Alimentazione

Gli italiani e il cibo: mangiamo per fame o per stress?


CATEGORIE: Alimentazione

cibo stress
Affamati dallo stress

Un italiano su tre mangia per stress e non per fame. A rivelarlo è un sondaggio online dell'Eurodap condotto al fine di osservare il comportamento delle persone con il cibo in una fase in cui l'aspetto psicologico degli italiani è sottoposto ad una serie di stress emotivi: insicurezza, ansia, paure.

All'indagine hanno partecipato 600 persone tra i 18 e i 65 anni. “Per il 40% delle persone che hanno partecipato al sondaggio – spiega Paola Vinciguerra, psicoterapeuta e presidente Eurodap - il cibo viene utilizzato troppo spesso come una valvola di sfogo, allo scopo di sedare livelli di ansia troppo elevati”.

Al supermercato nel carrello (sempre pieno) di chi mangia per stress non mancano mai cibi dolci o alimenti super calorici. Gli italiani stressati mangiano in modo frettoloso e raramente posano la forchetta quando si sentono sazi. In particolare questo comportamento viene adottato la sera, quando la corsa del vivere quotidiano si placa e si ha la sensazione di potersi  fermare e 'coccolarsi', almeno a tavola. Tale atteggiamento disfunzionale nei confronti del cibo è frutto spesso di un particolare stato emotivo, ansioso o depresso, stressato o triste.

“Si tratta di individui che non hanno regole nel loro regime alimentare – ha spiega Vinciguerra - per le quali ogni emozione negativa o stato d'animo non sereno tendono ad essere compensati con il ricorso all'alimentazione”. “Così come si tende a ricercare nel cibo un premio - aggiunge - è anche possibile che si cerchi nel cibo una punizione, mettendo in atto restrizioni eccessive. Restrizioni che, quando perdurano nel tempo, portano poi ad abbuffate compensatorie”.

Nel particolare momento di crisi che l'Italia sta vivendo il cibo, spiega la psicoterapeuta, rappresenta per molti l'unica valvola di sfogo: compensazioni di altro tipo come vacanze, acquisti e quant'altro, stanno subendo una evidente contrazione. “L'insoddisfazione, il senso di fallimento, la paura, lo stress quotidiano per i numerosi problemi che ci preoccupano, fanno spostare l'attenzione delle persone su un qualcosa che culturalmente non ci fa sentire in colpa: il mangiare.

Quando mangio non è come se mi comperassi la macchina nuova, che non mi posso permettere, o l'ennesimo abito che andrà solo ad intasare il guardaroba. Mi sto nutrendo, sto facendo un'azione permessa”. “Il senso di colpa - precisa l'esperta - arriva solo dopo, quando i chili di troppo creano il disagio dell'apparire, non riuscendo però a rompere il circolo vizioso: mangio in cerca di sollievo, mi pento e provo disagio e ricorrerò di nuovo al cibo per risolverlo. In realtà sono stressato, frustrato e cercare sollievo nel cibo mi porterà solo ad aggravare il mio stato di disagio”.



Hai un account google? clicca su:







Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

Vaccini: per il 20% degli italiani non sono sicuri 17 FEB 2017 VACCINAZIONI
Omeopatia. Antonella Ronchi (Presidente Fiamo) risponde a Ricciardi 16 FEB 2017 OMEOPATIA
Omeopatia: dal sen. Romani proposta raccolta di firme per legge ad hoc 15 FEB 2017 OMEOPATIA
Obbligo vaccinale "atto illegittimo": il Codacons diffida la Regione Lazio 15 FEB 2017 VACCINAZIONI
Cereali integrali: sai perché aiutano a dimagrire? 13 FEB 2017 ALIMENTAZIONE
Arriva la mutua per cani e gatti 13 FEB 2017 ANIMALI
4 Marzo 2017 – Convegno “La gemmoterapia nelle patologie primaverili” 13 FEB 2017 CONVEGNI
Meningite: la Procura della Repubblica apre un'indagine per procurato allarme 13 FEB 2017 VACCINAZIONI
Il Consiglio di Stato francese obbliga il Ministero della Salute a rendere disponibili entro 6 mesi i 3 vaccini obbligatori 10 FEB 2017 VACCINAZIONI
A Roma la presentazione del calendario Cemon 2017 10 FEB 2017 OMEOPATIA
Medicine non convenzionali: la scelta di quasi 13 milioni di italiani 10 FEB 2017 OMEOPATIA
Aspirina: ritirati dal mercato alcuni lotti 10 FEB 2017 DENUNCIA SANITARIA
Spreco alimentare: ecco come puoi evitarlo 8 FEB 2017 ALIMENTAZIONE
Lo smog espone i bambini a danni neurologici 8 FEB 2017 INFANZIA
Vino e olio: ecco come conservarli al meglio 6 FEB 2017 ALIMENTAZIONE
Colazione, sai perché non devi saltarla? 3 FEB 2017 ALIMENTAZIONE
Mal di schiena? I farmaci antinfiammatori non aiutano 3 FEB 2017 SALUTE
Come prevenire la metà dei tumori 3 FEB 2017 MEDICINA PREVENTIVA
Disabile dopo il vaccino: Cassazione conferma risarcimento 3 FEB 2017 AUTISMO
Piercing e tatuaggi: cosa devi sapere per evitare i pericoli 1 FEB 2017 MEDICINA PREVENTIVA
Cancro al seno: lo smog aumenta il rischio di mortalità 1 FEB 2017 DENUNCIA SANITARIA
Infezioni in ospedale? Uccidono più degli incidenti stradali 1 FEB 2017 SALUTE
Cellulari pericolosi? Ecco cosa dobbiamo sapere 30 GEN 2017 DENUNCIA SANITARIA
Resistere all'obbligo vaccinale: a Livorno un comitato per la libera scelta! 30 GEN 2017 INFANZIA
Inquinamento: la Pianura padana è prima in Europa 30 GEN 2017 DENUNCIA SANITARIA
Pubblicato studio del Dr.Montanari: sono presenti inquinanti tossici nei vaccini 27 GEN 2017 VACCINAZIONI
Una legge nazionale per l'obbligo vaccinale? Codacons annuncia battaglia 27 GEN 2017 VACCINAZIONI
I vaccini causano l'autismo? I dubbi di Trump e Kennedy 27 GEN 2017 AUTISMO
Il segreto della felicità? Fare attività fisica 27 GEN 2017 SALUTE
Glifosato: parte la raccolta firme per la messa al bando 25 GEN 2017 DENUNCIA SANITARIA

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione