Salute

Gli italiani tra i più delusi d'Europa in tema di sanità


CATEGORIE: Salute

In tema di sanità, gli italiani sono fra i cittadini più delusi d’Europa.

E’ quanto rivela il ‘Secondo Barometro internazionale sulla salute’ commissionato dal gruppo assicurativo Europ Assistance su attitudini, aspettative e preoccupazioni dei cittadini europei nei confronti del proprio sistema sanitario e degli aspetti economici ad esso correlati, i cui risultati sono stati presentati ieri a Parigi.

L’indagine ha coinvolto circa 10.000 cittadini di 5 Paesi (Italia, Francia, Germania, Gran Bretagna e Svezia) che sono stati chiamati a esprimersi su tematiche generali e argomenti specifici come i finanziamenti alla ricerca e le nuove tecnologie.
E i risultati hanno rivelato che sono proprio gli italiani i più delusi su tutti gli aspetti, lamentando mancanze soprattutto a livello di organizzazione, qualità dei servizi ospedalieri e consulenze mediche.

Lo studio riporta infatti che il 64% degli italiani si è dichiarato preoccupato per i lunghi tempi di attesa (contro il 49% della media europea), e il 39% per l’insufficienza dei finanziamenti pubblici destinati a questo settore.
Sul tema della ricerca medica poi, ben l’82% dei nostri connazionali sostiene che i finanziamenti pubblici sono insufficienti e dovrebbero essere aumentati.
Non a caso, immediatamente dopo i tedeschi (70%), sono gli italiani il popolo più propenso a ricercare cure mediche specialistiche all’estero (62% contro il 53% della media europea).

Sale inoltre al 63% la percentuale di europei pronta a muoversi alla ricerca di tecniche d’avanguardia o difficilmente accessibili nel proprio Paese d’origine.
In questo caso, i più propensi sono gli Inglesi, con l’85% delle preferenze, i più restii invece i Francesi, che registrano un calo di 14 punti percentuali rispetto all’anno scorso (dal 54% al 40%).
In testa ai Paesi disposti ad accogliere pazienti stranieri presso i propri ospedali e centri di cura (purché paganti) si piazza invece il Bel Paese con il 79% delle preferenze.

Sulla propensione degli europei a utilizzare internet come fonte di informazioni in tema di salute, gli italiani si rivelano essenzialmente diffidenti al contrario di inglesi (56%), svedesi (51%) e tedeschi (50%).
Diversa è invece l’opinione dei nostri connazionali circa la possibilità di accedere via web a consulenze sanitarie con il 46% delle risposte favorevoli (anche se in leggera diminuzione rispetto al 49% registrato l’anno scorso).

Il 51% degli europei intervistati si dichiara, inoltre, interessato ad un programma personalizzato di monitoraggio vitalizio della propria salute, anche se solo il 13% è disposto a pagare per usufruirne: per il 71% degli europei, infatti, dovrebbe essere il datore di lavoro a farsene carico.

La propensione degli italiani a far fronte personalmente ai costi sanitari supplementari legati alla cura della propria salute e di quella dei propri cari sale al 77% collocando il nostro Paese in testa rispetto al resto d’Europa.
E la soluzione di finanziamento preferita, come nella media europea, è proprio quella che prevede un aumento dei contributi obbligatori (26%).

Riguardo la cura e l’assistenza domiciliare delle persone anziane, infine, la maggioranza degli europei (56%) è concorde nel ritenere che i finanziamenti pubblici destinati a tal fine sono insufficienti. Questa percezione varia però in modo significativo da Paese a Paese: i più insoddisfatti sono i francesi (75%), i meno, gli inglesi (32%). E per il 61% degli italiani resta ancora molto da fare.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione