Denuncia sanitaria

Ipertensione: lo smog aumenta il rischio


CATEGORIE: Denuncia sanitaria

smog ipertensione
L'esposizione sia breve che prolungata nel tempo ad alcuni inquinanti dell'aria può portare allo sviluppo dell'ipertensione

L'esposizione sia breve che prolungata nel tempo ad alcuni inquinanti dell'aria, come quelli associati ai gas di scarico delle auto e alla combustione del carbone, può portare allo sviluppo dell'ipertensione, ovvero ad una pressione arteriosa superiore a 90-140. A sostenerlo è una ricerca pubblicata su 'Hypertension: Journal of the American Heart Association' e condotta da un team di ricercatori cinesi.

Il contributo dello smog alla pressione alta, secondo i ricercatori, potrebbe dipendere da infiammazioni o stress ossidativi che possono portare cambiamenti nelle arterie.

Gli esperti hanno preso in esame 17 studi sull'inquinamento dell'aria che hanno coinvolto 108mila pazienti con pressione alta e 220mila persone con pressione nella norma. Sono stati quindi analizzati l'esposizione a breve e lungo temine a tre inquinanti: biossido di zolfo, prodotto dall'uso dei combustibili fossili; ossidi di azoto, derivanti dall'impiego delle fonti fossili in centrali elettriche e veicoli; polveri sottili (Pm 10 e Pm 2.5).

Secondo i risultati della ricerca, la pressione alta è collegata con una breve esposizione a biossido di zolfo, Pm 2.5 e Pm 10, e con un'esposizione prolungata al biossido di azoto e Pm 10. Servono invece ulteriori indagini per determinare l'effetto del monossido di carbonio e dell'ozono sull'ipertensione.

"Abbiamo scoperto un rischio significativo di sviluppare l'ipertensione a causa dell'inquinamento atmosferico", ha detto l'autore dello studio, Tao Liu. "Le persone dovrebbero limitare l'esposizione nei giorni con i livelli di inquinamento più alti, specialmente chi ha la pressione alta, perché anche un'esposizione molto breve può aggravare le condizioni di salute".

Intanto, ai fini di limitare l'ipertensione la Food and Drug Administration (FDA) ha emanato le nuove linee guida per ridurre il contenuto di sodio nei prodotti alimentari preparati. Le autorità regolatorie hanno stabilito precisi obiettivi per l’industria alimentare al fine di contribuire a ridurre l’apporto di sale a 2.3 mg al giorno, che è la quantità di sale corrispondente a un cucchiaino da caffè, mentre adesso l’assunzione media si aggira sui 3.4 mg al giorno.

Le raccomandazioni suggerite dall’Agenzia della salute statunitense per ora sono “volontarie”; le aziende e i ristoranti potranno metterle in atto gradualmente.

I rappresentanti dell’FDA hanno riferito che incoraggeranno l’adesione alle raccomandazioni nel corso di un periodo che va dai 90 ai 150 giorni.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

Artrosi e mal di schiena in aumento nei giovani: quali le cause? 2 DIC 2016 SALUTE
Orzo, le preziose proprietà di un alimento povero 2 DIC 2016 ALIMENTAZIONE
Lo yoga diventa patrimonio dell'umanità 2 DIC 2016 SALUTE
Perché è importante ridurre i grassi saturi? 30 NOV 2016 ALIMENTAZIONE
Obesi e fumatori inglesi: attesa più lunga per gli interventi 30 NOV 2016 SALUTE
Non solo ai nidi: a Trieste vaccini obbligatori anche all'asilo 30 NOV 2016 VACCINAZIONI
Come manifestano i ragazzi la depressione e l'ansia? 28 NOV 2016 SALUTE
Miopia: "attenzione a smartphone e tablet" 28 NOV 2016 SALUTE
La chiave della felicità? Ecco qual è 28 NOV 2016 SALUTE
Obbligo di vaccinazione: Liguria e Lombardia dicono no 25 NOV 2016 VACCINAZIONI
Glifosato: proroga di 90 giorni 23 NOV 2016 DENUNCIA SANITARIA
Obesità infantile: che ruolo ha la pubblicità? 23 NOV 2016 INFANZIA
Pressione alta: i dieci alimenti per combatterla 22 NOV 2016 ALIMENTAZIONE
Insalate in busta, quali rischi per la salute? 22 NOV 2016 ALIMENTAZIONE
Stress e cattivo umore? Si combattono con le noci 22 NOV 2016 ALIMENTAZIONE
Aneurisma: il fumo raddoppia il rischio 18 NOV 2016 SALUTE
Bambini: quali effetti ha lo stress psicologico? 18 NOV 2016 INFANZIA
Disabile dopo le vaccinazioni: Ministero della Salute si rifiuta di pagare 17 NOV 2016 VACCINAZIONI
Smog: quanto incide sulle malattie polmonari? 16 NOV 2016 DENUNCIA SANITARIA
Veneto, no al ripristino dell'obbligo delle vaccinazioni 16 NOV 2016 VACCINAZIONI
Diabete, un'epidemia inarrestabile 14 NOV 2016 SALUTE
Influenza, medici e infermieri dicono 'no' al vaccino 14 NOV 2016 VACCINAZIONI
L'acqua fa bene anche all'umore 14 NOV 2016 SALUTE
Colesterolo alto, ecco gli alimenti per ridurlo 11 NOV 2016 ALIMENTAZIONE
Antibiotico resistenza: in Italia è raddoppiata in dieci anni 11 NOV 2016 DENUNCIA SANITARIA
Cellulari e qualità del sonno: quale legame? 11 NOV 2016 SALUTE
Ogm: l'Italia da oggi può dire “no” 11 NOV 2016 ALIMENTAZIONE
Fumo, come le sigarette modificano il dna 9 NOV 2016 SALUTE
Alimentazione in gravidanza: perché è importante per il bambino? 9 NOV 2016 ALIMENTAZIONE
Farmaci, perché è importante segnalare gli effetti indesiderati? 8 NOV 2016 SALUTE

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione