Salute

Infarti: i pericoli principali per il cuore


CATEGORIE: Salute

infarto
Infarti: i pericoli principali per il cuore

La rabbia può davvero 'far venire un colpo' o si tratta solo di un modo di dire? Dei fattori che possono scatenare l'infarto e le aritmie hanno parlato gli esperti riuniti a Bologna durante il Meeting Internazionale su Fibrillazione Atriale e Infarto.

Dagli studi emerge che, effettivamente, in un caso su due i problemi al cuore sono provocati da un elemento specifico e in circa un caso su sei di aritmia o infarto vi sono ben due circostanze negative che hanno fatto precipitare la situazione.

Al primo posto nella classifica delle emozioni negative vi è la rabbia intensa che fa aumentare il rischio di infarto fino a nove volte nelle ore immediatamente successive. La collera fa salire la pressione e la frequenza cardiaca, alterando anche gli equilibri ormonali dell'organismo.

“In tutti questi casi, così come nelle popolazioni colpite da disastri naturali - quali i terremoti - dove il rischio di morte cardiaca improvvisa cresce moltissimo, stiamo parlando di uno stress emotivo acuto che provoca un incremento considerevole e rapido del cortisolo, l'ormone dello stress: ciò può alterare il metabolismo del glucosio, favorire la rottura di placche, causare aritmie — ha spiegato Alessandro Capucci, presidente del congresso e docente di malattie cardiovascolari al l'Università Politecnica delle Marche, di Ancona —. Più un evento o un'emozione sono inattesi e intensi, più è probabile che il sistema cardiovascolare non riesca a compensare lo squilibrio che provocano: paradossalmente lo stress quotidiano che tutti sopportiamo fa meno male, perché il cuore si abitua e riesce ad attutirne meglio gli effetti negativi”.

Non soltanto le emozioni negative, anche l'attività fisica può essere pericolosa. “Lo sono soprattutto gli sforzi rapidi e intensi, in special modo in persone non allenate e già un po' avanti negli anni; l'attività sessuale invece non è rischiosa, pure in chi abbia già avuto un infarto — riprende Capucci —. Anche la mancanza di riposo può scatenare un problema di cuore: il sonno è prezioso perché consente di ridurre pressione e frequenza cardiaca; se non si dorme bene e a sufficienza il cuore non recupera mai ed è più esposto alle aritmie”.

Infine anche pranzi e cene troppo abbondanti possono provocare aritmie e infarti: durante la digestione di pasti molto pesanti il sangue si sposta verso l'apparato digerente e diminuisce l'apporto alle coronarie. Se queste ultime non sono perfettamente efficienti una scorpacciata potrebbe rivelarsi fatale.

Come sapere dunque se il nostro cuore è in salute? Capucci spiega che è importante sottoporsi a check-up regolari: il controllo della pressione una volta al mese, l'esame del sangue per colesterolo, glicemia e così via ogni 1-2 anni, un'elettrocardiogramma ogni 5 anni e test da sforzo o altri esami quando il medico li richiede.

Per prevenire problemi di cuore è poi importante mantenere il giusto peso, fare esercizio in quantità e qualità commisurata all'età e alle condizioni di salute, riposare bene e a sufficienza.



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Redazione InformaSalus.it

La frutta secca col guscio protegge il cuore 17 NOV 2017 ALIMENTAZIONE
I contraccettivi ormonali possono provocare l'ictus? 17 NOV 2017 SALUTE
Diabete in drammatico aumento nel mondo 17 NOV 2017 SALUTE
Antibiotici: l'Italia è il Paese con il maggior consumo 17 NOV 2017 DENUNCIA SANITARIA
Dieta mediterranea: un'alleata contro il tumore al pancreas 15 NOV 2017 ALIMENTAZIONE
L'agricoltura biologica potrebbe sfamare il mondo 15 NOV 2017 ALIMENTAZIONE
Glaucoma, lo sport fa bene anche alla vista 15 NOV 2017 MEDICINA PREVENTIVA
Smog: “il diesel è la vera minaccia per i nostri polmoni” 13 NOV 2017 DENUNCIA SANITARIA
Resistenza agli antibiotici: “è crisi globale” 13 NOV 2017 DENUNCIA SANITARIA
Mal di schiena? Si combatte con l'esercizio fisico 13 NOV 2017 MEDICINA PREVENTIVA
Smartphone prima di dormire: ecco perché fa male ai bambini 13 NOV 2017 INFANZIA
Glifosato: i Paesi Ue dicono "no" al rinnovo dell'autorizzazione 10 NOV 2017 DENUNCIA SANITARIA
Gravidanza: 1 mamma su 4 non perde il vizio del fumo 10 NOV 2017 DENUNCIA SANITARIA
Le patatine fritte sono cancerogene? 10 NOV 2017 ALIMENTAZIONE
Alcol: anche il consumo moderato aumenta il rischio di tumori 10 NOV 2017 DENUNCIA SANITARIA
Broccoli, una possibile cura per la degenerazione maculare 8 NOV 2017 ALIMENTAZIONE
Antibiotici, Oms: stop a uso in animali d'allevamento 8 NOV 2017 DENUNCIA SANITARIA
Troppo paracetamolo in gravidanza aumenta il rischio di deficit di attenzione e iperattività nei bambini 6 NOV 2017 DENUNCIA SANITARIA
Un'alimentazione corretta può rallentare l'Alzheimer? 6 NOV 2017 MEDICINA PREVENTIVA
I pesticidi in frutta e verdura compromettono la fertilità 6 NOV 2017 ALIMENTAZIONE
Cuore: meno rischi con poco sale e più spezie 3 NOV 2017 ALIMENTAZIONE
Decine di pesticidi nelle acque dell'Emilia-Romagna 3 NOV 2017 DENUNCIA SANITARIA
Shiatsu, un rimedio contro l'emicrania 3 NOV 2017 SALUTE
Glifosato al voto Ue: ipotesi rinnovo di 5 anni 30 OTT 2017 DENUNCIA SANITARIA
Anziani: è allarme per i troppi farmaci 30 OTT 2017 DENUNCIA SANITARIA
Bambini iperattivi o malati immaginari? La “mania da neuropsichiatra” dilaga in Italia 27 OTT 2017 INFANZIA
Bimbo muore di meningite. Era vaccinato 27 OTT 2017 VACCINAZIONI
Basta Pfas in Veneto: consegnate le firme 27 OTT 2017 DENUNCIA SANITARIA
Antibiotici: inutili per buona parte dei pazienti 25 OTT 2017 SALUTE
Nuove droghe: disturbi psichiatrici per 40mila giovani 25 OTT 2017 DENUNCIA SANITARIA

Tutti gli articoli di Redazione InformaSalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione