Omeopatia

Un consiglio per non dimostrare la propria ignoranza omeopatica


CATEGORIE: Omeopatia

omeopatia
Rimedi omeopatici

Una mia amica veterinaria omeopata (si perché con l'omeopatia si possono curare anche gli animali e addirittura le piante … alla faccia di quelli che dicono che è solo un effetto placebo!), mi scrive il testo che segue:

"Eravamo davanti a una tavola imbandita con un gruppo di amici, alcuni dei quali si curano da anni con l'omeopatia. Ad un certo punto il discorso arriva alle terapie naturali. Io avevo già assaggiato un prosecco, un bianco e due rossi e lui racconta un episodio di alcuni giorni prima dicendo: 'Entro in una farmacia di Trastevere e trovo una solerte farmacista milanese, molto informata e attiva. Chiedo un rimedio omeopatico: Arsenicum album 30ch che mi aveva prescritto il mio medico per telefono. Lei dice Non ce l'ho alla 30ch, ma alla 5ch! Davanti al mio viso contrariato (sto già pensando ad un'altra farmacia, ma è troppo lontana), lei aggiunge: Guardi, le do due confezioni da 5ch e le prende insieme; 5 + 5 fa 10, non è certo 30, ma ci si avvicina! L'ho guardata allibito e alzo gli occhi e vedo la pubblicità di Boiron che dice: Rivolgetevi al vostro medico e farmacista ... andiamo bene!'. Auguro a tutti voi e all'Omeopatia un 2011 con meno ignoranza!!!".


COMMENTO DEL DR. ROBERTO GAVA:
Questo fatto mi offre l'opportunità di rispondere alle molte domande che molte persone, ma anche i miei pazienti, spesso mi rivolgono su questo argomento.

Il succo del discorso è
Un rimedio omeopatico è identificato da un nome (in genere in latino) seguito da un numero e da una sigla: il numero precisa quante volte è stata praticata la diluizione e la dinamizzazione secondo il metodo enunciato dalla sigla.
Un vero rimedio omeopatico, allora, per essere tale deve avere una denominazione identificabile da tre caratteristiche:
1) nome in latino (per tradizione e usato universalmente in tutto il mondo),
2)  numero (che identifica il grado di diluizione e di dinamizzazione del rimedio),
3) sigla (che identifica il metodo con cui è stato preparato il rimedio).

Vediamo ora Come si prepara un rimedio omeopatico secondo il metodo centesimale hahnemanniano (ch)
È molto semplice. Bisogna prendere una sostanza qualsiasi (eventualmente pre-trattata per renderla idrosolubile) e diluirla in una soluzione idroalcolica (acqua e alcool) secondo la proporzione dell'1%: cioè una parte di sostanza attiva e 99 parti di acqua e alcool. Ad ogni diluizione, la soluzione viene sbattuta vigorosamente 10-20 volte (queste 'sbattute' sono chiamate succussioni: più numerose sono le succussioni, più elevata è la forza energetica del medicamento). Con questa prima dinamizzazione si ottiene la 1ch (per dinamizzazione si intende il processo di diluizione e quello di succussione insieme).
Si prende poi una parte di questa soluzione, la si mescola con altre 99 parti di acqua e alcool, la si agita nuovamente molte volte e si ottiene la seconda dinamizzazione centesimale (2ch).
Si procede di questo passo fino alla 200ch, alla 1.000ch o alla 10.000ch (a seconda della 'buona volontà' della Ditta produttrice). Il limite massimo è in genere la 10.000ch (XMch).
La sigla usata in questo tipo di dinamizzazioni (ch) significa per l'appunto: preparazione Centesimale Hahnemanniana.

Conclusione
Per capire il significato di queste preparazioni, possiamo dire che la dinamizzazione 5ch, ad esempio, corrisponde ad una diluizione 10 alla -10 del prodotto iniziale e ciò significa che contiene 0,000.000.000.1 parti della quantità iniziale.
La 30ch, invece, è estremamente più diluita e corrisponde ad una diluizione 10 alla -60 del prodotto iniziale e ciò significa che contiene una frazione della quantità iniziale che è difficile non solo da pensare ma anche da scrivere perché equivale ad uno zero seguito da 59 zeri dopo la virgola e poi da un 1.
Per completare ora il racconto iniziale, se noi prendiamo 2 tubetti omeopatici alla 5ch avremo una potenza costituita da 0,000.000.000.1 + 0,000.000.000.1 = 0,000.000.000.2, ma questo numero non ha nulla a che vedere con il 30ch che è una soluzione con 60 cifre dopo la virgola!!
Pertanto, la farmacista di prima sarà stata milanese, solerte, molto informata, attiva e magari anche carina, … ma ha dimostrata una profonda ignoranza delle diluizioni omeopatiche.


Dr. Roberto Gava


PS: Tutte le informazioni sui rimedi omeopatici sono state chiaramente spiegate in un mio libro caratterizzato da 450 domande sull'Omeopatia:
- Gava R. Approccio Metodologico all'Omeopatia
Inviterei tutti a leggerlo, specie chi si vuole curarsi con questa meravigliosa Medicina. Il libro è ricchissimo di insegnamenti e di "trucchi del mestiere" …



Hai un account google? clicca su:




Prodotto Consigliato
Approccio Metodologico all'Omeopatia  Roberto Gava   Salus Infirmorum

Approccio Metodologico all'Omeopatia

Un Farmacologo risponde a 400 domande sull’Omeopatia spiegando come quando e perché rivolgersi a questa tecnica terapeutica

Roberto Gava

Prima di esprimere un giudizio sull'Omeopatia,prima di decidere di intraprendere questa terapia,prima di dire che l'Omeopatia non cura,prima di porre domande a persone che potrebbero non saper rispondere,prima di dire che si sa già tutto dell'Omeopatia,prima di credere di saper impostare il miglior trattamento… Continua »
Pagine: 304, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Salus Infirmorum
11,90 € 14,00 € (-15%)
 




Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x x  | Votazioni (1)

Articoli di Roberto Gava

Allarme inquinamento. Che futuro avranno i nostri figli? 12 GEN 2017 DENUNCIA SANITARIA
3 consigli per prevenire le malattie invernali dei bambini 7 DIC 2016 INFANZIA
Alcune cose che forse non sapevi sulle allergie 14 OTT 2016 INFANZIA
Quanto è importante il sonno per la salute di tuo figlio? 10 OTT 2016 SALUTE
Acido folico: la vitamina che devi assumere in gravidanza 4 OTT 2016 INFANZIA
Vaccini pediatrici: la Federazione Nazionale dei Medici dimentica i bambini danneggiati 30 LUG 2016 VACCINAZIONI
Raccomandazioni per migliorare le vaccinazioni pediatriche. La storia di Manuel 26 LUG 2016 VACCINAZIONI
Ipertensione arteriosa: come prevenirla e affrontarla? 17 GIU 2016 SALUTE
Come sospettare e correggere una debolezza immunitaria dei nostri figli 24 MAG 2016 INFANZIA
Obesità e cancro: le conseguenze della cattiva alimentazione 16 FEB 2016 ALIMENTAZIONE
Mangiare la carne fa bene o male alla salute? 12 FEB 2016 ALIMENTAZIONE
Educazione alimentare per una corretta Igiene di Vita 8 FEB 2016 ALIMENTAZIONE
SOS Alimentazione Pediatrica: dobbiamo cambiare l’alimentazione dei nostri bambini 11 DIC 2015 ALIMENTAZIONE
La verità sugli studi sul vaccino antinfluenzale 26 NOV 2015 VACCINAZIONI
Le falsità sull'AIDS: un altro inganno della nostra "Scienza Moderna"? 4 NOV 2015 DENUNCIA SANITARIA
Vaccinazioni Pediatriche: Lettera aperta al Presidente dell'Istituto Superiore di Sanità 20 OTT 2015 VACCINAZIONI
Raccomandazioni per la Somministrazione di Diete Vegetali e Integrali nella Ristorazione Scolastica e Ospedaliera 17 OTT 2015 ALIMENTAZIONE
Perché voglio ammalarmi? 2 OTT 2015 MEDICINA PREVENTIVA
Importante riconoscimento alla Dr.ssa Patrizia Gentilini, oncologa e studiosa dei danni dell’inquinamento ambientale 30 SET 2015 SALUTE
Il vaccino Morbillo Parotite Rosolia in una ragazza di 30 anni 16 SET 2015 VACCINAZIONI
Solo la prevenzione può aiutarci contro le malattie cardiache e il cancro 11 SET 2015 SALUTE
Conoscere e prevenire le patologie cardiovascolari e il cancro: una proposta di cammino insieme 29 LUG 2015 SALUTE
Vaccini, non c'è una verità 10 LUG 2015 VACCINAZIONI
Vaccino anti-papillomavirus: lanciato un appello per la sospensione 8 GIU 2015 VACCINAZIONI
Il vaccino contro il morbillo: ecco in cosa dissento dal Prof. Garattini 3 GIU 2015 VACCINAZIONI
Ecco come la malattia ci insegna a vincere lo stress che l’aveva causata 30 MAR 2015 SALUTE
Prevenzione e terapia dello stress 25 MAR 2015 SALUTE
Prevenzione delle patologie pediatriche (parte seconda): importanza dell'ambiente per la maturazione del sistema immunitario infantile 18 FEB 2015 INFANZIA
Prevenzione delle patologie pediatriche (parte prima): permettiamo al sistema immunitario del neonato di maturare 16 FEB 2015 INFANZIA
Un augurio per l'anno nuovo: ridurre gli psicofarmaci pediatrici 1 GEN 2015 DENUNCIA SANITARIA

Tutti gli articoli di Roberto Gava







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione