Salute

Idroterapia, un'antica arte di bellezza

Fonte: terranauta.it



acqua
Le proprietà benefiche e curative dell’acqua sono note da tempi antichissimi, ma è solo in età moderna che sono state riscoperte e affinate

Se ci voltiamo a guardare con attenzione le civiltà e i grandi nomi della storia, ci accorgiamo subito che la vita, fin dall’inizio, è indissolubilmente intrecciata con questo elemento primordiale: l’acqua. Ippocrate, “il dottore dell’acqua”, consigliava trattamenti idroterapici; gli Egizi utilizzavano l’acqua per purificare lo spirito; i Greci costruivano templi in prossimità di sorgenti; ma è soprattutto grazie ai Romani, con i loro bagni e con le loro terme, che l’acqua trionfò dal punto di vista sia terapeutico che sociale. Dopo un periodo buio, il Medioevo, in cui i bagni di acqua, termale e non, venivano messi al bando perché visti come veicolo di eccitazione dei sensi e quindi considerati peccaminosi, nel diciottesimo secolo ci fu una riscoperta di questo elemento che e’ sinonimo di vita. Oggi assistiamo al suo trionfo e al riconoscimento delle sue potenti capacità curative.

La moderna idroterapia, ormai praticata da molti, utilizza l’acqua calda e fredda per uso esterno come metodo di cura e di benessere psicofisico generale. L’effetto combinato dell’acqua con la minore forza di gravita’ e con il massaggio, stimola alcuni punti del nostro corpo, attivando i processi in grado di rinvigorire il fisico, ridurre i dolori, riattivare la circolazione, rilassare e stendere i muscoli.

Le tecniche per curarsi e rigenerarsi grazie all’utilizzo dell’acqua sono state migliorate e affinate nel tempo con l’introduzione di nuovi trattamenti: bagni in acqua calda o fredda, bagni di fango, bagni di vapore, sauna, docce filiformi, strofinamenti con il sale, frizioni e impacchi caldi o freddi. In alcuni centri specializzati, i trattamenti idroterapici vengono effettuati in camere oscurate o con luce soffusa in modo tale che il paziente si possa rilassare ulteriormente.

Ma cosa cura? In ospedale e nei centri di riabilitazione viene utilizzata come terapia del dolore, per alleviare l’ansia e lo stress, per facilitare la mobilita’, per far diminuire i disturbi derivati dalla cattiva circolazione. A casa e’ ottima per rilassarsi dopo una giornata faticosa ed e’ consigliata a chi soffre di insonnia… gli esperti statunitensi assicurano un sonno da ghiri!

L’idroterapia, spesso, viene consigliata anche nell’ambito di cure estetiche. La stimolazione della circolazione combatte, infatti, la cellulite, spesso cavallo di battaglia anche di ragazze giovani. L’effetto rilassante, inoltre, permette ai tessuti del viso e del corpo di stendersi e rigenerarsi.

E’ sempre piu’ diffusa, inoltre, nelle cliniche della salute, nei centri termali, nelle palestre e nelle piscine di quartiere una particolare forma di idroterapia: l’acquagym, la ginnastica che viene praticata in piscina con acqua bassa e che offre tutti i vantaggi degli esercizi aerobici senza sforzare in modo eccessivo le articolazioni. E’ molto consigliata a persone anziane, a donne in gravidanza e a donne, uomini, ragazze, ragazzi, che vogliono rimanere in forma.

L’idroterapia e’ un vero toccasana e tutti coloro che ne fanno uso possono trarre molti benefici, solo le donne in gravidanza, i diabetici e gli ipertesi, devono evitare bagni troppo caldi, bagni di vapore e di sauna. Inoltre per l’impacco freddo fai da te, non si deve mai applicare il ghiaccio direttamente sulla pelle, ma avvolgerlo in un asciugamano o in un pezzo di stoffa.








Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x x  | Votazioni (1)

Articoli di Claudia Manari

Finocchio: la verdura da portare a tavola in tutte le stagioni 25 MAR 2011 ALIMENTAZIONE






Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione