Vaccinazioni

Gasparri: Influenza A, eccesso di allarme Il Parlamento indaghi sulle speculazioni


CATEGORIE: Vaccinazioni

ROMA - «Su questa storia dei vaccini sarà forse il caso di fare luce in Parlamento». Il presidente dei senatori del Pdl, Maurizio Gasparri, interviene sugli antidoti per la nuova influenza acquistati in quantità massiccia, l' allarme diffuso nei giorni del picco della suina e il giro d' affari intorno a questi farmaci. «L' influenza di quest' anno - dice - si è rivelata simile a quelle del passato e per molti versi più leggera. Ricordo gli errati inviti in pieno luglio a chiudere le scuole a settembre, che il ministro Gelmini ed io stesso stroncammo. Come ai tempi dell' epidemia aviaria, si comprano quantità ingenti di vaccini poi non utilizzati». Così Gasparri paventa la possibilità di andare a fondo alla vicenda: «È difficile non pensare a manovre speculative a livello planetario di spregiudicate multinazionali», aggiunge e continua «la sanità di tutto l' occidente ha accumulato altri debiti. Bisogna capire se chi ha guadagnato senza ragione potrà restituire le risorse accumulate a colpi di bugie».



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione