Salute

22/06/2011

Gli italiani e il mal di piedi: tacchi alti e scarpe da ginnastica sotto accusa

di Alessia Ferla


CATEGORIE: Salute

piedi
Un italiano su due soffre di mal di piedi

Un italiano su due soffre di mal di piedi e a provocare dolore sono spesso tacchi alti e le scarpe da ginnastica. I dolori iniziano a comparire intorno ai 60 anni anche se l'invecchiamento è soltanto una delle cause e sempre più spesso i dolori riguardano anche i giovani tra i 20 ed i 30 anni.

I problemi ai piedi riguardano in particolare le donne che, raggiunti i 50 anni, hanno difficoltà a trovare scarpe comode per colpa dei piedi non più sani e per via della moda che spesso propone modelli di calzature scomode.

Dei problemi dei piedi si è discusso qualche giorno fa nel corso del III Congresso Internazionale sulla Chirurgia del Piede, tenutosi presso l'ospedale San Camillo di Roma.

Come ha spiegato il Dottor Attilio Basile, ortopedico, specialista presso il centro di eccellenza per la Cura del Piede dell'Ospedale San Camillo di Roma e Presidente del Congresso, la salute dei piedi è fondamentale: “con i nostri piedi camminiamo da un anno di età e nel corso della vita una persona cammina l'equivalente di tre volte la circonferenza della terra. I piedi vanno salvaguardati eppure la maggior parte delle persone sottovaluta questa parte del corpo che ci deve sostenere per tutta la vita”.

Sotto accusa sono in particolare tacchi alti e scarpe da ginnastica: “Le calzature con tacco alto e punta stretta – spiega Basile - sono spesso indossate per molte ore al giorno da molte donne e se indubbiamente contribuiscono ad accrescerne la femminilità sono inadeguate perché costringendo il piede a una posizione innaturale rappresentano una sicura concausa dell'alluce valgo”.

“Il tacco alto, o eccessivamente alto anche fino a 12 centimetri – aggiunge Basile - porta il piede in marcata flessione plantare e così sposta eccessivamente il peso del corpo solo sulla parte anteriore del piede, stravolgendo la funzione stabilizzante del piede stesso nella ripartizione del peso. Un tacco di più di 5 cm può provocare una aumento del 76% della pressione sull'avampiede e se a ciò si aggiunge che la contemporanea presenza di una punta stretta fa spostare l'alluce verso la parte interna del piede, si comprende come una calzatura inadeguata indossata da soggetti con una predisposizione familiare, per esempio, possa causare l'insorgenza e il successivo aggravarsi dell'alluce valgo”.

Nel mirino però non soltanto le scarpe alte: problemi ai piedi possono riguardare anche i giovani che indossano le scarpe da ginnastica tutti i giorni per tutto l'anno senza fare distinzione tra estate e inverno. “Portare le scarpe da ginnastica sempre – scrive Basile – può causare forti problemi di sudorazione, si possono presentare problemi cutanei e la comparsa di patologie legate alla sviluppo di infezioni fungine che causano il fastidioso cattivo odore difficile da combattere con il semplice lavaggio ai piedi. Tali infezioni, inoltre, molto spesso aggrediscono le unghie causandone la caduta, la crescita abnorme e la deformazione”.










Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x x  | Votazioni (2)

Articoli di Alessia Ferla

Gli usi e le proprietà benefiche del finocchio 4 MAR 2020 ALIMENTAZIONE
India: scelta l'Omeopatia contro il Coronavirus 31 GEN 2020 OMEOPATIA
Gli Usa vietano le sigarette elettroniche (con alcune eccezioni) 3 GEN 2020 DENUNCIA SANITARIA
Le sigarette elettroniche aumentano il rischio di malattie respiratorie 20 DIC 2019 SALUTE
I benefici del peperoncino per la salute di cuore e cervello 20 DIC 2019 ALIMENTAZIONE
Fegato: i problemi possono essere causati dai farmaci 11 DIC 2019 MEDICINA PREVENTIVA
A Milano il primo ospedale dedicato alla salute delle donne 4 DIC 2019 SALUTE
Sugar e plastic tax: cosa ne pensano gli italiani? 2 DIC 2019 ATTUALITà
Il Messico nega l'ingresso di mille tonnellate di glifosato nel Paese 29 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Gravidanza e prima infanzia: buone pratiche più diffuse ma si può migliorare 27 NOV 2019 INFANZIA
Gli adolescenti di tutto il mondo sono troppo sedentari 25 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Le aree verdi in città allungano la vita 22 NOV 2019 SALUTE
Gli animali domestici allontanano ansia e depressione 20 NOV 2019 ANIMALI
I cambiamenti climatici colpiranno la salute dei bambini che nascono oggi 18 NOV 2019 INFANZIA
I contraccettivi ormonali aumentano il rischio di ansia e depressione 18 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Leggere e scrivere protegge dalla demenza e rafforza il cervello 15 NOV 2019 MEDICINA PREVENTIVA
Correre allunga la vita e riduce il rischio di morte 13 NOV 2019 SALUTE
I Pfas alterano anche la fertilità femminile 11 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Il sonno purifica il cervello eliminando le tossine 8 NOV 2019 MEDICINA PREVENTIVA
Dieci buoni motivi per praticare lo yoga ogni giorno 8 NOV 2019 SALUTE
Smartphone e tablet modificano il cervello dei bambini 6 NOV 2019 INFANZIA
Salute e conflitti di interesse: studenti di Medicina corteggiati dalle aziende 4 NOV 2019 DENUNCIA SANITARIA
Lo sport protegge il cuore dei pazienti oncologici 30 OTT 2019 SALUTE
Cellulari e salute: la Francia sceglie la strada della precauzione 28 OTT 2019 SALUTE
Vitamina D: boom di carenza tra gli adolescenti italiani 25 OTT 2019 SALUTE
Talco cancerogeno: la Johnson&Johnson ritira 33mila confezioni con amianto 21 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Come combattere la depressione con una dieta sana 18 OTT 2019 ALIMENTAZIONE
In Italia record di decessi prematuri per inquinamento. Padova prima in Europa per PM10 18 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Migliaia di microplastiche nei tappi delle bottiglie di acqua minerale 16 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA
Cancro, una lettera aperta agli oncologi: “Non si sottovaluti l'inquinamento ambientale” 14 OTT 2019 DENUNCIA SANITARIA

Tutti gli articoli di Alessia Ferla







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione