Denuncia sanitaria

L'inquinamento provoca tre milioni di morti premature ogni anno


CATEGORIE: Denuncia sanitaria

inquinamento aria
L'inquinamento dell'aria è il principale fattore di rischio per la salute ed è responsabile di oltre 3 milioni di morti premature l'anno nel mondo

Nel mondo, chi vive in città respira quasi sempre aria inquinata, oltre i limiti stabiliti dall'Organizzazione mondiale della sanità (Oms). Si tratta di una situazione che coinvolge oltre l'80% di chi abita in aree urbane, la maggior parte concentrata nei paesi più poveri.

Pesantissimo l'impatto sulla salute: l'inquinamento dell'aria, causato principalmente dalle alte concentrazioni di particolato, è il principale fattore di rischio per la salute, ed è responsabile di oltre 3 milioni di morti premature l'anno nel mondo. È quanto emerge dall'ultimo rapporto dell'Oms sulla qualità dell'aria.

Secondo i dati presentati, il 98% delle città con più di 100mila abitanti nei paesi a basso e medio reddito ha un inquinamento dell'aria che supera i limiti, mentre nei paesi ricchi il dato riguarda il 56% delle città.

Il peggioramento della qualità dell'aria determina di conseguenza l'aumento del rischio di ictus, malattie cardiache, tumore al polmone, malattie respiratorie croniche e acute.
Come rileva l'Oms, la buona notizia è che negli ultimi due anni è raddoppiato il numero di città (ora 3000 in 103 paesi) che monitora il livello di inquinamento dell'aria, riconoscendone l'impatto sulla salute.

Tra il 2008 e 2013, l'Oms ha messo a confronto 795 città in 67 paesi sui livelli di particolato di Pm10 e Pm2.5, che penetrano nei polmoni e nel sistema cardiovascolare, mettendo a rischio la salute. Ne è emerso un aumento globale dell'inquinamento dell'aria dell'8%.

In generale i livelli più bassi si hanno nei paesi ricchi, in particolare in Europa, America e Pacifico occidentale. Oltre la metà dei paesi ricchi monitorati e i due terzi di quelli a basso e medio reddito hanno ridotto del 5% l'inquinamento dell'aria negli ultimi cinque anni.

Il primato per le aree urbane più inquinate va invece ai paesi a basso e medio reddito dell'area orientale del Mediterraneo e del Sud-est asiatico, con livelli di inquinamento 5-10 volte superiori a quelli indicati dall'Oms, seguiti dalle città povere dell'area del Pacifico occidentale.

Per quanto riguarda l'Africa i dati a disposizione sono scarsi, ma quelli disponibili mostrano livelli di particolato sopra la media, di oltre il doppio in molte città.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

Vaccinazioni: in piazza per la libertà di scelta 22 MAR 2017 VACCINAZIONI
“Risolvere casi difficili con l'omeopatia”: il XXII seminario internazionale di Medicina Omeopatica 22 MAR 2017 OMEOPATIA
Frutta e verdura fanno bene anche all'umore 20 MAR 2017 ALIMENTAZIONE
A che ora è meglio mangiare per proteggere il cuore? 17 MAR 2017 ALIMENTAZIONE
“Basta cellulari ai bambini”: i pediatri lanciano l'allarme 17 MAR 2017 INFANZIA
Quali sono i benefici della dieta "mima-digiuno"? 15 MAR 2017 ALIMENTAZIONE
Menopausa: ecco cosa mangiare per rafforzare le ossa 15 MAR 2017 ALIMENTAZIONE
Bambini: troppo fruttosio è come l'alcol per il fegato 13 MAR 2017 INFANZIA
L'agopuntura previene l'emicrania senza aura 13 MAR 2017 SALUTE
Sostanze tossiche negli imballaggi: ecco gli alimenti a rischio 10 MAR 2017 ALIMENTAZIONE
Frutta e verdura: ecco la quantità giusta per vivere più a lungo 10 MAR 2017 ALIMENTAZIONE
Cancro al colon-retto, quanto incide lo stile di vita? 8 MAR 2017 MEDICINA PREVENTIVA
Cancro: contro la fatica lo sport è meglio dei farmaci 8 MAR 2017 SALUTE
Mirtilli per la memoria, un elisir di giovinezza 8 MAR 2017 ALIMENTAZIONE
Glifosato: anche la Toscana verso il bando 6 MAR 2017 SALUTE
Dieci consigli per vivere dieci anni più a lungo 6 MAR 2017 SALUTE
L'inquinamento uccide 1,7 milioni di bambini l'anno nel mondo 6 MAR 2017 DENUNCIA SANITARIA
Antibiotico-resistenza: la lista dei 12 batteri più pericolosi 3 MAR 2017 DENUNCIA SANITARIA
Spreco alimentare: quanto cibo buttiamo e perché? 3 MAR 2017 ALIMENTAZIONE
Pfas in Veneto: analisi sui pozzi e controlli per 80mila cittadini 3 MAR 2017 DENUNCIA SANITARIA
Asma e psoriasi: nella prugna una potente arma 1 MAR 2017 ALIMENTAZIONE
Coloranti e allergeni, come leggere l'etichetta? 27 FEB 2017 ALIMENTAZIONE
Bronchiti: “gli antibiotici non servono e aggravano un problema mondiale” 27 FEB 2017 DENUNCIA SANITARIA
Come rafforzare le difese immunitarie dei bambini? 24 FEB 2017 INFANZIA
Europa: resta alta la resistenza agli antibiotici 24 FEB 2017 DENUNCIA SANITARIA
Pfas in Veneto: nel sangue dei 14enni valori 30 volte superiori la media 24 FEB 2017 SALUTE
Gastroscopie e colonscopie: 500 mila esami inutili ogni anno 22 FEB 2017 DENUNCIA SANITARIA
Bevi troppo alcol? Ecco cosa rischi 22 FEB 2017 SALUTE
La dieta mediterranea combatte anche la depressione 22 FEB 2017 ALIMENTAZIONE
Disabile dopo il vaccino: un'altra famiglia chiede giustizia 22 FEB 2017 VACCINAZIONI

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione