Omeopatia

Herpes labiale: i concetti chiave dei rimedi più indicati

Fonte: Hpathy


CATEGORIE: Omeopatia

herpes labiale

Una paziente ha chiamato e ha riferito di avere un'herpes labiale. Ha detto di sentirsi molto stressata al lavoro, si sente imbarazzata per le vesciche, vuole nascondersi e non andare al lavoro.

 

L'herpes labiale proviene dal virus dell'herpes che include la varicella. Spesso può rimanere dormiente nel corpo, lo stress e la mancanza di sonno possono svegliarlo. A volte anche alcuni alimenti possono avere un ruolo nel risvegliare il virus. I cibi da evitare sono: sale, noci, semi, cereali, spezie, latte e cioccolato.

 

Ecco alcuni suggerimenti di rimedi omeopatici che possono aiutare.

 

Il Natrum muriaticum è un meraviglioso rimedio per l'herpes labiale. L'herpes labiale meglio trattato con Natrum muriaticum spesso ha origine dallo stress, da un'esposizione prolungata al sole o dal consumo di troppo sale. Generalmente si manifesta sulle labbra o intorno alla bocca, in persone che spesso tengono dentro le cose, come i loro sentimenti, la rabbia e persino le lacrime. Sono persone riservate. In genere hanno molta sete.

 

Mercurius solubilis: eruzioni che bruciano principalmente sulle labbra e sull'addome, tende a manifestarsi sul lato destro. Le eruzioni peggiorano e bruciano quando si toccano. La pelle può essere erosa, molto pruriginosa e sensibile agli sbalzi di temperatura. La loro personalità è molto “mercuriale”, cambiano spesso idea e stato d'animo, e anche la loro condizione fisica è mutevole,  avvertono irrequietezza e necessità di muoversi spesso.

 

Rhus toxicodendron: herpes labiale attorno alla bocca, agli angoli delle labbra e sul collo. Le eruzioni sono molto dolorose, con dolori brucianti e nevralgici. Le eruzioni sono pruriginose, migliorano applicando un impacco caldo. L'eruzione trasuda spesso un liquido chiaro e poi si forma la crosta. Vi è una generale agitazione dolorosa e costante bisogno di movimento fisico. Mentalmente hanno il cervello offuscato e sono molto smemorati. Possono essere ansiosi, in particolare la sera, e si soffermano sul passato.

 

Sepia: l'origine può essere associata al ciclo mestruale e/o circostanze periodiche. La situazione peggiora in inverno e con il freddo. Questo rimedio risulta migliore con infezioni alle estremità inferiori. Le manifestazioni spesso accadono quando ci si sente logorati o sopraffatti.

 

Apis mellifica: arrossamento e gonfiore della zona, con sensazione di bruciore e dolori pungenti. Migliora con un'applicazione a freddo direttamente sulla zona interessata. Le manifestazioni sono spesso sul viso e principalmente sul lato sinistro.

 

Arsenicum album: la lesione prude, brucia ed è gonfia. È un ottimo rimedio quando si è già provato un farmaco di prescrizione e dopo aver soppresso l'eruzione questa ricompare nello stesso punto. L'eruzione riguarda il lato destro con dolori brucianti che migliorano con un'applicazione calda. Le manifestazioni possono spesso essere sul collo o sul busto. L'infezione può provocare molta ansia, ci si preoccupa di questa e di altri problemi di salute.

 

Ranunculus bulbosus: troppi stimolanti come alcol, caffè, cioccolato e cibi ricchi o piccanti possono causare le eruzioni erpetiche, che si trovano sul petto e sui lati del busto, principalmente sul lato sinistro. I dolori pungono e provocano un intenso prurito, aggravato dal tempo umido e dal movimento. Le eruzioni appaiono viola o di colore blu scuro piene di liquido e guarendo appaiono dure e croccanti. Questo rimedio è anche adatto per l'herpes zoster. Le eruzioni erpetiche li rendono molto lunatici, litigiosi e arrabbiati.

 

Mezereum: dolori nevralgici molto dolorosi che vanno e vengono, poi passano lasciando una sensazione di paralisi e prurito. Peggio ancora con il calore, come il calore del letto. Le eruzioni sono sul viso, sulle labbra e sulle gengive. Dopo il prurito trasudano un liquido denso e in seguito si forma la crosta. Questo è anche un ottimo rimedio per l'herpes zoster. Si sentono apatici e diventano smemorati, avvertono anche un disagio nella bocca dello stomaco.

 

Dosaggio: nel caso di dolori più forti, si può iniziare con una dose di 200C e assumere una dose suddivisa di PM, AM, PM, quindi passare a un 12c al giorno. Oppure si può iniziare con un 30c 2-3 volte al giorno per 3 giorni. Il più delle volte ciò allieva l'eruzione ed il dolore. E' bene comunque ricordare che è consigliabile contattare il proprio Medico Omeopata.








Commenta l'articolo Commenta l'articolo Commenti (0)  |  Condividi su Twitter Condividi su Facebook Stampa  Vota l'articolo
  x x x x x  | Votazioni (0)







Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione