Omeopatia

India, la crescita dell’Omeopatia va al galoppo

Fonte: Il Granulo


CATEGORIE: Omeopatia

india
Gli omeopati accreditati in India sono più di 500.000 (mezzo milione)

Secondo i dati forniti da ASSOCHAM (Associated Chambers of Commerce and Industry of India), nel 2010 il mercato omeopatico indiano è cresciuto del 30% passando da 500 a 668 milioni di euro. Secondo il Sig. D. S. Rawat, Segretario Generale di ASSOCHAM, che ha illustrato i dati, la crescita della medicina omeopatica rispetto l’allopatia è dovuta alla sua efficacia, perché va alla radice dei problemi e non provoca effetti collaterali; inoltre la personalizzazione della terapia e la maggiore interazione e collaborazione con il medico omeopata curante inducono massima soddisfazione nel paziente, così come il minor costo sia della visita sia del medicamento che è di molto inferiore a quello dei medicinali convenzionali e addirittura di quelli ayurvedici.

La facile accessibilità a cure omeopatiche è un altro motivo della popolarità dell’omeopatia e del progressivo successo, cui si deve aggiungere la disillusione e la delusione generate dalle terapie allopatiche convenzionali. Per queste varie ragioni l’omeopatia si sta diffondendo in ogni angolo del Paese (“in every nook and corner). L’ASSOCHAM afferma, inoltre, che la crescita dell’omeopatia non è limitata all’India ma è un fenomeno globale con un incremento medio mondiale del 25%.

(Secondo altri, si stima, addirittura, che mantenendo un tasso di crescita annuo dell’1,25%, nel 2035 il mercato di farmaci omeopatici dovrebbe superare quello dei medicinali chimici convenzionali: questo può essere uno dei motivi delle campagne antiomeopatia in atto in tutto il mondo a vari livelli). Nel periodo 2009-2010, secondo il rapporto ASSOCHAM, sono stati 120 milioni gli indiani che hanno scelto trattamenti omeopatici; si stima che, nel giro di un paio d’anni, il numero salirà a 160 milioni.

Secondo un sondaggio commissionato dalla stessa ASSOCHAM e citato dal sig. Rawat (“Homeopathy Demand on Rise” = aumenta la richiesta di omeopatia) nelle grandi metropoli quali New Delhi, Mumbai, Kolkata, Chennai, Bangalore e in città quali Chandigarh, Hyderabad, Lunknow, il 75% dei pazienti si dichiara molto favorevole all’omeopatia sostenendo che, sebbene possa richiedere un po’ più di tempo per eliminare completamente il problema, la cura è efficace e sicura, senza effetti collaterali. La maggioranza di queste persone ha dichiarato di far ricorso a trattamenti convenzionali solo in caso di gravi emergenze, altrimenti l’omeopata è sempre il primo a esser consultato.

Gli omeopati accreditati in India sono più di 500.000 (mezzo milione): il numero cresce di oltre 20.000 (ventimila) unità l’anno. Unico neo: la presenza sul vastissimo sub-continente indiano di pochi ospedali omeopatici.

È proprio l’India il Paese ospitante del 66° Congresso Mondiale della LMHI (Liga Medicorum Homoeopathica Internationalis) a New Delhi dall’1 al 4 Dicembre 2011. Tema del Congresso: Homeopathy and Public Health (Omeopatia e Sanità Pubblica).



Hai un account google? clicca su:







Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  o x x x x  | Votazioni (1)

Articoli di Pietro Gulia

La profilassi omeopatica contro la Leptospirosi epidemica. Il caso di Cuba 12 DIC 2018 OMEOPATIA
Un caso di impetigine pediatrica risolta con il rimedio omeopatico Borax 26 OTT 2018 OMEOPATIA - CASI CLINICI
Materia Medica dei Promessi Sposi (Recensione) 31 AGO 2018 RECENSIONI
Manuale pratico di Omeopatia in Oncologia (Recensione) 29 AGO 2018 RECENSIONI
Problemi emozionali e comportamentali in Omeopatia: bimba con esperienza di vita in carcere 6 NOV 2015 OMEOPATIA - CASI CLINICI
Esiste un modo per cercare di vivere serenamente? (Una lettera del Dr. Samuel Hahnemann ad un suo paziente) 18 DIC 2012 OMEOPATIA
Pulsatilla e altro ancora... per elefanti! 16 AGO 2011 OMEOPATIA
L’Omeopatia nel trattamento delle irregolarità mestruali 10 FEB 2011 OMEOPATIA - CASI CLINICI
L'omeopatia negli Stati Uniti 28 OTT 2010 OMEOPATIA
Omeopatia, Istat e... mezzo pollo 22 OTT 2010 OMEOPATIA
L'omeopatia in Giappone: “non ci sono confini per una buona medicina” 28 SET 2010 OMEOPATIA
Intervista ad Hahnemann. Parte seconda, dal 1796 al 1820 10 AGO 2010 OMEOPATIA
Storia dell’Omeopatia - Biografia di Samuel Hahnemann - Prima Parte 28 LUG 2010 OMEOPATIA
Breve storia dell’omeopatia in Germania 12 LUG 2010 OMEOPATIA
“L’assenza di una prova non è la prova di un’assenza”. Il parere sull’Omeopatia di un Premio Nobel 24 MAG 2010 OMEOPATIA
La sperimentazione farmacologica convenzionale 13 MAG 2010 SALUTE
Cos’è un medicinale omeopatico e cos’è un complesso omeopatico? Che differenza c’è tra complessismo ed Omeopatia? 10 MAG 2010 OMEOPATIA
Sindrome di Bartter - KALIUM CARBONICUM 9 APR 2009 OMEOPATIA - CASI CLINICI






Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione