Salute

Il Segno


CATEGORIE: Salute

parole
Il termine segno indica qualsiasi oggetto o evento usato come richiamo di altro oggetto od evento

Il termine segno deriva dal latino ‘signum’ e da ‘secare’ che significa ‘tagliare’. Indica, in generale, qualsiasi oggetto od evento usato come richiamo di altro oggetto od evento.

Questa definizione viene adoperata abitualmente nella tradizione filosofica, è generale e consente di comprendere sotto la nozione di segno ogni possibilità di riferimento. Essa tuttavia, in senso proprio e restrittivo, deve essere assunta come la possibilità del riferimento di un oggetto o evento presente ad un oggetto od evento non presente o la cui presenza o non presenza è indifferente. In questo senso più ristretto, la possibilità d’uso dei segni è la caratteristica fondamentale del comportamento umano, perché consente l’utilizzazione del passato, ossia di ciò che “non è più presente” per la previsione e la progettazione del futuro, ossia di ciò che “non è ancora presente”.

Il terminesemiosiindica il processo in cui qualcosa funziona come segno.

Oggetti, tracce, indizi o sintomi diventano segni in quanto sono interpretati come altre cose, ossia assumono un significato tramite qualcosa che ne fornisce l’interpretazione. L’utilizzazione del termine “interpretazione” non deve far pensare che la semiosi sia necessariamente connessa con il cervello umano, essa è presente nel comportamento animale, in tutto il mondo organico, ma anche nei cristalli e in tutto il mondo inorganico. C. Morris, al fine di spiegare la semiosi, ha utilizzato come esempio la “danza” di un’ape. Questo è un processo semiosico in quanto dà luogo ad interpretazioni, da parte delle altre api, che permettono la localizzazione del cibo.

Affermare che qualcosa ha significato, e che dunque è un segno, equivale a dire che questo qualcosa, detto interpretato, assume un significato tramite qualcos’altro che viene detto interpretante.

Secondo C. S. Peirce, che operava in ambito logico e filosofico ed era interessato ai processi cognitivi, il rapporto minimale che permette che qualcosa sia segno è triadico. Esso comprende:
- L’oggetto, ossia qualcosa di oggettivo, di preesistente, di autonomo e in questo senso di “materiale” rispetto all’interpretazione.
- L’interpretato, ossia questo stesso oggetto in quanto avente significato.
- L’interpretante nel cui rapporto (non esclusivo), l’oggetto riceve un determinato significato.

Il segno, benché presenti queste tre facce, oggetto-interpretato-interpretante, viene indicato come rapporto interpretato-interpretante in quanto l’interpretato implica anche l’oggetto dell’interpretazione.

I segni, a seconda del rapporto tra interpretato e interpretante, vennero classificati da Peirce nei seguenti tipi:
- Segno iconico, quando il rapporto tra interpretato e interpretante rivela qualche qualità comune.
- Segno indicale, quando il rapporto tra interpretato e interpretante rivela prevalentemente un rapporto di contiguità e/o di causalità. Sono di questo tipo i sintomi, ad esempio discromia cutanea (interpretato) e malattia epatica (interpretante).
- Segno simbolico, quando il rapporto tra interpretato e interpretante è regolato prevalentemente da una convenzione.

L’interpretante può limitarsi ad identificare qualcosa, ossia si limita al riconoscimento del segno, oppure può rispondere ad esso, ossia instaura con esso un rapporto di coinvolgimento, di partecipazione, risponde ad esso e prende posizione nei suoi confronti.
In entrambi i casi l’interpretato e l’interpretante sono fra loro in un rapporto di alterità. Tuttavia, quando l’interpretazione si realizza specificatamente come risposta, come accade nei segni del mondo umano, si evidenzia pienamente la caratteristica di ciò che è segno come rapporto dialettico tra interpretante e interpretato, incentrato sulla categoria di alterità.

Tutto ciò che assume significato, e quindi può essere considerato come segno, si trova collocato in una fitta rete di rapporti di tipo interpretato-interpretante. Partendo da ognuno di essi sono possibili vari percorsi interpretativi, alcuni già tracciati, abitualmente seguiti e in certi casi obbligati, altri alternativi, mai battuti ma che si avvalgono dei precedenti come punti di riferimento o come percorsi da costeggiare.

Nel segno, come atto interpretativo che congiunge un interpretato con un interpretante, l’interpretato può essere tanto qualcosa che esiste fisicamente, come un testo scritto o una fonia, quanto un’immagine mentale. Così pure l’interpretante può essere tanto qualcosa di mentale, come quando ascoltando un discorso traduciamo le fonie in immagini mentali, quanto qualcosa di fisico, come quando parlando traduciamo l’immagine mentale di una parola o di un enunciato in una sequenza fonica.

Il significato può essere definito come uno dei percorsi interpretativi che collegano un interpretato a una serie aperta di interpretanti.
Ogni segno è quindi più o meno plurivoco: da uno stesso interpretato si diramano più percorsi interpretativi per specificare il significato secondo cui intenderlo e bisogna indicare in quale direzione procedere a partire da esso e almeno un interpretante che ne fa parte.

Ogni segno, così come ha un significato (interpretante-interpretato esplicito), ha anche un referente (interpretato-interpretante implicito). Il significato è pertanto la parte esplicitata di un percorso interpretativo, mentre il referente ne è la parte sottintesa e ciò a cui si riferisce il significato.

Un segno che impone un unico percorso interpretativo viene indicato con il termine di segnale. I segnali presuppongono un codice, cioè un sistema di regole, rispetto al quale è predeterminato il rapporto tra interpretato e interpretante, che si realizza in maniera quasi meccanica. Inoltre, tutti i segnali hanno una funzione intenzionalmente comunicativa, presuppongono cioè la volontà e l’intenzione di comunicare qualcosa a qualcuno.

Anche i sintomi medici, benché siano privi di intenzionalità comunicativa e non dipendano da un codice, hanno una tipicità, in quanto ripetono determinati tratti distintivi che li rendono identificabili e quindi contengono un margine di segnalità.


Bibliografia
- Gasparini L. Multidisciplinarietà in Medicina. Metodologia, Scienze biomediche, Posizione dell’omeopatia in ambito scientifico. Edizioni Salus Infirmorum, Padova, 2011



Hai un account google? clicca su:


Prodotto Consigliato
Multidisciplinarietà in Medicina  Lucia Gasparini   Salus Infirmorum

Multidisciplinarietà in Medicina

Metodologia - Scienze biomediche - Posizione dell’Omeopatia in ambito scientifico

Lucia Gasparini

La ricerca scientifica è tesa ad un'incessante soluzione di problemi e la conoscenza scientifica cresce e opera nel continuo dissenso, ma sempre orientata verso la teoria vincente. Il metodo scientifico, mediante il percorso delle congetture e delle confutazioni e quindi della falsificabilità fattuale delle teorie, è la… Continua »
Pagine: 832, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Salus Infirmorum
63,67 € 74,90 € (-15%)
 




Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)

Articoli di Lucia Gasparini

Tessuto adiposo e regolazione della risposta immunitaria 13 APR 2016 SALUTE
La regolazione dell’assunzione di liquidi 18 NOV 2015 SALUTE
Immunologia: interleuchina 1 (IL-1) 29 OTT 2015 SALUTE
Il metodo della fisica 15 OTT 2015 SALUTE
Genetica: gli oncogeni 8 OTT 2015 SALUTE
Strategie elementari di interazione sociale 5 OTT 2015 SALUTE
Immunologia: generalità sulle citochine 23 SET 2015 SALUTE
La scienza sperimentale e il suo metodo 23 SET 2015 SALUTE
I fitoestrogeni 10 SET 2015 SALUTE
Modalità di assunzione di rimedi omeopatici nelle patologie acute 2 SET 2015 OMEOPATIA
Gestione e trattamento della sindrome metabolica 26 AGO 2015 SALUTE
Dominanza sociale e immunità negli animali 24 LUG 2015 SALUTE
Gli antiossidanti 17 LUG 2015 SALUTE
Risposta immunitaria in alcune malattie cutanee croniche 13 LUG 2015 SALUTE
Malattie cutanee come manifestazioni di un quadro sistemico 20 DIC 2013 SALUTE
Aromatasi 12 DIC 2013 SALUTE
Mitocondri ed esercizio fisico 25 NOV 2013 SALUTE
Psoriasi e dermatite atopica, la risposta immunitaria nelle malattie cutanee croniche 6 NOV 2013 SALUTE
Cellule Natural Killer 30 OTT 2013 SALUTE
La sindrome metabolica 18 OTT 2013 SALUTE
Adiponectina 15 OTT 2013 SALUTE
Cos'è la leptina 14 OTT 2013 SALUTE
Sistema dello stress e concetto di allostasi e di carico allostatico 23 APR 2013 SALUTE
Ritmo circadiano degli ormoni e loro proprietà immunomodulatorie 16 APR 2013 SALUTE
Tessuto adiposo, obesità viscerale e infiammazione 12 APR 2013 SALUTE
Emozioni negative 9 APR 2013 SALUTE
Stress cronico: disfunzioni dell’asse HPA, alterazioni immunitarie e disturbi della sfera affettiva 3 APR 2013 SALUTE
Immunità innata e Toll-like receptors (TLR) 15 MAR 2013 SALUTE
Schema, struttura e processo dei sistemi viventi 1 MAR 2013 SALUTE
Steroidi sessuali e immunità 20 FEB 2013 SALUTE

Tutti gli articoli di Lucia Gasparini







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione