Infanzia

Quanto incidono gli insetticidi sulla salute di tuo figlio?

Traduzione a cura di: Emanuela Lorenzi

Fonte: naturalnews.com



Quanto incidono gli insetticidi sulla salute di tuo figlio?
I comuni insetticidi danneggiano il cervello dei bambini anche a bassi livelli di esposizione

Gli insetticidi appartenenti alla classe dei piretroidi si trovano in molti prodotti casalinghi e sfortunatamente si sono dimostrati dannosi per la salute umana.

Secondo i ricercatori dell'IRSET (Institut de Recherche en Santé, Environnement et Travail) di Rennes, in Francia, sono in grado di interferire con le attività cerebrali dei bambini. Gli esperti, lavorando in associazione con i ricercatori dell'LPDE (Laboratoire de Psychologie du Développement et de l’Éducation) all'Università di Rennes 2, hanno scoperto che questi insetticidi influenzano in particolare la memoria dei bambini e la comprensione verbale.

Quasi 300 coppie madre-figlio sono state controllate per lo studio, che ha coinvolto visite a casa di due psicologi. Uno psicologo lavorava per determinare le performance neuro-cognitive del bambino, mentre l'altro prendeva in considerazione altri stimoli come l'ambiente famigliare per analizzare lo sviluppo intellettuale. Sono stati raccolti campioni di urina per stabilire l'esposizione a questi piretroidi, con particolare riferimento a cinque metaboliti (3-PBA, 4-F-3-PBA, cis-DCCA, trans-DCCA e cis-DBCA).

 

I bambini sono particolarmente suscettibili a questa pericolosa famiglia di insetticidi

Si pensa che l'esposizione dei bambini sia comune perché sono spesso molto vicini al terreno e si mettono di continuo le mani in bocca; tali comportamenti li rendono più soggetti al contatto con i piretroidi, che vengono assorbiti principalmente attraverso il sistema digestivo e la pelle.

 

Dei cinque metaboliti, due in particolare (3 PBA e cis-DBCA) sono stati trovati in quantità elevate nelle urine dei bambini, e questo era associato ad una significativa diminuzione della loro comprensione verbale e della memoria di lavoro. Benché nessun legame sia ancora stato trovato fra gli altri tre metaboliti e l'indebolimento delle performance cognitive, questa scoperta costituisce comunque una forte argomentazione contro i piretroidi, dimostrando che anche in piccole quantità questo gruppo di insetticidi può essere dannoso.

 

"Sono necessari ulteriori studi per trarre conclusioni definitive," afferma Cecile Chevrier, autrice principale dello studio, "ma esse indicano la potenziale responsabilità di basse dosi di deltametrina in particolare (poiché il cis-DBCA è il suo metabolita principale e selettivo), e di insetticidi piretroidi in generale (poiché il metabolita 3-BPA è il prodotto di degradazione di una trentina di questi insetticidi)."

 

Anche una esposizione a bassi livelli è rischiosa

Lo studio, pubblicato su Environment International, specifica che l'argomento richiede ulteriori approfondimenti perché il suo effetto potenziale coinvolge moltissime aree. Si sottolinea che:

L'esposizione infantile a bassi livelli di deltametrina (essendone il cis-DBCA il metabolita principale e selettivo) , in particolare, e ai piretroidi in generale (come si riscontra nei livelli dei metaboliti 3-PBA) può influenzare negativamente lo sviluppo cognitivo entro il sesto anno di età. A prescindere dalla loro eziologia, questi deficit cognitivi possono essere rilevanti dal punto di vista scolastico, visto che il deterioramento cognitivo nei bambini interferisce con l'apprendimento e lo sviluppo sociale. Le cause potenziali che possono essere prevenute sono di primaria importanza per la salute pubblica.

 

È possibile che i piretroidi si annidino in casa vostra

La deltametrina, per esempio, è un piretroide elencato sul sito web dell'EPA (Environmental Protection Agency, Agenzia per la protezione dell'ambiente). Anche la lambda-cialotrina (che si trova in molti spray anti formiche, scarafaggi e ragni) compare nella lista di piretrine e piretroidi, che "....sono contenuti in oltre 3.500 prodotti registrati, molti dei quali vengono usati ampiamente all'interno ed all'esterno delle abitazioni, nonché sugli animali da compagnia, come antizanzare, e in agricoltura."

 

Se volete potete controllare prodotti simili presenti in casa vostra per i seguenti piretroidi, indicati nell'elenco dell'EPA con questi nomi:

Stereoisomeri dell'alletrina, Bifentrin, Beta-Ciflutrina, Cifrlutrina, Cipermetrina, Cifenotrina, Deltametrina, Esfenvalerate, Fenpropatrin, Tau-Fluvalinate, Lambda-Cialotrina, Gamma Cialotrina, Imiprotrina, 1RS cis-Permetrina, Permetrina, Pralletrina, Resmetrina, Sumitrina (d-fenotrina), Teflutrin, Tetrametrina, Tralometrina, e Zeta-Cipermetrina.

 

I piretroidi sono molto diffusi negli Stati Uniti, avendo sostituito l'insetticida clorpirifos che è stato messo al bando per uso domestico oltre un decennio fa.

 

Si trovano dappertutto dalle bombolette spray ai prodotti domestici, ai repellenti per insetti, shampoo per cani e gatti e trattamenti antipidocchi, e sono anche stati associati da altri studi ai cambiamenti nel liquido spermatico e alla leucemia infantile.

 

Bibliografia

1. Viel, J. F. et al. Pyrethroid insecticide exposure and cognitive developmental disabilities in children: The PELAGIE mother-child cohort. Environ. Int. 82, 69–75 (2015)

2. https://www.epa.gov/pesticide-reevaluation

3. http://www.environmentalhealthnews.org/ehs/newscience/2014/Feb/indoor-pyrethroids/

4. http://presse.inserm.fr/en/impact-of-environmental-exposure-to-insecticides-on-the-cognitive-development-of-6-year-old-children/19531/



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione