Denuncia sanitaria

Inquinamento: principale causa di morte prematura



inquinamento
Inquinamento: principale causa di morte prematura

Con 7 milioni di vittime ogni anni è l'inquinamento atmosferico la principale causa di morte prematura, prima delle malattie cardiovascolari e del cancro. È quanto indicano le ultime stime dell'OMS secondo cui particolarmente pericoloso è l'inquinamento indoor.

L’inquinamento indoor è provocato dal fumo, da fornelli e caminetti e altre sostanze volatili provenienti da detersivi, mobili, vernici, collanti e molte altre ancora.

L'inquinamento indoor, riferisce l'OMS, è responsabile di 4,3 milioni di decessi, in particolare tra coloro che utilizzano legna, carbone con mezzi di combustione che producono fumi non controllati a dovere. Le vittime stimate dell'inquinamento esterno sarebbero 3,7 milioni.
Nel comunicato dell'Organizzazione Mondiale della Sanità si legge che le nuove stime sono raddoppiate, rispetto agli anni precedenti.

Secondo le statistiche ad essere correlati all'inquinamento dell'aria esterna sono: il 40% dei decessi per malattie cardiache, il 40% per l’ictus, l’11% per la malattia polmonare cronica ostruttiva (BPCO), il 6% per cancro ai polmoni e il 3% per le infezioni delle basse vie respiratorie acute nei bambini. Abbastanza simili risultano le statistiche sui decessi legati all'inquinamento dell'aria interna. Il numero di morti per BPCO, però, risulta più che raddoppiato a causa dell’inquinamento indoor. Il 12% delle morti per inquinamento dell’aria negli ambienti interni, infine, riguardano i bambini che hanno sviluppato infezioni come la polmonite.

"I rischi di inquinamento atmosferico sono ormai di gran lunga maggiori di quanto si pensasse , in particolare per le malattie cardiache e ictus - ha spiegato Maria Neira , Direttore del Dipartimento di dell'Oms per la Salute Pubblica , Ambiente e determinanti sociali della salute  -. Pochi rischi hanno un maggiore impatto sulla salute globale di oggi che l'inquinamento atmosferico; l'evidenza segna la necessità di un'azione concertata per ripulire l'aria che tutti respiriamo".

Intanto un recente studio condotto dai ricercatori della Columbia University in collaborazione con la Chongqing Medical University ha riscontrato un legame tra l’esposizione a livelli elevati di inquinamento atmosferico e l’insorgere di mutazioni genetiche irreversibili.

Dalla ricerca è emerso che i bambini concepiti, nati e cresciuti vicino a una centrale a carbone in Cina risultavano più a rischio di insorgenza di deficit cerebrali all’età di due anni. La centrale in questione è quella della città di Chongqing, nella contea di Tongliang, nella Cina centro-meridionale, chiusa nel 2004.




Hai un account google? clicca su:







Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x x  | Votazioni (1)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

Lecce, bimbo ricoverato dopo vaccino mpr-v 29 MAG 2017 VACCINAZIONI
Nasce il Coordinamento Nazionale per la Libertà di scelta 26 MAG 2017 VACCINAZIONI
Decreto vaccini: migliaia di genitori protestano 24 MAG 2017 VACCINAZIONI
Vaccini: che fine ha fatto il rapporto sulle reazioni avverse? 22 MAG 2017 VACCINAZIONI
Vaccini, "è delirio sanitario". "Un decreto incostituzionale e inaccettabile" 22 MAG 2017 VACCINAZIONI
3 Giugno 2017 - Convegno "Libertà di cura: una scelta europea" 19 MAG 2017 CONVEGNI
Il Governo mette a rischio il futuro dell'omeopatia 19 MAG 2017 OMEOPATIA
Cosa succede se chiedi alla tua ASL di fare solo i vaccini obbligatori? 19 MAG 2017 VACCINAZIONI
Carne rossa: consumo eccessivo responsabile di 9 malattie 16 MAG 2017 ALIMENTAZIONE
Inquinamento da Pfas: 800mila veneti potenzialmente esposti 16 MAG 2017 DENUNCIA SANITARIA
Obbligo vaccini nelle scuole: "assurdo e anacronistico" 16 MAG 2017 VACCINAZIONI
Pomodori del Sud alleati contro il cancro allo stomaco 15 MAG 2017 ALIMENTAZIONE
Vaccino esavalente: la procura di Torino indaga su sostanze non segnalate 15 MAG 2017 VACCINAZIONI
Prevenire il diabete con i legumi 12 MAG 2017 ALIMENTAZIONE
Gli alimenti giusti per preparare la pelle al sole 12 MAG 2017 ALIMENTAZIONE
I batteri africani sono davvero pericolosi per i nostri bambini? 11 MAG 2017 SALUTE
Acqua contaminata da Pfas: pericolo per 130mila veneti 11 MAG 2017 DENUNCIA SANITARIA
Fibromialgia: meditazione e stretching contro il dolore 8 MAG 2017 SALUTE
Vaccini obbligatori, contrario il Comune di Torino 8 MAG 2017 VACCINAZIONI
Cento minuti di sport allungano la vita. Ecco i consigli per vivere più a lungo 8 MAG 2017 SALUTE
Corruzione e sperimentazioni illecite: arrestati 19 tra medici e imprenditori 8 MAG 2017 DENUNCIA SANITARIA
Le bevande zuccherate fanno invecchiare il cervello 5 MAG 2017 ALIMENTAZIONE
Ridere, una vera e propria terapia 5 MAG 2017 SALUTE
Il Pd propose la Giornata nazionale per le vittime dei vaccini 5 MAG 2017 VACCINAZIONI
Bambini: il contatto con gli animali riduce allergie e obesità 3 MAG 2017 INFANZIA
Nove regole per prevenire i tumori 3 MAG 2017 SALUTE
Reintrodurre l'obbligo dei vaccini? “È violenza e abuso” 3 MAG 2017 VACCINAZIONI
I cibi "light" fanno ingrassare? 28 APR 2017 ALIMENTAZIONE
Latte artificiale: nuova inchiesta per prescrizioni indebite 26 APR 2017 DENUNCIA SANITARIA
Cellulari e tumori: il Codacons lancia una class action 26 APR 2017 DENUNCIA SANITARIA

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione