobby delle sementi, colpo gobbo a Bruxelles 14 DIC 2012 ALIMENTAZIONE
Il dilemma di Milano: meglio il cibo sano o una nuova autostrada? 11 DIC 2012 ATTUALITà
Fagioli: da carne dei poveri a cibo da ricchi 11 DIC 2012 ALIMENTAZIONE
La riscoperta dei fagioli (grazie alla crisi) 26 OTT 2012 ALIMENTAZIONE
L’alleanza 'win-win' tra coltivatori e cioccolatieri 27 GIU 2012 ALIMENTAZIONE
Unità, biologico, filiera corta: ecco la ricetta anti-crisi 20 APR 2012 ALIMENTAZIONE
'Informateci sui conflitti d'interesse' - I futuri medici si ribellano alle lobby 30 MAR 2012 SALUTE
Quel 'fattore culturale' che affonda gli agrumi italiani 27 MAR 2012 ALIMENTAZIONE
L’approccio 'slow' fa breccia in medicina 6 MAR 2012 SALUTE
Medicinali: il consumo cresce ma non aiuta la salute 1 MAR 2012 DENUNCIA SANITARIA
La vita sana non abita più in Italia (ma nessuno ne parla) 23 FEB 2012 SALUTE
Gas contro biogas: uccidono l'agricoltura 13 GEN 2012 ALIMENTAZIONE

Tutti gli articoli di Emanuele Isonio







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione