Denuncia sanitaria

Inquinamento: principale causa di morte prematura



inquinamento
Inquinamento: principale causa di morte prematura

Con 7 milioni di vittime ogni anni è l'inquinamento atmosferico la principale causa di morte prematura, prima delle malattie cardiovascolari e del cancro. È quanto indicano le ultime stime dell'OMS secondo cui particolarmente pericoloso è l'inquinamento indoor.

L’inquinamento indoor è provocato dal fumo, da fornelli e caminetti e altre sostanze volatili provenienti da detersivi, mobili, vernici, collanti e molte altre ancora.

L'inquinamento indoor, riferisce l'OMS, è responsabile di 4,3 milioni di decessi, in particolare tra coloro che utilizzano legna, carbone con mezzi di combustione che producono fumi non controllati a dovere. Le vittime stimate dell'inquinamento esterno sarebbero 3,7 milioni.
Nel comunicato dell'Organizzazione Mondiale della Sanità si legge che le nuove stime sono raddoppiate, rispetto agli anni precedenti.

Secondo le statistiche ad essere correlati all'inquinamento dell'aria esterna sono: il 40% dei decessi per malattie cardiache, il 40% per l’ictus, l’11% per la malattia polmonare cronica ostruttiva (BPCO), il 6% per cancro ai polmoni e il 3% per le infezioni delle basse vie respiratorie acute nei bambini. Abbastanza simili risultano le statistiche sui decessi legati all'inquinamento dell'aria interna. Il numero di morti per BPCO, però, risulta più che raddoppiato a causa dell’inquinamento indoor. Il 12% delle morti per inquinamento dell’aria negli ambienti interni, infine, riguardano i bambini che hanno sviluppato infezioni come la polmonite.

"I rischi di inquinamento atmosferico sono ormai di gran lunga maggiori di quanto si pensasse , in particolare per le malattie cardiache e ictus - ha spiegato Maria Neira , Direttore del Dipartimento di dell'Oms per la Salute Pubblica , Ambiente e determinanti sociali della salute  -. Pochi rischi hanno un maggiore impatto sulla salute globale di oggi che l'inquinamento atmosferico; l'evidenza segna la necessità di un'azione concertata per ripulire l'aria che tutti respiriamo".

Intanto un recente studio condotto dai ricercatori della Columbia University in collaborazione con la Chongqing Medical University ha riscontrato un legame tra l’esposizione a livelli elevati di inquinamento atmosferico e l’insorgere di mutazioni genetiche irreversibili.

Dalla ricerca è emerso che i bambini concepiti, nati e cresciuti vicino a una centrale a carbone in Cina risultavano più a rischio di insorgenza di deficit cerebrali all’età di due anni. La centrale in questione è quella della città di Chongqing, nella contea di Tongliang, nella Cina centro-meridionale, chiusa nel 2004.




Hai un account google? clicca su:







Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x x  | Votazioni (1)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

Fertilità maschile: ecco i cibi alleati 22 NOV 2017 SALUTE
Milano: i bambini fanno il pieno di smog 22 NOV 2017 INFANZIA
Verde urbano e gite fuori porta: i benefici della natura 20 NOV 2017 SALUTE
Vivere con un cane allunga la vita 20 NOV 2017 SALUTE
La frutta secca col guscio protegge il cuore 17 NOV 2017 ALIMENTAZIONE
I contraccettivi ormonali possono provocare l'ictus? 17 NOV 2017 SALUTE
Diabete in drammatico aumento nel mondo 17 NOV 2017 SALUTE
Antibiotici: l'Italia è il Paese con il maggior consumo 17 NOV 2017 DENUNCIA SANITARIA
Dieta mediterranea: un'alleata contro il tumore al pancreas 15 NOV 2017 ALIMENTAZIONE
L'agricoltura biologica potrebbe sfamare il mondo 15 NOV 2017 ALIMENTAZIONE
Glaucoma, lo sport fa bene anche alla vista 15 NOV 2017 MEDICINA PREVENTIVA
Smog: “il diesel è la vera minaccia per i nostri polmoni” 13 NOV 2017 DENUNCIA SANITARIA
Resistenza agli antibiotici: “è crisi globale” 13 NOV 2017 DENUNCIA SANITARIA
Mal di schiena? Si combatte con l'esercizio fisico 13 NOV 2017 MEDICINA PREVENTIVA
Smartphone prima di dormire: ecco perché fa male ai bambini 13 NOV 2017 INFANZIA
Glifosato: i Paesi Ue dicono "no" al rinnovo dell'autorizzazione 10 NOV 2017 DENUNCIA SANITARIA
Gravidanza: 1 mamma su 4 non perde il vizio del fumo 10 NOV 2017 DENUNCIA SANITARIA
Le patatine fritte sono cancerogene? 10 NOV 2017 ALIMENTAZIONE
Alcol: anche il consumo moderato aumenta il rischio di tumori 10 NOV 2017 DENUNCIA SANITARIA
Broccoli, una possibile cura per la degenerazione maculare 8 NOV 2017 ALIMENTAZIONE
Antibiotici, Oms: stop a uso in animali d'allevamento 8 NOV 2017 DENUNCIA SANITARIA
Troppo paracetamolo in gravidanza aumenta il rischio di deficit di attenzione e iperattività nei bambini 6 NOV 2017 DENUNCIA SANITARIA
Un'alimentazione corretta può rallentare l'Alzheimer? 6 NOV 2017 MEDICINA PREVENTIVA
I pesticidi in frutta e verdura compromettono la fertilità 6 NOV 2017 ALIMENTAZIONE
Cuore: meno rischi con poco sale e più spezie 3 NOV 2017 ALIMENTAZIONE
Decine di pesticidi nelle acque dell'Emilia-Romagna 3 NOV 2017 DENUNCIA SANITARIA
Shiatsu, un rimedio contro l'emicrania 3 NOV 2017 SALUTE
Glifosato al voto Ue: ipotesi rinnovo di 5 anni 30 OTT 2017 DENUNCIA SANITARIA
Anziani: è allarme per i troppi farmaci 30 OTT 2017 DENUNCIA SANITARIA
Bambini iperattivi o malati immaginari? La “mania da neuropsichiatra” dilaga in Italia 27 OTT 2017 INFANZIA

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione