Omeopatia

Cos'è Ignatia Amara?


CATEGORIE: Omeopatia

ignatia amara
L'Ignatia amara originaria delle Filippine, cresce nel Sud-Est dell’Asia, in India e nei climi tropicali

DENOMINAZIONE E APPARTENENZA
- Nome Latino: Faba Sancti Ignatii
- Ordine Naturale di appartenenza: Famiglia loganiacee

DESCRIZIONE: l’albero presenta foglie ovali; i fiori sono bianchi a grappoli e si dipartono dalle cime ascellari; il frutto è una bacca globosa, liscia e verdastra; il mesocarpo è uniloculare e contiene 10-12 semi di colore grigio bluastro; i semi hanno la grandezza di una nocciola, emanano un odore piuttosto sgradevole, soprattutto con il calore e hanno un sapore amaro.

DISTRIBUZIONE: è originaria delle Filippine, cresce nel Sud-Est dell’Asia, in India e nei climi tropicali.

CENNI STORICI: il seme della pianta fu introdotto in Europa dal gesuita Camelli, che diede il suo nome alle camelie e il nome di Ignatia a questa pianta, in ricordo di Ignazio di Loyola fondatore del suo ordine; in passato fu utilizzato nelle febbri intermittenti, nelle nevralgie, nell’epilessia e, sotto forma di gocce amare di Baumè in caso di gastralgie.

PRINCIPI ATTIVI: stricnina, brucina e alcaloidi minori (pseudo-stricnina, 4 idrossi-stricnina, alfa- e beta-colubrina, iacina, vomicina); polisaccaridi, acido oleico e linoleico. La stricnina rappresenta il 60% degli alcaloidi totali contenuti nella Strychnos Ignatia e il 45-55% nella Strychnos Nux vomica. Le differenti patogenesi dei due rimedi sono dovute essenzialmente ai componenti non alcaloidi e minerali in essi contenuti. Si è visto che la Tintura Madre di Nux. vomica contiene da 20 a 40 mg/lt di litio, mentre la Tintura Madre di Ignatia ne contiene solo 1,5-2 mg/lt.

PREPARAZIONE: La preparazione omeopatica di Ignatia utilizza la Tintura Madre, ottenuta facendo macerare in alcool i semi precedentemente frantumati; per le prime tre dinamizzazioni si può procedere per triturazione.

AZIONE GENERALE SPERIMENTALE E TERAPEUTICA
- Psiche: umore mutevole caratterizzato da fasi alterne di eccitamento e depressione; emotività, impressionabilità, scarsa tolleranza alle frustrazioni e incapacità di verbalizzare le proprie problematiche e sensazioni di disagio.
- Sistema nervoso: iperestesia, spasmi muscolari e squilibri neurovegetativi.

INDICAZIONI GENERALI
E’ indicato: nei casi acuti e cronici; nelle donne; nei bambini; nel periodo puberale; nei soggetti ipersensibili, impressionabili, instabili, paradossali e contraddittori nelle caratteristiche psicologiche, comportamentali e sintomatiche, con bassa tolleranza alle frustrazioni, tendenza a utilizzare prevalentemente metodi di comunicazione non verbale e manifestazioni di tipo isterico derivanti da situazioni di conflitto non risolto.

QUADRO CLINICO
• Bambino
Intellettivamente è brillante e precoce, ma emotivamente molto labile e incapace di tollerare gli stress, i rimproveri, le mortificazioni, le punizioni e i fallimenti. Le sollecitazioni emotive si ripercuotono anche sul rendimento scolastico e possono provocare disturbi mutevoli e paradossali.
• Adulto
Le sperimentazioni hanno evidenziato una particolare sensibilità alla sostanza da parte di soggetti longilinei, di temperamento ipertiroideo e di sesso femminile. Le caratteristiche comuni e prevalenti sono: l’iperestesia sensoriale, la sensibilità emotiva, la labilità del tono dell’umore e il carattere variabile, contraddittorio e paradossale dei sintomi. Il mal di gola si aggrava deglutendo a vuoto o dei liquidi e migliora deglutendo i solidi; i brividi migliorano scoprendosi; il viso diventa rosso quando il p. rabbrividisce; gli acufeni migliorano con la musica; la sensazione di vuoto allo stomaco non migliora mangiando, mentre la nausea migliora mangiando; i dolori emorroidali migliorano con il movimento; il sonno è più profondo negli ambienti rumorosi.
Non è in grado di fronteggiare situazioni che richiedano decisioni o scelte definite ed è particolarmente vulnerabile di fronte a stress emotivi, come dispiaceri, delusioni, mortificazioni, arrabbiature, fallimenti, amori infelici, perdite di persone care o rovesci finanziari.
L’incapacità di adattarsi all’ambiente, di sostenere le tensioni psicologiche o di accettarle, spesso lo induce a soffrire in silenzio, senza riuscire a verbalizzare il proprio dolore e comporta uno scarico delle sue problematiche sul soma, con conseguente insorgenza di disturbi organici che occupano tutto il suo interesse.

CARATTERISTICHE CLINICHE ESSENZIALI
- Iperalgesia e iperestesia sensoriale (uditiva, visiva, olfattiva, gustativa, tattile).
- Ipersensibilità di fronte a stress emotivi e situazioni frustranti.
- Instabilità emotiva.
- Carattere variabile, paradossale e contraddittorio dei sintomi.

PRINCIPALI INDICAZIONI CLINICHE
1 - Donne nervose, isteriche, brune e di carnagione scura, con aspetto pallido, esangue, tirato; carattere mite ma facilmente eccitabile; veloci nel percepire le cose e pronte nelle loro reazioni (l’opposto di Puls.).
2 - La paziente è ciclotimica (Croc., Puls.) e con un fondo di malinconia; è lunatica, colma di tristezza silenziosa inespressa; sta a sedere e sospira; il suo mondo interiore è estremamente fragile e a volte è arrabbiata, ma non è mai di carattere bisbetico (v. Cham., Nux-v.); migliora da sola, ma non le dà fastidio essere consolata.
3 - Esaurimento psicofisico: dopo un dispiacere sul quale rimugina da molto tempo, dopo preoccupazioni o tensione nervosa eccessiva, dopo amore non ricambiato, ecc.
4 - Ipersensibilità mentale e fisica: si offende facilmente, non tollera il dolore, ecc.
5 - Patologie spasmodiche derivanti da cause psichiche peggiorano dal contatto fisico: corea, convulsioni, ecc. nei bambini; spavento, punizioni o parassiti intestinali; bolo isterico.
6 - Dolori penetranti in piccole zone circoscritte, p. e., cefalea come se un chiodo fosse piantato in testa:
a) migliora da una forte pressione, da un’abbondante minzione;
b) peggiora dal movimento.
7 - Disturbi gastro-intestinali: appetito capriccioso, senso di debolezza e di vuoto allo stomaco, avversione alle sostanze eccitanti, desidera ardentemente cibi aspri, preferisce cibi freddi.
8 - Stitichezza con stimolo imperioso ma inefficace avvertito nella parte superiore dell’addome; tendenza alle emorroidi e al prolasso rettale; fitte acute che si irradiano su per il retto.
9 - Sintomi estremamente contraddittori; p. e.:
a) il dispiacere fa venir da ridere;
b) il mal di gola migliora deglutendo, specialmente alimenti solidi;
c) il senso di vuoto allo stomaco non migliora mangiando;
d) le emorroidi migliorano camminando;
e) la febbre è accompagnata da sete solo durante la fase di brivido;
g) la cefalea migliora stando coricato sulla zona dolente.
10 - Paziente freddoloso:
a) peggiora all’aria aperta; dalle emozioni, dall’eccitazione; dalle sostanze eccitanti, specialmente caffè e tabacco; da qualsiasi forte stimolo sensoriale;
b) migliora dal calore (tranne i sintomi gastrici);
c) i dolori gen. migliorano col movimento.
Nota: Nat-m. o Zinc. sono i cronici di Ign.
Note dominanti: Contraddizioni. Il caffè e il tabacco contrastano la sua azione.

TESSUTI PIU' COMUNI
- Tessuti e/o le regioni del corpo verso cui il rimedio in questione ha una particolare affinità:
 MENTE. SISTEMA NERVOSO. Asse cerebrospinale.
Sensorio.
- Lateralità del rimedio: Lato destro. Lato sinistro.

EZIOLOGIA
Dispiaceri; delusioni affettive e sentimentali; soprusi; mortificazioni; frustrazioni; fallimenti; conflitti; spaventi; sovraffaticamento intellettivo senza esercizio fisico compensatorio; abuso di caffè e tè; masturbazione; eccessi sessuali; esposizione al sole; soppressione della galattopoiesi o del flusso emorroidario.

SINTOMI MENTALI PIU' COMUNI
Gli aspetti più caratteristici della sua personalità sono: l’indecisione, la meticolosità e l’incostanza, l’intensa carica affettiva passionale e sentimentale, l’emotività, l’eccitabilità, l’instabilità del tono dell’umore, la bassa tolleranza alle frustrazioni e l’incapacità di verbalizzare le proprie problematiche o sensazioni di disagio.
La scarsa fiducia in se stesso, l’indecisione, la meticolosità, la tendenza all’introspezione critica, agli scrupoli, ai dubbi e alle crisi morali rappresentano dei tratti premorbosi di tipo ossessivo.
L’emotività lo rende ipersensibile ed estremamente reattivo nei confronti di qualsiasi stimolo e condiziona uno stato di allarme permanente e di inquietudine.
La prevalenza dei sentimenti sulla ragione e l’incapacità di operare un’integrazione cognitiva si ripercuotono sull’affettività che appare immatura, a volte esplosiva e labile, a volte indifferenziata, grossolana e priva di sfumature.
Ciò lo rende vulnerabile, in quanto lo porta a drammatizzare le situazioni, a coinvolgersi e a concedersi totalmente senza riuscire a mantenere
un’acutezza oggettiva rispetto alle situazioni.
La scarsa capacità di adattarsi all’ambiente e di sostenere le tensioni psicologiche comporta una bassa tolleranza alle frustrazioni e la facile insorgenza di situazioni conflittuali.
L’incapacità di verbalizzare le proprie problematiche, il proprio disagio e le sue sofferenze spesso lo porta a reprimerle e a scaricarle sul soma, con conseguenti disturbi ipocondriaci e manifestazioni tipiche di un quadro isterico. Quando non riesce ad attivare o a mantenere una difesa narcisistica, ossia a sostenere sicoticamente la sua personalità, diventa vittima dell’emotività. Cade in depressione, si sente apatico, non riesce a piangere, non ha voglia di parlare e rifiuta ogni tentativo di consolazione.

MODALITA'
• Peggioramento: EMOZIONI. AFFLIZIONE. Umiliazioni. PREOCCUPAZIONI. Spavento; shock, dopo la perdita di persone od oggetti che erano molto cari. Aria: aperta, fredda. Odori. Contatto. Caffè. Tabacco. Sbadigli. Curvandosi, camminando; rimanendo fermo. Alla stessa ora del giorno.
• Miglioramento : Cambiando posizione. Disteso sulla parte affetta. Minzione. Da solo. Pressione. Respirando profondamente. Deglutendo. Mangiando. Vicino ad una stufa calda. Alimenti acidi.


BIBLIOGRAFIA:
- "Studio di Materia Medica Omeopatica" di Lucia Gasparini
- "Decacordi e Pentacordi" di Gladstone Clarke
- "Materia Medica e Repertorio essenziale dei medicamenti omeopatici" di Shankar Phatak
- "Materia Medica Omeopatica Sinottica - 1° vol." di Frans Vermeulen



Hai un account google? clicca su:





Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x x  | Votazioni (2)

Articoli di L'Omeopata di Informasalus.it

Cos'è Antimonium Crudum? 11 APR 2014 OMEOPATIA
Cos'è Graphites? 24 FEB 2014 OMEOPATIA
Cos'è Digitalis Purpurea? 18 FEB 2014 OMEOPATIA
Cos'è Nux Moschata? 14 FEB 2014 OMEOPATIA
Cos'è Causticum? 12 FEB 2014 OMEOPATIA
Cos'è Cicuta virosa? 2 DIC 2013 OMEOPATIA
Cos'è Medorrhinum? 8 MAR 2013 OMEOPATIA
Cos'è Chamomilla Matricaria? 22 FEB 2013 OMEOPATIA
Cos'è Calendula Officinalis? 11 FEB 2013 OMEOPATIA
Cos'è Staphysagria? 14 DIC 2012 OMEOPATIA
Cos'è Calcarea Phosphorica? 7 DIC 2012 OMEOPATIA
Cos'è Sepia Officinalis? 26 NOV 2012 OMEOPATIA
Cos'è Tuberculinum? 12 OTT 2012 OMEOPATIA
Cos'è Magnesia Phosphorica? 8 GIU 2012 OMEOPATIA
Cos'è Iodum? 2 GIU 2012 OMEOPATIA
Cos'è Stramonium? 27 APR 2012 OMEOPATIA
Cos'è Alumina? 10 APR 2012 OMEOPATIA
Cos'è Aurum Metallicum? 21 MAR 2012 OMEOPATIA
Cos'è Carbo Vegetabilis? 8 MAR 2012 OMEOPATIA
Cos'è Psorinum? 20 FEB 2012 OMEOPATIA
Cos'è Silicea? 11 FEB 2012 OMEOPATIA
Cos'è Kali Carbonicum? 21 GEN 2012 OMEOPATIA
Cos'è Cuprum Metallicum? 15 GEN 2012 OMEOPATIA
Cos'è Apis Mellifica? 30 DIC 2011 OMEOPATIA
Cos'è Baryta Carbonica? 26 DIC 2011 OMEOPATIA
Cos'è Natrum Carbonicum? 21 DIC 2011 OMEOPATIA
Cos'è Dulcamara? 15 DIC 2011 OMEOPATIA
Cos'è Zincum Metallicum? 9 DIC 2011 OMEOPATIA
Cos'è Phosphoricum Acidum? 27 NOV 2011 OMEOPATIA
Cos'è Veratrum Album? 22 NOV 2011 OMEOPATIA

Tutti gli articoli di L'Omeopata di Informasalus.it







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione