Denuncia sanitaria

Inquinamento da mercurio: oltre 140 Paesi firmano accordo internazionale


CATEGORIE: Denuncia sanitaria

mercurio
Il mercurio è un metallo pesante persistente, tossico per l'ambiente e gli esseri umani

Dopo una lunga notte di negoziati, a Ginevra oltre 140 nazioni hanno approvato il primo trattato vincolante sulla riduzione dell'uso e delle emissioni di mercurio.

Lo hanno annunciato il Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente (Unep) e la Svizzera, che, insieme alla Norvegia, ha avviato questo processo dieci anni fa.

L'accordo sul testo di una Convenzione Internazionale permetterà di ridurre a livello mondiale, le emissioni di mercurio, molto tossiche per la salute e per l'ambiente: mira a limitare la produzione e l'utilizzazione del mercurio, in particolare nella fabbricazione di prodotti e nei processi industriali, spiega una nota della delegazione svizzera. In particolare tra i prodotti di uso comune, dal 2020 saranno vietati alcuni tipi di batterie, di lampade compatte fluorescenti a risparmio energetico, alcuni saponi e cosmetici, termometri e apparecchi per la misurazione della pressione arteriosa. L'accordo disciplina inoltre la questione dello stoccaggio e del trattamento dei rifiuti contenenti mercurio.

Le emissioni annue di mercurio nell'atmosfera generate da attività umane sono pari circa 2000 tonnellate, di cui gran parte proviene dall'estrazione artigianale di oro e dalle centrali termiche alimentate a carbone o a lignite.

Il mercurio è un metallo pesante persistente, tossico per l'ambiente e gli esseri umani. Si accumula nell'organismo. Può provocare danni al sistema nervoso, a quello immunitario e a quello riproduttivo.

Uno studio recentemente pubblicato sulla rivista Environmental Health e condotta dall'Ehesp di Rennes stima che in Italia più di 200 mila neonati sono stati esposti in gravidanza a livelli di mercurio al di sopra della soglia di sicurezza. Lo studio fa una stima dei casi potenziali basandosi sulla raccolta di campioni di capelli sia delle mamme che dei bambini in 17 Paesi.

Secondo le stime circa un milione e mezzo-due milioni di bambini europei nascono ogni anno con un’esposizione al metilmercurio sopra i limiti di sicurezza stabiliti di 0,58 microgrammi per grammo e duecentomila sopra il limite raccomandato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità di 2,5 microgrammi per grammo.

La Convenzione sarà aperta alla firma nell'ottobre 2013 a Minamata (Giappone), in memoria degli abitanti di questa città che per decenni sono stati vittime di una grave contaminazione da mercurio dopo l'avvelenamento delle acque della baia causato da una fabbrica.



Hai un account google? clicca su:







Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

L'inquinamento influenza la fertilità maschile 13 DIC 2017 SALUTE
Filippine: sotto accusa il vaccino contro la dengue. Il Governo lo sospende 13 DIC 2017 VACCINAZIONI
Così la tecnologia compromette la salute degli adolescenti 13 DIC 2017 DENUNCIA SANITARIA
Troppo zucchero e caffeina nelle bevande energetiche 11 DIC 2017 DENUNCIA SANITARIA
Demenza: entro il 2050 i casi triplicheranno 11 DIC 2017 SALUTE
Sport: ecco perché protegge dalle malattie infiammatorie intestinali 6 DIC 2017 SALUTE
Tumori testa-collo: fumo e alcol aumentano le probabilità di morte 6 DIC 2017 SALUTE
Il Governo cede i nostri dati sanitari alle multinazionali (senza il nostro consenso) 6 DIC 2017 DENUNCIA SANITARIA
Bambini: troppi giochi limitano la creatività 6 DIC 2017 INFANZIA
Natale sostenibile: cosa portare in tavola? 4 DIC 2017 ALIMENTAZIONE
Vaccini contaminati, Codacons: 13 morti sospette di bambini 4 DIC 2017 VACCINAZIONI
Cancro: 800mila nuovi casi legati a diabete e obesità 1 DIC 2017 DENUNCIA SANITARIA
Fumo: quali rischi per gli occhi? 1 DIC 2017 DENUNCIA SANITARIA
Farmaci: 1 su 10 contraffatto nei Paesi a basso o medio reddito 1 DIC 2017 DENUNCIA SANITARIA
Pillole: ecco perché non bisogna spezzarle 1 DIC 2017 DENUNCIA SANITARIA
Via libera Ue al glifosato: “regalo alle multinazionali” 29 NOV 2017 DENUNCIA SANITARIA
Obesità e sindrome metabolica: mangiare velocemente aumenta il rischio 27 NOV 2017 ALIMENTAZIONE
L'inquinamento danneggia anche le ossa 27 NOV 2017 DENUNCIA SANITARIA
Cani in corsia per aiutare i malati di Sla 27 NOV 2017 SALUTE
Estratto di zafferano, una potenziale arma contro l'Alzheimer? 24 NOV 2017 MEDICINA PREVENTIVA
Cannella, un'arma contro l'obesità 24 NOV 2017 ALIMENTAZIONE
Lo sport favorisce anche la memoria 24 NOV 2017 SALUTE
Fertilità maschile: ecco i cibi alleati 22 NOV 2017 SALUTE
Milano: i bambini fanno il pieno di smog 22 NOV 2017 INFANZIA
Verde urbano e gite fuori porta: i benefici della natura 20 NOV 2017 SALUTE
Vivere con un cane allunga la vita 20 NOV 2017 SALUTE
La frutta secca col guscio protegge il cuore 17 NOV 2017 ALIMENTAZIONE
I contraccettivi ormonali possono provocare l'ictus? 17 NOV 2017 SALUTE
Diabete in drammatico aumento nel mondo 17 NOV 2017 SALUTE
Antibiotici: l'Italia è il Paese con il maggior consumo 17 NOV 2017 DENUNCIA SANITARIA

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione